Come andare in pensione prima: è possibile?

Ci sono diverse soluzioni per andare in pensione anche se non hai raggiunto l’età richiesta o il versamento dei contributi necessari. Scopri quali sono le misure per lavoratori e Partite Iva.

Come andare in pensione prima: è possibile?
  • In Italia l’età anagrafica fissata per la pensione è 67 anni, tuttavia è possibile andare prima, se disponi dei requisiti per accedere alla pensione anticipata, all’Ape sociale oppure a Quota 102.
  • Nel caso in cui non disponi dei contributi necessari alla pensione, è possibile raggiungere quelli mancanti con una richiesta all’INPS.
  • Sono previsti anche dei trattamenti pensionistici per chi non ha mai pagato contributi, o ha raggiunto 10 anni di versamenti previdenziali.

Generalmente in Italia l’accesso alla pensione è all’età di 67 anni, secondo la legge. Tuttavia, è possibile andare in pensione prima? Qual è il numero di contributi da raggiungere? Sono domande che forse ti sei posto in quanto lavoratore autonomo, dipendete o disoccupato.

Sono diversi i fattori che vanno a incidere sul calcolo della pensione, oltre alla possibilità di ottenerla in anticipo, con il verificarsi di determinate circostanze, come: invalidità, presenza di un soggetto disabile in famiglia e raggiungimento di una determinata età.

L’insieme di questi fattori genera spesso un po’ di confusione sul calcolo dei contributi e su come fare a smettere di lavorare prima. Inoltre, in Italia esistono diverse misure di pensionamento, che è consigliato conoscere per scegliere la più vantaggiosa.

Come andare in pensione prima

Se sei un lavoratore autonomo o un dipendente pubblico e privato, in base alla tipologia di reddito e al regime fiscale adottato, ogni anno devi versare i contributi IVS. Questo termine identifica i contributi di anzianità, vecchiaia e superstiti, che andranno, anno dopo anno, a formare la tua futura pensione.

Ci sono in Italia diverse misure di pensionamento. Per fare un esempio, un copywriter iscritto alla Gestione Sperata INPS e con regime forfettario dovrà versare un importo diverso rispetto a un professionista aderente alla cassa geometri. Quindi, il sistema previdenziale italiano, per permetterti l’accesso alla pensione di anzianità, richiede due requisiti:

  1. età: 67 anni;
  2. contributi versati: 20 anni.

Sono però previste delle deroghe, con la possibilità di andare in pensione prima, nel momento in cui si verificano particolari condizioni. Vediamo prima di tutto in questa tabella quali sono le tipologie di pensione esistenti in Italia, con l’ente previdenziale INPS.

Tipologia di pensioneEtà uominiContributi versati uominiEtà donneContributi versati donne
Pensione di vecchiaia67 anni20 anni66 anni20 anni
Pensione anticipata 42 anni e 10 mesi 41 anni e 10 mesi
Quota 10264 anni38 anni64 anni38 anni
Ape sociale63 anni30 anni63 anni30 anni
Opzione donna  58 anni dipendenti pubbliche, 59 autonome35 anni
Assegno sociale67 anni 67 anni 
Pensione casalinghe  57 anni;
65 anni se non si è raggiunto il versamento contributivo minimo
5 anni
Pensione di invalidità 80%61 anni dipendenti pubblici, 66 anni lavoratori autonomi15 anni56 anni dipendenti pubbliche, 61 anni lavoratrici autonome15 anni
Pensione casse professionaliDai 62 ai 70 anni in base alla cassa professionale5 anniDai 62 ai 70 anni in base alla cassa professionale5 anni


Come andare in pensione prima dei 67 anni

La prima domanda a cui rispondiamo è se puoi andare in pensione prima del raggiungimento dell’età anagrafica e contributiva prevista per legge. Ti rispondiamo subito di sì. Infatti, oggi puoi avere diverse alternative se disponi di un certo numero di contributi versati. Ecco quali sono le principali opzioni previste:

  • pensione anticipata;
  • Quota 102;
  • Ape sociale;
  • Opzione donna.

