SRL Unipersonale: cos’è, come funziona, costi, vantaggi e svantaggi

La SRL Unipersonale è tra le forme societarie più diffuse oggi in Italia, anche perché garantisce un sistema utile per proteggere il proprio patrimonio e gestire da soli una società. Scopri tutto quello che c'è da sapere sulle sue caratteristiche e sull'apertura.

revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.
SRL Unipersonale
  • Una SRL Unipersonale è una forma di società a responsabilità limitata che prevede un solo socio che detiene tutte le quote dell’impresa.
  • La costituzione ha costi ridotti e deve avvenire con atto pubblico innanzi al notaio, con apertura di Partita IVA e iscrizione presso il Registro delle Imprese.
  • La tassazione viene calcolata sulla base imponibile, ed è previsto il versamento delle aliquote IRES, IRAP, e in caso di suddivisione degli utili anche IRPEF.

Oggi in Italia sono presenti 1.744.187 Srl, di cui più del 30% sono SRL Unipersonali. Si tratta di una tipologia di società di capitali che è composta da un socio unico e che viene considerata dagli imprenditori come una forma di impresa molto valida per gestire al meglio la propria attività e avere una salvaguardai del patrimonio personale.

Infatti, come per le SRL ordinarie, la responsabilità per le obbligazioni sottoscritte sarà solo relativa ai beni della società. Creare una Srl Unipersonale presenta una procedura semplificata, ma con precisi obblighi necessari a disporre del vantaggio della responsabilità limitata.

Inoltre, sono previsti anche dei costi leggermente superiori rispetto ad altre forme di società come la ditta individuale o una Srls. In questa guida avrai accesso a tutto ciò che è necessario per valutare i pro e i contro della SRL Unipersonale.

SRL Unipersonale: definizione e caratteristiche

Il termine SRL Unipersonale definisce una tipologia di SRL che può essere costituita da un unico socio con un atto unilaterale. Dal 2013 sono state introdotte diverse norme che hanno reso ancora più semplice la costituzione di questa forma societaria, riducendo i costi di investimento inziale.

Questa è una tipologia di impresa che oggi è tra le più utilizzate dagli imprenditori grazie alle sue caratteristiche:

  • unipersonalità;
  • responsabilità limitata con tutela del patrimonio;
  • possibilità di nominare un amministratore.
Caratteristiche società SRL unipersonaleDescrizione
TipologiaSocietà a responsabilità limitata
Numero di sociPresenza di un unico socio
Patrimonio di baseDa 1€ a 9.999€ per le Srls, da 1€ in su, senza limiti, per le ordinarie
ConferimentoIntero capitale versato
Atto di costituzioneUnilaterale innanzi al notaio

La SRL Unipersonale si caratterizza per la possibilità di crearla senza la necessità di trovare uno o più soggetti e condividere con loro eventuali decisioni aziendali e gli utili.

Inoltre, in quanto società  a responsabilità limitata, prevede la tutela del patrimonio personale, che sarà distinto da quello dell’azienda: un creditore potrà valersi solo sui beni della società e sul capitale sociale versato. Infine, hai la possibilità di gestire l’impresa in prima persona diventando socio amministratore, oppure affidare questo ruolo a un soggetto terzo.

Tipologia di società

Tipologie di SRL Unipersonale

Oggi sono presenti due diverse tipologie di società a responsabilità limitata unipersonale:

  1. ordinaria;
  2. semplificata.

Sia la formula della Srl ordinaria, che la formula della Srl semplificata prevede il versamento del capitale sociale per intero che deve essere pari a un minimo di 1€. La  SRL Unipersonale semplificata, o anche conosciuta some Srls, ti permette di utilizzare un capitale ridotto, che comunque dovrai versare, con un valore che va da 1€ a 9.999€.

In questo caso la somma dei 10.000€ non deve essere superata, altrimenti sarà necessario realizzare la forma ordinaria. Devi distinguere anche tra SRL Unipersonali iniziali e sopravvenute. La differenza è strettamente connessa al momento in cui hai costituito la forma unipersonale.

Infatti, se la società nasce come SRL Unipersonale, allora verrà definita iniziale. Viceversa, se trasformi una Srl con più soci, con una cessione a un unico soggetto delle quote, si parlerà di SRL Unipersonale sopravvenuta.

