PagoPA: cos’è, come funziona, quali sono i servizi per cittadini e imprese

Con il sistema pagoPA, cittadini e imprese possono pagare quanto dovuto alle Pubbliche Amministrazioni in modo semplice e sicuro, sia online che offline. Leggi la guida per sapere come funziona, i costi e i vantaggi che offre questo sistema.

di Ilenia Albanese

Adv

pagoPA
  • PagoPA è una piattaforma nazionale che permette di effettuare i pagamenti verso la Pubblica Amministrazione sia sui canali fisici che online.
  • I pagamenti si possono effettuare tramite app IO, online o direttamente sul territorio presso le banche, gli istituti postali, gli esercizi abilitati o i punti di posta privati.
  • Ogni PSP (Prestatore di Servizi di Pagamento) aderente alla piattaforma applica dei costi al servizio offerto per ogni singola operazione.

Nel processo di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione è di particolare rilievo il sistema di PagoPA, una piattaforma dedicata ai pagamenti verso la Pubblica Amministrazione.

Il sistema PagoPA è destinato all’uso di cittadini e imprese, che attraverso i canali online e offline hanno la possibilità di provvedere al saldo, in modo veloce e sicuro, una grande varietà di pagamenti a favore delle PA e le aziende a partecipazione pubblica.

Questa piattaforma per i pagamenti verso la Pubblica Amministrazione offre numerosi vantaggi, e i costi imposti da ogni singolo Prestatore di Servizi di Pagamento (o PSP) aderente sono indicati in modo chiaro, in modo tale che l’utente possa scegliere la soluzione più conveniente per effettuare l’operazione.

Cos’è PagoPA

PagoPA è una piattaforma nazionale che permette pagare tributi, imposte o rette verso la Pubblica Amministrazione e altri soggetti aderenti che forniscono servizi al cittadino.

Questo sistema di pagamenti è gestito dall’omonima società partecipata dallo Stato attraverso il Ministero dell’Economia e delle Finanze, sottoposta alla vigilanza del Presidente del Consiglio.

La società è nata nel 2019 e fa parte di uno dei pilastri della digitalizzazione della Pubblica Amministrazione. L’obiettivo, infatti, è quello di progettare e costruire le infrastrutture digitali dello Stato in modo tale da diffondere servizi pubblici digitali che siano:

  • facili da usare;
  • sicuri;
  • che rispondono ai bisogni dei cittadini.  

Questo sistema nazionale dei pagamenti elettronici a favore della PA punta, quindi, a rendere più accessibili, semplici e trasparenti le transazioni verso la Pubblica Amministrazione.

Attraverso questa piattaforma digitale, i Prestatori di Servizi di Pagamento aderenti, come ad esempio le agenzie di banca, gli home banking, gli sportelli ATM, Poste Italiane e i punti vendita convenzionati, fanno da tramite tra cittadini o imprese e Pubblica Amministrazione per effettuare i pagamenti.
Può anche interessarti l’articolo: “Come fatturare alla Pubblica Amministrazione“.

PagoPA come pagare

Come funziona PagoPA

Per effettuare il pagamento, l’Ente creditore genera un codice IUV (Identificativo Unico di Versamento), che risponde agli standard stabiliti dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID).

Sono, inoltre, necessari i seguenti dati:

  • dati anagrafici dell’utente;
  • indirizzo email;
  • credenziali di login per i pagamenti effettuati tramite il sito web dell’Ente creditore o attraverso i servizi di home banking;
  • avviso PagoPA con il codice IUV;
  • codice QR per pagamenti sul territorio o tramite App.

Con PagoPA il cittadino e le imprese possono pagare alle Pubbliche Amministrazioni:

  • tributi;
  • tasse;
  • utenze;
  • rette;
  • quote associative;
  • bolli;
  • multe;
  • ammende;
  • sanzioni;
  • canoni;
  • altri tipi di pagamenti verso le Pubbliche Amministrazioni centrali e locali, incluse le scuole, le università, le ASL ma anche le aziende a partecipazione pubblica e i gestori di pubblici servizi.

Per il pagamento del bollo bisogna utilizzare il sistema @e. bollo creato dall’Agenzia delle Entrate in collaborazione con AGID, l’agenzia per l’Italia digitale.

La sicurezza delle operazioni effettuate tramite la piattaforma è assicurata dalla conformità alle norme di sicurezza stabilite dalla Payment Card Industry (PCI). In più, i Prestatori di Servizi di Pagamento aderenti al sistema PA devono rispettare i requisiti sulla Strong Authentication.

Pagare il contributo unificato con PagoPA

Con il servizio PagoPA, i cittadini possono pagare comodamene anche il contributo unificato tributario (CUT). Infatti, dal 9 luglio 2019 è stata estesa a tutte le Regioni la possibilità di effettuare il pagamento per i ricorsi e gli appelli che sono depositati presso la segreteria di tutte le commissioni tributarie mediante sistema PagoPA.