Se hai deciso di andare in pensione prima, le nostre indicazioni sono delle analisi utili per comprendere le opportunità, ma non costituiscono consigli economici e finanziari. Inoltre, devi considerare il calcolo economico, ovvero l’importo pensionistico che andrai a ricevere.

Infatti, in alcuni casi, anticipando i contributi, otterrai una riduzione dell’assegno pensionistico. Per questo, prima di effettuare qualunque richiesta all’INPS ti consigliamo di rivolgerti a un consulente specializzato o a uno studio di commercialisti.

Pensioni anticipate

Pensione anticipata

Non hai raggiunto l’età necessaria per la pensione di vecchiaia? Potrai comunque smettere di lavorare, utilizzando la pensione anticipata. In quanto lavoratore appartenente al sistema contributivo puro o a quello misto, potrai ottenerla se entro il 2022 hai raggiunto i seguenti requisiti:

  • per gli uomini: 42 anni e 10 mesi di contributi;
  • per le donne: 41 anni e 10 mesi di contributi.

La pensione anticipata è prevista per tutti coloro che sono iscritti all’Assicurazione Generale Obbligatoria, al Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, e alle Gestioni Speciali per i lavoratori autonomi. Si può accedere a questa misura anche con l’iscrizione della propria attività autonoma con Partita Iva alla Gestione Separata INPS.

Pensione in anticipo con Quota 102

Entro il 31 dicembre di quest’anno avrai la possibilità di aderire all’iniziativa Quota 102 che ha sostituito quella precedente di Quota 100. Puoi ottenerla se disponi dei seguenti requisiti:

  • 64 anni di età;
  • 38 anni di contributi versati.

Il termine Quota 102 deriva proprio dalla somma di questi due parametri. È considerata comunque una sorta di pensione anticipata e come tale, andrai a versare una quantità di contributi ridotti rispetto a quelli di una pensione di vecchiaia. Ciò comporta un assegno pensionistico mensile più basso.

Ape sociale

Altra opportunità è quella di accedere all’Ape Sociale. È una tipologia di trattamento pensionistico finalizzato a particolari categorie di soggetti che non hanno l’età minima pensionabile, ma dispongono del numero di almeno 30 anni di contributi.

Infatti, potrai andare in pensione se hai 63 anni e 30 di contributi versati. Otterrai un assegno che non potrà superare l’importo dei 1.500€ fino all’età dei 67 anni previsti per la normale pensione di vecchiaia. Questa tipologia di trattamento potrà essere richiesta se appartieni a una di questa categorie di lavoratori:

  • disoccupato per giusta causa, con lettera di dimissioni consensuale o per licenziamento collettivo, con un contratto di durata di almeno 18 mesi nei tre anni precedenti;
  • disponi di un’invalidità pari al 74%;
  • assiti un familiare portare di handicap convivente da almeno 6 mesi;
  • hai svolto negli ultimi 7 anni un lavoro identificato come usurante.

Andare in pensione prima con la legge 104

Se sei un lavoratore o lavoratrice che assiste un disabile o un invalido all’interno del nucleo familiare, in questa circostanza, in base alla Legge 104, è possibile richiedere la pensione anticipata Ape Sociale. Dovrai rientrare nei seguenti requisiti:

  •  età: 63 anni;
  • contributi versati: 30 anni;
  • assistenza al disabile: dovranno essere presenti, nel nucleo familiare, uno o più soggetti invalidi o disabili, con la residenza da almeno 6 mesi prima della richiesta.

Opzione donna

Per le donne è prevista la possibilità di andare in pensione prima, grazie al trattamento Opzione Donna, disponibile sia per le lavoratrici dipendenti che per quelle autonome. Per ciò che riguarda il requisito di età si stabilisce la soglia di:

  • 58 anni per le dipendenti pubbliche;
  • 59 anni per le lavoratrici private.

