Segreto antiriciclaggio: non si applica per le informazioni di dominio pubblico prese dalle banche

Le banche devono fornire ai clienti i dati raccolti su di essi, se tali informazioni sono di dominio pubblico, come ad esempio gli articoli di un giornale online o le sentenze pubblicate sul sito web della Corte di Cassazione. Ecco le conseguenze.

Adv

Segreto antiriciclaggio
  • Limiti al segreto antiriciclaggio: le banche saranno tenute a rivelare le informazioni raccolte sui propri clienti, se queste sono di dominio pubblico.
  • Il Garante della privacy prende in oggetto due casi specifici in cui le banche avrebbero commesso un’irregolarità.
  • L’estrema complessità del quadro giuridico in cui operano le banche dà adito a diverse incertezze interpretative e applicative.

Il diritto dei clienti bancari di accedere alle informazioni raccolte sul proprio conto per fini antiriciclaggio è stato oggetto di due importanti decisioni prese dal Garante della Privacy.

Secondo queste pronunce, le banche devono adottare un approccio trasparente e fornire i dati raccolti quando le informazioni sono di dominio pubblico, come articoli di giornale online o sentenze pubblicate sul sito della Corte di Cassazione.

Questo significa che i clienti hanno il diritto di richiedere e ottenere tali informazioni dalle banche, al fine di garantire una maggiore trasparenza e controllo sui propri dati finanziari.

Queste decisioni pongono quindi un’importante enfasi sull’accessibilità e la divulgazione delle informazioni bancarie, nel rispetto delle norme di protezione della privacy e della lotta contro il riciclaggio di denaro.

Segreto antiriciclaggio per le banche: casi concreti

Le decisioni del Garante in materia di segreto antiriciclaggio derivano da situazioni comuni che evidenziano l’acuta necessità di affrontare la questione in oggetto con serietà e attenzione.

Questi casi, apparentemente semplici, nascondono tematiche complesse che possono avere effetti duraturi sulla vita delle persone.

Nel primo caso, uno scenario curioso si è presentato: un cliente ha ricevuto l’inusuale richiesta di restituire la sua carta di credito. Tale richiesta è arrivata senza alcuna spiegazione dettagliata, lasciando il soggetto in una posizione di incertezza e preoccupazione.

La mancanza di trasparenza in questo processo ha creato confusione e ha sollevato una serie di questioni importanti sul diritto del cliente di essere informato.

Successivamente, è emerso che il motivo di tale richiesta risiedeva in notizie negative che circondavano il cliente, con particolare riferimento a indagini riguardanti presunte falsità e truffe ai danni di un ente pubblico.

Nonostante le prove fossero ancora oggetto di indagine, il solo sospetto ha portato a conseguenze significative per il cliente.

Il secondo caso presenta una situazione simile, ma con alcune differenze. Un cliente ha ricevuto un consiglio da parte del suo consulente finanziario di non richiedere un prestito.

Anche in questo caso, il consiglio è stato dato senza fornire una motivazione precisa, lasciando il cliente nel dubbio e nell’incertezza. Solo più tardi è emerso che il conto del cliente era stato bloccato a causa di sentenze di condanna presenti nel database della Corte di Cassazione e di articoli di stampa critici.

Ancora una volta, la mancanza di trasparenza e la sorprendente rivelazione hanno portato a una serie di domande sulla correttezza e l’equità del processo.

Segreto antiriciclaggio: i diritti dei clienti

Nonostante l’articolo 39 del d.lgs. n. 231/2007, che impedisce la divulgazione delle segnalazioni e delle indagini sul riciclaggio agli interessati, il Garante afferma che le banche non possono automaticamente rifiutarsi di fornire le informazioni in loro possesso dietro alla scusa del segreto antiriciclaggio.

Le banche non possono semplicemente giustificare il silenzio invocando la necessità di preservare la riservatezza delle informazioni per fini antiriciclaggio. Tuttavia, le norme in materia sono spesso ambigue, creando incertezze interpretative per gli operatori bancari.

Il Garante ha sottolineato che, nel caso di informazioni pubblicamente accessibili, come articoli di giornale o sentenze della Corte di Cassazione disponibili online, la comunicazione di tali informazioni non viola la privacy.

In queste circostanze, i clienti hanno il diritto di conoscere il motivo per cui viene loro negato un prestito o viene ritirata la carta di credito.

Assenza di sanzioni e complessità del quadro giuridico

Nonostante le decisioni del Garante, non sono state comminate sanzioni alle banche coinvolte nei casi citati. Ciò è dovuto alla consapevolezza della complessità del quadro giuridico in cui operano le istituzioni bancarie e alle inevitabili incertezze interpretative e applicative che ne derivano, anche in materia di segreto antiriciclaggio.

Questa situazione sottolinea l’importanza di fare riferimento a pronunce ufficiali delle autorità competenti, come quelle emesse dal Garante della Privacy. Attraverso tali decisioni, le banche possono ottenere linee guida concrete per il loro comportamento.

Tuttavia, per ridurre l’incertezza e garantire maggiore chiarezza in queste situazioni, potrebbe essere necessario un ulteriore intervento normativo per definire in modo più preciso i confini tra il diritto alla riservatezza e il diritto dei clienti di accedere alle informazioni che li riguardano.

Segreto antiriciclaggio – Domande frequenti

Chi può controllare i movimenti del mio conto corrente?

In Italia, banche e gli organi di vigilanza finanziaria possono effettuare controlli sul conto corrente per garantire la conformità alle normative anti-riciclaggio e antiterrorismo.

Quali sono i dati sensibili di un conto corrente?

I dati sensibili di un conto corrente includono informazioni personali come nome, indirizzo, codice fiscale, numero di conto, saldo, transazioni e altre informazioni finanziarie correlate. Scopri di più qui.

Come segnalare un comportamento scorretto di una banca?

Per segnalare un comportamento scorretto di una banca, è consigliabile presentare una formale denuncia all’ufficio reclami della banca, fornendo una descrizione dettagliata del problema e allegando tutte le prove pertinenti.

Autore
Classe 1994, immediatamente dopo gli studi ho scelto di intraprendere una carriera nel Project Management in ambito di progetti Erasmus+ per EPS. Questo mi ha portato ad approfondire in particolare le tematiche inerenti alla fiscalità delle PMI, anche se la mia area di expertise risulta oggi molto più ampia in questo ambito. Oggi sono copywriter freelance appassionata di scrittura e di innovazione per le piccole e medie imprese.

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di Partitaiva.it, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.