Cassa integrazione per due mesi: ultime ipotesi contro il caro energia

Arriva la cassa integrazione contro il caro energia. Ecco chi la può richiedere e quali costi si possono risparmiare con questa misura.

revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.
Cassa integrazione per due mesi: ultime ipotesi contro il caro energia
  • Sta per arrivare una misura per le imprese con due mesi di cassa integrazione gratuita per contrastare il caro energia.
  • Le imprese che la potranno richiedere rientrano in questi settori: automotive, agroindustria, ceramica, legno, siderurgia.
  • Per le imprese sta per arrivare un nuovo Decreto Bollette, con diverse misure per le imprese.

Due mesi di cassa integrazione per sostenere le imprese contro il caro energia. È questa, in estrema sintesi, l’ipotesi messa sul tavolo dal dimissionario Governo Draghi. La misura dovrebbe avere dei costi più contenuti rispetto a quella ordinaria: in altre parole verrebbe ripetuta l’esperienza maturata nel biennio 2020-21, quando il paese stava affrontando la pandemia Covid 19.

I lavoratori potrebbero essere messi in cassa integrazione, in modo che le aziende possano affrontare meglio i costi del caro energia. Il sussidio sarebbe concesso a cinque settori:

  • automotive;
  • agroindustria;
  • ceramica;
  • legno;
  • siderurgia.

I sindacati e parte della maggioranza chiedono, però, che l’accesso alla cassa integrazione per il caro energia possa essere ampliato anche ad altri settori. Una richiesta che, con ogni probabilità, potrebbe anche non avere un seguito, a causa dei costi troppo elevati che comporterebbe.

Nel caso in cui si dovesse optare per una cassa integrazione completamente ed interamente gratuita, significherebbe pesare sulle casse dello Stato per 800 milioni di euro circa.

Stando alle prime indiscrezioni, il provvedimento sulla cassa integrazione potrebbe finire direttamente all’interno del Decreto bollette, che stando alle indiscrezioni di stampa che stanno circolando, dovrebbe essere licenziato dal Consiglio dei Ministri giovedì o venerdì. Nel frattempo, l’Unione europea starebbe pensando a replicare il modello Sure.

Cassa integrazione all’interno del Decreto Bollette

Ad anticipare la notizia relativa alla cassa integrazione per due mesi contro il caro energia, è stato il quotidiano Il Sole 24 ore. Secondo le prime indiscrezioni il Governo Draghi avrebbe in mente di replicare lo schema già visto nello scorso marzo.

Questo significa che verrebbe riconosciuto l’aiuto unicamente ai settori che sono considerati maggiormente a rischio per gli importi delle bollette. Le aziende, che operano in questi segmenti, dovrebbero sostenere dei costi più contenuti per la cassa integrazione, che normalmente oscillano tra il 9% ed il 15% a seconda di quanto sia la sua durata.

È necessario ricordare, inoltre, che oggi come oggi, per poter attivare il Fondo per l’integrazione salariale è necessario pagare un’addizionale pari al 4% della retribuzione persa.

I sindacati e la maggioranza, però, starebbero premendo perché la cassa integrazione per il caro bollette sia estesa anche alle imprese che operano nel turismo e nel commercio, altrettanto colpite dall’inflazione.

Andrea Orlando, Ministro del Lavoro, ha però ricordato che sono già presenti degli strumenti simili per questo tipo di aziende. Nel frattempo, la Commissione Europea sarebbe già al lavoro per affrontare la crisi del gas, per cui si sta parlando di imporre un tetto massimo al prezzo.

Nel Decreto Bollette inoltre si lavora per allargare il credito di imposta a favore delle imprese energivore e non, e si discute della possibilità di introdurre una rateizzazione delle bollette di energia e gas per le PMI almeno per sei mesi.

Decreto energia contro caro bollette

Nuovo fondo europeo in arrivo

A livello europeo si starebbe discutendo sull’istituzione di un nuovo fondo, che possa servire a gestire questa particolare fase di difficoltà con il caro energia. La nuova misura sarebbe molto simile al fondo per il Coronavirus, del valore di 27 miliardi di euro.

L’ipotesi sarebbe quella di concentrare gli aiuti verso le imprese che, a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia, sono state costrette a ridurre il numero dei propri dipendenti o addirittura a licenziarli.

La proposta potrebbe finire già nel Decreto Bollette in arrivo in questa settimana. Per il momento, tra i partiti, c’è chi insiste sullo scostamento di bilancio, per rendere il fondo più corposo, e per inserire altri provvedimenti oltre a quelli attesi. Una delle proposte prevede anche di tagliare l’imposta sul valore aggiunto (Iva) sui beni di prima necessità.

Cassa integrazione: a rischio ci sono 3,5 milioni di posti di lavoro

Dietro alla proposta ed alla necessità di mettere in campo una cassa integrazione a costi ridotti c’è un vero e proprio allarme sociale. Sono a rischio qualcosa come 3,5 milioni di posti di lavoro: la Cig scontata permetterebbe di dare un po’ di respiro alle imprese del settore.

Come abbiamo visto si tratterebbe di una cassa integrazione gratuita, nel caso in cui gli imprenditori dovessero fermare la produzione a causa del caro bollette.

In un primo momento si pensava di prorogare la cassa integrazione per altri due mesi, senza che fosse necessario pagare tutte le addizionali previste dalla legge, che sono pari al 9%, al 12% ed al 15% a seconda della durata del sussidio, a cui si deve aggiungere il Fis che è pari al 4% della retribuzione persa.

Alla cassa integrazione si affianca anche la possibilità di rateizzare le bollette, ma per il momento le due misure vengono considerate alternative. 

Cassa integrazione caro energia – Domande frequenti

Quali sono le aziende che possono accedere alla cassa integrazione per il caro energia?

Il governo Draghi ha ipotizzato di riservare questa misura alle imprese di questi settori: automotive, agroindustria, ceramica, legno e siderurgia.

Quando dovrebbe durare questa nuova cassa integrazione?

La Cig caro energia dovrebbe avere una durata di due mesi. Tuttavia per il momento sono al vaglio diverse ipotesi contro il caro energia: ecco quali.

Come dovrebbe funzionare la nuova Cig caro energia?

Stando alle prime indiscrezioni trapelate in questi giorni, la Cig caro energia dovrebbe essere gratuita e funzionare come quella che era in vigore con la pandemia.

Fact-Checked
dottore commercialista giovanni emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 4 Ottobre 2022
Dottore commercialista specializzato in organizzazione e gestione dello studio professionale, consulenza direzionale e digitalizzazione dei processi. Nonostante sia un pianificatore nato, ha delle intuizioni geniali.
Autore
Foto dell'autore

Pierpaolo Molinengo

Giornalista

Ho una laurea in materie letterarie. Ho iniziato ad occuparmi di Economia fin dal 2002, concentrandomi dapprima sul mercato immobiliare, sul fisco e i mutui, per poi allargare i miei interessi ai mercati emergenti ed ai rapporti Usa-Russia. Scrivo di attualità, tasse, diritto, economia e finanza.

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.