Bonus benzina da 80 euro in arrivo sulla Carta Dedicata a Te: ecco come funziona

Arriva il bonus benzina da 80 euro: nelle prossime settimane verrà accreditato alle famiglie in possesso della Carta Dedicata a Te. Ecco come funziona.

di Pierpaolo Molinengo

Revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.

Adv

bonus benzina come funziona
  • Arriva il bonus benzina per 1 milione e 300.000 famiglie, ad ottobre 2023.
  • L’importo del bonus benzina è stato confermato a 80 euro.
  • La somma della nuova misura viene caricata sulla Carta Spesa Dedicata a te.

Il bonus benzina è un sostegno atteso da tempo e che sta arrivando ad almeno 1 milione e 300.000 famiglie in Italia. Ridimensionato rispetto alle prime bozze che erano circolate, la nuova misura è riservata alle famiglie titolari della Carta Spesa Dedicata a te

Il Governo ha deciso quindi di stanziare il nuovo contributo, pari ad 80 euro, visto il perdurare degli aumenti dei carburanti di questi mesi.

Il bonus benzina rientra nel pacchetto delle misure, tra le quali la proroga del bonus bollette, per rispondere agli aumenti di prezzo dell’ultimo periodo. Ma vediamo come funziona la nuova iniziativa.

Cos’è il bonus benzina

Lo scorso 25 settembre 2023 si è tenuto il Consiglio dei Ministri, nel corso del quale è stato approvato il Decreto Energia, in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, con il quale sono stati introdotti:

  • il bonus benzina, costituito da un contributo diretto alle famiglie con basso reddito per acquistare carburante;
  • il bonus trasporti, che serve per acquistare biglietti o rinnovare l’abbonamento ai mezzi di trasporto pubblico.

Per quanto riguarda il bonus benzina, è stato previsto un contributo statale che viene versato direttamente nella Carta Spesa Dedicata a Te già in possesso delle famiglie.

Tramontata invece l’ipotesi di un nuovo taglio delle accise sui carburanti, scartata dall’attuale governo. Sull’importo complessivo del bonus, si tratta di una cifra di 80 euro spendibili per rifornire il veicolo di carburante.

tot business

Decreto Energia e bonus benzina

Ad anticipare l’ipotesi del bonus benzina era stato, a fine luglio, Adolfo Urso, Ministro delle Imprese e del Made in Italy, il quale aveva sottolineato che la misura sarebbe stata introdotta nel caso in cui i costi del carburante avessero superato i due euro al litro.

La situazione pronosticata si è verificata nel corso di queste settimane, anche a seguito del taglio della produzione del greggio che è stato deciso dai paesi aderenti all’Opec.

Per contrastare il caro carburante, il Governo ha completamente escluso l’atteso taglio delle accise, attraverso il quale si sarebbe potuto ridurre il prezzo della benzina di almeno 30 centesimi al litro. Il provvedimento avrebbe un costo troppo alto, che si potrebbe aggirare intorno ai 13 miliardi di euro.

In questo caso, almeno secondo la maggioranza, a beneficiare di questo taglio sarebbero stati esclusivamente i ceti più abbienti, che di per sé non hanno bisogno di aiuti.

L’Esecutivo ha quindi deciso di optare per una soluzione riservata esclusivamente ai redditi più bassi: una scelta, comunque vada, che comporta dei costi amministrativi ed organizzativi più contenuti.

Bonus benzina: a chi è destinato

In un primo momento si era pensato di erogare un contributo alle famiglie per sostenere i costi del carburante pari a 150 euro. La misura doveva essere riservata alle famiglie con un Isee inferiore a 25.000 euro e sarebbe stata, eventualmente, rinnovata a dicembre.

Nel caso in cui si fosse optato per questa misura, i costi sarebbero stati troppo alti, si parla di un importo intorno ai 2 miliardi di euro, a fronte di risorse troppo esigue attualmente a disposizione.

