Bonus Irpef 2024 (ex bonus Renzi): a chi spetta il trattamento integrativo

Anche per il 2023 è riconfermato il Trattamento integrativo Irpef, con qualche piccola modifica ai limiti di reddito. Ecco cosa cambia per il 2023.

di Ilenia Albanese

Revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.

Adv

Trattamento integrativo Irpef
  • Il Trattamento integrativo Irpef, anche noto come ex bonus Renzi, è un bonus fino ad un massimo di 1.200 euro, che si aggiunge allo stipendio netto percepito dai lavoratori dipendenti e assimilati.
  • Il contributo in busta paga è a carico dello Stato, ma anticipato dai datori di lavoro, che lo riconoscono mensilmente al dipendente nella misura massima di 100 euro al mese (1.200 euro l’anno).
  • Il limite reddituale entro cui è riconosciuto il trattamento è di 28.000 euro. La misura massima del bonus però è riconosciuta ai lavoratori con redditi fino a 15.000 euro.

Il Trattamento integrativo Irpef è un bonus che è stato introdotto dalla Legge di Bilancio 2021, noto anche come Bonus Irpef o ex bonus Renzi.

Il contributo è un sostegno al reddito dei lavoratori dipendenti, riservato a chi ha un reddito inferiore a 40.000 euro. Dal 2021 ad oggi è cambiata la disciplina che regola il bonus. Infatti, a partire dal 1° gennaio 2022 il limite sul reddito è sceso a 28.000 euro in seguito all’introduzione delle nuove aliquote Irpef.

In più, per i lavoratori che percepiscono redditi superiori a 15.000 euro, ma inferiori a 28.000 euro, il bonus di 100 euro è previsto solamente in base ad un calcolo che tiene presenti le detrazioni fiscali spettanti.

Per verificare la presenza del bonus Irpef in busta paga basta individuare la voce “Trattamento integrativo L. 21/2020”, che indicherà la presenza del contributo. Ma vediamo nel dettaglio in cosa consiste questo trattamento integrativo, in che misura è riconosciuto e quali sono i soggetti che ne possono beneficiare.

Cos’è il trattamento integrativo Irpef

Il Trattamento integrativo Irpef, fino al 2020 noto come “bonus Renzi”, è un contributo che fa parte del decreto Cura Italia, introdotto a partire dal 2020.

Negli anni ha subìto diverse modifiche, passando prima da 80 euro a 100 euro mensili, e cambiando nome in bonus Irpef, come stabilito dalla Legge di Bilancio 2021. Il bonus viene erogato in busta paga dal datore di lavoro, che anticipa il bonus per conto dello Stato.

In più, a partire dal 2022, il bonus Irpef 2024 tiene conto anche delle imposte lorde, vale a dire delle tasse da pagare al lordo, oltre che delle detrazioni in busta paga nel calcolo del reddito.

Il trattamento integrativo è riconosciuto dallo Stato fino a un massimo di 1.200 euro annui. In più, dal 1° gennaio 2022 il limite di reddito per fruirne in misura massima è sceso da 28.000 a 15.000 euro.

Le variazioni sui limiti di reddito sono state giustificate dalle modifiche che hanno subìto gli scaglioni Irpef, che con la Legge di Bilancio 2022 sono state fissate a:

  • 23%, per i redditi annui fino a 15.000 euro;
  • 25%, per i redditi annui da 15.000 a 28.000 euro;
  • 35%, per i redditi annui da 28.000 a 50.000 euro;
  • 43%, per i redditi annui da 50.000 euro in poi.

I lavoratori che hanno percepito questo bonus devono tenerne conto in fase di dichiarazione dei redditi e, quindi, di compilazione del modello 730.

