Pos senza commissioni: la classifica dei più convenienti

I Pos senza commissioni possono far risparmiare anche centinaia di euro l’anno, ma quali sono i migliori Pos tra cui scegliere? Ad oggi sono poche le società fintech e le banche che propongono Pos senza commissioni, ma di seguito troverai la classifica dei migliori.

Pos senza commissioni: la classifica dei più convenienti
  • I Pos sono dei dispositivi elettronici che consentono agli esercenti e ai professionisti di accettare pagamenti in formato elettronico a fronte di una commissione o di un canone fisso.
  • I servizi Pos proposti da banche e società di pagamento digitale possono essere senza commissioni con canone o senza canone con commissioni sul transato.
  • I Pos senza commissioni sono la soluzione più conveniente per quegli esercizi che ricevono numerosi pagamenti da carte di pagamento.

Esistono Pos senza commissioni? Quali sono i migliori? Oggi è obbligatorio per un esercente dotarsi di un terminale Pos per accettare i pagamenti anche dalle carte di credito e di debito, ma le proposte di banche e società specializzate sono tantissime.

Oltre ai classici Pos con commissioni ma senza canone, alcune società fintech propongono soluzioni in cui, invece, di pagare una commissione sul transato, gli esercenti e i professionisti pagano solamente un canone mensile, indipendentemente dal numero delle transazioni effettuate con il terminale.

In questa guida abbiamo realizzato una classifica dei migliori Pos senza commissioni analizzando i vantaggi e le caratteristiche dei terminali per capire qual è la soluzione più adatta in base alle diverse esigenze. Di seguito vedremo anche quali sono i criteri con cui scegliere il modello più adatto e i vantaggi dei Pos senza commissioni.

Pos senza commissioni bancarie: come funzionano

La maggior parte dei Pos oggi prevede il pagamento di commissioni sul transato e nessun canone fisso mensile. Tuttavia, scegliendo un Pos senza commissioni bancarie, è possibile risparmiare anche diverse centinaia di euro.

Il Governo negli ultimi anni ha attuato diverse proposte per scoraggiare l’utilizzo dei contanti e incentivare l’utilizzo di strumenti elettronici, in modo tale da contrastare l’evasione fiscale. Un esempio è stato il Cashback di Stato, che riconosceva il 10% di rimborso per ogni acquisto effettuato con carta.

Queste iniziative, insieme al limite sull’utilizzo dei contanti e alla convenienza di molti conti correnti, hanno portato ad un crescente utilizzo delle carte di pagamento da parte dei consumatori, che si traduce anche in maggiori commissioni sulle transazioni per gli esercenti.

Questo è uno dei motivi per cui sempre più esercenti e professionisti preferiscono i terminali Pos senza commissioni ai classici Pos senza canone fisso.

Ad oggi sono ancora poche le società di pagamento digitale che propongono il servizio Pos senza commissioni, ma non mancano le offerte convenienti che permettono di azzerare le commissioni sul transato che non supera una certa soglia. Vediamo, quindi, quali sono i migliori Pos senza commissioni.

servizio-pos-senza-commissioni

I migliori Pos senza commissioni

I Pos senza commissioni prevedono comunque dei costi, legati principalmente al canone fisso, in genere mensile, per l’utilizzo del terminale.

Utilizzare un Pos senza commissioni significa non affrontare costi variabili sulle transazioni, ma corrispondere un costo fisso indipendentemente dal numero di pagamenti effettuati con il dispositivo Pos e dall’ammontare del transato totale.

In genere, il canone fisso comprende sia il noleggio del Pos che la scheda Sim, ove prevista dal modello scelto, per il collegamento alla rete dati. Ma vediamo adesso quali sono le migliori offerte di Pos senza commissioni del momento.

Pos Axerve

La società fintech Axerve, appartenente all’ecosistema del Gruppo Sella, è il primo Hub dei Pagamenti in Italia, e la sua offerta è davvero unica. Infatti, è una delle poche società fintech di pagamenti digitali e di servizi Pos che propone una soluzione senza commissioni.