Come aprire un SRL Unipersonale

In base all’art 2463 del Codice civile, la creazione di un SRL Unipersonale deve avvenire con atto pubblico unilaterale alla presenza di un notaio. Ecco quali sono gli step che dovrai seguire:

  1. creazione dell’atto costitutivo e costituzione;
  2. versamento del capitale sociale;
  3. apertura Partita IVA e iscrizione al Registro delle Imprese

1. Creazione dell’atto costitutivo e costituzione

Viene richiesta la creazione di un atto costitutivo e di uno statuto sociale. In particolare, quest’ultimo deve prevedere tutte le regole che andranno a determinare la gestione della società.

Inoltre, è necessario specificare  la tipologia di impresa, indicando che sarà composta da un socio unico. L’atto deve essere redatto in presenza di un notaio, il quale andrà a certificare anche l’avvenuto conferimento delle quote sociali.

2. Conferimenti

Il conferimento è un termine che identifica il versamento da parte dei soci del capitale sociale. Rispetto alla SRL base , in cui è possibile conferire solo il 25% del capitale, l’art 2464 Codice civile stabilisce che per la SRL Unipersonale sei obbligato a versare l’intero importo previsto al momento della costituzione, oppure nel caso di un aumento di capitale.

Inoltre, se si è eseguita una trasformazione da SRL con più soci a SRL Unipersonale, e non è presente l’intero capitale, avrai 90 giorni di tempo per adempiere al versamento. Questa condizione è obbligatoria previa la decadenza della responsabilità limitata del socio. Nella tabella seguente, uno schema esaustivo di come funziona il capitale sociale nei diversi casi.

SRL Unipersonale inizialeUnipersonalità successivaAumento di capitale
Il conferimento deve avvenire al momento della sottoscrizione dell’atto costitutivoSe non è stato versato il capitale sociale, sarà necessario effettuare questa operazione entro 90 giorni dalla trasformazione in SRL UnipersonaleÈ richiesto il versamento integrale del capitale all’atto della sottoscrizione

3. Apertura della partita IVA e Iscrizione al registro delle Imprese

Una volta sottoscritto l’atto innanzi al notaio puoi procedere con l’apertura della partita IVA, una procedura che oggi avviene in via telematica attraverso il sito dell’Agenzia delle Entrate. In questo contesto devi valutare il codice ATECO che andrà ad identificare la tipologia di attività che vuoi svolgere.

Ad esempio, se  hai creato un Srl Unipersonale per e-commerce, devi inserire il codice 47.91.10. Invece, se hai deciso di aprire un negozio di prodotti sfusi e alla spina, è necessario selezionare il codice 47.78.60.  Il passo successivo è quello di scegliere il regime fiscale, tra quello ordinario o semplificato. Infine, devi effettuare l’iscrizione al registro delle Imprese.

Le operazioni indicate possono essere svolte anche in autonomia. Tuttavia, per evitare eventuali errori nella compilazione dell’atto costitutivo o nella scelta del codice ATECO e del regime fiscale, ti suggeriamo di rivolgerti a un commercialista esperto.


Differenze tra SRL e SRL Unipersonale

La SRL Unipersonale e la SRL base hanno diversi elementi in comune. Tuttavia, sono presenti anche delle differenze sostanziali. Ad esempio, quella più evidente riguarda il numero di soci che vanno a comporre l’attività d’impresa.

Ambedue prevendono la loro costituzione con un atto pubblico innanzi al notaio, mentre se devi effettuare un cambiamento di quote, nella SRL Unipersonale è prevista la possibilità di eseguirlo con un atto telematico compiuto da un commercialista.

Invece, nella SRL base ogni modifica richiede la presenza del notaio. Nella tabella seguente, elenchiamo le principali differenze tra Srl e Srl Unipersonale.

