Lavoro occasionale 2022 senza partita IVA: come funziona e quanto può durare

Lavoro autonomo occasionale: vediamo nella guida come funziona la normativa che regola le prestazioni di lavoro occasionale in Italia, e quanto può durare il contratto.

revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.
lavoro occasionale
  • Il lavoro occasionale in Italia consiste in una prestazione saltuaria e non continuativa.
  • Ci sono alcuni casi in cui è vietato ricorrere al contratto di prestazione occasionale. 
  • È obbligatorio per legge comunicare l’attivazione di una collaborazione con questa tipologia di lavoro, tramite l’utilizzo di una piattaforma statale. 

Le prestazioni occasionali in Italia sono disciplinate dal Decreto Legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito con modificazioni in Legge 21 giugno 2017, n. 96. Sono state poi fornite ulteriori indicazioni nella circolare INPS del 5 luglio 2017, n. 107.

Il lavoro occasionale autonomo è stato in seguito modificato da ulteriori disposizioni di legge, ovvero l’articolo 2-bis del decreto-legge 12 luglio 2018, n. 87, il cosiddetto “Decreto dignità”, che ha portato a alcuni cambiamenti in particolare per le attività agricole, del turismo e degli enti locali. Ulteriori chiarimenti in materia sono stati forniti dalla circolare INPS del 17 ottobre 2018, n. 103. 

Vediamo di seguito come funziona il lavoro occasionale, se esistono dei limiti di guadagno, il compenso minimo e le sanzioni previste quando non si rispettano le soglie di reddito per questo tipo di lavoro.

Come funziona il contratto di lavoro occasionale?

Il contratto di lavoro occasionale può essere rivolto a categorie di lavoratori differenti. Si può infatti trattare di:

  • lavoratori autonomi;
  • imprenditori;
  • imprese agricole;
  • amministrazioni pubbliche;
  • enti privati e locali;
  • onlus e associazioni. 

Per definizione, il lavoro occasionale è una prestazione lavorativa non continuativa, quindi saltuaria e sporadica, che prevede il rispetto di precisi limiti economici. 

È bene sfatare subito un’informazione piuttosto diffusa sul lavoro occasionale, ma errata, ovvero quella relativa ai limiti reddituali: non ci sono soglie di fatturato che non si possono superare in un anno, ma regole sulla durata della prestazione, che sono legate proprio al concetto di occasionalità.

lavoro occasionale limiti

Prestazione occasionale: compensi al 75%

Vengono calcolati nella misura del 75% i compensi derivanti da una prestazione occasionale nel caso in cui il lavoro sia svolto da:

  • titolari di pensione di vecchiaia o di pensione di invalidità;
  • giovani con meno di 25 anni, i quali dovranno essere iscritti a un ciclo di studi presso un istituto scolastico di qualsiasi ordine e grado, o all’Università;
  • disoccupati;
  • percettori di prestazioni integrative al salario, di sostegno al reddito o del REI (Reddito di Inclusione). 

I compensi derivanti da una prestazione di lavoro occasionale sono esenti dall’imposizione fiscale, non hanno ripercussioni sulla condizione di disoccupazione, mentre vengono calcolati per la determinazione del reddito legato al rilascio o al rinnovo del permesso di soggiorno.

Chi lavora con collaborazione occasionale tuttavia può emettere un documento, la ritenuta di acconto, che riporta il lavoro svolto e i compensi. Ti consigliamo la lettura dell’articolo su questo argomento: “Come funziona la ritenuta d’acconto“.

Lavoro occasionale: diritti dei prestatori

I prestatori di lavoro occasionale che siano iscritti alla Gestione separata INPS hanno diritto anche:

  1. all’assicurazione per invalidità;
  2. alla pensione di vecchiaia e alla pensione superstiti;
  3. all’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali

Hanno inoltre diritto alle pause e ai riposi settimanali, al riposo giornaliero, all’applicazione delle norme relative alla tutela della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro. 

Quando è vietato il lavoro occasionale

Ci sono alcuni casi nei quali non è possibile ricorrere alle prestazioni di lavoro occasionale. Nello specifico, sono vietate nei casi in cui:

  • l’utilizzatore abbia in corso o cessato da meno di 6 mesi un rapporto di lavoro di tipo subordinato o una collaborazione coordinata e continuativa;
  • gli utilizzatori abbiano alle proprie dipendenza più di 5 lavoratori subordinati a tempo indeterminato, fatta eccezione per le strutture alberghiere e ricettive le quali possono impiegare fino a 8 dipendenti che siano pensionati, giovani con meno di 25 anni, disoccupati, percettori di prestazioni integrative o di sostegno al reddito. 