Invece, la soglia contributiva è quella di un minimo di 35 anni. Per accedervi è necessaria la conclusione del lavoro dipendente, mentre non è necessario per le autonome con Partita Iva smettere di lavorare.

Pensioni misure anticipate

Come andare in pensione prima pagando i contributi

Il traguardo dei 20 anni di contributi è un elemento indispensabile per ottenere la pensione di vecchiaia. Cosa succede se hai raggiunto l’età, ma non disponi dei contributi richiesti? Hai comunque la possibilità di ottenere una pensione effettuando il versamento di quanto manca. Anche in questo caso sono previsti una serie di requisiti:

  1. richiesta di autorizzazione all’INPS;
  2. versamento minimo contributivo;
  3. contribuzione avvenuta in una arco temporale specifico.

Per pagare in autonomia i contributi, dovrai effettuare la richiesta accedendo al sito dell’INPS con lo SPID o con il tuo codice PIN ed entrando nella sezione “Versamenti Volontari“. Inoltre, dovrai aver versato un importo di contributi giornaliero, settimanale o mensile minimo, in rapporto alla tipologia di attività, come indicato nella tabella seguente.

ContributiTipologia di lavoratore
310 giornalieriLavoratrici agricole
465 giornalieriLavoratori agricoli
260 settimanaliDipendenti pubblici o privati e domestici
60 mensili (5 anni)Lavoratori autonomi

Infine, viene richiesto che i versamenti avvengano almeno per 3 anni consecutivi nei 5 precedenti la richiesta del pagamento.


Andare in pensione senza contributi

Vi sono delle situazioni in cui puoi avere accumulato un numero limitato di contributi, oppure non hai mai compiuto un versamento previdenziale, come nel caso del lavoro occasionale. Avrai comunque la possibilità di ricevere una pensione. Infatti, il sistema italiano prevede due strumenti:

  • assegno sociale;
  • pensione casalinga.

Dal 1996, l’assegno sociale ha sostituito la pensione sociale creata con la legge 153/1969. È una forma di sostegno economico, come quella della pensione di cittadinanza, attribuita a chi non dispone dei requisiti necessari per ottenere quella di vecchiaia.

Per riceverla devi avere un’età pari a 67 anni o più, e disporre di un reddito annuo che non superi i 6.085,43€ se sei single, oppure nel caso di un nucleo familiare di due persone, l’equivalente di 12.170,86€. L’importo previsto è di 468€ suddiviso in 13 mensilità.

Con la medesima età è possibile richiedere la pensione casalinghe, rivolta sia agli uomini, sia alle donne. In questo caso dovrai iscriverti al Fondo Casalinghe e versare in maniera facoltativa un contributo mensile pari a 26€ o annuale di 310€. Potrai ottenere questa pensione una volta raggiunta l’età di:

  • 57 anni, nel caso in cui hai versato almeno 5 anni di contributi;
  • 65 anni, nel momento in cui il tetto di versamenti non è stato raggiunto.

Partita Iva: andare in pensione con 10 anni di contributi o meno

In deroga ai requisiti per la pensione di vecchia e quella anticipata, si prevedono anche i casi in cui potrai ottenere un assegno pensionistico con un versamento di contributi di 10 anni o anche meno, anche con Partita Iva. Ciò è possibile nelle seguenti situazioni:

  • soggetti invalidi;
  • professionisti iscritti alle casse professionali.

Come soggetto con un’invalidità pari all’80% hai la possibilità di richiedere una pensione di invalidità se hai raggiunto i 61 in quanto lavoratrice autonoma, oppure hai 66 anni se sei un professionista. In ambedue i casi ti verrà richiesto il versamento di un minimo di 15 anni di contributi.

Questi potranno scendere a 10 anni nel caso in cui è sopraggiunta un’invalidità al 100% come nel caso della cecità. In questa circostanza sarà sufficiente aver versato solo 10 anni di contributi dal momento in cui si è verificato l’evento e avere 56 anni per le professioniste e 61 anni per i lavoratori uomini autonomi.

