Ravvedimento speciale: proroga al 20 dicembre 2023 pagando in una soluzione

Cos'è il ravvedimento speciale introdotto con la manovra 2023, a chi è indirizzato, cosa comporta e come accedervi.

revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.

Adv

Ravvedimento speciale
  • Tra le misure introdotte dalla Legge di Bilancio 2023 a tema fisco, c’è anche una forma di ravvedimento speciale.
  • Il ravvedimento speciale permette a chi ha presentato dichiarazione dei redditi errata o ha omesso delle fatture di provvedere al pagamento di sanzioni ridotte di un diciottesimo.
  • L’Agenzia delle Entrate ha recentemente chiarito che c’è tempo fino al 20 dicembre 2023 per sanare le violazioni e che vi può rientrare anche l’utilizzo indebito dei crediti di imposta in compensazione.

Il ravvedimento speciale è un particolare intervento a tema fisco della Legge di Bilancio 2023 e rientra tra le misure di pace fiscale previste dal governo Meloni. Si tratta di un’operazione che può essere richiesta dai cittadini che hanno contratto un debito verso lo stato o il fisco nel periodo di imposta 2021 o precedenti.

Questa misura è molto simile al ravvedimento operoso, ovvero permette al contribuente di ricevere delle agevolazioni sul pagamento delle tasse dovute, quando è presente un debito, con una diminuzione dell’importo da versare per le sanzioni.

Per procedere con il ravvedimento speciale è possibile pagare tutta la somma dovuta in un’unica soluzione, oppure chiedere una rateizzazione secondo precisi parametri. Recentemente l’Agenzia delle Entrate ha chiarito anche gli aspetti che riguardano le violazioni nelle compensazioni dei crediti di imposta e la nuova riapertura dei termini per pagamenti in una soluzione.

Cos’è il ravvedimento speciale

Il ravvedimento speciale è un’operazione molto simile al ravvedimento operoso, che consente quindi a chi ha un debito di pagare le somme dovute con alcune agevolazioni sulle sanzioni. Questo intervento è inserito in una più ampia pace fiscale proposta dal governo Meloni, con misure specifiche nella Legge di Bilancio 2023.

L’obiettivo del governo è quello di recuperare le somme per cui i cittadini si trovano in una situazione di debito e per farlo si inseriscono alcune forme agevolative nel pagamento. Possono quindi essere inclusi nel ravvedimento speciale diversi tipi di debiti, a carico di contribuenti come persone fisiche, imprenditori, lavoratori autonomi.

Al centro del ravvedimento quindi possono esserci:

  • tributi dovuti all’Agenzia delle Entrate;
  • violazioni sulle dichiarazioni dei redditi;
  • violazioni per omessa fatturazione.

Va evidenziato che per poter accedere a questo sistema agevolativo, i debiti devono fare riferimento al periodo di imposta 2021, oppure a periodi precedenti. Non si può chiedere invece il ravvedimento speciale per dichiarazioni non presentate, quindi del tutto omesse.

Il ravvedimento consiste in una diminuzione di un diciottesimo delle sanzioni applicate per il debito cumulato, tuttavia bisogna porsi nella condizione di saldarlo. Si prevede il meccanismo di compensazione tramite modello F24 per il ravvedimento operoso speciale.

edenred ticket restaurant

Come funziona il ravvedimento speciale

Ravvedimento speciale come funziona

Il ravvedimento speciale funziona in modo molto simile al ravvedimento operoso, nelle circostanze viste sopra. Per procedere con questa agevolazione, i contribuenti devono provvedere in un lasso di tempo piuttosto breve al pagamento delle somme dovute.

Il ravvedimento infatti prevede generalmente che la persona che ha un debito si ponga volontariamente nella condizione di saldarlo e questo vale anche per il ravvedimento speciale. Tuttavia la manovra 2023 delinea alcune date precise per poter procedere, che sono state modificate e portate in avanti dall’articolo 19, del D.L. n. 34/2022:

  • unico versamento: è possibile accedere versando le somme entro il 2 ottobre 2023, con possibilità prorogata al 20 dicembre 2023 con pagamento in una soluzione;
  • pagamento a rate, con applicazione di interessi al 2% a partire dal secondo versamento, per cui sono stabilite delle precise date, da rispettare per non perdere il beneficio: anche queste scadenze sono state recentemente portate in avanti.