Per i punti vendita propone due soluzioni: Pos Easy a canone e Pos Easy a commissioni. Quest’ultimo prevede una commissione dell’1% sul transato, e l’acquisto del terminale al costo di 100 euro una tantum. Ma il servizio più interessante è il Pos Easy a canone e zero commissioni. Axerve la definisce come “la soluzione senza sorprese” per gestire l’impresa.

Con questo servizio, esercenti e professionisti pagano un canone fisso mensile e ricevono l’accredito del transato su qualsiasi conto corrente tramite bonifico bancario entro un giorno lavorativo, senza la necessità di aprire un conto corrente dedicato.

Inclusa nel canone c’è la Sim che permette di connettere il dispositivo alla rete dati 4G dell’operatore con la migliore copertura della zona. Inoltre, il canone è comprensivo del noleggio in comodato d’uso del terminale Pos Android PAX A910. Axerve non impone vincoli di permanenza in modo da garantire il massimo della flessibilità e libertà agli esercenti. Il terminale Pos presenta le seguenti caratteristiche:

  • dimensioni: L 17,5 * P 8,2 * H 6,2 cm;
  • peso: 410 grammi;
  • connettività: Wifi + 4G;
  • stampa dello scontrino;
  • sistema operativo Android.

Il prodotto è anche conforme al bonus fiscale dal 30% al 100%, per ottenere il credito d’imposta Pos.

Axerve: i costi

Axerve propone due diverse tariffe per il Pos senza commissioni:

  • 17 euro + Iva per incassi fino a 10.000 euro all’anno;
  • 22 euro + Iva per incassi fino a 30.000 euro all’anno.

Superati i 30.000 euro di transato in un anno, Axerve applica una commissione dell’1% più Iva per l’importo eccedente la soglia dei 30.000 euro, a cui si somma il canone di 22 euro. All’attivazione del servizio Pos di Axerve è anche previsto il pagamento dell’imposta di bollo di 16 euro. Il canone include:

  • noleggio del terminale Pos;
  • Sim multi operatore;
  • assistenza tecnica dal lunedì al sabato, dalle 7:30 alle 22:00, la domenica e i festivi, dalle 8:00 alle 20:00.

Pos Nexi

La società italiana Nexi S.p.A. offre tantissimi servizi legati ai pagamenti digitali, tra cui i dispositivi Pos con molti modelli differenti. I servizi Pos offerti da Nexi non sempre prevedono un canone fisso mensile, ma gli esercenti pagano le commissioni sul transato.

Tuttavia, Nexi propone in promozione fino al 31/12/2022 l’iniziativa Rimborso Micropagamenti, un rimborso delle commissioni sulle transazioni inferiori a 10 euro effettuate con carte Visa, MasterCard e PagoBancomat. Questa promozione è però riservata ai piccoli esercenti con un fatturato annuo inferiore ai 400.000 euro.

Inoltre, per le transazioni fino a 30 euro, le commissioni sono ridotte allo 0,05% dell’importo per tutti i circuiti utilizzati. Di conseguenza, pur prevedendo una commissione sulle transazioni, questa è azzerata o ridotta entro certi importi.

Ma ci sono anche offerte e piani senza commissioni, ma con un canone fisso. Il Pos di Nexi è il Pos senza commissioni offerto anche dagli istituti bancari Intesa San Paolo e Monte dei Paschi di Siena. I modelli di Pos proposti da Nexi sono:

  • Desktop: Pos fisso, accetta i buoni pasto e i principali circuiti di pagamento;
  • Cordless: utilizzo in mobilità con connettività Bluetooth e stampante integrata;
  • Portatile: utilizzo in mobilità con connettività mobile alla rete 3G e Sim inclusa;
  • Mobile POS: utilizzo in mobilità con connettività Bluetooth, invio di ricevute via email o SMS;
  • Nexi SmartPOS: Pos evoluto con doppio touchscreen;
  • Nexi SmartPOS Mini: utilizzo in mobilità con connettività mobile alla rete 4G e WiFi, con stampante e schermo touch.

Nexi: i costi

Nexi propone diverse offerte legate ai servizi Pos. I costi legati al servizio e al dispositivo variano in base al modello scelto, e prevedono un canone mensile che va dai 29 ai 39 euro al mese oltre a commissioni che vanno da 0,69% a 2,49%.