DescrizioneSRLSRL Unipersonale
TipologiaSocietà a responsabilità limitataSocietà a responsabilità limitata
Numero di sociDa 2 in suPresenza di un unico socio
Patrimonio di baseDa 1€ in suDa 1€ in su
ConferimentoPari al 25% Intero capitale versato
CreazioneInnanzi al notaioInnanzi al notaio
Cessione di quoteCon atto notarile o atto davanti a un commercialista e registrazione digitaleCon atto notarile o atto davanti a un commercialista e registrazione digitale
CostiDai 1.500€ ai 3.000€Dai 400€ ai 2.500€
Adempimenti Iscrizione Registro delle impreseIscrizione Registro delle Imprese
TassazioneIRES, IRAP, IRPEFIRES, IRAP, IRPEF
AmministrazionePuò essere un socio o un soggetto terzoSocio unico amministratore o terzo
BilancioObbligatorio con assemblaObbligatorio con assemblea

Le differenze vi sono anche dal punto di vista del conferimento e degli adempimenti pubblicitari. Infatti, nel momento della creazione di una SRL Unipersonale, sarai obbligato a versare l’intera somma del capitale richiesto ai soci.

Lo stesso vale se effettui un aumento di capitale. Invece, nelle versioni SRL base è richiesto solo un importo pari al 25%. Infine, ambedue le tipologie di SRL prevedono l’obbligo di redigere il bilancio a fine anno con l’assemblea dei soci.

SRL Unipersonale pro e contro

SRL Unipersonali: vantaggi e svantaggi

Perché valutare di aprire una SRL Unipersonale? Per rispondere a questo quesito può essere utile prendere in esame  quelli sono i pro e i contro di questa tipologia di società. Iniziamo dai vantaggi:

  • responsabilità limitata: come forma di Srl per le obbligazioni sottoscritte, in caso di insolvenza, sarà utilizzato solo il patrimonio della società, mentre il tuo verrà salvaguardato;
  • numero di soci: potrai aprila da solo, senza necessità di condividere le decisioni e i guadagni con altri soggetti;
  • capitale sociale ridotto: hai la possibilità di investire un capitale sociale ridotto che va da 1€ ai 9.999€ per la srls, e oltre per la srl ordinaria;
  • costi più accessibili: le spese di costituzione e di registrazione sono più basse rispetto a quelle delle SRL ordinarie, così come i costi di mantenimento sono inferiori;
  • gestione semplificata: in quanto socio unico hai accesso a un sistema di gestione più semplice, con la possibilità di essere tu stesso l’amministratore o di nominare un soggetto terzo.

La società Unipersonale presenta dei rischi. Infatti, si farà riferimento alle stesse regole che sono previste dalla SRL base. Tuttavia, vi sono degli obblighi che dovrai adempiere, pena la perdita della responsabilità limitata:

  • è prevista un responsabilità per i conferimenti e gli adempimenti pubblicitari;
  • sono presenti tasse maggiori rispetto a una s.a.s. o a una ditta individuale;
  • sarà necessario precisare in tutti gli atti che la SRL è unipersonale.

Ciò significa che il socio unico sarà obbligato ad eseguire il conferimento del capitale, in base alla tipologia di SRL che andrà a costituire, pena la perdita della responsabilità illimitata. Lo stesso vale per gli adempimenti pubblicitari.

Questi ultimi saranno a carico dell’amministratore che dovrà effettuare l’iscrizione al Registro delle Imprese con apposita dichiarazione in base alla quale viene specificata l’unipersonalità della società. Infine, in tutte le attività di corrispondenza o quelle contrattuali è obbligatorio precisare che la società è una SRL Unipersonale.


Quali sono i costi di una SRL Unipersonale

La costituzione di una SRL Unipersonale prevede un investimento ridotto se confrontata con ad altre forme di società e con la versione SRL di base. Certo il conferimento è a carico di un unico socio, ma nella versione semplificata avrai la possibilità di valutare il capitale da versare che può essere anche pari a 1€. Ecco quali sono le spese che devi valutare:

  • costi di apertura della SRL;
  • costi di mantenimento.

Con la prima voce si identificano le spese necessarie per l’avviamento della società. Devi quindi considerare la sottoscrizione dell’atto davanti al notaio, l’apertura della partita IVA e l’iscrizione al Registro delle Imprese. Non sono previsti l’imposta di bollo e i diritti di segreteria.

In linea di massima oggi, per una società SRL Unipersonale semplificata è previsto un costo tra i 400€ e i 1.000€ a cui devi aggiungere l’importo del conferimento. Invece, se vuoi costituire la versione ordinaria, la somma è leggermente superiore aggirandosi tra i 1.500€ e i 2.500€.

Per ciò che riguarda i costi di mantenimento, vanno calcolati quelli necessari per svolgere l’attività, oltre al pagamento delle tasse. Nella tabella seguente abbiamo riassunto le principali spese.

