Imposta di bollo sui conti aziendali: come funziona e quando si applica

L'imposta di bollo è una tassa che viene applicata sia sui conti correnti aziendali sia su quelli privati: scopriamo a quanto ammonta per le imprese, quando si applica e chi è esente.

Adv

imposta di bollo conto aziendale
  • Qualsiasi conto corrente aziendale o privato, aperto in un istituto bancario italiano, prevede l’applicazione dell’imposta di bollo, con alcuni limiti di giacenza.
  • L’imposta di bollo si applica sui conti correnti bancari o postali, privati o business: per le aziende la tassa ammonta a 100 euro all’anno, mentre per i privati è pari a 34,20 euro annui.
  • Alcuni conti prevedono un’imposta di bollo ridotta per imprese e professionisti.

Tutti i titolari di un conto corrente aziendale o privato sono tenuti al pagamento dell’imposta di bollo: questa tassa diretta viene applicata dalle banche e poi trasferita nella casse dell’Agenzia delle Entrate.

L’imposta di bollo è una delle spese che gravano maggiormente sui titolari di conti correnti, ma fortunatamente esistono dei casi di esenzione dal pagamento della tassa, oltre che delle soluzioni che permettono di risparmiare sulle spese.

Alcuni conti correnti aziendali, infatti, prevedono un’imposta di bollo più bassa rispetto agli altri istituti di credito, in base ad offerte specifiche: scopriamo a quanto ammonta la tassa, quando si applica e quali sono le alternative per risparmiare.

Cos’è l’imposta di bollo sui conti aziendali

conto aziendale imposta di bollo

Istituita a partire dal 2011, con l’approvazione del Decreto Monti o Salva Italia1, l’imposta di bollo è una tassa che si applica sia ai conti correnti aziendali sia a quelli privati ed è una delle spese che gravano maggiormente sui titolari di conto corrente o libretto postale.

Così come il bollo auto è la tassa sul possesso dell’automobile e si applica indistintamente a tutti in base al possesso del veicolo, l’imposta di bollo è la tassa sul possesso di un conto corrente e si applica sia alle persone fisiche sia a quelle giuridiche (con alcune eccezioni).

L’imposta di bollo è calcolata in misura fissa e quindi ha sempre lo stesso importo per tutti i correntisti a seconda della tipologia di conto corrente che si possiede:

  • conto corrente aziendale (persone giuridiche): 100 euro all’anno;
  • conto corrente bancario o postale (persone fisiche): 34,20 euro all’anno (dovuti solo per le giacenze superiori a 5.000 euro).

La banca effettua il prelievo dell’imposta di bollo, solitamente dilazionata nel corso dell’anno, con addebiti mensili o trimestrali in base al contratto, ma la tassa finisce poi nelle casse dello Stato.

soldo business

Quando scatta l’imposta di bollo sui conti aziendali

L’imposta di bollo, come specificato dall’Agenzia delle Entrate, si applica a tutti i conti correnti privati (se superano una giacenza di 5.000 euro all’anno) o aziendali, ma anche a:

  • estratti di conti correnti;
  • rendiconti dei libretti di risparmio;
  • comunicazioni periodiche dei prodotti finanziari;
  • rapporti tra enti gestori e fondazioni bancarie.

Nonostante venga calcolata su base annua, l’imposta di bollo viene prelevata dalle banche su base mensile o trimestrale, in base a quanto stabilito dal contratto.

Anche sui conti deposito si paga l’imposta di bollo, ma in questo caso la tassa è proporzionale: ciò significa che l’imposta allo 0,2% viene applicata alla somma vincolata del conto se complessivamente superiore a 5.000 euro.

In quali casi non si paga l’imposta di bollo

Esistono però dei casi di esenzione dal pagamento dell’imposta di bollo sui conti correnti aziendali o privati: per le persone fisiche (ovvero i privati), per esempio, la tassa non si applica per le giacenze inferiori a 5.000 euro.

Ci sono poi dei casi in cui è la banca a farsi carico del pagamento dell’imposta di bollo, ovvero è l’istituto a pagare la tassa al posto del correntista. E in altre situazioni, invece, il correntista può chiedere alla banca di anticipare la spesa: per esempio, nel caso di saldo in rosso.

In sintesi, l’imposta di bollo non si applica nei seguenti casi:

  • il valore della giacenza media del conto corrente privato è inferiore a 5.000 euro;
  • quando gli estratti conto o i libretti sono intestati a un soggetto con saldo in rosso;
  • quando il titolare del conto corrente ha un Isee inferiore a 7.500 euro all’anno;
  • quando il correntista detiene un conto corrente presso un ente bancario che emette moneta elettronica (IMEL).

benefici, i vantaggi e le funzionalità che abbiamo descritto sono le stesse in entrambi i casi.