Tuttavia, con il piano Start senza commissioni è previsto un canone fisso che libera gli esercenti dalle commissioni.

Nexi Start: costi e terminale

Nexi Start è l’offerta all inclusive che permette di accettare tutti i pagamenti elettronici a €0.50 al giorno. Nexi consiglia questa offerta principalmente a ristoranti, retail e servizi.

Con questa offerta è prevista una maggiorazione solo se il totale del negoziato dalle carte Extra EEA o dalle carte Commercial risulta maggiore alla soglia del 5% del negoziato complessivo del punto vendita nel mese contabile. Superato questo, la commissione applicata è maggiorata dell’1,5%. Ma anche in questo caso, per le transazioni fino a 30 euro, Nexi prevede una riduzione delle commissioni applicate pari a 0,05% dell’importo.

Incluso nel canone c’è un terminale Pos tradizionale o il modello Nexi SmartPOS, e in base al modello cambia il canone mensile previsto:

  • POS tradizionale: canone di 15 euro al mese + Iva;
  • Nexi SmartPOS: canone mensile di 29 euro al mese + Iva.

Oltre al terminale Pos, inclusi nel canone ci sono:

  • commissioni gratuite per i pagamenti fino a 10 euro (fino al 31 dicembre 2023);
  • 1000 euro di transato incluso ogni mese;
  • una Commissione Unica oltre la soglia di 1.000 euro di 1,2% su MasterCard, Visa e PagoBancomat;
  • Pay-by-Link: per incassare pagamenti anche a distanza.

Bonus POS per le Partite IVA fino a giugno 2022

Fino a giugno 2022 è possibile per le attività di impresa, e per le Partite IVA, accedere ad un particolare sostegno economico, il bonus POS, per l’acquisto o il noleggio di POS. Questa iniziativa è stata presa in concomitanza con l’obbligo di utilizzare il POS esteso a esercenti e professionisti, che sarà attivo dall’estate 2022.

Il sostegno consiste da un lato in un credito di imposta sulle commissioni dei pagamenti elettronici, con bonus del 100% fino al 30 giugno 2022, che viene ridotto al 30% a partire da luglio 2022. Sarà possibile ottenere il bonus POS solamente per l’acquisto di POS direttamente collegati ai registratori di cassa telematici, per un massimo di 160 euro.

Dall’altro lato è possibile ricevere un credito di imposta di percentuale variabile in base al fatturato dell’impresa o della ditta individuale. Infine, per chi installa uno dei più evoluti sistemi per il pagamento tracciabile, si aggiunge un bonus del 100%. Si tratta di strumenti che permettono la memorizzazione dei dati e la loro trasmissione.

Pos senza commissioni – Domande frequenti

Esiste un Pos senza commissioni?

Come abbiamo visto in questa guida, non sono molti i servizi Pos senza commissioni, e per lo più le banche e le società di pagamenti digitali propongono terminali Pos con commissioni ma senza canone. Tra i pochi Pos senza commissioni ci sono Axerve e Nexi (sulle operazioni sotto i 10 euro).

Come risparmiare sulle spese del Pos?

Per risparmiare sulle spese del Pos bisogna prima di tutto capire quali sono le esigenze del business, quante transazioni si fanno mediamente in un mese e capire se è più conveniente un Pos senza commissioni o un Pos senza canone. Vanno poi individuate le migliori promozioni del momento, per accedere a sconti specifici sul canone o sulle commissioni.

Qual è il migliore Pos senza commissioni?

In questa classifica abbiamo evidenziato le caratteristiche e i vantaggi dei terminali Pos senza commissioni, ed il migliore risulta essere Axerve, in quanto non prevede commissioni, ma solamente un canone mensile. Nexi invece azzera le commissioni solamente per transazioni di basso importo, inferiori ai 10 euro.

Autore
Foto dell'autore

Ilenia Albanese

Esperta di finanza personale e lavoro digitale

Copywriter specializzata nel settore della finanza personale, con esperienza pluriennale nella creazione di contenuti per aiutare i consumatori e i risparmiatori a gestire le proprie finanze.

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.