Omessa dichiarazione dei redditi: quali sono le sanzioni e come funziona il ravvedimento

In caso di omessa dichiarazione dei redditi, il contribuente rischia non solo una sanzione amministrativa, ma anche una conseguenza di rilievo penale. Leggi come sanare l’omissione e le conseguenze previste.

Adv

Omessa dichiarazione dei redditi
  • L’omessa dichiarazione dei redditi è punibile mediante una sanzione amministrativa in percentuale sulla base della differenza tra l’importo dovuto e l’importo dichiarato dal contribuente.
  • La sanzione prevista in caso di omessa dichiarazione dei redditi può andare dal 120% al 240% del totale delle imposte dovute dal contribuente.
  • La dichiarazione dei redditi è un documento che permette al Fisco di conoscere l’ammontare del reddito percepito dal contribuente.

Ogni anno i contribuenti che hanno percepito reddito, a partire da certe soglie, sono tenuti ad effettuare la dichiarazione dei redditi entro le scadenze prestabilite. Ma cosa succede in caso di omessa dichiarazione dei redditi?

L’omissione delle dichiarazioni a scopo evasivo è considerato reato punibile con reclusione. Inoltre, è anche prevista una sanzione amministrativa molto salata, calcolata sulla differenza tra le imposte dovute e quanto dichiarato dal contribuente.

Il contribuente che omette di effettuare la dichiarazione dei redditi può, però, rimediare all’omissione, pagando una sanzione inferiore mediante ravvedimento operoso. Se vuoi conoscere tutti i dettagli e le conseguenze derivanti dall’omessa dichiarazione dei redditi, continua a leggere la guida.

Omessa dichiarazione dei redditi: cosa significa

Ogni anno i contribuenti sono tenuti a eseguire la dichiarazione dei redditi mediante gli appositi modelli:

Questi due modelli devono essere presentati entro le scadenze, che per il 2023 sono:

  • per il Modello 730 il 2 ottobre 2023;
  • per il Modello Redditi PF il 30 novembre 2023 in via telematica (coincide con la scadenza della dichiarazione per Società di Capitali e del modello IRAP) e il 30 giugno 2023 in forma cartacea.

Se il contribuente non presenta il modello entro le scadenze, rischia le pene previste in caso di omessa dichiarazione dei redditi. Ma prima di tutto occorre capire quando si incorre effettivamente nella fattispecie.

Infatti, è considerata omessa la dichiarazione dei redditi che non è stata presentata dopo 90 giorni dalla scadenza, come stabilito dall’art. 2 comma 7 DPR n. 322/98.

Di conseguenza, si considerano omesse le dichiarazioni presentate oltre il:

  • 28/02 dell’anno successivo a quello di scadenza per il Modello Redditi Persone Fisiche, Società di capitali e modello IRAP;
  • 01/01 dell’anno successivo a quello di scadenza per il Modello 730.

Inoltre, la sentenza di Cassazione n. 13322/14 precisa che, quando la presentazione della dichiarazione reddituale ha più scadenze, si deve considerare l’ultima scadenza prevista dalla legge per il calcolo dei giorni.

tot business

Dichiarazione dei redditi: quando si considera omessa

Oltre alla fattispecie appena vista, anche altre condizioni determinano l’omissione della dichiarazione. Infatti, è considerata omessa la dichiarazione che rientra nelle seguenti casistiche:

  • la dichiarazione dei redditi è stata presentata oltre i 90 giorni successivi alla scadenza, ma costituisce titolo per la riscossione dell’imposta in base agli imponibili in essa indicati;
  • la dichiarazione è redatta su stampati non conformi ai modelli ministeriali, quindi è considerata nulla e non costituisce titolo per la riscossione delle imposte relative agli imponibili indicati;
  • la dichiarazione non è sottoscritta ed è considerata nulla, e non costituisce titolo per la riscossione delle imposte relative agli imponibili in essa indicati.

In quest’ultimo caso (mancata sottoscrizione), la nullità può essere sanata entro 30 giorni dal giorno in cui il contribuente riceve l’avviso da parte dell’ufficio territorialmente competente.

La sentenza della Cassazione civile n. 8484 del 06/05/2020, invece, stabilisce che il contribuente può portare in detrazione l’eccedenza d’imposta anche in caso di assenza della dichiarazione annuale finale, purché rispetti i requisiti sostanziali per poter avere diritto alla detrazione.

