Decreto Pa-Sport, niente Iva sulla didattica sportiva

Con il Decreto Pa-Sport viene introdotta una esenzione IVA per alcune attività in ambito sportivo: scopri qui tutti i dettagli.

Adv

Decreto Pa-Sport
  • Il recente Decreto Pa-Sport va ad abolire l’Iva sulla didattica sportiva, in particolare per enti e associazioni che garantiscono formazione in ambito sportivo.
  • Il decreto introduce alcune novità, come il credito di imposta fino alla fine dell’anno per gli investimenti in pubblicità.
  • Il decreto stabilisce disposizioni specifiche anche per le Olimpiadi Milano-Cortina 2026.

Il Decreto Pa-Sport introduce nuove misure per sostenere il settore sportivo, tra cui l’abolizione dell’IVA sulle attività didattiche sportive. Sono poi aggiunti interventi specifici sul credito di imposta per l’investimento nelle pubblicità e per le Olimpiadi Milano-Cortina 2026.

Questa decisione mira a ridurre il peso fiscale sulle associazioni e gli enti che offrono formazione e istruzione nel campo dello sport, favorendo così la diffusione della pratica sportiva e il suo valore educativo. Vediamo tutti i dettagli nell’articolo.

Abolizione dell’IVA sulle attività sportive didattiche

Il Decreto prevede l’abolizione dell’IVA sulle attività di didattica sportiva, che riguardano corsi, lezioni e altre iniziative formative organizzate da associazioni e enti di promozione sportiva.

Questa misura è stata adottata per sostenere il settore sportivo, che era stato colpito duramente la pandemia di COVID-19, e per incentivare l’erogazione di corsi e attività sportive.

Le associazioni e gli enti di promozione sportiva, iscritti al CONI e da altri enti, potranno beneficiare di questa agevolazione fiscale, che si traduce in un risparmio significativo per le loro attività, come riporta il testo del decreto. L’esenzione dall’Iva sarà dedicata a:

“Alle attività didattiche e formative svolte dagli organismi riconosciuti dal Coni e dagli enti sportivi senza fini di lucro iscritti al registro nazionale di cui al dlgs 39/2021.”

Da qui, la riduzione del costo delle attività didattiche sportive potrebbe incoraggiare un maggior numero di persone a praticare sport, con conseguenti benefici per la salute e il benessere della popolazione.

soldo business

Il credito d’imposta per gli investimenti sportivi

Oltre all’abolizione dell’IVA sulla didattica sportiva, il Decreto Pa-Sport introduce anche un credito d’imposta per gli investimenti sportivi.

Questo incentivo fiscale è rivolto alle imprese che investono in pubblicità e sponsorizzazioni, con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo del settore, al pari di come era stato proposto durante il periodo di pandemia.

Il credito d’imposta è pari al 50% degli investimenti effettuati, fino ad un massimo di 10.000 euro, e sarà possibile accedere a questo particolare incentivo fino alla fine dell’anno 2023, secondo la recente proroga.

Per accedere al credito d’imposta, le imprese devono rispettare alcuni requisiti, tra cui:

  • i beneficiari possono essere imprese, lavoratori autonomi, enti non commerciali;
  • sono esclusi i soggetti che aderiscono al regime fiscale forfettario;
  • avere un fatturato annuo superiore a 150.000 euro e massimo 15 milioni di euro.
Decreto sport 2023

Le modifiche apportate dal Decreto Pa-Sport

Il Decreto Pa-Sport introduce nuove disposizioni in materia di IVA e credito d’imposta per gli investimenti sportivi, ma non solo. Abbiamo riassunto in questa tabella le principali novità.

TematicaNovità introdotta dal Decreto Pa-Sport
IVAEsclusione delle attività didattiche sportive dall’ambito di applicazione dell’IVA
Credito d’imposta per gli investimenti Credito d’imposta del 50% per sponsorizzazioni sportive
Stretta sulle plusvalenzePer poter spalmare su più anni le plusvalenze maturate, il giocatore deve essere stato nella squadra che lo cede per almeno 2 anni
Vincolo sportivoTorna il vincolo sportivo di due anni
Olimpiadi di Milano-Cortina 2026La Federazione può assumere senza gli obblighi del Decreto Dignità

Le misure introdotte dal Decreto Pa-Sport rappresentano un importante sostegno per il settore sportivo, che potrà contare su un regime fiscale più favorevole e su incentivi per gli investimenti pubblicitari. In questo modo, si punta a favorire la diffusione della pratica sportiva e a valorizzare il ruolo educativo e formativo dello sport.

Decreto Pa-Sport – Domande frequenti

Decreto Pa-Sport, quali sono le misure previste?

Questo decreto propone misure a sostegno del comparto sportivo, in particolare con l’esenzione dall’IVA in questi casi e il credito di imposta al 50% sugli investimenti in pubblicità.

Cosa cambia per gli enti sportivi con il Decreto Pa-Sport?

Le associazioni e gli enti di promozione sportiva, iscritti al CONI e da altri enti, potranno beneficiare dell’esenzione dall’IVA.

Cosa cambia con il Decreto Pa-Sport per le Olimpiadi Milano-Cortina 2026?

Viene stabilito dal decreto Pa-Sport che la Federazione può assumere senza gli obblighi del Decreto Dignità.

Autore

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.