Innovazione in agricoltura: arrivano i contributi ISMEA

Dal 27 novembre 2023 sarà possibile per le PMI dell'agricoltura e della pesca accedere ai contributi innovazione ISMEA. Ecco come funzionano e requisiti.

Revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.

Adv

innovazione agricoltura contributi
  • Recentemente è stato firmato dal MASAAF e il MEF un decreto specifico per i nuovi incentivi all’agricoltura.
  • I nuovi contributi a fondo perduto ISMEA saranno destinati all’innovazione in agricoltura, alla pesca e all’acquacoltura.
  • Potranno accedere ai contributi dal 27 novembre 2023 le imprese in questi settori che propongono progetti di innovazione, entro certi requisiti.

Recentemente è stato approvato un decreto che incentiva i progetti innovativi delle imprese che si muovono nei settori dell’agricoltura, pesca e acquacoltura.

A stabilire l’erogazione dei contributi a fondo perduto sono il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (MASAAF) e il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF). Si tratta di di incentivi mirati a favorire l’incremento della produttività grazie all’impiego di tecnologia innovativa.

Le imprese devono investire nei progetti di innovazione per un minimo di 70.000 euro e un massimo di 500.000 euro per poter accedere ai contributi e rispettare alcuni requisiti specifici, come vedremo in questo articolo. ISMEA ha comunicato l’apertura delle domande posticipata al 27 novembre 20231.

Contributi a fondo perduto per l’agricoltura: come funzionano

Scaglioni di investimentoPMI agricole e della pesca (ABER) giovaniPMI agricole e della pesca (ABER) non giovaniPMI nella pesca e acquacoltura (FIBER)
Fino a 100.000 euro60,00%48,75%37,50%
Da 100.000 a 200.000 euro52,00%42,25%32,50%
Da 200.000 a 300.000 euro44,00%35,75%27,50%
Da 300.000 a 500.000 euro36,00%29,25%22,50%

I nuovi contributi a fondo perduto approvati dal MASAAF e dal MEF fanno riferimento ad un provvedimento preso con la Legge di Bilancio 2023, rivolto alle imprese che si muovono nei settori dell’agricoltura, della pesca e dell’acquacoltura.

Questi contributi sono finalizzati all’innovazione tecnologica delle PMI che lavorano in questo settore in Italia. Per il prossimo periodo sono messi a disposizione 75 milioni di euro per ogni anno, a partire dal 2023 e fino al 2025.

Ad approvare l’erogazione dei contributi è l’apposito decreto del 9 agosto 20232, che stabilisce anche quali sono i requisiti che le imprese devono rispettare per accedervi e le spese ammissibili. Trattandosi di contributi a fondo perduto, non dovranno essere restituiti in un momento successivo.

I contributi sono rivolti all’innovazione tecnologica e digitale dei sistemi di produzione, con l’obiettivo di aumentare di fatto la produttività di questo settore in Italia. Per poter accedere a questi incentivi, è necessario presentare un’apposita domanda.

Come visto in tabella, la percentuale di contributi erogati in base alle spese sostenute cambia in relazione alla tipologia di impresa che li richiede e agli scaglioni di investimento. Va ricordato che il valore del contributo non può superare il 95% delle spese totali riferite ai costi ammissibili.

Innovazione in agricoltura: chi può accedere ai contributi

Vediamo qui di seguito quali imprese possono accedere ai contributi a fondo perduto per l’agricoltura e quali sono i requisiti da rispettare per poter procedere.

Come anticipato, i sostegni sono garantiti solamente alle imprese che si muovono in settori come agricoltura, pesca e acquacoltura, che propongono investimenti per la modernizzazione e l’innovazione da 70.000 euro a un massimo di 500.000 euro. Per le imprese che si muovono nel settore della pesca, il limite minimo di investimenti è ridotto a 10.000 euro.

contributi a fondo perduto agricoltura

Nell’accesso a questi contributi l’impresa dovrà tenere conto dei limiti e dei massimali presenti a livello europeo sul totale degli aiuti. Possono accedere ai contributi le PMI, ovvero le piccole e medie imprese, sia indipendenti che associate, che rispettano i seguenti requisiti:

  • iscrizione al Registro delle Imprese come impresa agricola, oppure impresa ittica, oppure impresa agromeccanica;
  • l’impresa deve essere attiva almeno da due anni;
  • la sede operativa della PMI deve essere nello stato italiano;
  • la PMI non deve trovarsi in una situazione di difficoltà;
  • l’impresa non deve aver ricevuto aiuti europei incompatibili con questo sostegno.

Come si può intuire dai requisiti, l’impresa deve dimostrare una certa solidità, in termini economici (non essere in crisi) e in termini temporali (ovvero avviata da almeno due anni).

Le spese ammissibili ai contributi a fondo perduto

Per poter accedere ai contributi a fondo perduto per l’agricoltura, le PMI devono sostenere investimenti specifici volti a migliorare la produttività, in termini di innovazione e tecnologia. In particolare sono ammesse ai contributi le seguenti spese:

  • acquisto di macchine, attrezzature e strumenti per l’agricoltura, con determinate caratteristiche. Si fa riferimento alla compatibilità con un sistema ISOBUS e ad un sistema di interconnessione leggera per trasmettere dati in uscita, per la tele-manutenzione e tele-diagnosi, controllo e monitoraggio da remoto, oppure un sistema di guida automatica o semi automatica. Sono inclusi sistemi di irrigazione intelligente e soluzioni proprietarie per il controllo a rateo variabile, di sezioni e strategie di guida parallela;
  • acquisto di macchine a emissioni zero, agricole o zootecniche;
  • acquisto di macchine trattrici agricole;
  • investimenti per la pesca e l’acquacoltura.

