Contributi a fondo perduto: Oltre Nuove Imprese a tasso zero

Come ottenere i contributi a fondo perduto per nuove imprese condotte da giovani e donne con Oltre Nuove Imprese a tasso zero.

di Pierpaolo Molinengo

Revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.

Adv

  • Attualmente è possibile richiedere diversi contributi a fondo perduto per le imprese.
  • I finanziamenti a disposizione sono rivolti principalmente a giovani e donne che avviano nuove imprese.
  • Per accedere ai contributi a fondo perduto è necessario presentare diversi documenti e un business plan dettagliato.

Quali sono i contributi a fondo perduto messi a disposizione delle aziende? Nel 2022 Invitalia ha messo a disposizione tutta una serie di incentivi e finanziamenti a tasso zero rivolti soprattutto a giovani e donne, che hanno intenzione di avviare la propria attività o di rinnovare il parco macchinari di una già esistente.

Il pacchetto dei nuovi contributi a fondo perduto è stato messo a disposizione direttamente dal Mise: dallo scorso 24 marzo 2022 è possibile presentare la domanda per potervi accedere.

Ovviamente per riuscire ad accedere a questi finanziamenti per startup a tasso zero e ai contributi a fondo perduto, le imprese devono essere in possesso di particolari requisiti.

In questa sede ci soffermeremo ad analizzare la misura Oltre Nuove Imprese a Tasso Zero, che la Legge di Bilancio 2022 ha provveduto a rifinanziare con 150 milioni di euro. Ma entriamo nel dettaglio e scopriamo cosa prevede questa iniziativa.

Contributi a fondo perduto: in cosa consistono

Il legislatore, con questa misura, ha intenzione di sostenere la creazione di micro e piccole imprese, che siano principalmente composte da giovani, la cui età è compresa tra i 18 ed i 35 anni, o da donne, indipendentemente dalla loro età anagrafica.

La domanda per ottenere questi contributi a fondo perduto, potrà essere presentata da quelle imprese che hanno intenzione di realizzare nuove iniziative. In alternativa sarà possibile trasformare delle attività già esistenti in uno dei seguenti settori:

  • manifatturiero;
  • servizi;
  • commercio;
  • turismo.
Oltre Nuove Imprese

Quali incentivi sono messi a disposizione

Il Mise ha messo a disposizione due tipologie diverse di incentivi, che sono le seguenti:

  • un finanziamento agevolato, che potrà avere una durata massima di dieci anni, a tasso zero;
  • un contributo a fondo perduto, che potrà arrivare a coprire un importo che non superi il 90% della spesa ammissibile.

A questo punto è necessario effettuare una distinzione abbastanza netta. Nel caso in cui l’impresa sia costituita da meno di 36 mesi, il contributo a fondo perduto potrà essere riconosciuto nella misura massima del 20% delle spese, che le stesse potranno effettuare per acquistare macchinari, attrezzature o impianti vari.

Potranno rientrare tra le spese ammissibili, anche quelle legate ai programmi informatici, ai brevetti ed alle licenze d’uso.

Se l’impresa, invece, è stata costituita da più di 60 mesi, il contributo a fondo perduto sarà riconosciuto per un importo massimo pari al 15% delle spese sostenute relative ad impianti, attrezzature e macchinari vari.

Nel caso in cui le risorse finanziarie messe a disposizione per questa particolare misura dovessero esaurirsi, le agevolazioni saranno erogate nella sola forma del finanziamento agevolato. Tra i servizi offerti dalla misura vi è anche il tutoraggio.

Contributi a fondo perduto donne

Come richiedere i contributi a fondo perduto

Gli imprenditori che hanno intenzione di accedere ai contributi a fondo perduto, possono già presentare la domanda. Le istruzioni per poter presentare l’istanza in modo corretto sono contenute all’interno di due distinte circolari del Mise: la circolare n. 117378 dell’8 aprile 2021, che è stata modificata dalla circolare n. 135072 del 20 aprile 2021.

La domanda dovrà essere redatta necessariamente in lingua italiana e dovrà essere compilata telematicamente, andando ad utilizzare la procedura appositamente creata sul sito di Invitalia. Dovrà, inoltre, essere firmata digitalmente.

Nel caso in cui le domande non dovessero essere presentate rispettando le modalità previste, e quindi non essere conformi alle indicazioni, non verranno prese in considerazione.

Cosa deve contenere la domanda

Per poter presentare la domanda ed ottenere i contributi a fondo perduto i diretti interessati dovranno presentare il piano di impresa, che obbligatoriamente dovrà anche contenere:

  • i dati anagrafici ed il profilo di chi avanza la richiesta di accedere alla misura;
  • una descrizione dettagliata dell’attività proposta. Dovranno essere forniti tutti gli elementi utili per riuscire a valutare e a determinare il costo del programma e la coerenza delle spese di investimento oggetto dello stesso programma. Ma soprattutto dovrà essere verificata l’idoneità della sede individuata;
  • descrivere e quantificare le esigenze di capitale circolante, se questo è richiesto;
  • analisi del mercato e relative strategie;
  • aspetti tecnico-produttivi ed organizzativi;
  • aspetti economico-finanziari.

Dovrà inoltre essere trasmesso l’atto costitutivo della società.

