Business online: cos’è, come funziona e come iniziare da zero

Il business online è un tipo di attività che si svolge sul web e che comporta, quindi, importanti vantaggi, come la riduzione dei costi. Scopri la guida per avviare un nuovo business online e le migliori idee del momento.

di Ilenia Albanese

Adv

business online
  • Il business online è un tipo di attività economica che si svolge interamente sul web e che utilizza internet per crescere.
  • Il vantaggio di avviare un business online è che può portare a risultati in modo più rapido, soprattutto se si fanno degli investimenti economici di successo.
  • Un business online offre una maggiore flessibilità rispetto a quello tradizionale e può essere gestito ovunque. Basta avere una connessione ad internet.

Un business online è un tipo di attività che offre una serie di vantaggi rispetto al business tradizionale. Ad esempio, permette di raggiungere un pubblico globale, è disponibile 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, oltre al fatto che prevede costi più bassi per l’avvio e la gestione dell’attività.

Tuttavia bisogna considerare anche alcuni svantaggi: non è in realtà così semplice avviare un’attività online. Infatti, nonostante gli importanti vantaggi, bisogna anche considerare altri aspetti fondamentali come l’organizzazione, i costi, l’idea da sviluppare e tanto altro ancora.

In questa guida vedremo non solo in cosa consiste il business online e le differenze rispetto al business tradizionale, ma capiremo anche quali sono i passaggi necessari per avviare un nuovo business e gli errori da evitare.

Business online: cos’è e come funziona

Prima di capire come avviare un business online, è bene dare una definizione a questo tipo di attività. Si tratta, infatti, di un’attività di vendita e marketing di beni o servizi attraverso Internet. È un tipo di attività che può essere svolta da aziende di qualsiasi tipo e dimensione.

Ad oggi vi sono diversi modi per avviare un business online, ma tra i più comuni c’è quello di creare un sito e-commerce.

A differenza dal business tradizionale, quello online utilizza Internet per la vendita di servizi e prodotti, di conseguenza occorre creare un sito web e-commerce o affidarsi a piattaforme marketplace già esistenti. È, inoltre, necessario sviluppare efficienti strategie di marketing per raggiungere gli obiettivi.  

pleo business

I vantaggi di un business online

business online come funziona

Oggi sempre più imprenditori decidono di avviare business online. Questa tendenza è giustificata dai vantaggi che porta lo sviluppo di un’attività su Internet. Infatti, i principali vantaggi del business online sono i seguenti:

  • maggiore portata: il business online può facilmente raggiungere un pubblico globale, 24 ore su 24, 7 giorni su 7;
  • costi minori: il business online è un’ottima soluzione per ridurre i costi di gestione, come quelli per l’affitto di un negozio, del personale e della pubblicità;
  • maggiore flessibilità: questo tipo di business, che si basa sul web, può essere gestito da qualsiasi luogo, in qualsiasi momento, basta avere una buona connessione ad Internet.

Business online da zero: aspetti burocratici

Per quanto possa sembrare facile avviare un business sul web, è necessario non dimenticare gli aspetti burocratici che ne derivano. Infatti, come per qualsiasi altro tipo di attività commerciale, anche per le attività online bisogna rispettare alcune regole.

Occorre, quindi, seguire un preciso iter burocratico prima di avviare un’attività di questo tipo, rispettando tutti gli adempimenti fiscali previsti dalla normativa vigente. Questi obblighi variano in base alla forma giuridica dell’azienda, al volume di affari e al paese in cui l’attività viene svolta.

In Italia, le attività commerciali online devono registrarsi al Registro delle Imprese e aprire la partita IVA. Inoltre, devono versare le imposte sui redditi e sui consumi, come l’IVA e l’IRPEF.

I contribuenti che hanno un reddito imponibile annuo inferiore a 85.000 euro possono optare per il regime forfettario, che prevede un’imposta sostitutiva del 5% o del 15% sul reddito imponibile.

In più, gli imprenditori che decidono di vendere i prodotti o i servizi all’estero devono anche dichiarare le imposte nei paesi in cui operano. In genere, gli obblighi fiscali e burocratici da rispettare al momento in cui si avvia un nuovo business sono i seguenti:

  • apertura di una partita IVA;
  • iscrizione al Registro delle Imprese;
  • apertura della posizione all’INPS;
  • versamento delle imposte sui redditi;
  • versamento dell’IVA;
  • versamento dell’IRPEF;
  • dichiarazione delle imposte nei paesi in cui si opera;
  • versamento dei contributi previdenziali.

Per evitare di commettere errori o dimenticare di rispettare gli adempimenti previsti, è consigliabile affidarsi ad un commercialista specializzato in business online.

Apertura della Partita IVA e SCIA

Se l’attività di vendita online è regolare e continuativa, è obbligatorio  aprire Partita IVA. Per farlo basta compilare il modello AA7/10 o AA9/12 entro 30 giorni dall’inizio effettivo dell’attività.

Il modello si potrà inviare mediante Entratel direttamente dai soggetti interessati, o in alternativa dai soggetti abilitati, o ancora attraverso Comunicazione Unica (ComUnica).

business online partita iva

Per l’apertura della partita IVA bisogna, inoltre, individuare il giusto codice ATECO corrispondente all’attività svolta. Nel caso dell’e-commerce il codice ATECO di riferimento è il seguente:

  • Codice Ateco 47.91.10: “Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet”.

A questo punto andrà anche scelto il regime contabile da adottare e, se si rispettano i requisiti, si può adottare il regime forfettario, che comporta un risparmio sulle imposte e i contributi.

