Come aprire un centro sportivo: procedura, costi e requisiti

Per aprire un centro sportivo è necessario prima di tutto costituire l’associazione, ed essere in possesso di tutti i requisiti previsti dalla legge. Leggi la guida per sapere come procedere.

revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.

Adv

Come aprire un centro sportivo
  • Il centro sportivo è un complesso basato sullo sport che propone corsi e offre la possibilitĂ  di svolgere degli sport, in una o piĂš discipline.
  • Per aprire un centro sportivo in genere è necessario costituire un’associazione sportiva.
  • I costi per aprire un centro sportivo variano in base allo spazio e agli sport praticati, e possono andare dai 60.000 euro fino a superare i 120.000.

Il centro sportivo può essere considerato come quel luogo destinato alla pratica dello sport. In generale, questo termine viene utilizzato anche per intendere luoghi come palestre e impianti sportivi.

Tuttavia, la legge stabilisce che per centro sportivo si intende un’associazione senza scopo di lucro composta da persone che hanno in comune gli stessi interessi.

Per aprire un centro sportivo, proprio come per altre attività, è necessario seguire un iter burocratico e rispettare alcuni requisiti. La procedura, in questi due casi, è piuttosto lineare, ma all’interno di questa guida affronteremo tutti gli aspetti da considerare per avviare questo tipo di attività.

Cos’è un centro sportivo

I centri sportivi intesi sono strutture realizzate prevalentemente da associazioni, in cui si pratica sport, tuttavia, per centri sportivi si intendono anche luoghi gestiti da imprenditori, come nel caso, ad esempio, delle palestre. In questo caso la gestione non è affidata ad associazioni sportive. Riassumendo, possono gestire centri di questo tipo:

  • societĂ  e associazioni sportive dilettantistiche;
  • enti di promozione e propaganda sportiva;
  • associazioni iscritte al registro pubblico del Coni.

I centri sportivi sono luoghi al chiuso o all’aperto con campi sportivi inclusi o sale attrezzate in cui si può giocare a tennis, calcetto o praticare sport piĂš differenti. Queste strutture possono anche ospitare all’interno ristoranti o bar annessi.

A volte il centro sportivo è utilizzato come sinonimo di palestra o centro fitness, ma secondo l’ordinamento italiano è considerato centro sportivo quel tipo di attività senza scopo di lucro che si basa sullo sport.

Questo tipo di attività è anche considerato un luogo di ritrovo, e può essere realizzato anche a livello comunale o scolastico.

Come aprire un centro sportivo requisiti
hype business

Come aprire un centro sportivo

L’apertura di un centro sportivo non richiede passaggi e requisiti complessi, ma è necessario rispettare una serie di normative. Uno dei vantaggi dell’aprire un centro sportivo sotto forma di associazione è quello di avere accesso alle agevolazioni fiscali riservate ai centri sportivi.

Proprio per questo motivo, il primo passo da compiere è quello di costituire un’associazione e definire lo statuto. Per fare questo è necessario compilare una lista con tutti i soci fondatori in cui si specificano compiti e mansioni, e disporre di libri verbali e contabili su cui registrare le attività e le iniziative del centro sportivo.

Stabiliti gli obiettivi insieme agli altri soci e ai collaboratori, bisogna redigere tre copie del documento: la prima deve essere depositata presso l’Ufficio Registri Atti Privati mentre la seconda deve essere inviata all’Agenzia delle Entrate.

Infatti, un altro passaggio da compiere per rispettare gli obblighi burocratici è quello di chiedere all’Agenzia delle Entrate un codice fiscale per un’attivitĂ  non commerciale.

Tale richiesta si può effettuare anche online. Questo passaggio è importante perché, non trattandosi di un’attività commerciale, il codice fiscale è molto diverso dai codici che invece vengono assegnati ad altre tipologie di imprese.

Costituzione di un’associazione: requisiti

Per costituire di un’associazione è richiesto un minimo di 3 persone che andranno a svolgere i principali ruoli all’interno dell’ente. I ruoli in questione sono:

  • presidente;
  • vicepresidente;
  • segretario.

Le tipologie di associazioni che si possono costituire sono tante, e oggi sono disponibili diversi tipi di associazioni sportive come le associazioni sportive dilettantistiche o le Asd a r.l, che sono un ibrido tra la forma associativa e una societĂ  a responsabilitĂ  illimitata.