Omessa dichiarazione dei redditi sanzioni

Omessa dichiarazione dei redditi: le sanzioni

Secondo quanto stabilito dal D.Lgs. 471/97, in caso di omessa dichiarazione dei redditi il contribuente rischia una sanzione amministrativa. Si tratta di una sanzione onerosa, e l’omissione di tale dichiarazione è considerata relativamente grave poiché senza questo documento l’Agenzia delle Entrate non può esercitare le normali funzioni di controllo e accertamento tributario.

La Circolare n. 5/E/2002 recita:

“L’importo della sanzione è determinato in percentuale sulla base della differenza tra l’importo dovuto e accertato dall’Agenzia delle Entrate e l’importo dichiarato dal contribuente”.

La sanzione prevista dalla legge va da un minimo del 120% ad un massimo del 240% dell’ammontare delle imposte dovute, e la tassa minima applicabile è di € 250,00.

Invece, se il contribuente non deve pagare ulteriori imposte, la sanzione va da € 250,00 a € 1.000,00, e può arrivare fino al doppio per soggetti obbligati alla tenuta delle scritture contabili.

La circolare ministeriale n. 23 del 25/01/1999 stabilisce che la base sulla quale commisurare la sanzione dipende da:

“dall’ammontare delle imposte relative agli imponibili accertati, al netto delle ritenute alla fonte operate sui redditi accertati e delle detrazioni spettanti”.

Ma vediamo altre fattispecie di omissioni e le conseguenti sanzioni previste dalla legge: l’omissione avvenuta presso paradisi fiscali, e l’omissione che riguarda contratti di locazione.

1. Paradisi fiscali

Ci sono casi in cui la sanzione per l’omissione della dichiarazione è maggiore, come nel caso dei omissione di dichiarazione di redditi prodotti all’estero, per cui è previsto un aumento di 1/3 della sanzione minima applicabile.

Invece, nel caso di investimenti e attività di natura finanziaria negli Stati o territori a fiscalità privilegiata (paradisi fiscali), che quindi violano la normativa in tema di monitoraggio fiscale, le sanzioni sono raddoppiate.

2. Canone di locazione

In caso di cedolare secca, l’art. 1, comma 7, del D.L.gs. n. 471/97 stabilisce che, in presenza di canone di locazione non dichiarato o dichiarato in misura inferiore, le sanzioni sono raddoppiate.

Invece, nella fattispecie della dichiarazione infedele, la sanzione va dal 180% al 360%. Infine, in caso di dichiarazione omessa, la sanzione prevista va dal 240% al 480%.

nordvpn

Come sanare l’omessa dichiarazione dei redditi

Il contribuente può comunque decidere di inviare la dichiarazione dopo i 90 giorni dalla scadenza, e in questo caso gode di una piccola agevolazione.

Infatti, per le dichiarazioni presentate entro il termine per l’invio di quella per l’anno successivo, ma prima di controlli tributari, la sanzione è dimezzata, scendendo al 60%, con un minimo di € 200.

Omessa dichiarazione dei redditi e ravvedimento operoso

L’articolo 13 comma 1 lettera c) del D. Lgs. 472/1997 stabilisce che il contribuente può ricorrere al ravvedimento operoso per la dichiarazione omessa solamente entro 90 giorni dal termine per la dichiarazione.

Secondo l’Agenzia delle Entrate, il contribuente che corregge la sua posizione tramite il ravvedimento operoso sana il mancato versamento delle imposte dovute. Tuttavia, solamente se l’imposta accertata sia stata completamente versata, la sanzione va da 258,00 euro a 1.032,00.

Infatti, la circolare dell’Agenzia delle Entrate stabilisce che:

“Per imposta dovuta si ritiene che debba intendere la differenza tra l’imposta accertata e quella versata a qualsiasi titolo”.

Infine, occorre chiarire che se la dichiarazione è omessa e le imposte non sono versate, la sanzione va dal 120 al 240% del tributo dovuto. Invece, se la dichiarazione è omessa ma le imposte sono state versate, la sanzione va da 250 a 1.000 euro.

Quest’ultima si riduce ulteriormente, tra i 150 e i 500 euro, anche in caso di dichiarazione Irap, se la dichiarazione ed il pagamento delle imposte vengono effettuati entro il termine per la presentazione della dichiarazione successiva.

