Carte prepagate per dipendenti: quali sono le migliori

Una soluzione per dare autonomia ai propri dipendenti è quella di scegliere le carte prepagate aziendali. Queste offrono ai lavoratori e ai datori di lavoro alcuni importanti vantaggi. Scopri quali sono e le migliori offerte.

di Ilenia Albanese

Adv

carte prepagate per dipendenti
  • Per dare autonomia di spesa ai lavoratori, i datori di lavoro possono scegliere le carte prepagate per dipendenti offerte da alcune banche.
  • Tra le soluzioni più convenienti ci sono le carte prepagate per dipendenti di Soldo, Wallester e di Intesa Sanpaolo.
  • Acquistare delle carte prepagate può prevedere una spesa per l’emissione, un canone mensile o costi per la ricarica.

Le aziende che hanno la necessità di dare autonomia di spesa ai propri dipendenti possono optare per le carte prepagate per dipendenti. Si tratta di carte di pagamento da gestire come strumenti a sé o da un unico conto.

Infatti, è il titolare del conto che stabilisce quando e quanto ricaricare le singole carte. Con le nuove tecnologie, inoltre, è anche possibile impostare i limiti di spesa e stabilire altri tipi di regole.

Scegliere il giusto strumento di pagamento per un’azienda è indispensabile, sia in termini economici che di gestione. In questo articolo abbiamo selezionato le migliori carte prepagate per dipendenti e fatto un confronto tra prezzi e funzionalità.

Come funzionano le carte prepagate per dipendenti

Le carte prepagate per dipendenti sono degli strumenti che danno autonomia di spesa ai collaboratori dell’azienda, lasciando il controllo delle spese ai titolari o ai soggetti abilitati. Insieme alle carte di debito aziendali, si possono usare per gestire al meglio la contabilità dell’impresa.

carte prepagate aziendali per dipendenti

Infatti, queste carte non attingono direttamente al conto corrente, ma al proprio fondo, che deve essere alimentato mediante ricariche. Le ricariche si possono effettuare:

  • dal conto;
  • tramite bonifico bancario se la carta è dotata di IBAN;
  • da altre carte prepagate.

Ma vediamo quali sono le tipologie di carte prepagate per dipendenti che si possono trovare in commercio.

Carte prepagate per dipendenti: le migliori soluzioni

FornitorePrezzo prepagataIBANCircuito
SoldoInclusa nel canone dell’abbonamentoSiMastercard
WallesterInclusa nel canone dell’abbonamentoSiVisa
Intesa Sanpaolo€18 al meseSiVisa o Mastercard

Oggi la maggior parte delle banche e delle società che offrono strumenti bancari propone alle aziende carte di debito aziendali per i propri dipendenti.

Al contrario, non è così facile trovare carte prepagate aziendali per dipendenti. Eppure, poiché queste carte portano numerosi vantaggi, siamo andati alla ricerca di questo preciso tipo di strumento di pagamento.

Di seguito abbiamo individuato le tre migliori carte prepagate per dipendenti del momento. Scopriamole nel dettaglio.

1. Soldo

recensione soldo

L’azienda Soldo propone alle imprese un sistema di prepagate, insieme ad una serie di vantaggiose funzionalità e servizi accessori. Tra questi c’è proprio la carta prepagata per dipendenti Soldo.

Queste carte aziendali offrono ai lavoratori un accesso sicuro e immediato alle risorse aziendali per le loro spese di lavoro in ogni momento.

Con questa carta non solo si responsabilizzano i dipendenti, ma in più è possibile delegare loro alcune spese aziendali in modo controllato. Uno dei vantaggi principali di questo sistema è quello di eliminare i rimborsi spesa a fine mese.

Inoltre le carte prepagate per dipendenti di Soldo sono gestibili direttamente dal conto principale e questo consente di evitare brutte sorprese a fine mese. Le carte sono protette da misure di sicurezza, come 3DS e SCA, che mantengono al sicuro i fondi aziendali.

Con le carte Soldo è possibile scegliere la valuta per operare al di fuori dei confini nazionali pagando con EUR, GBP o USD. Si possono, inoltre, assegnare regole e limiti di spesa in tempo reale e autorizzare la ricarica automatica delle carte. I pagamenti contactless sono disponibili anche associando le carte a Apple e Google Pay.

Tipi di carte prepagate per dipendenti Soldo

Le tipologie di carte prepagate aziendali proposte da Soldo sono:

  • carte per singoli utenti: permettono ai dipendenti di utilizzare i fondi assegnati per le spese aziendali;
  • carte multiutente: permettono ai team di gestire le spese condivise attingendo ad un budget comune;
  • carte carburante: assegnate a singoli dipendenti o legate a un veicolo aziendale;
  • carte virtuali: cono consigliate per acquisti online occasionali, restano attive per 7 giorni ed è possibile impostare un numero massimo di pagamenti.

Tutte le carte Soldo si appoggiano al circuito internazionale MasterCard.

I costi

Per ottenere le carte prepagate è necessario un abbonamento a Soldo. I piani disponibili sono:

  • Standard: €21 al mese Iva esclusa, include tre utenti e funzionalità di base;
  • Plus: €33 al mese Iva esclusa, include tre utenti e risponde a esigenze più complesse.

2. Wallester

Wallester

Il la piattaforma online Wallester è uno strumento molto utile per le aziende perché permette di emettere carte aziendali per i dipendenti per organizzare al meglio le spese.

Wallester è una piattaforma di moneta elettronica multifunzionale che permette di emettere in tempo reale:

  • carte di credito;
  • carte di debito;
  • carte prepagate;
  • carte usa e getta virtuali.