Trattamento integrativo Irpef novità

Trattamento integrativo Irpef: a chi spetta

Il bonus Irpef, o Trattamento integrativo Irpef, spetta ai lavoratori dipendenti o percettore di reddito assimilato. Rientrano tra i soggetti beneficiari anche:

  • soci lavoratori di cooperative;
  • lavoratori in cassa integrazione: con CIG ordinaria, CIG straordinaria, CIG in deroga, assegno ordinario ed assegno di solidarietà;
  • collaboratori con contratto a progetto o co.co.co;
  • stagisti e tirocinanti;
  • percettori di borsa di studio, di assegno o premio per studio;
  • lavoratori socialmente utili;
  • sacerdoti;
  • disoccupati in regime di indennità NASpI;
  • disoccupati in regime DIS-COLL;
  • disoccupati agricoli;
  • lavoratrici in maternità per congedo obbligatorio;
  • lavoratori in congedo di paternità.

Possono, inoltre, avere diritto al bonus:

  • i soci lavoratori delle cooperative;
  • i lavoratori atipici;
  • i lavoratori assunti con contratto co. co. co.;
  • borsisti, stagisti o chi svolge altra attività di formazione;
  • chi svolge un lavoro socialmente utile;
  • i revisori di società, amministratori comunali e addetti della PA.

Sono, quindi, esclusi i pensionati, i lavoratori autonomi e per gli incapienti.

Il bonus Irpef viene erogato direttamente in busta paga dal datore di lavoro, ovvero dai sostituti d’imposta.

Viene riconosciuto mensilmente (ad esempio 1.200 euro spalmati su 12 mesi) nella busta paga, per le prestazioni rese dal lavoratore e rapportate al periodo di lavoro.

Trattamento integrativo Irpef 2024: le novità

Per il 2024 è stato riconfermato il Trattamento integrativo Irpef, ma con qualche modifica. Il bonus fino a 1.200 euro verrà sempre riconosciuto per redditi annui fino a 28.000 euro. Tuttavia, l’importo massimo del bonus percepito varia in base al reddito. Infatti:

  • per redditi fino a 15.000 euro annui: lo Stato riconosce il bonus per intero, ossia di 1.200 euro annui;
  • per redditi tra i 15.000 euro e i 28.000 euro annui: il lavoratore dipendente percepisce la differenza tra le detrazioni e l’imposta lorda, sempre entro il limite di 1.200 euro.

Di conseguenza, un lavoratore che percepisce un reddito superiore a 15.000 euro, con detrazioni che ammontano a 2.000 euro e l’imposta lorda pari a 1.100 euro, avrà un “bonus Irpef” in busta paga di 900 euro mensili.

Invece, se le detrazioni sono pari a 2.000 euro e l’imposta lorda ammonta a 500 euro, il lavoratore avrà comunque diritto a percepire il bonus nella sua misura massima di 1.200 euro, e non di 1.500 euro.

Le detrazioni sono quelle relative a:

  • familiari fiscalmente a carico;
  • lavoro dipendente;
  • interessi su mutui contratti fino al 31 dicembre 2021;
  • rate relative alle detrazioni per spese sanitarie;
  • detrazioni edilizie per spese sostenute fino al 31 dicembre 2021.

È stata, invece, eliminata la detrazione fiscale per redditi da lavoro dipendente e assimilati. Per quanto riguarda il calcolo del reddito complessivo del lavoratore dipendente, non vengono considerati:

  • l’abitazione principale e delle relative pertinenze;
  • il reddito di cittadinanza;
  • gli assegni familiari;
  • l’assegno per il nucleo familiare;
  • l’assegno di maternità dello Stato;
  • il premio alla nascita (o bonus mamma);
  • l’assegno di natalità (o bonus bebè);
  • il bonus baby sitter.
Trattamento integrativo Irpef limite

Le nuove detrazioni per i lavoratori dipendenti

Con la Legge di Bilancio 2022 sono state stabilite nuove detrazioni per i lavoratori dipendenti. Infatti, in base alle fasce di reddito le detrazioni Irpef sono le seguenti:

  • per redditi fino a 15.000 euro: è prevista una detrazione di 1.880 euro (fino al 2021 era per i redditi fino a 8.000 euro);
  • per i redditi tra 15.000,01 e 28.000 euro: la detrazione è di circa 1.910 euro;
  • per i redditi tra 28.000,01 e 50.000 euro: la detrazione è di circa 1.910 euro;
  • per redditi oltre i 50.000 euro: non è prevista alcuna detrazione.