Omessa dichiarazione dei redditi conseguenze
soldo business

Omessa dichiarazione dei redditi: conseguenze penali

Come abbiamo anticipato nell’introduzione, l’omessa dichiarazione dei redditi può anche comportare conseguenze di rilievo penale.

Infatti, l’art. 5 del D.Lgs n. 74/2000 stabilisce che:

“è punito con la reclusione da un anno e sei mesi a quattro anni chiunque al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, non presenta, essendovi obbligato, una delle dichiarazioni relative a dette imposte, quando l’imposta evasa è superiore, con riferimento a taluna delle singole imposte ad euro cinquantamila”.

La reclusione, quindi, parte da un minimo di un anno e sei mesi ma può arrivare ad un massimo di quattro anni. Questa pena è prevista per i contribuenti che:

  • evadono le imposte sui redditi o Iva e non presentano le dichiarazioni dei redditi per le imposte evase superiori a 50.000 euro;
  • non presentano la dichiarazione di sostituto d’imposta con il Modello 770, per evasioni superiori a 50.000 euro.

Il reato è prescrivibile in 8 anni a partire dal momento di consumazione, cioè allo scadere dei 90 giorni ulteriori concessi al contribuente per inviare la dichiarazione oltre il termine prestabilito.

Vi sono, poi, alcuni casi in cui il reato si estingue decorsi 10 anni in caso di interruzione della prescrizione:

  • in caso di sentenza di condanna, misure cautelari personali o interrogatorio reso innanzi al giudice;
  • in caso di verbale di constatazione delle o di avviso di accertamento inviato dall’Amministrazione Finanziaria.
  • in caso di atto di accertamento.

Tuttavia, secondo quanto stabilito dal D.Lgs n. 158/2015, in caso di invio della dichiarazione con pagamento integrale delle imposte entro il termine di presentazione di quella per l’anno successivo (o prima dell’inizio di un controllo fiscale/penale), vi è una causa di non punibilità del reato.

Omessa dichiarazione dei redditi: termini di accertamento

A partire dal 1° gennaio 2016 sono state apportate delle modifiche ai termini di decadenza degli accertamenti tributari, previsti dall’art. 43 del D.P.R. n. 600 del 29 settembre 1973.

Oggi, infatti, gli avvisi di accertamento devono essere notificati, a pena di decadenza, entro le seguenti scadenze:

  • 31 dicembre del 5° anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione;
  • 31 dicembre del 7° anno successivo a quello in cui la dichiarazione avrebbe dovuto essere presentata, in caso di dichiarazione omessa.

Vi sono, poi, due tipi di accertamento:

  • accertamento induttivo: l’Agenzia delle Entrate calcola in autonomia il reddito omesso;
  • accertamento con adesione: se dopo l’accertamento dell’Agenzia emette l’avviso di accertamento e il contribuente non procede ad impugnare l’atto di accertamento davanti alla Commissione tributaria provinciale si arriva ad un accordo tra contribuente e ufficio.

Quest’ultimo consente al contribuente di usufruire di una riduzione delle sanzioni amministrative, che ammonteranno a 1/3 del minimo previsto dalla legge. In più, in questo caso è prevista la possibilità di versare quanto dovuto ratealmente, fino a 8 rate trimestrali di pari importo o di 16 rate trimestrali per somme superiori a 50mila euro.

Omessa dichiarazione dei redditi – Domande frequenti

Cosa succede in caso di omessa dichiarazione dei redditi?

In caso di omessa dichiarazione dei redditi, il contribuente rischia una sanzione amministrativa che va dal 120% al 240% del totale delle imposte dovute. Nei casi più gravi si rischia anche la reclusione.

Quanto si paga per non aver fatto la dichiarazione dei redditi?

In caso di omessa dichiarazione dei redditi per cui si sono già pagate le imposte dovute, la sanzione parte da 250 euro e arriva a €1000. Se non sono state pagate le imposte, la sanzione va dal 120% al 240% di quanto dovuto.

Come sanare una omessa dichiarazione dei redditi?

Il contribuente può pagare una sanzione ridotta mediante ravvedimento operoso entro i 90 giorni dalla scadenza. Leggi nel dettaglio come sanare l’omissione della dichiarazione.

Autore
Foto dell'autore

Ilenia Albanese

Esperta di finanza personale e lavoro digitale

Copywriter specializzata nel settore della finanza personale, con esperienza pluriennale nella creazione di contenuti per aiutare i consumatori e i risparmiatori a gestire le proprie finanze.

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.