Aprire una SRL: quanto costa, come funziona e quando conviene. Guida e apertura online

Aprire una S.r.l. comporta diversi adempimenti e costi iniziali, che riguardano la documentazione del notaio e il capitale sociale. Ecco cos'è e come funziona una S.r.l.

revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.
Aprire srl
  • La S.r.l. è una società di capitali che si differenzia dalla società di persone per diversi motivi. 
  • Aprire una S.r.l. comporta specifici adempimenti, come l’apertura della partita IVA e l’iscrizione al Registro delle imprese. 
  • La sua costituzione prevede la redazione dello statuto societario, nel rispetto dei requisiti contenuti nel Codice civile. 

La S.r.l. – acronimo di Società a responsabilità limitata – è una delle forme societarie maggiormente diffuse in Italia e che viene solitamente scelta dalle PMI e per l’apertura di start up. Quali sono le procedure burocratiche e i costi da sostenere per aprire una S.r.l.?

In questa guida, analizzeremo il funzionamento di una S.r.l., concentrandoci su qual è la differenza tra S.r.l. unilaterale e semplificata, con le indicazioni che riguardano i costi di apertura di una S.r.l., su come aprirla e su quali finanziamenti si possono richiedere per l’eventuale nuova apertura.

Cos’è una SRL

Una S.r.l. è una società di capitali tra le più utilizzate per lo svolgimento di un’attività economica. La procedura per la sua costituzione è composta da diverse fasi, sulla base di quanto contenuto agli articoli da 2462 a 2483 del libro V, capo VII del Codice Civile.

Una società è costituita da un gruppo di persone che svolgono un’attività di tipo economico, ottenendo quindi dei ricavi da questa attività. In una società di questo tipo ciascun socio possiede delle quote specifiche in percentuale della società.

Per aprire una S.r.l., si inizia con la costituzione del contratto di società, attraverso il rispetto di determinati requisiti previsti dalla legge, relativi agli aspetti dell’amministrazione e della gestione societaria. Sarà necessario l’intervento di un notaio che, dopo aver verificato il rispetto delle condizioni di legge, rediga l’atto pubblico. 

Si parla di SRL unipersonale quando quest’ultima viene costituita da un solo socio con atto unilaterale. Tutte le quote sono quindi da ricondurre esclusivamente all’unico socio.

tipologie di srl

Differenza tra SRL ordinaria e semplificata

Nel momento in cui si decide di aprire una S.r.l. è molto importante conoscere la distinzione tra la S.r.l. tradizionale e quella semplificata (ovvero la S.r.l.s.), che viene anche chiamata S.r.l. a un euro. Si tratta di una tipologia di Società che prevede specifiche agevolazioni nell’apertura dell’attività, ma per cui sussistono alcune limitazioni. Ecco quali sono le principali differenze di cui tenere conto al momento dell’apertura:

S.r.l. (ordinaria)S.r.l.s (semplificata)
Il capitale sociale minimo è di 1 euro, ma non ha massimali di limite.Il capitale sociale ha un limite massimo di 9.999,99 euro.
I soci inizialmente possono contribuire alla creazione della società tramite denaro, beni e servizi.I soci inizialmente possono contribuire alla creazione della società solamente tramite denaro.
Lo statuto è modificabile e personalizzabile.Esiste uno statuto standard da seguire.
Non ci sono agevolazioni per l’apertura.Esistono alcune agevolazioni per l’apertura, in particolare per le spese di bollo e di notaio.
I soci possono essere persone fisiche e giuridiche.I soci possono essere solo persone fisiche.

Requisiti per aprire una SRL

Per dare alla S.r.l. una valenza giuridica, lo statuto societario dovrà indicare:

  • la denominazione societaria;
  • i riferimenti anagrafici dei soci (cognome, nome, data e luogo di nascita, domicilio e cittadinanza). I soci potranno anche essere diversi dalle persone fisiche, ovvero essere società di qualsiasi tipo, anche non dotate di personalità giuridica;
  • l’indirizzo della sede societaria (e le eventuali sedi secondarie);
  • l’oggetto sociale, quindi la tipologia di attività economica della S.r.l.;
  • gli amministratori;
  • il capitale sociale (mentre esiste un capitale sociale minimo, non è previsto, invece, un capitale sociale massimo);
  • le quote sociali;
  • il diritto di recesso, che potrà essere esercitato da ciascun socio con un preavviso di almeno 180 giorni (6 mesi). 