La prestazione occasionale inoltre, è anche vietata per:

  • alcune imprese del settore agricolo, tranne che per l’impiego con una prestazione occasionale di pensionati, giovani con meno di 25 anni, disoccupati, percettori di prestazioni integrative o di sostegno al reddito;
  • le imprese di edilizia o che svolgono l’attività di escavazione o lavorazione di materiale lapideo, o anche le imprese del settore delle miniere, cave e torbiere; 
  • il settore di esecuzione di appalti di opere o di servizi. 
lavoro occasionale sanzioni

Contratto di prestazione occasionale: compensi e sanzioni

Il contratto di prestazione occasionale è, come si può ben intuire, il contratto che regola una prestazione di lavoro occasionale, quindi saltuaria e che non deve superare i limiti di importo imposti dalla legge. 

I compensi previsti per le prestazioni occasionali sono pari a un minimo di 9 euro all’ora, fatta eccezione per il settore agricolo, in cui la paga minima è pari all’importo della retribuzione oraria delle prestazioni di natura subordinata ai sensi della contrattazione collettiva.

Spettano all’utilizzatore i seguenti oneri:

  • versamenti dei contributi alla Gestione Separata INPS, che sono pari al 33%;
  • assicurazione INAIL, pari a 3,5%. 

Nell’ipotesi in cui la durata del contratto superi le 280 ore in un anno civile (fatta eccezione per le Pubbliche Amministrazioni) il contratto di lavoro si trasformerà da prestazione occasionale a contratto a tempo pieno e indeterminato

Viene applicata invece una sanzione amministrativa pecuniaria, di importo compreso tra i 500 e i 2.500 euro, nel caso in cui venga violato l’obbligo di comunicazione del contratto di prestazione occasionale o i casi in cui tale contratto non sia permesso. 

comunicazione lavoro occasionale

Lavoro occasionale e comunicazione preventiva all’INL

Dal 21 dicembre 2021, con la legge n. 215/2021, è in vigore l’obbligo di inviare una preventiva comunicazione all’Ispettorato territoriale del lavoro (INL) qualora venga stipulato un contratto di collaborazione occasionale (ex articolo 222 c.c.). 

La comunicazione dovrà essere presentata almeno 60 minuti prima dell’inizio della prestazione occasionale e dovrà contenere:

  • i dati del prestatore e il suo compenso;
  • la sede dell’attività lavorativa;
  • la sua durata, la tipologia e il settore;
  • eventuali altre informazioni relative alla gestione del rapporto. 

Dal 28 marzo è online la nuova piattaforma, la quale sostituirà la provvisoria procura di invio della comunicazione tramite email, la quale sarà attiva fino al 30 aprile 2022. La procedura prevede l’autenticazione sul portale Servizi.lavoro.gov.it e la compilazione delle sezioni disponibili cliccando su:
> Lavoro autonomo occasionale > Nuove comunicazioni


Prestazione occasionale tramite Libretto Famiglia

È necessario distinguere tra i contratti di prestazione occasionale e le prestazioni che si svolgono tramite il Libretto Famiglia, ovvero un libretto nominativo prefinanziato per il pagamento di una prestazione occasionale che si può acquistare sulla piattaforma dedicata dell’INPS.  Le prestazioni occasionali che vi rientrano sono per esempio:

  • lavori domestici, tra i quali si annovera anche quello di baby-sitting;
  • lavori di giardinaggio, pulizia o manutenzione;
  • assistenza domiciliare ad anziani, bambini, persone malate o con disabilità;
  • l’insegnamento privato supplementare;
  • le attività svolte da steward negli impianti sportivi;
  • servizi per l’infanzia. 

Ogni Libretto Famiglia contiene titoli di pagamento con un valore nominale pari a 10 euro, che si possono utilizzare per le prestazioni che non superano un’ora. I contributi assicurativi e previdenziali saranno totalmente a carico dell’utilizzatore. 

Lavoro occasionale – Domande frequenti

Quanto può durare il contratto di lavoro occasionale?

In termini di ore, un contratto di prestazione occasionale non dovrebbe superare le 280 ore per anno civile. 

Cosa si intende per lavoro occasionale?

Una prestazione si definisce occasionale se non è abituale e continuativa, non è professionale e non è coordinata.

Quanti contratti di collaborazione occasionale si possono fare?

Non esiste un numero massimo di contratti di prestazione occasionale che si possono fare: l’importante è non superare i limiti di reddito fissati dalla legge. Per sapere di più, leggi qui.

Fact-Checked
dottore commercialista giovanni emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 8 Dicembre 2022
Dottore commercialista specializzato in organizzazione e gestione dello studio professionale, consulenza direzionale e digitalizzazione dei processi. Nonostante sia un pianificatore nato, ha delle intuizioni geniali.
Autore
Foto dell'autore

Maria Saia

Esperta di finanza personale e lavoro digitale

Una laurea in Traduzione e un sogno nel cassetto: non vedere più le È con l'apostrofo al posto dell'accento online. La sua più grande passione - scrivere - è anche il suo lavoro: provate a cercarla su Google.

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.