Tipologia di spesa di mantenimentoSpecifica
AmministratoreÈ previsto un compenso a carattere onorario a cui devi aggiungere il versamento di contributi INPS
Socio AmministratoreDevi effettuare il versamento annuale alla Gestione Separata INPS
CommercialistaSarà necessario disporre di un consulente per la contabilità ordinaria e redigere il bilancio
Diritti CameraliOgni anno è richiesto il versamento dei diritti camerali

Qual è la tassazione in una SRL Unipersonale

La disciplina fiscale delle SRL Unipersonale è molto simile a quella delle SRL base. Dal punto di vista delle aliquote fiscali non potrai accedere ai regimi agevolati come il forfettario, ma rientrerai in quello ordinario o semplificato.

Ciò significa che la tassazione si applica sulla base imponibile che viene ottenuta sottraendo ai ricavi di ogni anno i costi deducibili. Leggi a questo proposito la nostra guida  su quali sono i costi che si possono scaricare.

Le tasse che devi considerare ogni anno sono le seguenti:

  • IRES: l’imposta sul reddito d’impresa pari al 24%;
  • IRAP: è l’imposta regionale sulle attività produttive il cui importo è variabile in base alla regione in cui ha sede la tua attività, con un’aliquota di base del 3,9% e un massimo di integrazione pari allo 0,92%;
  • IVA: è necessario effettuare la dichiarazione IVA e la sua liquidazione a scadenza mensile o trimestrale.

Nel caso in cui nell’assemblea annuale sia presente un utile e questo verrà distribuito al socio unico, si dovrà andare a considerare anche la relativa aliquota IRPEF, con una tassazione specifica.

SRL Unipersonale tassazione

Le responsabilità in una SRL Unipersonale

L’art 2462 del Codice civile stabilisce il principio di responsabilità limitata della SRL Unipersonale. Come nel caso delle SRL di base, per le obbligazioni sottoscritte dagli amministratori si andrà a considerare solo il patrimonio della società, senza andare a interessare quella del socio unico. Tuttavia, nella SRL Unipersonale ciò vale solo se sono presenti due condizioni:

  1. conferimento dell’intero capitale;
  2. attuazione degli adempimenti pubblicitari.

La responsabilità limitata della SRL Unipersonale ha natura sussidiaria. Ciò significa che nel caso in cui manchi uno dei due elementi previsti, il socio unico sarà responsabile illimitatamente degli impegni sottoscritti, solo dopo che il creditori abbiano agito sul patrimonio societario. Quindi in caso di insolvenza, verranno valutati i beni della società.

Chi può svolgere il ruolo di amministratore?

Al momento della costituzione di una SRL Unipersonale in quanto socio unico potrai valutare due opzioni:

  1. nominare uno o più amministratori esterni;
  2. diventare socio amministratore.

Nel primo caso, puoi scegliere una figura che svolga la funzione di amministratore e gestisca la tua attività. In quanto soggetto terzo, non sarà previsto uno stipendio, ma verrà redatto un contratto di amministrazione con un compenso che è a titolo onorario.

In questa condizione l’amministratore dovrà pagare i contributi IVS  previsti per la sua attività alla Gestione Separata INPS che saranno suddivisi in parte tra il professionista e la SRL.

L’altra opportunità è quella di svolgere tu stesso questa funzione. Quindi sarai socio amministratore. In questo caso si prevede una doppia iscrizione all’INPS in quanto socio lavoratore e in qualità di amministratore.

Nel primo caso verrà richiesto un versamento annuale obbligatorio di circa 4.000€, calcolato su un minimale che è fissato a 15.000€ di reddito societario. Nel caso in cui viene superata questa somma, sarà necessario effettuare la relativa integrazione. Invece, per ciò che riguarda i contributi come amministratore, dovranno essere versati alla Gestione Serpata INPS in proporzione al reddito generato.

Bilancio annuale e cessione di quote

Come per le SRL base, anche quelle Unipersonali prevedono l’obbligo dell’approvazione del bilancio ogni anno. È necessario convocare l’assemblea dei soci, ovviamente in questo caso sarà presente solo un unico soggetto, ma si prevede anche la partecipazione dell’amministratore, il quale potrà essere il socio stesso oppure un soggetto terzo. In ogni caso l’assemblea deve prevedere le seguenti fasi:

  • lettura del bilancio;
  • approvazione.