Trattamento integrativo Irpef: errori di calcolo in fase di conguaglio

Il bonus Irpef 2024 spettante al lavoratore è calcolato sulla base del suo reddito annuo lordo. Di conseguenza, è possibile verificare se è stato percepito il bonus nella misura corretta solamente a fine anno, ovvero in fase di conguaglio finale.

Infatti, possibile recuperare il trattamento integrativo non percepito attraverso la dichiarazione dei Redditi.

Durante l’anno potrebbero, inoltre, essere stati fatti alcuni errori. Nella fattispecie, vi sono due possibili casi in cui può essere stato commesso un errore di calcolo. I due casi sono i seguenti:

  • il Trattamento integrativo Irpef corrisposto mensilmente è inferiore a quello spettante: in tal caso, il dipendente riceve il rimborso dell’importo non percepito in busta paga;
  • il Trattamento integrativo Irpef corrisposto mensilmente è superiore a quello spettante: in tal caso il datore di lavoro tratterrà dalla busta paga l’eccedenza di quanto realmente spettante.

Per calcolare correttamente il trattamento integrativo spettante, i lavoratori dipendenti sono tenuti a compilare il rigo C14 del quadro C del modello 730.

Trattamento integrativo Irpef – Domande frequenti

Come capire se mi spetta il trattamento integrativo?

Il Trattamento integrativo Irpef, ex bonus Renzi, spetta ai lavoratori dipendenti e assimilati che percepiscono un reddito fino a 28.000 euro annui. Per verificare la presenza del bonus bisogna individuare la voce “Trattamento integrativo L. 21/2020” in busta paga.

Come recuperare il trattamento integrativo nel 730?

Puoi recuperare il trattamento integrativo Irpef non percepito in fase di dichiarazione dei redditi, compilando la Sezione V del quadro C modello 730/2023.

Chi deve restituire il trattamento integrativo?

Sono tenuti a restituire il Trattamento integrativo Irpef 2024 i lavoratori dipendenti che, durante l’anno, hanno erroneamente percepito un bonus superiore a quanto realmente spettante in base al reddito conseguito.

Argomenti Trattati:

Autore
Foto dell'autore

Ilenia Albanese

Esperta di finanza personale e lavoro digitale

Copywriter specializzata nel settore della finanza personale, con esperienza pluriennale nella creazione di contenuti per aiutare i consumatori e i risparmiatori a gestire le proprie finanze.
Fact-Checked
Avatar di Giovanni Emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 15 Ottobre 2023
Commercialista dal 🧗🏾‍♀️secondo millennio, innovatore professionale nel terzo millennio🏃🏾‍♂️. Il futuro della professione del commercialista nel mio ultimo libro "dalla società alla rete tra professionisti".

20 commenti su “Bonus Irpef 2024 (ex bonus Renzi): a chi spetta il trattamento integrativo”

  1. Buongiorno, ho un cud di 7400€ lavoro parti-time è in basta non ricevo il trattamento e nella dichiarazioni dei redditi né anche come mai?

    Rispondi
    • Buongiorno,
      per dare una risposta sarebbe necessario visionare tutta la documentazione. Le consigliamo di rivolgersi a un commercialista.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
    • Buongiorno,
      se l’importo delle Detrazioni derivanti da reddito da Lavoro dipendete sono inferiori all’imposta lorda, il trattamento integrativo è spettante.
      La circolare dell’agenzia delle Entrate la n. 4E del 2022 precisa “nell’ipotesi in cui il reddito complessivo non è superiore a 15.000 euro, qualora vi sia “capienza” dell’imposta lorda determinata sui redditi da lavoro dipendente e assimilati rispetto alle detrazioni da lavoro dipendente e assimilati; in tal caso, il trattamento integrativo è riconosciuto per un ammontare pari a 1.200 euro”

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
  2. Buongiorno, con un Reddito complessivo relativo all’anno 2022, di € 27.634,00 ed un importo totale delle detrazioni pari ad €uro 2.047,00, ho diritto in qualche misura al trattamento integrativo IRPEF per il 2022?
    Grazie.