Per effettuare il pagamento bisogna attivare la procedura dal sistema informativo della giustizia tributaria (SIGIT) nell’applicazione “processo tributario telematico” (PTT). Occorre, poi, selezionare l’apposito link presente nella email di conferma dell’avvenuta presentazione del ricorso o dell’appello.

Infatti, nel caso del contributo unificato, il pagamento deve essere obbligatoriamente eseguito online tramite la piattaforma PagoPA.

PagoPA app, come funziona

Con PagoPA, cittadini e imprese possono scegliere di pagare sui canali fisici o online. Le principali modalità sono:

  • app IO;
  • online;
  • sul territorio.

Per pagare con l’app IO occorre prima di tutto scaricare l’app gratuita e registrarsi. L’app permette di utilizzare i metodi di pagamento salvati nel Portafoglio, scegliere il gestore della transazione più conveniente e conservare le ricevute in un unico posto.

Come pagare con PagoPA

Per effettuare il pagamento online, le alternative tra cui scegliere sono:

  • il sito dell’Ente creditore;
  • il servizio di home banking personale per pagare con il conto corrente;
  • l’app di pagamenti inquadrando il QR code dell’avviso;
  • i servizi di pagamento online.

Invece, per pagare offline, i luoghi preposti al servizio sono:

  • presso le filiali aderenti o gli sportelli ATM abilitati;
  • in ufficio postale utilizzando il codice QR PagoPA o il bollettino postale PA;
  • presso gli esercenti abilitati che espongono il logo PagoPA;
  • presso i punti di posta privata.

Una volta effettuato il pagamento, all’utente viene inviata entro 24 ore una ricevuta, denominata Ricevuta Telematica (RT).

PagoPA costi gestori

Quanto costa PagoPA

La società PagoPA S.p.A. chiarisce che ogni PSP (Prestatore di Servizi di Pagamento) aderente offre diversi canali per effettuare i pagamenti, con metodi che semplificano l’operazione per i cittadini e le imprese.

Tuttavia, ogni gestore applica dei costi all’operazione. Sul sito ufficiale, Pagopa.gov.it, nella sezione trasparenza è possibile conoscere le tariffe applicate dai gestori attraverso un simulatore dei costi di commissione dai PSP sui canali gestiti da PagoPA S.p.A.

Basterà indicare:

  • l’importo da pagare;
  • il canale da cui si desidera effettuare il pagamento;
  • il metodo di pagamento da utilizzare.

PagoPA: i vantaggi

I principali vantaggi che offre il sistema pagoPA sono:

  • trasparenza dei costi: è l’utente, il cittadino o l’impresa, a decidere a quale Prestatore di Servizi di Pagamento (PSP) rivolgersi per effettuare il pagamento confrontando i costi e scegliendo la soluzione più conveniente;
  • semplicità del pagamento: all’interno dell’avviso PagoPA vi sono tutte le informazioni necessarie (descrizioni delle procedure, QR code e codice IUV);
  • comoda da usare: con questa piattaforma il cittadino può effettuare il pagamento comodamente dall’app IO, dall’home banking e da altri servizi online disponibili 24 ore su 24;
  • sicuro e affidabile: la piattaforma e i Prestatori di Servizi di Pagamento aderenti sono obbligati a rispettare gli standard europei in materia di trattamento dei dati e tutela della privacy;
  • certezza del debito dovuto: l’utente ha sempre la certezza di pagare l’importo corretto, perché il sistema PagoPA lo indica in automatico e lo aggiorna in caso di variazioni (per interessi di mora o saldi parziali);
  • pagamento immediato: sia online che offline, se l’operazione è andata a buon fine il sistema invia immediatamente l’esito con la conferma che l’Ente Creditore ha incassato l’importo (con l’app IO hai sempre a disposizione lo storico delle operazioni).

PagoPA – Domande frequenti

Come si fa a pagare con pagoPA?

Per pagare le Pubbliche Amministrazioni, cittadini e imprese possono scegliere il sistema pagoPA per effettuare il versamento online, tramite app IO o offline in modo facile, sicuro e veloce. Leggi la guida per sapere quali sono i vantaggi della piattaforma.

Quanto costa pagare tramite PagoPA?

Il costo PagoPA varia in base ai Prestatori di Servizi di Pagamenti aderenti al sistema, e può andare da un minimo di 50 centesimi fino a superare i 3 euro per ogni singola operazione. L’utente però ha la libertà di confrontare le tariffe e scegliere la soluzione più conveniente.

Come si paga con pagoPA online?

Per pagare PagoPA online ci sono quattro alternative: dal sito dell’Ente creditore, dal servizio di home banking personale per pagare con il conto corrente, dall’app di pagamenti inquadrando il QR code dell’avviso e con i servizi di pagamento online.

Autore
Foto dell'autore

Ilenia Albanese

Esperta di finanza personale e lavoro digitale

Copywriter specializzata nel settore della finanza personale, con esperienza pluriennale nella creazione di contenuti per aiutare i consumatori e i risparmiatori a gestire le proprie finanze.

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.