Inoltre, nel caso in cui hai iniziato a versare i contributi dal 1996, potrai rientrare in quei lavoratori che otterranno l’assegno di invalidità con solo 5 anni di contributi versati se raggiunti i 71 anni. È prevista anche una pensione INPS con un un’anzianità contributiva pari a 10 anni o anche inferiore se sei regolarmente iscritto alle seguenti casse professionali con la tua Partita Iva:

  • dottori commercialisti: la CNPADC prevede il versamento di almeno 5 anni di contributi e il raggiungimento di 62 anni di età;
  • cassa forense: in questo caso è richiesta l’anzianità di 70 anni e 5 anni di contribuzione. Inoltre, se si raggiungono i 34 anni contributivi sarà possibile avere la pensione anticipata;
  • cassa psicologici: potrai andare in pensione prima sia se disponi di Partita IVA come psicologo, sia come lavoratore dipendente, con 5 anni di versamenti e 65 anni di età.

Partita Iva: come andare in pensione con 15 anni di contributi

Hai a tuo carico contributi pensionistici pari a 13 o a 15 anni e hai una Partita Iva? In questa circostanza hai due opportunità:

  • versare i contributi volontariamente;
  • attendere il raggiungimento dei 20 anni per la pensione di vecchiaia.

La prima opzione potrebbe essere vantaggiosa se disponi di un’età intorno ai 60 anni e quindi per le donne mancherebbero solo 6 anni alla pensione, e 7 per gli uomini. Un’ipotesi da considerare soprattutto se hai deciso di iniziare una nuova attività aprendo una Partita IVA.

Viceversa, se la tua età anagrafica è più bassa, potrebbe essere  più conveniente continuare a versare regolarmente le quote previdenziali fino al raggiungimento del tetto dei 20 anni. Ciò vale anche se sei un lavoratore dipendente e la tua intenzione è quella di ampliare il tuo stipendio integrandolo con un’attività professionale autonoma.

Il contratto di espansione

Per chiudere le diverse opzioni previste per andare in pensione prima, puoi considerare anche il contratto di espansione. Questo strumento è stato riproposto dalla Legge di Bilancio 2022 al fine di permettere uno scivolo pensionistico e un cambio generazionale delle aziende, senza produrre delle disuguaglianze sociali, che potrebbero essere causate dal licenziamento di soggetti in età prossima alla pensione.

Infatti, sarà possibile andare in pensione per quei lavoratori che si trovano a un massimo di 5 anni dalla pensione di vecchiaia o da quella anticipata. Quindi potrai richiedere questa forma di trattamento al tuo datore di lavoro, in accordo con i sindacati se hai:

  • 62 anni per gli uomini, invece dei 67;
  • 61 anni per le donne contro i 66;

Nel caso della pensione anticipata è prevista l’anticipazione a:

  • 37 anni di versamenti previdenziali per gli uomini, invece di 42 e 10 mesi;
  • 36 anni di contributi, rispetto ai 41 anni e 10 mesi.

Come andare in pensione prima – Domande frequenti

È possibile andare in pensione prima?

Sì, hai la possibilità di andare in pensione prima se rientri in uno dei casi previsti dal legislatore e indicati nel nostro articolo.

Quanti anni di contributi servono per la pensione minima?

Per ottenere una pensione minima sono necessari almeno il versamento di 3 anni di contributi avvenuti nei 5 precedenti la richiesta.

Chi ha 20 anni di contributi può andare in pensione?

Sì, potrai ottenere la pensione di vecchiaia con 20 anni di contributi e l’età di 67 anni per gli uomini e 66 per le donne.

Autore
Foto dell'autore

Gennaro Ottaviano

Esperto di economia aziendale e gestionale

Laurea in Economia Aziendale presso il Politecnico di Lugano, appassionato di borse, mercati e investimenti finanziari. Ho competenze di diritto e gestione societaria, con esperienze amministrative. Ho lavorato per la testata Money.it, oggi scrivo di diritto, economia, finanza, marketing e gestione delle imprese.

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.