Rottamazione quater ai nastri di partenza. Cos’è e come funziona

Si inizia a delineare all'orizzonte la possibilità di una rottamazione quater dei debiti verso il fisco. Ecco come funziona la rottamazione delle cartelle esattoriali, e le ipotesi per il 2022.

rottamazione cartelle esattoriali
  • La rottamazione delle cartelle esattoriali è un meccanismo con cui i cittadini possono saldare i debiti con il fisco in modo rateizzato.
  • La rottamazione quater è rivolta ai soggetti per cui era stata sospesa la riscossione a causa dell’emergenza sanitaria.
  • Le cartelle esattoriali contengono i debiti che i cittadini hanno contratto verso il fisco.

Scatta quella che potrebbe essere battezzata come la rottamazione quater, ossia la rateizzazione delle cartelle esattoriali dal 1° gennaio al 30 aprile 2022, per i debiti cumulati dai cittadini, senza applicazione di sanzioni o interessi.

Le cartelle esattoriali fanno riferimento a tutti i debiti che i cittadini italiani hanno contratto verso il fisco, come ad esempio: imposte sui redditi non pagate dalle imprese e partite IVA, imposte sui possedimenti immobiliari, bollo auto, multe stradali, tasse comunali.

La rottamazione delle cartelle è una forma di agevolazione che prevede la possibilità di rateizzare il pagamento dei debiti cumulati verso lo stato per saldare gli importi in diverse fasi.

Le novità relative a quella che potremmo definire come la rottamazione quater, sono contenute all’interno delle modifiche apportate direttamente dalla Camera al Decreto Milleproroghe 2022, per cui si attende una conferma definitiva.

Cos’è la rottamazione quater

I contribuenti avranno la possibilità, secondo le prime ipotesi, di accedere nuovamente al pagamento delle cartelle esattoriali, in modo rateizzato, secondo meccanismi di agevolazione introdotti già precedentemente.

La misura coinvolgerà direttamente i soggetti per cui la definizione agevolata sia terminata prima dello stop delle attività di riscossione, che è stato disposto dallo scorso 8 marzo 2020. La nuova rottamazione quater viene applicata alle domande inviate dal 1° gennaio 2022 in poi.

Non sono previsti invece ulteriori meccanismi di rateizzazione per i soggetti per cui è decaduta la pace fiscale e non sono state applicate misure apposite relative all’emergenza sanitaria.

Rottamazione cartelle esattoriali

Le novità previste per il 2022

Le novità non sono destinate a finire qui. Il Decreto Legge Milleproroghe 2022, che è in fase di conversione, ha in programma l’introduzione di alcune importanti novità proprio sulla riscossione.

La Commissione Bilancio ha provveduto a modificare, il 17 febbraio 2022, quanto era stato previsto all’interno dell’articolo 13-decies del Decreto Legge n. 137/2020. Si è provveduto ad inserire il comma 5-bis, che prevede espressamente che:

le disposizioni del comma 5, primo periodo, si applicano anche alle richieste di rateazione relative ai carichi di cui allo stesso comma 5, presentate dal 1° gennaio 2022 al 30 aprile 2022. Con riferimento a tali richieste restano definitivamente acquisite le somme eventualmente già versate anche ai sensi dell’articolo 19, comma 3, lettera c), del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602.


Rottamazione 2022: cosa cambia

Nella pratica, cosa cambierà nel 2022? Sostanzialmente è stata riaperta la possibilità di presentare la domanda per rateizzare le cartelle esattoriali per quanti siano stati sospesi alla definizione agevolata prima del periodo di pace fiscale introdotto con l’emergenza sanitaria.

La misura è stata prevista dal Decreto Legge Cura Italia, che all’articolo 68 ha provveduto a disciplinare lo stop ai versamenti, che i contribuenti avrebbero dovuto effettuare nel periodo compreso tra l’8 marzo ed il 31 agosto 2021.

Rottamazione quarter 2022

Quanti non avessero provveduto ad effettuare i pagamenti entro i termini previsti, non saranno obbligati a regolarizzare la propria posizione e a saldare le rate scadute del precedente piano di rateizzazione, per poter accedere a quello nuovo.

Quando ci sarà la nuova rottamazione?

I contribuenti avranno quindi la possibilità di accedere alla rottamazione quater senza essere obbligati, preventivamente, a saldare le rate non pagate. Per procedere sarà necessario attendere l’avvio delle necessarie procedure operative da parte dell’Agenzia delle Entrate Riscossione.

Rottamazione cartelle esattoriali agevolata

Quella che dovrebbe arrivare nei prossimi giorni è solo l’ultima, in ordine cronologico, di una delle tante misure emergenziali che il Governo (prima quello guidato da Giuseppe Conte, ora da Mario Draghi) ha adottato per far fronte all’emergenza Covid. Adesso come adesso, è possibile fare un bilancio di tutte le misure che sono state adottate?

A cercare di tratteggiare le iniziative intraprese e previste – partendo dal famoso Decreto Cura Italia fino all’ultimo Decreto Fiscale – ci ha pensato Maria Cecilia Guerra, sottosegretario al Mef.

cartelle esattoriali 2022

Per andare incontro ai contribuenti in difficoltà con il pagamento delle cartelle esattoriali sono state previste numerose possibilità. Tra queste è possibile ricordare:

  • per le rateizzazioni in corso, dallo scorso 8 marzo 2020 sono aumentate da 5 a 18 il numero di rate che, se non onorate, comportano la decadenza del piano concesso;
  • per le rateizzazioni concesse nel periodo compreso tra l’8 marzo 2020 al 31 dicembre 2021, sono state portate da cinque a dieci le rate non pagate, che portano alla decadenza del piano;
  • è stata semplificata per la procedura di richiesta della rateizzazione, per i debiti fino a 100.000 euro.

I soggetti coinvolti

Il Mef ha fornito anche una stima dei soggetti coinvolti dalle diverse novità: hanno aderito ai piani di rateizzazione almeno 1,76 milioni di contribuenti

Lo scorso 31 dicembre 2021 è invece decaduta la possibilità di definizione agevolata, per mancato pagamento, circa il 20% di chi ha beneficiato dell’estensione delle rate, una percentuale di gran lunga inferiore ai dati sull’abbandono dei piani di dilazione registrati in precedenza, pari a circa il 50%.

Chi potrà beneficiare della rottamazione quater?

Potranno beneficiare di queste nuova misura quanti abbiano contratto debiti decaduti prima dello stop alle attività di riscossione e che presenteranno la domanda per ottenerla dopo il 1° gennaio 2022.

La rottamazione quater è già operativa?

No, si sta attendendo l’approvazione definitiva del Decreto Milleproroghe 2022. Dopo di che verranno istituite anche le linee guida per aderirvi.

Quali cartelle esattoriali possono aderire alla rottamazione?

Le cartelle esattoriali contenenti debiti di vecchia data contratti con il fisco possono aderire alla rottamazione: imposte non pagate, bollo auto non saldato, tasse sui redditi da lavoro non pagate, e così via.

Autore
Foto dell'autore

Pierpaolo Molinengo

Giornalista

Ho una laurea in materie letterarie. Ho iniziato ad occuparmi di Economia fin dal 2002, concentrandomi dapprima sul mercato immobiliare, sul fisco e i mutui, per poi allargare i miei interessi ai mercati emergenti ed ai rapporti Usa-Russia. Scrivo di attualità, tasse, diritto, economia e finanza.

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.