Carta carburante per aziende in Italia: cos’è e a cosa serve

La carta carburante è uno strumento attraverso cui semplificare le spese aziendali. Le soluzioni disponibili sono diverse. Quali possono essere considerate le migliori? Leggi la classifica.

revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.
Carta carburante per aziende in Italia: cos’è e a cosa serve
  • La carta carburante per aziende è uno strumento di pagamento che ti permette di effettuare un rifornimento e ottenere subito la fattura elettronica.
  • Oggi sono presenti diverse tipologie di carte carburante, suddivise in base alle loro funzionalità e al sistema di pagamento che viene adottato;
  • Per scegliere quella che si adatta alle tue esigenze aziendali, è possibile confrontare diverse carte carburante.

Le trasferte e i rifornimenti sono più semplici se la tua attività imprenditoriale dispone di una carta carburante per aziende. Si tratta di uno strumento che combina da un lato un sistema di pagamento sicuro, e dall’altro la possibilità di gestire al meglio la contabilità.

Infatti, scegliere di utilizzare una carta carburante ti permette di ottenere un risparmio, oltre a disporre di un sistema digitale per avere un controllo diretto sui costi collegati ai rifornimenti di benzina, GPL, diesel  e per la ricarica delle auto elettriche. Inoltre, per alcune versioni di carte potrai anche pagare i pedaggi autostradali, oltre a utilizzarle per spese come il noleggio o in caso di assistenza.

Se hai deciso di modernizzare la tua impresa e gestire le tue risorse in modo digitale, ti basterà leggere il nostro articolo. Abbiamo raccolto tutte le informazioni utili su questo strumento con la classifica delle migliori carte carburante presenti oggi.

Cos’è la carta carburante per aziende

La carta carburante è un documento di tipo fiscale che va a sostituire la classica fattura. Nasce con lo scopo di documentare l’acquisto di ogni tipo di carburante per i veicoli commerciali o per quelli utilizzati dalla tua società per le trasferte. Quindi attraverso di essa potrai pagare il rifornimento di benzina, gasolio, GPL, metano, e oggi anche la ricarica presso una colonnina elettrica.

Come puoi intuire dal nome, disporrai di una vera e propria tessera, simile a una carta di credito, e in alcune versioni è aderente ai principali circuiti di pagamento come MasterCard e VISA. Può essere fisica, oppure avrai la possibilità di disporre di una versione virtuale da collegare al tuo smartphone.

Questo è uno strumento che negli ultimi anni ha ottenuto un certo successo con lo sviluppo di diversi modelli. E ha portato a differenziare le categorie delle carte in base alla tipologia di operazioni e al sistema di pagamento. Nel primo caso si distingue tra:

  • carta carburante universale: viene rilasciata da istituti di monete elettronica specializzati e può essere utilizzata in tutti i benzinai;
  • brandizzata: è una versione legata al marchio di una specifica rete di rifornimento;
  • tipologia multi-card: questo modello permette di essere impiegato sia per effettuare i rifornimenti, sia per altre tipologie di pagamenti.

L’altra distinzione riguarda il sistema di pagamento. In questo caso potrai disporre di:

  • carta di debito;
  • carta prepagata;
  • buono carburante.

Come funziona la carta carburante per aziende

Il funzionamento delle tessere carburante è simile a quella di una normale carta di credito aziendale. Infatti, quando effettui un acquisto, non dovrai fare altro che avvicinare lo strumento al POS del benzinaio ed effettuare il pagamento. La transazione sarà accettata solo se disponi di un importo pari o superiore a quello previsto dall’operazione.

In alcune versioni, come quelle di debito, la tessera è collegata direttamente a un conto corrente bancario aziendale. Ciò significa che si avrà un addebito diretto. Invece, le carte carburante prepagate prevedono un plafond indipendente presente sulla carta, che potrà essere trasferito su di essa in base alle tue esigenze.