Le carte prepagate di Wallester si possono ottenere sia in formato fisico che virtuale e permettono di effettuare pagamenti contactless, con Apple Pay, Google Pay e gli altri servizi di pagamento elettronico o tramite smart watch.

Tali carte possono, inoltre, essere abilitate ai prelievi presso gli ATM. Con la carta prepagata aziendale di Wallester i dipendenti possono effettuare pagamenti non in contanti in modo rapido e sicuro nei limiti del saldo disponibile.

La carta non è legata a un conto o ad una linea di credito, infatti il saldo è limitato all’importo dei fondi precedentemente accreditati direttamente. Si fa quindi riferimento al circuito internazionale Visa. Possono essere scelte per diversi utilizzi, anche per un solo pagamento.

I costi

Per poter richiedere le carte prepagate Wallester bisogna sottoscrivere un abbonamento. Gli abbonamenti disponibili sono:

  • Free: 0€ al mese;
  • Premium: 199€;
  • Platinum: 999€;
  • Enterprise: costo personalizzato.

A questi costi si aggiungono, poi, le commissioni sulle operazioni. Ogni abbonamento mette a disposizione un certo numero di carte virtuali o fisiche, ma è possibile personalizzare il proprio pacchetto con l’abbonamento Enterprise.

3. Intesa Sanpaolo

Intesa Sanpaolo

Una banca che prevede la possibilità di emettere carte prepagate per i dipendenti è Intesa Sanpaolo.  

La Carta Prepaid di banca Intesa Sanpaolo è una carta prepagata aziendale che permette di controllare le spese e semplificarne la gestione ai dipendenti.

Le carte si possono ricaricare online e prevedono limiti di spesa elevati. Possono, inoltre, ricevere bonifici e hanno accesso a polizze assicurative dedicate.

In più, con la Carta Prepaid si può razionalizzare la gestione delle spese aziendali e scegliere se consentire il prelievo contanti alle casse veloci automatiche della banca.

I costi

I costi e le condizioni della Carta Prepaid di Intesa Sanpaolo sono i seguenti:

  • canone annuo: 18 euro;
  • limite massimo di spesa: 60.000 euro;
  • prima ricarica della carta: gratuita;
  • ricariche da ATM della banca: 1€;
  • ricarica da altre banche: 2€;
  • prelievi da ATM della banca: gratuiti;
  • prelievi da ATM di altre banche: 2€.

Quanto costa una prepagata per dipendenti

Ricapitolando, le spese legate alla gestione di una carta prepagata aziendale sono le seguenti:

  • costo di emissione: prezzo un una-tantum per la richiesta di ogni carta aggiuntiva, ad esclusione delle carte gratuite previste dal piano;
  • canone mensile: costo fisso mensile;
  • costo di ricarica: commissione su ogni ricarica effettuata.

Carte prepagate per dipendenti: tipologie

Le carte prepagate oggi come abbiamo visto sono disponibili in tantissime versioni. Una prima distinzione importante da fare sulle tipologie di carte prepagate per dipendenti da scegliere è quella tra:

  • carta prepagata con IBAN: può essere alimentata tramite bonifico poiché dotata di coordinate bancarie;
  • carta prepagata senza IBAN: può essere alimentata solamente dal conto da una specifica impostazione presente nell’home banking.

Si distinguono, poi, tra:

  • carte aziendali non nominative: sono carte intestate alla società e non al singolo dipendente e quindi possono essere utilizzate da diversi impiegati, soggetti e collaboratori;
  • carte aziendali nominative: sono carte intestate al singolo dipendente.

Infine, una terza distinzione da fare è quella tra:

  • carte fisiche: disponibili fisicamente e dotate di un chip per poter effettuare i pagamenti online e in negozio;
  • carte virtuali: disponibile solamente su dispositivi come smartphone o smartwatch per pagare dall’app della carta o associandola a strumenti come Apple Pay o Google Pay.

Vantaggi delle carte prepagate per dipendenti

Per concludere la guida, vogliamo evidenziale quali sono i vantaggi delle carte prepagate per i dipendenti. Prima di tutto sono semplici da utilizzare e semplificano l’iter burocratico, oltre ad eliminare i rimborsi spesa quando i dipendenti anticipano con i loro soldi le spese aziendali.

Con queste carte, inoltre, le aziende non devono più giustificare ogni singola spesa effettuata dal dipendente, semplificando di conseguenza anche la contabilità aziendale.

Le carte prepagate aziendali offrono anche maggiore tranquillità ai lavoratori, in quanto i dipendenti non dovranno più anticipare di tasca propria i soldi per far fronte alle spese.

Infine, molto importante è il discorso della trasparenza. Infatti, con le carte prepagate il titolare può controllare in tempo reale le spese che vengono effettuate. In più, le carte di credito aziendali prepagate e ricaricabili sono molto sicure, permettendo all’azienda di correre meno rischi collegati a clonazioni o furti.

Carte prepagate per dipendenti – Domande frequenti

Quali sono le carte prepagate aziendali?

Le carte prepagate aziendali sono carte di pagamento che possono essere dotate o meno di IBAN, ma che non attingono direttamente al conto corrente aziendale ma ad un fondo proprio, ricaricato dal conto, tramite bonifico o da altre carte prepagate.

Quali sono i vantaggi delle carte prepagate per dipendenti?

Le carte prepagate per dipendenti sono vantaggiose sia per le aziende, che hanno un maggiore controllo delle spese dei lavoratori, che per questi ultimi, che non dovranno più anticipare di tasca propria le spese aziendali.

Autore
Foto dell'autore

Ilenia Albanese

Esperta di finanza personale e lavoro digitale

Copywriter specializzata nel settore della finanza personale, con esperienza pluriennale nella creazione di contenuti per aiutare i consumatori e i risparmiatori a gestire le proprie finanze.

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di Partitaiva.it, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.