Attraverso il Decreto Energia è stato previsto, invece, un budget complessivo pari a 100 milioni di euro. A ricevere il bonus benzina sono le famiglie che hanno ricevuto la Carta Spesa Dedicata a Te. Stiamo parlando dei nuclei familiari con un Isee inferiore a 15.000 euro, che sono stati individuati dall’Inps e dai Comuni di residenza.

bonus benzina 80 euro

L’importo del bonus benzina è pari ad 80 euro, e viene erogato in questi giorni. Considerando le risorse messe a disposizione, che come abbiamo detto in precedenza sono pari a 100 milioni di euro, e a fronte dei 1,3 milioni di beneficiari della card, attraverso la quale viene erogato il contributo, l’importo non supererà questa cifra.

Ricordiamo che la Carta Dedicata a Te ha già ospitato precedentemente il bonus una tantum da 382,50 euro per sostenere le famiglie più in difficoltà di fronte all’aumento dei prezzi causato dall’inflazione, e in queste settimane ospiterà anche il bonus carburanti.

Chi è escluso dal bonus benzina

Alcune famiglie non potranno ricevere il bonus benzina: la loro situazione, infatti, le rende incompatibili con la carta risparmio spesa. Non potranno accedere alla misura quanti risultino essere titolari delle seguenti misure:

  • reddito di cittadinanza;
  • assegno di inclusione;
  • chiunque sia titolare di qualsiasi altra misura di inclusione sociale o sostegno alla povertà;
  • percettori della NASPI o della DIS-COLL;
  • chi riceve le indennità di mobilità;
  • chi ha avuto accesso ai fondi di solidarietà per l’integrazione del reddito;
  • chi percepisce la cassa integrazione guadagni, CIG.

Bonus benzina – domanda frequenti

Quali sono i soggetti che hanno diritto ad accedere al bonus benzina?

Il bonus verrà accreditato ai titolari della Carta Spesa Dedicata a te, che è stata erogata ai nuclei familiari con un Isee inferiore a 15.000 euro.

Quando verrà erogato il bonus benzina?

Il bonus benzina è attivo, per cui l’erogazione avverrà sulla Carta Dedicata a Te nelle prossime settimane di ottobre 2023.

Ci sono dei soggetti che non possono ricevere il bonus benzina?

Sì, alcuni soggetti ne sono completamente esclusi. Tra questi rientrano quanti percepiscono il reddito di cittadinanza o altri sussidi di supporto al reddito.

Come ottenere il bonus benzina 2023?

Il bonus benzina potrà essere percepito tramite la Carta Dedicata a Te, rivolta alle famiglie con ISEE basso.

I percettori di reddito di cittadinanza possono ricevere anche il bonus benzina?

No, i percettori di RdC, o della nuova misura sostitutiva, non potranno ricevere anche il bonus benzina. Scopri qui gli altri casi di esclusione.

Autore
Foto dell'autore

Pierpaolo Molinengo

Giornalista

Ho una laurea in materie letterarie. Ho iniziato ad occuparmi di Economia fin dal 2002, concentrandomi dapprima sul mercato immobiliare, sul fisco e i mutui, per poi allargare i miei interessi ai mercati emergenti ed ai rapporti Usa-Russia. Scrivo di attualità, tasse, diritto, economia e finanza.
Fact-Checked
Avatar di Giovanni Emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 18 Maggio 2024
Commercialista dal 🧗🏾‍♀️secondo millennio, innovatore professionale nel terzo millennio🏃🏾‍♂️. Il futuro della professione del commercialista nel mio ultimo libro "dalla società alla rete tra professionisti".

2 commenti su “Bonus benzina da 80 euro in arrivo sulla Carta Dedicata a Te: ecco come funziona”

  1. Buonasera, ma chi non ha ricevuto la social card perché i fondi erano finiti come funziona? Io ho un isee di € 11300 nel mio nucleo familiare siamo tre persone.
    Nella mia città L’Aquila sono state erogate solo 760 card io mi sono recata alle poste con documento e codice fiscale e mi è stato detto che la card non mi spettava perché i fondi erano finiti.
    Come il mio caso nella mia città molte famiglie non hanno ricevuto la card per lo stesso motivo cosa dobbiamo fare?
    Grazie Laura Guidotti

    Rispondi
    • Buongiorno,
      si consiglia di rivolgersi a una associazioni di consumatori per verificare le condizioni per una richiesta collettiva, nel caso intendesse proseguire individualmente sarebbe consigliabile rivolgersi a un legale.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.