Un protestato può aprire una SRL?

Se ho debiti posso aprire una S.r.l.? Non ci sono norme che vietino la possibilità di aprire una società di capitali in presenza di debiti, anche se potrebbe essere più complicato riuscire a ottenere dei finanziamenti per iniziare. 

Questo significa che un protestato può essere socio e anche amministratore, tuttavia questa norma non è assoluta, perché al protestato può essere vietata la possibilità se è espresso chiaramente nell’atto costitutivo della società specifica.


Come è composta una società SRL?

Una Società a Responsabilità Limitata è composta principalmente dall’assemblea dei soci, ovvero dal gruppo di soci che ne fanno parte. Le decisioni vengono prese principalmente dall’assemblea dei soci, i quali detengono le quote in base a diverse percentuali.

Ad approvare il bilancio è l’assemblea dei soci, tuttavia un ruolo importante nelle società è quello degli amministratori. Possono essere interni, ovvero essere parte dell’assemblea, oppure esterni all’assemblea, e procedono con le decisioni più importanti, tra cui quelle che riguardano scissioni, fusioni, o il capitale stesso della società. Inoltre si occupano della redazione del bilancio complessivo.

Aprire una SRL online

Lo statuto societario di una S.r.l. deve seguire un apposito modello, in base a quanto previsto dalla legge. fino all’anno scorso era disponibile un modello digitale per la stesura dell’atto costitutivo che:

  • poteva essere firmato tramite firma digitale;
  • dava la possibilità di aprire, in pochi clic, una SRL direttamente online

In questo modo, si poteva beneficiare di ben due vantaggi: non si dovevno sostenere le spese per il notaio e non ci si doveva recare presso la Camera di Commercio. 

Questa norma è stata impugnata dai notai ed oggi è stata modificata in modo che la stipula dell’atto digitale è possibile con l’utilizzo del portale del notariato. Qualora si cercasse un supporto per la compilazione dello statuto societario, oggi esistono diversi servizi che offrono consulenza specifica e che seguono, passo per passo, nella creazione della propria SRL.

Nel caso di apertura di una startup per esempio, procedere online era particolarmente vantaggioso sia in termini di velocità, sia in termini di risparmio. Oggi, tuttavia, non si può fare a meno del notaio.

Aprire una S.r.l. online

Iscrizione alla Camera di Commercio

L’apertura di una S.r.l. comporta l’iscrizione alla Camera di commercio che permette all’azienda di ottenere:

  • un codice fiscale;
  • una partita IVA. 

La registrazione fa rientrare l’impresa nell’anagrafe delle aziende che operano nello stesso territorio. Si tratta di un adempimento solitamente effettuato dal notaio che si occupa dell’atto costitutivo, tramite il deposito della Comunicazione Unica (quest’ultima indica l’inizio della propria attività), entro 30 giorni dalla stipula dell’atto. 

Dall’iscrizione nel Registro delle Imprese derivano:

  • l’acquisto della personalità giuridica;
  • l’efficacia costitutiva della società;
  • l’irresponsabilità della società per le obbligazioni contratte prima dell’iscrizione. 

Sarà necessario dotare la società di un indirizzo di posta elettronica certificata


Quanto costa aprire una SRL?

La questione costi è una delle prime da chiarire e conoscere nei minimi dettagli nel caso in cui si volesse aprire una S.r.l. Il calcolo varierà in relazione a fattori quali:

  1. il capitale sociale;
  2. la costituzione di una S.r.l. unipersonale o semplificata;
  3. la complessità dello statuto societario. 

Oltre ai soldi previsti per il capitale sociale iniziale, la costituzione di una S.r.l. ha un costo medio di 3.000 euro, suddivisi nel seguente modo:

  • 2.000 euro si dovranno spendere per le spese notarili, che includono tasse, bolli e l’onorario del notaio;
  • 1.000 euro sono invece previsti per le spese del commercialista, anch’esse comprensive di tasse, bolli e onorario. 