Per costituire un’associazione è consigliabile rivolgersi ad un professionista per redigere l’Atto Costitutivo in cui verranno inserite le finalità dei soci per cui stanno creando l’associazione.

Oltre al codice fiscale di cui abbiamo parlato prima, se all’interno del centro sportivo si svolgono anche attività commerciali è obbligatorio aprire la partita Iva.

Aspetti organizzativi e logistici

Tra gli aspetti da considerare per aprire un centro sportivo, il più importante è l’acquisto o l’affitto dei locali da destinare alle attività sportive. Bisogna innanzitutto verificare che sia a norma e se è stato accatastato nelle categorie C/1 o C/4.

Per i centri sportivi senza scopro di lucro è possibile chiamare un tecnico abilitato per procedere con la variazione catastale e con la documentazione inerente per ottenere il rilascio dell’agibilitĂ  e idoneitĂ  sanitaria nel locale. Inoltre, non bisogna dimenticare di verificare che il locale rispetti le norme di sicurezza per i locali pubblici relative alle barriere architettoniche.

Per aprire un bar all’interno nel circolo, oltre ad aprire la Partita Iva è necessario controllare di avere le autorizzazioni necessarie alla somministrazione di cibi e bevande. Bisogna, inoltre, ricordare che la vendita è riservata solo ai soci.

Altro aspetto da non sottovalutare è quello di verificare se i campi e i locali adiacenti sono collegati ad un impianto fognario. Questo passaggio è fondamentale per attrezzare la struttura con servizi igienici e docce. Tali impianti devono essere a norma, rendendo quindi necessario ottenere il nulla osta dall’ASL di riferimento che si occuperĂ  di omologare gli impianti elettrici.

Costi aprire centro sportivo

I requisiti per aprire un centro sportivo

Per aprire un centro sportivo e, di conseguenza, costituire un’associazione, riassumiamo i requisiti necessari nei seguenti punti:

  • redigere lo statuto;
  • richiedere il codice fiscale all’Agenzia delle Entrate;
  • affittare o acquistare i locali;
  • assumere personale tecnico abilitato;
  • ottenere la variazione catastale;
  • richiedere la documentazione per ottenere l’agibilitĂ  e l’idoneitĂ  sanitaria del locale;
  • aprire la partita Iva per svolgere attivitĂ  commerciali;
  • ottenere le autorizzazioni necessarie per la somministrazione di cibi e bevande.

Per registrare l’atto costitutivo e lo statuto, presso l’Agenzia delle Entrate, e ottenere il codice fiscale o la Partita Iva bisogna pagare la tassa di registro con modello F23. Inoltre, è necessario presentare agli uffici dell’Agenzia:

  • lo statuto e l’atto costitutivo;
  • i documenti del presidente, del vicepresidente e del segretario;
  • il modello F23 compilato;
  • la ricevuta del pagamento.
edenred ticket restaurant

Quanto costa aprire un centro sportivo

Oltre agli aspetti burocratici bisogna anche concentrarsi sulla fase progettuale per calcolare i costi necessari per avviare il centro sportivo.

Per stimare l’investimento iniziale necessario da affrontare bisogna valutare la tipologia di struttura che si intende realizzare. Infatti, i costi variano in base alle dimensioni del centro, agli sport che è possibile praticare e ai servizi aggiuntivi che si intende offrire come bar, ristoranti, sauna e così via.

Il centro sportivo può inglobare un diverso numero di discipline sportive. Bisogna, quindi, considerare i costi relativi a:

  • costruzione dei campi;
  • realizzazione degli spalti e delle coperture;
  • altre strutture e servizi come spogliatoi, reception, ristorante.

Basti considerare che un centro sportivo ben attrezzato misura in media una superficie interna che va dai 500 ai 1000 mq, oltre ad uno spazio esterno grande abbastanza da ospitare i campi sportivi.

Se si desidera includere anche una sala attrezzi completa di circa 500 mq, sarà necessario affrontare un costo compreso tra i 60.000 euro e i 120.000 euro da destinare all’acquisto delle attrezzature.