Nel caso in cui è presente un utile, è necessario stabilire se dovrà essere attribuito al socio, oppure investito per ampliare l’attività d’impresa. Inoltre, nella SRL Unipersonale hai la possibilità di cedere le tue quote.

Questa operazione è prevista dall’art 36 del Decreto-legge n 112/2008, in base al quale puoi effettuare il trasferimento senza dover richiedere l’intervento del notaio. Infatti, l’operazione può essere eseguita direttamente da un commercialista abilitato alla firma digitale, necessaria per la comunicazione al Registro delle Imprese.

SRL Unipersonale: riferimenti normativi

Nella tabella seguente abbiamo riportato quali sono i riferimenti normativi che vanno a disciplinare la SRL Unipersonale. Alcuni di essi coincidono con quelli delle Srls e delle SRL ordinarie.

Articolo Codice CivileRiferimento normativo
2250Indicazione della voce SRL Unipersonale nell’atto costitutivo e nella corrispondenza
2231Effetti dell’iscrizione nel Registro delle Imprese
2462Responsabilità della società in caso di obbligazioni verso terzi
2463Norme e direttive per la costituzione
2464Conferimenti
2470Adempimenti della pubblicità
2478Libri sociali
2481Aumento di capitale

SRL Unipersonale o ditta individuale?

Chiudiamo la nostra guida sulla SRL Unipersonale con un confronto con un’altra forma di attività d’impresa che può prevedere la costituzione da parte di un singolo soggetto: la ditta individuale. Andiamo a considerare 4 aspetti:

  • costituzione;
  • gestione;
  • aspetti fiscali;
  • responsabilità.

Per ciò che concerne la costituzione, la procedura per la ditta individuale è nettamente più veloce, dato che prevede un’apertura in 24 ore. Inoltre, non viene richiesto il versamento di un capitale iniziale come competenze da parte dei soci.

Anche per ciò che riguarda la gestione operativa è più snella rispetto alla SRL Unipersonale, dato che è necessario registrare solo le fatture attive  e passive, mentre nella società di capitali viene richiesta la compilazione di vari registri.

Se si va a considerare l’aspetto fiscale, la ditta individuale rientra tra quelle forme societarie che possono accedere a una fiscalità agevolata come il regime forfettario. Tuttavia, ciò comporta un limite al fatturato annuo che è pari ai 65.000€, non presente nelle SRL Unipersonali. Nel momento in cui superi questo valore, rientrerai nel regime ordinario, prevedendo una tassazione simile a quella della SRL Unipersonale.

Infine, l’aspetto collegato alla responsabilità individuale rende la SRL Unipersonale una valida scelta societaria. Infatti, nella ditta individuale sarai tu, come unico socio, ad affrontare le eventuali obbligazioni sottoscritte. Invece, nel caso della società di capitali unipersonale, verranno utilizzati solo i beni dell’azienda e sarà fatto salvo il tuo patrimonio.

SRL Unipersonale – Domande frequenti

Quando conviene una Srl Unipersonale?

Aprire una SRL Unipersonale può essere vantaggioso quando hai un’attività con volumi elevati e vuoi salvaguardare il tuo patrimonio personale.

Cosa vuol dire SRL Unipersonale?

Il termine SRL Unipersonale identifica una società a responsabilità limitata composta da un unico socio che detiene tutte le quote dell’impresa. Ecco quali sono le sue caratteristiche.

Come funziona una Srl a socio unico?

La SRL Unipersonale deve essere costituita con atto pubblico davanti a un notaio e con il versamento del capitale ridotto per le Srls o in toto per quelle ordinarie.

Fact-Checked
dottore commercialista giovanni emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 30 Novembre 2022
Dottore commercialista specializzato in organizzazione e gestione dello studio professionale, consulenza direzionale e digitalizzazione dei processi. Nonostante sia un pianificatore nato, ha delle intuizioni geniali.
Autore
Foto dell'autore

Gennaro Ottaviano

Esperto di economia aziendale e gestionale

Laurea in Economia Aziendale presso il Politecnico di Lugano, appassionato di borse, mercati e investimenti finanziari. Ho competenze di diritto e gestione societaria, con esperienze amministrative. Ho lavorato per la testata Money.it, oggi scrivo di diritto, economia, finanza, marketing e gestione delle imprese.

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.