Nuovi codici Ateco: si possono inviare proposte entro il 31 ottobre 2023

Entro il 31 ottobre 2023 è possibile presentare le proposte per le modifiche della classificazione dei codici Ateco. Ecco come fare.

di Pierpaolo Molinengo

Adv

nuovi codici ateco
  • La nuova classificazione dei codici Ateco partirà dal 1° gennaio 2025.
  • Entro il 31 ottobre 2023 si possono presentare le proposte di modifica.
  • L’intenzione è rendere più aderenti alle regole europee le attuali classificazioni

La revisione strutturata dei codici Ateco è prevista nel 2025: entro il 31 ottobre 2023 i contribuenti hanno la possibilità di inviare le proposte di modifica della loro classificazione.

Gli aggiornamenti saranno adottati a partire dal 1° gennaio 2025, quando la nuova classificazione Ateco dovrà essere in linea con quella prevista dal regolamento dell’Unione europea.

La revisione ed il riesame dell’intera classificazione Ateco sono al vaglio dell’Istat, che sta provvedendo a riorganizzare completamente l’intera struttura. Ecco come portare avanti le proprie proposte.

La revisione dei codici Ateco

Importante supporto all’intera attività di revisione dei codici Ateco è fornito direttamente dal Comitato Ateco, che è stato istituito nel corso del 2020 ed è formato da degli statistici esperti e dai rappresentanti dei principali enti amministrativi, oltre che dai rappresentati delle più importanti istituzioni e delle organizzazioni imprenditoriali. A questi si aggiunge una rete di utenti, che sono in contatto diretto con il Comitato.

Alla redazione della nuova classificazione possono partecipare attivamente anche i singoli utenti, che hanno la possibilità di presentare delle richieste di modifica. Preferibilmente rappresentati da delle associazioni di categoria o di settore, i singoli utenti hanno la possibilità di presentare le proprie istanze entro e non oltre il 31 ottobre 2023.

Le richieste devono essere motivate e devono permettere ai referenti di effettuare le operazioni tecnico-metodologiche che risultano essere necessarie per predisporre la nuova classificazione Ateco 2025.

tot business

Proposte sui codici Ateco: cosa devono contenere

proposte codici ateco

Come devono essere formulate e cosa devono contenere le singole istanze? Le richieste devono contenere tutti gli elementi utili per poter identificare correttamente il proponente.

Devono, quindi, riportare i recapiti personali ed, eventualmente, l’associazione a cui lo stesso appartiene. È necessario, inoltre, che l’istanza contenga alcuni riferimenti indispensabili, tra i quali rientrano:

  • il tipo di modifica che viene richiesta. Può essere un’integrazione delle sole note esplicative o un eventuale cambiamento strutturale a livello di categoria o sottocategoria;
  • deve contenere una descrizione completa e sufficientemente dettagliata della modifica proposta;
  • devono essere riportate le motivazioni che giustifichino le richieste e la rilevanza del settore che ne viene coinvolto.

Cosa rappresentano i codici Ateco

Ma cosa rappresentano i codici Ateco? Sono a tutti gli effetti una categorizzazione delle attività economiche, che è stata progettata con uno scopo ben preciso: dare una descrizione univoca di ogni business e di ciascuna professione che sta operando in Italia. 

Ateco è un acronimo ben preciso e costituisce l’abbreviazione di “ATtività ECOnomiche”. Il suo obiettivo principale, come si evince proprio dal nome, è quello di provvedere a classificare e a segmentare le attività che sono presenti nel nostro paese: chi ha una Partita Iva deve anche scegliere almeno un codice Ateco per l’attività svolta.

La classificazione Ateco, in estrema sintesi, costituisce la traduzione italiana della nomenclatura delle attività economiche (NACE), che è stata creata direttamente dall’Eurostat, e che è stata successivamente adottata dall’Istat, adattandola alle caratteristiche e alle esigenze specifiche del sistema economico del nostro paese.

Dal 2020 è utilizzata la versione “Ateco 2007“, che è entrata in vigore il 1° gennaio 2008. Questa ha provveduto a sostituire la precedente “Ateco 2002”, adottata nel 2022 come aggiornamento della “Ateco 1991”.

I codici Ateco sono stati particolarmente al centro dell’attenzione nel periodo della pandemia, quando la maggior parte delle agevolazioni fiscali e dei contributi venivano erogati basandosi proprio sulla loro classificazione delle attività commerciali ed imprenditoriali.

tot business

Come presentare le richieste di modifica dei codici Ateco

Il Comitato Ateco sta esaminando le istanze che sono state presentate nei mesi scorsi. I diretti interessati, quindi, non devono presentarle di nuovo.

Chi, invece, ha intenzione di presentare delle nuove richieste deve seguire una procedura ben precisa, che è la seguente:

  • per la presentazione delle nuove istanze per la modifica della classificazione che è in vigore oggi come oggi, o per confermare i codici Ateco che sono già presenti è necessario scrivere a [email protected]. L’oggetto della mail deve essere il seguente: “Proposta revisione Ateco 2025” entro il 31 ottobre 2023;
  • chi avesse la necessità di richiedere delle informazioni dovrà scrivere sempre a [email protected]. In questo caso l’oggetto della mail dovrà essere: “Richiesta informazioni revisione Ateco 2025”.

Per prendere visione della classificazione attualmente in vigore è sufficiente visitare la sezione del sito Istat dedicata all’Ateco.

Nuovi Codici Ateco – Domande frequenti

Perché si vuole modificare la classificazione dei codici Ateco?

L’intenzione è quella di renderli più aderenti alle norme europee e di aggiornare alle esigenze di oggi la classificazione delle attività.

Fino a quando c’è tempo di presentare l’istanza di modifica dei codici Ateco?

I diretti interessati hanno tempo di farlo fino al prossimo 31 ottobre 2023, per presentare le proposte della nuova classificazione dei Codici Ateco. Scopri come fare in questo articolo.

Quando partirà la nuova classificazione dei codici Ateco?

L’aggiornamento dovrebbe essere operativo, almeno sulla carta, dal 2025.

A cosa servono i codici Ateco?

I codici Ateco servono a individuare qual è l’area specifica in cui opera una Partita Iva: all’apertura infatti è obbligatorio scegliere uno o più codici.

Autore
Foto dell'autore

Pierpaolo Molinengo

Giornalista

Ho una laurea in materie letterarie. Ho iniziato ad occuparmi di Economia fin dal 2002, concentrandomi dapprima sul mercato immobiliare, sul fisco e i mutui, per poi allargare i miei interessi ai mercati emergenti ed ai rapporti Usa-Russia. Scrivo di attualità, tasse, diritto, economia e finanza.

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.