1. Imposta di bollo con il conto Tot

tot

Ad oggi è possibile risparmiare sull’imposta di bollo sui conti aziendali: scegliendo Tot, il conto all-inclusive per aziende, associazioni ed enti del terzo settore (con un massimo di 5 soci fondatori) si può godere di una tassa inferiore rispetto alla concorrenza, oltre a una serie di vantaggi per operazioni e pagamenti.

In particolare, Tot permette di ottenere un conto aziendale senza costi di apertura, oltre a dare la possibilità di effettuare pagamenti F24 e bonifici per l’accredito degli stipendi senza alcuna commissione.

Il conto aziendale online Tot è ideale per alcune categorie di soggetti e associazioni:

  • società di capitali e di persone;
  • società consortile e cooperative;
  • ditte individuali;
  • liberi professionisti;
  • Associazioni di Promozione Sociale (APS);
  • Organizzazioni di Volontariato (ODV);
  • enti religiosi italiani di qualsiasi dimensione;
  • associazioni a carattere di interesse generale (ETS).

Tra i vantaggi del conto aziendale online Tot c’è la possibilità di pagare un’imposta di bollo pari a 2 euro all’anno, anziché 100 euro come previsto dagli altri istituti di credito.

hype business

2. Imposta di bollo con il conto Qonto

qonto

Anche Qonto offre un vantaggio non indifferente alle imprese per ciò che riguarda l’imposta di bollo: i suoi conti infatti non sono soggetti ad alcuna imposta di bollo, in quanto l’istituto di pagamento è francese.

Questo tuttavia non vuol dire che i redditi percepiti e cumulati dal lavoratore autonomo o dall’impresa non vadano dichiarati ogni anno secondo le norme di legge italiane. A questo fine è consigliato rivolgersi ad un commercialista esperto. I professionisti inoltre sono tenuti al pagamento dell’IVAFE come da legge.

Questa realtà offre conti correnti ad aziende e liberi professionisti, startup, PMI e associazioni, con cui è possibile effettuare bonifici SEPA e SWIFT, pagare gli F24 e utilizzare carte di pagamento fisiche o virtuali. Qonto presenta diversi piani con offerte specifiche in base alle funzionalità incluse.

3. Imposta di bollo con il conto Hype

Il conto aziendale Hype è ideale per gli imprenditori, i lavoratori autonomi con partita IVA e le imprese di piccole dimensioni: grazie all’offerta Hype Business è possibile azzerare completamente l’imposta di bollo.

Inoltre, il conto Hype Business permette di effettuare pagamenti e prelievi gratis in tutto il mondo, ottenere la carta di debito World Elite Mastercard, ricevere assistenza anche tramite il canale WhatsApp, e godere di un pacchetto assicurativo su viaggi, acquisti e furti ATM.

pleo business

4. Imposta di bollo con il conto Tinaba

Infine, con il conto aziendale Tinaba puoi risparmiare sia sui costi di apertura sia sull’imposta di bollo: entrambe le spese sono a carico della banca. Il canone annuo è azzerato e i prelievi sono gratuiti per i primi 12 (poi costano 2 euro).

Grazie all’applicazione, i professionisti possono gestire pagamenti, risparmi e investimenti, trasferire denaro in modo immediato e gratuito, accreditare lo stipendio o effettuare pagamenti di bollo, bollettini, ricariche telefoniche, ecc.

Imposta di bollo sui conti aziendali – Domande frequenti

Quando scatta l’imposta di bollo sui conti correnti?

L’imposta di bollo è una tassa che si applica a tutti i conti correnti postali o bancari, privati o aziendali, compresi anche i libretti di risparmio e i conti deposito, la cui giacenza media supera i 5.000 euro. Se quest’ultima è inferiore alla soglia, la tassa non si applica.

Quanto si paga di imposta di bollo sui conti aziendali?

L’imposta di bollo sul conto corrente ammonta a 34,20 euro all’anno per le persone fisiche (i privati) e 100 euro all’anno per le persone giuridiche (le aziende). Solitamente il pagamento viene ripartito nel corso dell’anno, con applicazione trimestrale.

Il conto aziendale Tot è soggetto a imposta di bollo?

Qualsiasi conto corrente aziendale aperto presso un istituto di credito italiano è soggetto al pagamento dell’imposta di bollo: a differenza di altri istituti bancari, il conto aziendale Tot prevede un bollo di 2 euro annui anziché 100 euro.

  1. Legge 201/2011, gazzettaufficiale.it ↩︎
Autore
Foto dell'autore

Laura Pellegrini

Giornalista e content editor

Dopo la Laurea in Comunicazione e Società, ho iniziato la carriera da freelance collaborando con diverse realtà editoriali. Ho scritto alcuni e-book sui bonus e ad oggi mi occupo della redazione di articoli di economia, risparmio e lavoro.

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.