Tuttavia, uno degli aspetti più importanti delle associazioni sportive è che hanno accesso ad agevolazioni come i contributi a fondo perduto messi a disposizione dal Governo, oltre ad agevolazioni ed esenzioni fiscali. Tuttavia, per avere accesso ai benefici fiscali previsti dalla legge, l’associazione sportiva dilettantistica deve rispettare i seguenti requisiti:

  • non deve distribuire utili o capitali durante la vita dell’associazione;
  • deve indicare la dicitura “sportiva dilettantistica” nella denominazione sociale;
  • deve devolvere il patrimonio residuo a enti con finalitĂ  sportive;
  • non può avere soci temporanei;
  • ha l’obbligo di tesserare i soci con tessera amatoriale o agonistica;
  • deve rendicontare;
  • devi iscriversi in un apposito registro tenuto dal Coni.
Come aprire un centro sportivo Partita Iva

Come aprire un centro sportivo: la Partita Iva

Come abbiamo anticipato, per svolgere attivitĂ  commerciali è necessario anche per le associazioni aprire la Partita Iva. Tuttavia, se l’attivitĂ  commerciale è occasionale, l’associazione non è obbligata a questo passaggio.

Per aprire la Partita Iva il presidente dell’associazione sportiva deve compilare e presentare il modello AA7/10 all’Agenzia delle Entrate entro 30 giorni dall’inizio dell’attivitĂ .

Il modello si può presentare in tre modi:

  • presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate;
  • con raccomandata a/r;
  • in modalitĂ  telematica dal sito dell’Agenzia delle Entrate.

Per evitare di commettere errori, essendo una fase delicata, è consigliabile rivolgersi ad un professionista abilitato. Infatti, un altro aspetto da considerare è la scelta del codice Ateco relativo all’attività svolta. Un esempio di Codice Ateco valido è il seguente:

  • codice Ateco 92.12: attivitĂ  di club sportivi.

Anche le associazioni con Partita Iva sono obbligate ad emettere fattura elettronica.

Come aprire un centro sportivo – Domande frequenti

Un’associazione sportiva deve aprire la Partita Iva?

Le associazioni sportive dilettantistiche devono richiedere il Codice fiscale all’Agenzia delle Entrate, ma se svolgono attività commerciale sono obbligate ad aprire la Partita Iva.

Come si può aprire un centro sportivo?

Il centro sportivo può essere aperto da imprenditori o da associazioni. In quest’ultimo caso è necessario richiedere il codice fiscale all’Agenzia delle Entrate, redigere lo statuto e il regolamento. Leggi quali sono i requisiti necessari per aprire un centro sportivo.

Quanto ci vuole per aprire un centro sportivo?

Per aprire un centro sportivo è necessario effettuare un investimento iniziale che può andare dai 60.000 ai 120.000 euro. Tra i costi bisogna considerare l’affitto o l’acquisto dei locali e degli spazi, l’acquisto delle attrezzature e le spese burocratiche.

Autore
Foto dell'autore

Ilenia Albanese

Esperta di finanza personale e lavoro digitale

Copywriter specializzata nel settore della finanza personale, con esperienza pluriennale nella creazione di contenuti per aiutare i consumatori e i risparmiatori a gestire le proprie finanze.
Fact-Checked
dottore commercialista giovanni emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 22 Dicembre 2022
Commercialista dal 🧗🏾‍♀️secondo millennio, innovatore professionale nel terzo millennio🏃🏾‍♂️. Il futuro della professione del commercialista nel mio ultimo libro "dalla società alla rete tra professionisti".

2 risposte a “Come aprire un centro sportivo: procedura, costi e requisiti”

  1. Avatar ruggero
    ruggero

    in italia è possibile costruire ,a proprie spese, un campo di calcetto, uno di bocce ed una pista per allenarsi alla corsa in un terreno di proprietà?
    obiettivo dell’iniziativa fare usare le tre cose ai cittadini gratuitamente
    grazie se mi potete dare una risposta
    saluti
    Prof Ruggero Caminiti

    1. Avatar Redazione Professionale
      Redazione Professionale

      Buonasera,
      potrebbe essere un’idea farlo realizzare o promuovere da una associazione sportiva dilettantistica.
      Se è proprietĂ  privata sarebbe come avere ospiti a casa propria. L’unico rischio che ci potrebbe essere, sugli infortuni, potrebbe essere superato con una assicurazione o con l’affiliazione a una Associazione sportiva dilettantistica.

      Grazie per averci scritto

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novitĂ  e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.