Si tratta in ogni caso di acquisti di macchinari nuovi, in linea con le ultime tecnologie di gestione digitale e che possano apportare migliorie in termini di produttività.

Come accedere ai contributi per l’innovazione in agricoltura

Per poter accedere ai contributi, le PMI con Partita Iva agricola devono rispettare i requisiti visti sopra e presentare un’apposita domanda. ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) ha fornito la modulistica relativa ai dettagli del sostegno, all’interno del proprio portale online ufficiale.

Recentemente ISMEA ha posticipato l’apertura delle domande, fissando la data di riferimento al 27 novembre 2023, a partire dalle ore 12:00. Si prevede quindi un vero e proprio click day per ottenere i contributi. Lo sportello online poi sarà aperto tutti i giorni feriali dalle ore 9:00 alle ore 18:00.

L’impresa dovrà fornire i dati sulla propria costituzione, sul nome e sulla dimensione, sulla zona in cui è situata la sede principale e l’elenco delle spese sostenute per i beni ammissibili al contributo. Le richieste verranno prese in considerazione da ISMEA in ordine temporale di presentazione e il contributo a fondo perduto potrà essere erogato in due modalità:

  • in una soluzione unica, al conto corrente del soggetto beneficiario;
  • al fornitore presso cui l’impresa acquista i beni ammessi al contributo.

Il problema della cumulabilità dei contributi per l’agricoltura

Uno dei problemi emersi a proposito dei diversi contributi disponibili per l’agricoltura riguarda la cumulabilità delle varie misure, per le stesse spese. Attualmente è ancora in dubbio la possibilità di percepire nello stesso tempo il credito di imposta per i beni strumentali insieme a misure rivolte sempre a questo settore, come:

  • agevolazioni europee per i Piani di Sviluppo rurale;
  • Ocm Vino.

La norma prevede che sia possibile cumulare il credito di imposta con altre misure, anche sulle stesse spese, purché la somma delle misure non vada a superare la spesa effettivamente sostenuta. Su questo punto tuttavia c’è stato un ampio dibattito e alcune regioni hanno stabilito di fatto la non cumulabilità tra queste misure, limitando l’accesso al credito 4.0 a chi ha richiesto di accedere alle misure europee.

Si attendono quindi ulteriori chiarimenti sulla possibilità di cumulo tra le diverse misure previste per l’agricoltura, poiché questa eventualità potrebbe essere molto positiva per le diverse imprese che in Italia si muovono in questo settore.

Innovazione in agricoltura – Domande frequenti

Innovazione in agricoltura: quali sono i nuovi sostegni?

MASAAF e MEF hanno approvato recentemente un nuovo contributo a fondo perduto rivolto alle PMI che investono in tecnologia e progetti di innovazione per aumentare la produttività. Scopri i dettagli in questo articolo.

Come funzionano i nuovi contributi a fondo perduto per l’agricoltura?

I nuovi contributi verranno erogati alle PMI che investono in innovazione e tecnologia, in base al rispetto di alcuni requisiti specifici.

Quanti fondi ci sono per i contributi a fondo perduto per l’agricoltura?

Vengono stanziati 75 milioni di euro per ogni anno, a partire dal 2023 e fino al 2025.

Quando si possono richiedere i contributi per l’innovazione ISMEA?

I contributi per l’innovazione si possono richiedere a partire dal 27 novembre 2023 alle ore 12:00 tramite portale ufficiale, nei giorni feriali.

Quali sono gli aiuti per l’agricoltura?

ISMEA mette a disposizione diversi sostegni per l’agricoltura, tra cui i contributi a fondo perduto per l’innovazione tecnologica e digitale.

  1. Fondo Innovazione, intervento a sostegno della produttività, ISMEA, ismea.it ↩︎
  2. Decreto 9 agosto 2023, Gazzetta Ufficiale, gazzettaufficiale.it ↩︎
Autore
Foto dell'autore

Valeria Oggero

Giornalista

Giornalista pubblicista, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Torino, da sempre sono appassionata di scrittura. Dopo alcune esperienze all'estero, ho deciso di approfondire tematiche inerenti la fiscalità nazionale relativa alle persone fisiche ed alle Partite Iva. La curiosità mi ha portato a collaborare con agenzie web e testate e a conoscere realtà anche diversissime tra loro, lavorando come copywriter e editor freelancer.
Fact-Checked
Avatar di Giovanni Emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 3 Settembre 2023
Commercialista dal 🧗🏾‍♀️secondo millennio, innovatore professionale nel terzo millennio🏃🏾‍♂️. Il futuro della professione del commercialista nel mio ultimo libro "dalla società alla rete tra professionisti".

6 commenti su “Innovazione in agricoltura: arrivano i contributi ISMEA”

  1. Mi chiedi 75 milioni di euro, quante aziende possono soddisfare?. Se per esempio una trattrice con le caratteristiche previste, minimo si spendono dai 60.000€ ad andare su?

    Rispondi
    • Buongiorno,
      si possono soddisfare da 1000 aziende a salire, probabilmente non tutte le aziende agricole hanno bisogno di mezzi agricoli e di mezzi superiori a 60k. Da considerare anche che di solito ci sono delle riserve per le regioni del sud.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
    • Buongiorno,
      i bandi per agevolazioni innovazione in agricoltura sono in procinto di essere emanati.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di Partitaiva.it, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.