Infine, nella versione buono carburante, ti verrà rilasciato un importo al momento dell’acquisto dello strumento da utilizzare solo ed esclusivamente per i rifornimenti. Come puoi notare, le tipologie di carta carburante aziendale sono diverse. Il grande vantaggio del possederle è la possibilità di semplificare la gestione dei pagamenti, con una registrazione in modo elettronico di ogni spesa sostenuta per il rifornimento di carburante.

Altro grande beneficio è quello legato alla fattura unica di tipo elettronico che dà la possibilità di controllare ogni tipo di rifornimento, e può essere scaricata online, a titolo gratuito, ogni volta che hai necessità. Inoltre, vi sono alcune versioni che permettono di collegare la carta a uno o più veicoli, in modo da avere un quadro preciso dei costi di utilizzo e di ogni singola trasferta.

In questo modo avrai la possibilità di semplificare la gestione contabile della tua attività e rispettare gli obblighi di legge riguardanti i pagamenti aziendali digitali. Infine, attraverso le pratiche app o le piattaforme online, avrai un aggiornamento in tempo reale su ogni movimento economico e non andrai incontro al rischio di contestazione per sgravio fiscale ed errori.

carta carburante e partita iva

Come richiedere la carta carburante: la Partita IVA

Per poter chiedere una carta di questo tipo, si può procedere in diversi modi:

  • direttamente presso un benzinaio;
  • online.

Nel primo caso, potrai rivolgerti a uno dei punti vendita dei singoli brand autorizzato al rilascio della carta carburante. Ovviamente in questa particolare circostanza avrai la possibilità di ottenere una versione brandizzata, per esempio di una catena come Q8, IP, Esso o Eni.

Invece, l’opzione online ti offre la possibilità di accedere a piattaforme come Soldo, Qonto e DKV, che ti permettono di ottenere una versione universale e quindi utilizzabile presso qualunque benzinaio.

In ambedue i casi è necessario disporre di una Partita IVA. Se non hai ancora un certificato IVA e vuoi sviluppare la tua impresa nel rispetto delle norme di legge, puoi leggere la nostra guida su come aprire la Partita IVA.

In questa prospettiva, può essere utile disporre di una consulenza da parte di uno studio di commercialisti in modo da valutare la tipologia di forma societaria, oltre alle scelte necessarie per il tuo business, come il codice ATECO la tipologia di regime fiscale e quello contributivo.

Esistono anche carte carburante per privati? La risposta a questo quesito è affermativa. Per esempio, potrai richiedere una carta carburante ENI, senza la necessità di avere una Partita IVA, o anche definita buono carburante, disponibile in tagli dai 25€ fino a un massimo di 150€. L’utilizzo di questa versione di tessera è esclusivo per effettuare i rifornimenti. Una volta che esaurisci il plafond, sarà necessario acquistarne una nuova.

Quali sono i costi della carta carburante

Generalmente la carta carburante non ha costi di gestione e utilizzo fissi. Devi però distinguere tra le versioni universali e quelle brandizzate. Nel primo caso, la registrazione è gratuita, ma si prevede un costo iniziale di rilascio e la necessità di scegliere un piano di abbonamento con un canone mensile variabile.

Invece, quelle rilasciate direttamente dai distributori, richiedono solo il versamento iniziale dell’importo che sarà ricaricato sulla carta, senza altre tipologie di costi. In ambedue i casi, il costo delle transazioni è gratuito, dato che non si applicano commissioni di pagamento. Inoltre, potrai ottenere anche un risparmio, dato che alcuni brand ti offrono uno sconto ulteriore sul loro utilizzo.

L’unico limite, se vogliamo chiamarlo così, è legato al fatto che per legge, l’utilizzo della carta carburante aziendale è esclusivo. Questo significa che potrai eseguire solo pagamenti collegati ai rifornimenti o quelli inerenti alle trasferte. Ad esempio è previsto il pedaggio, il noleggio di un veicolo o le spese di assistenza o di pezzi di ricambio. Per questo diventa fondamentale sin dall’inizio valutare quali sono le migliori carte carburante aziendali.