Contributi a fondo perduto imprese

Requisiti per accedere ai contributi a fondo perduto

Le imprese, per le quali saranno richiesti i contributi a fondo perduto e i finanziamenti a tasso zero, devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • nel caso in cui siano state costituita da più di 60 mesi, essere costituite in forma societaria,
  • la compagine societaria deve essere composta da giovani in età compresa tra i 18 ed i 35 anni, o da donne, indipendentemente dalla loro età;
  • essere iscritte al registro delle imprese;
  • non essere in liquidazione volontaria;
  • non rientrare tra le imprese che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea;
  • aver restituito somme dovute a seguito di provvedimenti di revoca di agevolazioni concesse dal Ministero;
  • i rappresentanti legali non devono essere stati condannati con sentenza definitiva.

Secondo l’ultimo aggiornamento, sullo sportello aperto il 25 marzo 2022 con 150 milioni di euro di fondi, sono stati inviati ad aprile 2022 almeno 599 progetti, con superamento della soglia delle risorse a disposizione. Le domande vengono prese in considerazione in ordine cronologico e le risorse vengono distribuite anche alla luce degli esiti positivi e negativi.

Contributi a fondo perduto, ON – Domande frequenti

A chi sono rivolti i contributi a fondo perduto?

Possono richiedere i contributi a fondo perduto le imprese la cui compagine azionaria è costituita da giovani in età compresa tra i 18 ed i 35 anni. O da donne, indipendentemente dall’età.

Come possono essere utilizzati i contributi a fondo perduto?

I contributi a fondo perduto di Oltre Nuove Imprese a tasso zero possono essere utilizzati dalle aziende per acquistare nuovi macchinari, licenze o software.

A quanto ammontano i fondi di Oltre Nuove Imprese?

Sono stati messi a disposizione 150 milioni di euro per il 2022. Nel caso in cui le risorse si esaurissero, i contributi a fondo perduto diventeranno finanziamenti agevolati.

Autore
Foto dell'autore

Pierpaolo Molinengo

Giornalista

Ho una laurea in materie letterarie. Ho iniziato ad occuparmi di Economia fin dal 2002, concentrandomi dapprima sul mercato immobiliare, sul fisco e i mutui, per poi allargare i miei interessi ai mercati emergenti ed ai rapporti Usa-Russia. Scrivo di attualità, tasse, diritto, economia e finanza.
Fact-Checked
Avatar di Giovanni Emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 15 Ottobre 2023
Commercialista dal 🧗🏾‍♀️secondo millennio, innovatore professionale nel terzo millennio🏃🏾‍♂️. Il futuro della professione del commercialista nel mio ultimo libro "dalla società alla rete tra professionisti".

12 commenti su “Contributi a fondo perduto: Oltre Nuove Imprese a tasso zero”

    • Buonasera,
      la impossibilità a presentare le domande sul portale di invitalia potrebbe dipendere da molti motivi.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
  1. Buongiorno, desidero avere informazioni sui requisiti inerenti il Bonus Imprenditoria femminile.
    Ho 55 anni ,un invalidita’ civile attualmente lavoro come dipendente da circa 10 anni, ed ora dopo aver ripreso gli studi desidero aprire una partita iva ed iniziare il lavoro come consulente in web marketing in qualita’ di social media manager ed eventuale attivita’ di dropshipping
    Premetto che lavoro da 37 anni sempre nel settore moda/designer/marketing e per 18 anni della mia carriera lavorativa sono stata imprenditrice titolare di partita iva come commerciante al dettaglio,posizione chiusa regolarmente nella cessione di attivita.
    Con queste caratteristiche e per la tipologia di attivita’ che desidero svolgere posso avere i requisiti per richiedere un contributo a fondo perduto?
    In attesa di una vostra risposta ringrazio anticipatamente .Saluti Maurizia Ludi

    Rispondi
  2. Buongiorno desidero avere informazioni sui requisiti.inerenti all’ imprenditoria femminile.
    Sono una dipendente in un centro estetico (ho 30 anni e ho i requisiti per potere esercitare), visto che la mia titolare vorrebbe cedere l’attività vorrei rilevarla.
    Posso usufruire di qualche aiuto?
    Grazie per la vostra attenzione resto in attesa di una vostra risposta.
    Cordiali saluti.
    Parodi Sonia

    Rispondi
    • Buongiorno,
      l’acquisto di azienda, solitamente, non beneficia di contributi pubblici. Se acquista nuovi macchinari e attrezzatura potrebbe beneficiare di misure di vantaggio per investimenti in beni strumentali.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
  3. Buongiorno, vorrei aprire un sito internet per la vendita di assorbenza infantile e femminile con accessori per bambini e cosmetica. Sono una donna di 34 anni, potrei accedere a dei prestiti a tasso zero? Premetto che al momento seguirei solo io l’attività

    Rispondi
    • Buongiorno,
      se è residente al Sud può provare a richiedere i finanziamenti di Resto al Sud Invitalia.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
  4. Buongiorno. Ho 42 anni. Sto per acquistare un appartamento seconda casa . Lo vorrei destinare a casa vacanza .Potrei avere qualche agevolazione?

    Rispondi
    • Buongiorno,
      in linea di principio no, salvo specifiche disposizioni regionali e comunali.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
  5. Buongiorno, vorrei aprire un agricampeggio. Al momento sto seguendo il corso per operatore agrituristico. È possibile richiedere qualche agevolazione? È previsto qualche contributo per questo tipo di attività. Sono una donna di 39 anni.
    Grazie

    Rispondi
    • Buongiorno,
      Per l’agriturismo sono previste numerose agevolazioni regionali. Le consigliamo di rivolgersi ad un agronomo del suo territorio per valutare la partecipazione ad eventuali bandi di finanza agevolata.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di Partitaiva.it, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.