    Rispondi
    • Buonasera,
      si dovrebbe verificare alla luce dei dati della dichiarazione dei redditi e della situazione reddituale complessiva.
      Grazie per averci scritto

      Rispondi
    • Buonasera,
      dipende se la dichiarazione dei redditi è un modello unico o un modello 730, in quest’ultimo caso il rimborso può avvenire nel giro di qualche mese.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
      • Buonasera,
        Il trattamento integrativo annuo spetta come segue:
        – reddito complessivo fino a 15.000 euro: 1.200 euro ( il lavoratore può optare di riceverlo in busta paga oppure di recuperarlo in sede di dichiarazione dei redditi)
        – reddito complessivo oltre 15.000 e fino a 28.000 euro: il trattamento integrativo spetta solo in presenza di imposta lorda inferiore alla somma delle detrazioni d’imposta ( carichi familiari- spese mediche- interessi mutui) Il lavoratore se spettante lo può ricevere in 730
        Se l’imposta lorda è inferiore alle suddette detrazioni (imposta “incapiente”), il trattamento integrativo spetta per un importo pari alla differenza tra le detrazioni e l’imposta lorda, nel limite annuo di 1.200 euro
        Grazie per averci scritto

        Rispondi
  3. Buonasera,
    nell’anno 2022 ho lavorato solo 3 mesi, con un reddito di lavoro dipendente CU di € 2.300,00 con un’imposta lorda di € 530,00 e detrazione da lavoro dipendente di € 422,00. Ho percepito il trattamento integrativo di circa € 270,00 spalmato nei 3 mesi di stipendio. Devo restituire il trattamento integrativo, tramite il 730 oppure mi spetta di diritto? Grazie per la risposta

    Rispondi
    • Buonasera,
      Il trattamento integrativo spetta in busta paga a coloro che hanno un reddito complessivo fino a 15 mila euro e laddove l’imposta lorda superi la detrazione per lavoro dipendente.
      Sono tenuti alla restituzione del Trattamento integrativo i contribuenti incapienti, ovvero coloro che registrano detrazioni IRPEF da lavoro dipendente maggiori rispetto all’imposta lorda dovuta.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
  4. Buongiorno
    Sono stata assunta per otto mesi nel 2022, dopo la dichiarazione dei redditi il
    mio Caf mi ha preparato F24 per restituire il trattamento integrativo in quanto non ero stata assunta per un anno intero, non mi risulta questo dettaglio, premetto che il mio reddito non superava i 9000.

    Rispondi
    • Buonasera,
      il diritto al trattamento integrativo scatta se le detrazioni superano l’imposta lorda. per maggiori chiarimenti può consultare la Circolare dell’Agenzia delle entrate la n. 4E del 2022.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
  5. Salve ho avuto nua discussione con il datore di lavoro nella busta paga mette il trattamento integrativo ma lui dice che non mi spetta ho chiesto di toglierlo se non mi viene dato da 6 anni questa storia va avanti la sua risposta? O così o vai a casa.cosa devo fare? I mie 2 colleghi la stessa cosa ma stanno in silenzio per paura di perdere il lavoro.grazie

    Rispondi
    • Buongiorno,
      le consigliamo di rivolgersi a un consulente del lavoro o un avvocato per valutare la sua posizione e, eventualmente, far valere dei diritti.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
        • Buongiorno,
          tra i beneficiari del trattamento integrativo l’inps include anche i percettori di Naspi; se sussistono i requisiti l’Inps procede all’erogazione, non occorre presentare alcuna domanda. Il calcolo viene effettuato sulla base dell’importo della prestazione Naspi erogata dall’Istituto previdenziale. E’ possibile visualizzare i pagamenti del Trattamento integrativo mediante l’accesso al proprio Fascicolo Previdenziale del Cittadino sul sito dell’INPS con le proprie credenziali.

          Grazie per averci scritto

          Rispondi
  6. Buonasera, io ho firmato per avere il trattamento integrativo a fine anno a congedo perché supero di poco i 15.000, quindi il primo scaglione, quanto potrò ricevere a fine anno come somma totale ?

    Rispondi
    • Buongiorno,
      se supera euro 15.000 potrà ricevere il trattamento integrativo in dichiarazione dei redditi.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di Partitaiva.it, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.