Ravvedimento speciale: riapertura termini fino al 20 dicembre 2023

Recentemente l’Agenzia delle Entrate ha chiarito, con la Risoluzione n.67 del 6 dicembre 20231, che anche per le compensazioni indebite che riguardano i crediti di imposta è possibile ricorrere al ravvedimento speciale, entro certe condizioni.

Il primo requisito è che la compensazione deve essere avvenuta entro il 31 dicembre 2021, con una valida dichiarazione presentata. Per tutte le operazioni successive il contribuente può accedere al ravvedimento operoso ordinario.

L’Agenzia delle Entrate quindi chiarisce che è possibile accedere allo strumento del ravvedimento speciale se la prima rata è stata pagata entro il 30 settembre 2023 (ovvero al 2 ottobre, dato che il 30 era un sabato), quindi in un unico versamento entro il 20 dicembre 2023.

Con il Decreto Proroghe infatti è stata introdotta una proroga ulteriore per chi ancora non ha richiesto il ravvedimento speciale, saltando la scadenza che era fissata per il 30 settembre.

Il 20 dicembre quindi risulta quindi essere l’ultima possibilità per accedere a questo strumento e corrisponde alla quarta rata relativa ai pagamenti dilazionati per chi ha già iniziato a pagare. Chi procede in questo senso accedendo al ravvedimento speciale in base alla proroga, deve versare la somma in un unico importo entro questa scadenza.

finom business

Scadenze per il ravvedimento speciale

Chi effettuava un unico pagamento doveva versare quanto dovuto entro il termine del 2 ottobre 2023, ma ora può procedere entro il 20 dicembre. La data originaria era fissata per il 30 settembre, tuttavia dato che cadeva di sabato, è slittata a ottobre. Ricordiamo quali sono le date per il pagamento rateizzato:

  • prima rata: 2 ottobre 2023;
  • seconda rata: 31 ottobre 2023;
  • terza rata: 30 novembre 2023;
  • quarta rata: 20 dicembre 2023;
  • quinta rata: 31 marzo 2024;
  • sesta rata: 30 giugno 2024;
  • settima rata: 30 settembre 2024;
  • ottava rata: 20 dicembre 2024.

Chi ha contratto un debito ha potuto scegliere se provvedere al pagamento in un’unica soluzione, oppure versare quanto dovuto trimestralmente a rate. Il mancato pagamento di una rata determina comunque la perdita della possibilità di accesso al ravvedimento speciale.

Come ha specificato l’Agenzia delle Entrate, non rientrano in questo ravvedimento operoso i lievi inadempimenti, ovvero di piccola entità. Chi è interessato a questa agevolazione può procedere sia in modo del tutto autonomo, sia se ha ricevuto un avviso dall’Agenzia delle Entrate inerente il debito.

Con il Decreto Proroghe è stata proposta quindi una nuova apertura dell’accesso al ravvedimento speciale, tuttavia chi vi aderisce può procedere unicamente al versamento in una soluzione entro il 20 dicembre.

Come accedere al ravvedimento speciale

Si può accedere al ravvedimento speciale solamente se non sono già in atto alcune operazioni sui debiti, ovvero:

  • atti di liquidazione;
  • atti di accertamento o di recupero;
  • contestazione;
  • applicazione delle sanzioni;
  • debiti collegati ad attività finanziarie e patrimoniali all’estero.

In questi casi non è possibile richiedere l’agevolazione sulle sanzioni. Si può invece richiedere il ravvedimento speciale per redditi esteri, sia se derivano da lavoro dipendente che autonomo.

Nei casi consentiti è possibile accedere al ravvedimento speciale, presentando richiesta di saldo dei debiti all’Agenzia delle Entrate.