Le migliori carte carburante aziendali

Oggi quasi tutti i principali brand collegati al mondo dei carburanti, se disponi di Partita IVA, ti offrono la possibilità di richiedere una carta carburante. Inoltre, grazie alla digitalizzazione e al web, sono diverse le piattaforme specializzate attraverso cui gestire al meglio la tua attività d’impresa e che presentano tra i diversi servizi anche  una tessera per i rifornimenti.

Scegliere tra tutte le offerte non è facile. Per semplificare questo processo, di seguito abbiamo riportato alcune delle migliori carte carburante per aziende disponibili oggi.

Carta carburante Qonto

Qonto è una piattaforma collegata alla società Olinda SAS, un istituto di pagamento digitale riconosciuto dalla Banca di Italia e da quella di Francia. Disporrai di un conto aziendale, adatto ai professionisti e alle PMI (Piccole e Medie Imprese) con IBAN italiano e un sistema multi carta. Ti basterà disporre di Partita IVA e registrarti, scegliendo una tra le tre forme di abbonamento: Basic, Smart e Premium.

Tipologia carta carburante Qonto

Per ogni conto avrai la possibilità di richiedere una o più carte MasterCard da affidare ai dipendenti, comprese quelle carburante. Ecco quali sono le versioni:

  • Carta One
  • Carta Plus;
  • Carta X.

Sono dei modelli universali, ciò significa che potrai utilizzarle per effettuare i rifornimenti presso qualunque stazione di benzina. In questo modo avrai la possibilità di scegliere il prezzo più basso e risparmiare. Inoltre, in base alla tipologia di tessera, avrai accesso a una serie di servizi aggiuntivi, come assicurazioni per i viaggi, servizio di noleggio auto e protezione contro eventuali frodi.

Carta carburante universale: Soldo

Tra le migliori carte carburante per aziende puoi considerare anche di richiedere la Soldo Drive: uno strumento collegato all’omonimo istituto di moneta elettronico, regolarmente autorizzato dalla Banca d’Irlanda e dal Financial Service Ireland.

Avrai accesso a una piattaforma multi utente attraverso cui potrai gestire in modo intuitivo le spese aziendali. Infatti, disporrai di un conto digitale con IBAN da cui potrai impostare tutte le singole funzionalità delle tessere.

Carta carburante Soldo

Infatti, avrai l’opportunità di stabilire l’importo da caricare su di esse, il limite di spesa giornaliero e quali pagamenti potranno essere effettuati. Infine, avrai il pieno controllo di tutti i movimenti in tempo reale.

Carta carburante per aziende DKV

La carta carburante DKV si inserisce tra quelle versioni universali attraverso cui effettuare un rifornimento presso i migliori brand petroliferi. Ciò è possibile grazie alla partnership con società come Esso, Q8, Repsol, IP e Tamoil per citare quelli più conosciuti,  con più di 66.000 stazioni in Europa di cui solo 10.000 in Italia.

Il costo è gratuito e non dovrai versare un canone mensile. Ti basterà avere la Partita IVA per completare la richiesta direttamente online. Quali sono i vantaggi di questa carta? Potrai utilizzarla per:

  • rifornimenti di carburante;
  • lavaggi auto;
  • pagamento delle formalità doganali;
  • riparazioni in viaggio;
  • acquisto di pneumatici;
  • noleggio auto;
  • assistenza stradale;
  • pagamento del pedaggio.

Infine, attraverso la comoda applicazione, potrai controllare ogni singola transazione e ricevere immediatamente le fatture digitali, da inviare al tuo commercialista.