Il compito del commercialista è molto importante in quanto è la persona che si occuperà di redigere lo statuto, dell’apertura della partita IVA e di formalizzare l’impresa (tramite iscrizione a INPS, INAIL, deposito Scia al Suap) e le posizioni di soci e amministratori. 

Quanto costa mantenere una SRL

Ai costi di apertura di una S.r.l., si dovranno aggiungere i costi di mantenimento, nei quali rientrano:

  • la contabilità ordinaria;
  • il conto corrente bancario di tipo aziendale;
  • le imposte di bollo e la tassazione su servizi e contratti;
  • la vidimazione dei libri sociali;
  • il pagamento annuale del diritto di iscrizione alla Camera di commercio

Nella tabella che segue sono stati raccolti, nel dettaglio, i costi da mettere in conto per aprire una S.r.l., in un riepilogo per la spesa iniziale.

Voce di spesaCosto
Costo notaioVariabile da città a città e in base all’esperienza del professionista
Si aggira gli 800 e i 1.500 euro
Imposta di registro200 euro
Diritti e bolli250 euro
Tassa vidimazione libri sociali309,87 euro + 16 euro di marche da bollo ogni 100 facciate
Diritto annuale CCIAA200 euro
Deposito bancarioVariabile
Consulenza fiscali e legaliVariabili in base al professionista scelto
Contributi previdenziali per ogni socio4 contributi trimestrali da 950 euro circa 

È possibile ottenere finanziamenti a fondo perduto per l’apertura di una SRL tramite la partecipazione a bandi statali. 

Aprire una srl

Perché aprire una SRL oggi

Aprire una Società a Responsabilità Limitata offre diverse garanzie: la prima consiste nel fatto che ogni socio ha una responsabilità sociale limitata alla quota che gli è stata conferita. Il patrimonio personale e quello della società possono, dunque, essere distinti. 

Nel caso in cui dovesse esserci un creditore, quest’ultimo non potrà mai chiedere a un singolo socio il pagamento dei debiti societari. La S.r.l. permette, in altri termini, di separare il rischio di impresa dal patrimonio dell’imprenditore

Ci sono poi vantaggi di tipo personale, in quanto:

  • il controllo dell’azienda potrà essere garantito dall’obbligo di depositare, ogni anno, un bilancio completo di conto economico, stato patrimoniale e nota integrativa;
  • il rigore contabile fa sì che si possa verificare se l’azienda stia producendo effettivamente cassa, oppure no. 

Ciò comporta una maggiore possibilità di riuscire a individuare la presenza di eventuali segnali di crisi aziendale e riuscire a gestirli per tempo. 

Aprire una S.r.l. – Domande frequenti

Quanto costa aprire una S.r.l.?

Il costo è determinato da diverse voci di spesa. Nel 2022 aprire una S.r.l. può costare intorno a 2.500-3.000 euro. Scopri tutte le voci di costo per aprire una società a responsabilità limitata.

Quanto deve essere il capitale sociale di una S.r.l.?

Il capitale sociale di una S.r.l. tradizionale deve essere pari a una cifra minima di 1 euro, e non ci sono soglie massime. Per aprire una S.r.l. bisogna anche tenere conto delle imposte e delle voci di costo relative alle spese da sostenere per il notaio.

Come si costituisce una S.r.l.?

Per costituire una S.r.l., ovvero una Società a Responsabilità Limitata, è necessario principalmente definire qual è l’oggetto sociale, stabilire qual è il capitale sociale per l’apertura, e svolgere alcuni adempimenti obbligatori, ecco quali.

Fact-Checked
dottore commercialista giovanni emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 10 Dicembre 2022
Dottore commercialista specializzato in organizzazione e gestione dello studio professionale, consulenza direzionale e digitalizzazione dei processi. Nonostante sia un pianificatore nato, ha delle intuizioni geniali.
Autore
Foto dell'autore

Maria Saia

Esperta di finanza personale e lavoro digitale

Una laurea in Traduzione e un sogno nel cassetto: non vedere più le È con l'apostrofo al posto dell'accento online. La sua più grande passione - scrivere - è anche il suo lavoro: provate a cercarla su Google.

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.