Bando Parco Agrisolare: che cos’è e cosa prevede

Il Bando Parco Agrisolare è una nuova iniziativa di economia verde. Ecco chi può presentare la domanda per ottenere gli incentivi e come funzionano.

revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.
Bando Parco Agrisolare: che cos’è e cosa prevede
  • Il Bando Parco Agrisolare è una iniziativa del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali.
  • Vengono messi a disposizione 1,5 miliardi di euro per incentivare il fotovoltaico.
  • Le domande di accesso al bando potranno essere presentate dal prossimo 27 settembre.

Pubblicato ufficialmente dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, il Bando Parco Agrisolare è una nuova iniziativa che prende parte alla transizione ecologica. Sul sito ufficiale, il Mipaaf ha reso note le modalità per presentare le domande, le quali servono ad ottenere gli incentivi per gli impianti fotovoltaici costruiti sugli edifici agricoli.

Si potrà accedere al bando anche se gli impianti fotovoltaici verranno realizzati sugli edifici agroindustriali ed in quelli zootecnici. L’obiettivo a cui punta il Bando Parco Agrisolare è molto preciso: 375 MW di fotovoltaico agricolo.

Stiamo parlando, sostanzialmente, di impianti solari che dovrebbero essere realizzati sugli immobili appartenenti al settore agro zootecnico. La misura è una delle iniziative più importanti messe in campo dal Governo dimissionario e che sono inserite direttamente all’interno del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Bando pannelli solari

Bando Parco Agrisolare: un progetto da 1,5 miliardi di euro

Il Governo ha messo in campo un progetto del valore di 1,5 miliardi di euro, il cui scopo dovrebbe essere quello di incentivare l’economia verde. Ma soprattutto di alleggerire il peso del caro energia. Si parla di un sostegno al fotovoltaico per gli impianti da installare sui tetti, ma non solo.

Il Bando Parco Agrisolare incentiva anche la creazione di sistemi automatizzati di ventilazione o di raffreddamento. Incentiva le opere di coibentazione delle coperture, e l’installazione di accumulatori e sistemi di gestione dei flussi energetici automatizzati ed intelligenti.

Nel corso delle ultime settimane, il Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali ha provveduto alla pubblicazione di un avviso, con il quale venivano spiegate le modalità attraverso cui presentare la domanda per accedere al Bando Parco Agrisolare. In questa sede il Mipaaf ha ricordato che almeno il 40% delle risorse previste per questo progetto dovranno essere riservare a finanziare dei progetti nelle seguenti regioni:

  • Abruzzo;
  • Basilicata;
  • Calabria;
  • Campania;
  • Molise;
  • Puglia;
  • Sardegna;
  • Sicilia.

Come richiedere gli incentivi

Per poter accedere direttamente al Bando Parco Agrisolare, i diretti interessati dovranno presentare la domanda attraverso il portale del GSE, che è liberamente accessibile dall’area cliente. Sarà necessario rispettare una determinata finestra temporale: ci sarà tempo dalle ore 12:00 del 27 settembre fino alla stessa ora del 27 ottobre 2022. Sostanzialmente si ha tempo un mese esatto per presentare le domande.

Le risorse, che sono state previste dal Bando Parco Agrisolare, saranno erogate esclusivamente alle imprese che stiano operando nel settore agricolo ed in quello agroalimentare, secondo una ripartizione ben delineata:

  • per realizzare gli interventi nel settore della produzione agricola primaria: 1.200 milioni di euro;
  • interventi da realizzare nel settore della trasformazione dei prodotti in agricoli: 150 milioni di euro;
  • per la realizzazione dei lavori nel settore della trasformazione in prodotti agricoli in non agricoli e nelle altre imprese: 150 milioni di euro.

La misura prevede che i sussidi siano assegnati attraverso una procedura a sportello, fino a quando i fondi saranno esauriti.

Bando economia green


Come funziona il Bando Parco Agrisolare

È necessario tenere a mente le tempistiche per poter accedere ai vari sussidi. I lavori dovranno, obbligatoriamente, essere avviati dopo che la proposta è stata presentata.

Nel caso in cui si dovesse rientrare tra i soggetti beneficiari, gli interventi dovranno essere realizzati, collaudati e rendicontati entro 18 mesi dalla data di pubblicazione dell’elenco dei destinatari delle risorse. Sempre che non intervengano delle richieste di proroga, questo significa che la deadline è posta al 30 giugno 2026.

Per poter accedere al Bando Parco Agrisolare ed ottenere il contributo, l’impianto solare dovrà essere di nuova costruzione. È necessario che abbia una potenza di picco non inferiore a 6 kWp e non superiore a 500 kWp. Nel caso in cui il richiedente abbia intenzione di potenziare un sistema che esiste già, il contributo sarà erogato sulla base dei costi realmente sostenuti per realizzare la nuova sezione.

Ricordiamo, inoltre, che il sussidio è riservato unicamente agli impianti solari che sono destinati a soddisfare il fabbisogno energetico della stessa azienda agricola. Questo significa, in estrema sintesi, che l’impianto fotovoltaico dovrà essere effettuato utilizzando il PVGIS, ossia il tool che è stato messo a disposizione dal Centro comune di Ricerca dell’UE.

È necessario, inoltre, che gli impianti fotovoltaici vengano installati solo e soltanto sulle coperture dei fabbricati che esistono già, anche su quelli che sono destinati alla ricezione turistica.

È possibile accedere al contributo per le spese riferite all’intervento di installazione dell’impianto fotovoltaico fino ad un massimo di 1.500 euro/kW. A questa cifra si andrà ad aggiungere il limite di 1.000 euro kWh, relativamente agli eventuali sistemi di accumulo.

Bando Parco Agrisolare – Domande frequenti

A quanto ammontano i contributi previsti dal Bando Parco Agrisolare?

I diretti interessati possono percepire un contributo pari a 1.500 euro/kW, a cui si potranno aggiungere 1.00 kWh, per i sistemi di accumulo.

Quando si può presentare la domanda al Bando Parco Agrisolare?

Sarà possibile presentarla dalle ore 12:00 del 27 settembre 2022 fino alle ore 12.00 del 27 ottobre 2022. Ecco come, qui.

Entro quando arriveranno i contributi del Bando Parco Agrisolare?

La deadline massima prevista per la misura è il 30 giugno 2026, salvo proroghe dell’ultimo momento. Scopri come funzionano i sostegni, qui.

Fact-Checked
dottore commercialista giovanni emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 4 Ottobre 2022
Dottore commercialista specializzato in organizzazione e gestione dello studio professionale, consulenza direzionale e digitalizzazione dei processi. Nonostante sia un pianificatore nato, ha delle intuizioni geniali.
Autore
Foto dell'autore

Pierpaolo Molinengo

Giornalista

Ho una laurea in materie letterarie. Ho iniziato ad occuparmi di Economia fin dal 2002, concentrandomi dapprima sul mercato immobiliare, sul fisco e i mutui, per poi allargare i miei interessi ai mercati emergenti ed ai rapporti Usa-Russia. Scrivo di attualità, tasse, diritto, economia e finanza.

© Riproduzione riservata

1 commento su “Bando Parco Agrisolare: che cos’è e cosa prevede”

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.