In alcuni casi tuttavia può decadere il beneficio. Decade a causa del mancato versamento delle cifre dovute, o per il mancato pagamento di una rata. In questi casi il debito viene iscritto a ruolo, si perde l’accesso all’agevolazione e viene applicata una sanzione del 30% dell’importo non versato, con l’aggiunta di interessi.

finom business

Come richiedere il ravvedimento speciale

Per accedere al ravvedimento speciale, il contribuente doveva versare gli importi dovuti in un’unica soluzione, entro la scadenza del 2 ottobre 2023, oppure scegliere la rateizzazione pagando la prima rata entro la stessa data.

Come abbiamo visto prima, è stata introdotta una proroga al 20 dicembre 2023 per i versamenti in un’unica soluzione, dando più tempo per l’accesso al ravvedimento speciale.

Il modello F24 è il documento che si utilizza per effettuare il versamento di quanto dovuto. Per ricevere maggiori informazioni è possibile accedere alla propria area sul sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate.

Altre misure di pace fiscale

Oltre al ravvedimento speciale, la pace fiscale introdotta con la Legge di Bilancio prevedeva ulteriori misure per agevolare i contribuenti nel pagamento dei debiti con il fisco. Nel 2023 è stato possibile quindi chiedere:

  • definizione agevolata degli avvisi bonari, con sanzioni ridotte al 3%;
  • stralcio delle cartelle esattoriali di vecchia data, dal 2000 al 2015, inferiori a 1.000 euro (in automatico dove previsto);
  • definizione agevolata delle controversie tributarie;
  • regolarizzazione di mancati pagamenti di rate dopo acquiescenza, accertamento con adesione, reclamo o mediazione e conciliazione giudiziale;
  • conciliazione agevolata nelle controversie tributarie.

Questi sono i principali interventi della pace fiscale, indicati dalla Legge di Bilancio. Si tratta in tutti i casi di misure agevolative che consentono a lavoratori e imprese di saldare in modo vantaggioso tutti i debiti.

Ravvedimento speciale – Domande frequenti

Cos’è il ravvedimento speciale?

Il ravvedimento speciale consente ai contribuenti che hanno un debito verso il fisco di pagare sanzioni ridotte a un diciottesimo. Ecco come funziona.

Come funziona il ravvedimento speciale?

Il ravvedimento speciale prevede un vantaggio nel pagamento dei debiti, per coloro che hanno commesso irregolarità nelle dichiarazioni e di conseguenza nel pagamento di imposte.

Chi non può accedere al ravvedimento speciale?

Non possono accedere coloro per cui le dichiarazioni non sono state presentate, quindi del tutto omesse, oppure se sono in atto alcuni provvedimenti, come indicato qui.

Chi può accedere al ravvedimento speciale entro il 20 dicembre 2023?

Secondo le recenti proroghe, si può accedere al ravvedimento speciale con scadenza al 20 dicembre 2023 per le violazioni con il fisco, che possono riguardare anche i crediti di imposta compensati in modo illecito, tuttavia questo è possibile solamente versando quanto dovuto in una soluzione.

  1. Risoluzione n.67 del 6 dicembre 2023, agenziaentrate.gov.it ↩︎
Autore
Giornalista pubblicista, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Torino, da sempre sono appassionata di scrittura. Dopo alcune esperienze all'estero, ho deciso di approfondire tematiche inerenti la fiscalità nazionale relativa alle persone fisiche ed alle Partite Iva. La curiosità mi ha portato a collaborare con agenzie web e testate e a conoscere realtà anche diversissime tra loro, lavorando come copywriter e editor freelancer.
Fact-Checked
dottore commercialista giovanni emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 10 Febbraio 2023
Commercialista dal 🧗🏾‍♀️secondo millennio, innovatore professionale nel terzo millennio🏃🏾‍♂️. Il futuro della professione del commercialista nel mio ultimo libro "dalla società alla rete tra professionisti".

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.