Per comunicare l’avvio dell’attività è anche obbligatorio presentare la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) sempre mediante Comunicazione Unica entro 30 giorni dall’inizio dell’attività. Inoltre, per essere abilitata ad effettuare operazioni all’estero, l’attività deve anche essere iscritta al VIES.

hype business

Come avviare un business online

Per avviare un business online, oltre agli adempimenti burocratici e fiscali che abbiamo appena visto, è importante anche scegliere con attenzione il tipo di business e fare le necessarie ricerche. È anche indispensabile pianificare attentamente il business per non tralasciare dettagli importanti.

È anche fondamentale assicurarsi di avere una buona strategia di marketing per raggiungere i nuovi potenziali clienti. Per avviare un business online, quindi, ecco alcuni passaggi fondamentali da seguire:

  • scelta del prodotto o servizio che può essere proposto sul mercato;
  • ricerche per conoscere il mercato per il prodotto o servizio da vendere;
  • creazione del sito web, e-commerce o gestione di un marketplace online;
  • sviluppo di una buona strategia di marketing per raggiungere i potenziali clienti;
  • dotarsi di un ottimo servizio clienti.

Quanto costa avviare un business online

Abbiamo già detto che un business online comporta costi più contenuti rispetto ad un business tradizionale. Tuttavia, non si tratta di un’operazione gratuita.

Aprire e gestire questo tipo di business comporta una serie di costi. Di seguito abbiamo elencato i principali costi legati ai business dotati di un e-commerce:

  • diritto camerale;
  • costo per il dominio;
  • abbonamento per il servizio di hosting;
  • acquisto della merce;
  • commissioni bancarie;
  • costo per web designer, fotografi, copywriter e programmatori;
  • commercialista;
  • acquisto o locazione di un magazzino (non prevista in caso di dropshipping);
  • costo per grafiche, pubblicità e marketing.

Di conseguenza, il costo medio per avviare un’attività online può anche arrivare a superare i 15.000 euro. Nonostante Internet abbia ridotto notevolmente le spese necessarie per investire in un nuovo business, avviare un’attività senza costi potrebbe non portare ai risultati sperati.

Per questo è consigliabile investire in modo ragionato nelle principali attività, come l’acquisto di un dominio e lo sviluppo di un buon sito e-commerce.

edenred ticket restaurant

Business online più redditizi

business online ecommerce

Avviare un business online apre ad un numero infinito di possibilità. Oggi quasi qualsiasi cosa si può trovare online, ma il rischio è quello di avviare qualcosa che esiste già, senza portare alcun valore aggiunto.

Per questo motivo, il primo passo per trovare la giusta idea è quella di porsi una semplice domanda: qual è il valore che potrai portare sul mercato?

Una volta individuata la giusta idea, è anche indispensabile acquisire le competenze necessarie e, ove necessario, frequentare corsi o persino università per ottenerle. Ma ecco di seguito tre idee per avviare un nuovo business online.

1. Creare un sito web o blog

Per chi ha una passione o un interesse particolare, creare un sito web o blog per condividere le proprie conoscenze con gli altri può essere un’ottima idea di business.

Si può monetizzare il sito web o blog tramite pubblicità, affiliazioni o vendita di prodotti o servizi. Tra le figure più recenti troviamo quella del fashion blogger e del travel blogger. Si può monetizzare tramite pubblicità, operazioni di marketing e sponsorizzazioni.

2. Aprire un e-commerce

Per chi ha talento nella vendita, avviare un’attività di e-commerce è un’ottima soluzione. Attraverso i siti e-commerce si possono vendere prodotti creati in prima persona online, o prodotti che hai acquistato da altri venditori.

È anche possibile scegliere tra altre alternative, tra cui il dropshipping, creare un proprio sito web, o ancora lavorare per affiliazioni, ad esempio con Amazon FBA.

3. Lavorare come freelance

Avere delle competenze specifiche è un ottimo punto di partenza per avviare un nuovo business. Infatti, con Internet è ancora più facile offrire i propri servizi come freelance. In questo modo si può lavorare da remoto e trovare clienti in tutto il mondo.

Tra i lavori più richiesti in questo settore ci sono: social media manager, web designer e SEO specialist. Ma anche chi è esperto in una materia può proporre delle lezioni online, anche con il supporto di apposite piattaforme già esistenti.

Business online – Domande frequenti

Quali sono i migliori business online?

Tra i business online più comuni ci sono: i blog e i siti web specializzati in particolari argomenti, siti di e-commerce per la vendita di prodotti o servizi, e attività di freelance, tra cui social media manager, web design e SEO specialist.

Come avviare un business online?

Per avviare un business online occorre scegliere il prodotto o servizio da proporre, effettuare delle ricerche di mercato, creare un sito o utilizzare un marketplace, aprire la partita IVA e rispettare gli adempimenti burocratici. Leggi l’articolo per conoscere tutti i passaggi.

Cosa si fa nel business online?

Il business online è un tipo di attività che si svolge grazie a Internet. Consiste nella vendita di beni o servizi mediante il web e offre una serie di vantaggi, tra cui costi più contenuti rispetto ai business tradizionali e maggiore flessibilità.

Autore
Foto dell'autore

Ilenia Albanese

Esperta di finanza personale e lavoro digitale

Copywriter specializzata nel settore della finanza personale, con esperienza pluriennale nella creazione di contenuti per aiutare i consumatori e i risparmiatori a gestire le proprie finanze.

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.