Carta carburante DKV

Carta carburante Q8

Passiamo ad analizzare una delle migliori versioni brandizzate. Se spesso fai rifornimento presso una pompa Q8, la soluzione è scegliere di sottoscrivere una carta carburante di questa azienda. Avrai due opzioni:

  • CartissimaQ8;
  • RecardQ8;
  • buono per privati.

La CartissimaQ8 è una carta elettronica che ti permette di gestire al meglio i pagamenti, con l’opzione di effettuare l’addebito immediato oppure dilazionarlo, ottenendo la fattura elettronica diretta. Potrai gestire tutta la flotta dei tuoi autisti associando la carta ai diversi veicoli e al contempo ottenere anche una serie di vantaggi commerciali.

Inoltre, per avere un controllo delle spese, potrai anche optare per la versione RecardQ8, una carta prepagata che dispone di un wallet elettronico su cui potrai versare l’importo da spendere utilizzando il servizio PayPal oppure un IBAN Bancario. Infine, disporrai di un buono che potrai sottoscrivere, anche senza Partita IVA, e di importo variabile in base alle tue esigenze.

Carta carburante IP

Flessibilità nei pagamenti, personalizzazione del plafond e massima sicurezza negli acquisti, sono alcuni dei fattori che rendono la carta carburante IP una valida scelta per gestire i rifornimenti aziendali. Disporrai di una versione fisica e di una digitale che potrai richiedere online, oppure direttamente presso il rivenditore.  

Tra i suoi principali vantaggi, avrai l’opportunità di stabilire dei limiti di spesa giornalieri, mensili o settimanali. Inoltre, potrai controllare ogni attività dalla pratica app. Infine, avrai la possibilità di utilizzarla anche per il pagamento dei pedaggi, l’acquisto di biglietti per i traghetti Caronte e per i parcheggi abilitati.

Carta carburante IP

Carta carburante Esso

Potrai impiegare la carta carburante Esso in oltre 12.985 stazioni a cui potrai aggiungere altre 7.900 pompe se aderisci al servizio DKV in partnership con questo brand. Questa è una carta adatta se hai un’attività di autotrasportatore, di libero professionista e ti sposti molto, oppure disponi di un flotta aziendale.

Grazie ad essa avrai il controllo di tutte le spese in tempo reale, scegliendo i limiti per ogni carta e la tipologia di pagamenti che potranno essere effettuati. Infine, avrai l’opportunità di avere sempre a disposizione la mappa con tutte le stazioni Esso più vicine alla tua posizione, in modo da valutare quando effettuare il rifornimento.

Carta carburante per aziende – Domande frequenti

Quale carta carburante conviene?

Per scegliere quale carta carburante utilizzare, vanno analizzate le diverse tipologie disponibili. Potrai trovare le caratteristiche delle migliori carte carburante per aziende in Italia nel nostro articolo.

Quanto costa la carta carburante in Italia?

Il costo della carta carburante per aziende in Italia non prevede un prezzo di base per le versioni brandizzate, mentre per quelle universali si richiede un canone mensile.

 
Come funziona la carta carburante per Partita IVA?

Quando effettui un rifornimento con la carta carburante per aziende la spesa verrà registrata in maniera diretta sul tuo conto aziendale, con il rilascio della fattura digitale.

Fact-Checked
dottore commercialista giovanni emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 6 Luglio 2022
Dottore commercialista specializzato in organizzazione e gestione dello studio professionale, consulenza direzionale e digitalizzazione dei processi. Nonostante sia un pianificatore nato, ha delle intuizioni geniali.
Autore
Foto dell'autore

Gennaro Ottaviano

Esperto di economia aziendale e gestionale

Laurea in Economia Aziendale presso il Politecnico di Lugano, appassionato di borse, mercati e investimenti finanziari. Ho competenze di diritto e gestione societaria, con esperienze amministrative. Ho lavorato per la testata Money.it, oggi scrivo di diritto, economia, finanza, marketing e gestione delle imprese.

© Riproduzione riservata

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.