Decreto Superbonus approvato: ultime novità e agevolazione al 70%

Il Decreto Superbonus contiene diversi emendamenti per modificare le attuali regole intorno a questo sostegno. Ecco tutte le novità 2024.

Adv

decreto superbonus nuove regole
  • Il Decreto Superbonus è stato approvato in via definitiva, stabilendo alcuni limiti e possibilità specifiche per chi ha avuto accesso al sostegno l’anno scorso.
  • La percentuale del 110% è rimasta invariata solamente per i lavori svolti entro la fine di dicembre 2023 con sconto in fattura e cessione del credito, mentre per il 2024 scende al 70%.
  • Viene applicato anche un particolare contributo per le famiglie con ISEE fino a 15.000 euro. Le imprese invece devono seguire le nuove regole per il 2024.

Arrivano nel 2024 alcune importanti novità, con la conferma definitiva del governo del Decreto Superbonus dell’anno scorso e con gli ultimi interventi. Vengono formulate alcune modifiche alle regole su questo sostegno, ricordando che negli ultimi mesi del 2023 è arrivato lo stop alla cessione del credito e allo sconto in fattura.

In breve, per i lavori certificati conclusi entro la fine dello scorso anno si può ancora accedere all’agevolazione piena al 110%, mentre da quest’anno la percentuale scende al 70% secondo le normative già stabilite in precedenza.

La misura di sostegno alle famiglie con ISEE basso viene confermata: è dedicata ai nuclei con indicatore inferiore a 15.000 euro, che hanno svolto almeno il 60% dei lavori entro la fine del 2023. Ma vediamo nel dettaglio come cambia il bonus per quest’anno e cosa prevede il Decreto Superbonus approvato in via definitiva.

Decreto Superbonus: l’agevolazione scende al 70% nel 2024

Il primo fattore da considerare riguarda la nuova percentuale di agevolazione per chi accede al superbonus. La vantaggiosa aliquota al 110% scende per quest’anno al 70%, in base alle normative già delineate l’anno scorso dal governo.

Nella pratica, dal primo giorno di gennaio 2024 i lavori di efficientamento energetico ed edilizi che rientrano nel sostegno possono essere agevolati solamente per il 70% delle spese ammesse. Niente proroghe aggiuntive quindi per il superbonus al 110%, il sostegno che è stato ampliamente utilizzato l’anno scorso da imprese e famiglie.

Rimane solamente per chi ha avuto accesso allo sconto in fattura o alla cessione del credito con lavori certificati entro la fine del 2023.

Le motivazioni di questo stop sono semplici: il superbonus, così come è stato applicato, ha causato ingenti spese per le casse dello Stato, oltre ad una serie di problematiche collaterali come frodi e blocco dei crediti. Rimarrà attivo quindi, ma con agevolazione molto inferiore rispetto a quella iniziale.

nordvpn

Superbonus per redditi bassi 2024

Una particolare applicazione del superbonus viene confermata dall’apposito decreto e riguarda le famiglie italiane (ne sono escluse quindi le imprese). Per coloro che hanno portato avanti dei lavori ma senza riuscire a terminarli entro il 2023 arriva infatti un sostegno specifico.

Si tratta dei nuclei familiari che hanno un ISEE inferiore a 15.000 euro e per cui i lavori sono arrivati almeno a compimento per il 60% entro la fine dell’anno scorso. Questa possibilità è introdotta per sostenere le persone con una situazione economica più svantaggiata, che si sono trovati in difficoltà per proseguire con la conclusione dei lavori.

Si parla quindi di un contributo specifico che verrà garantito in questi casi accedendo ad un fondo dedicato di 16 milioni di euro, per le spese che queste famiglie sosterranno fino al 31 ottobre 2024, a partire da gennaio di quest’anno.

Il governo ha anche previsto una sanatoria particolare per chi non riesce a portare a termine i lavori per poter accedere al superbonus al 110% entro la fine del 2023, ovvero non andranno restituite in alcun modo le cifre già erogate.

Decreto Superbonus e cessione del credito

Decreto Superbonus crediti bloccati

Recentemente il governo ha dato lo stop alla cessione del credito e allo sconto in fattura, ritenuti particolarmente dispendiosi per lo Stato, anche a seguito delle numerose frodi intorno a questi sistemi. Per i bonus dell’edilizia sono rimaste attive solamente le modalità tradizionali per poter assorbire il credito, tramite ad esempio erogazione dilazionata in 10 anni.

Il governo ha interpellato anche le imprese, riguardo agli aggiustamenti di questo provvedimento, in particolare le associazioni di categoria, come Confindustria. Lo sconto in fattura e la cessione del credito erano rimasti attivi alla fine del 2023, ma solamente per alcuni lavori.

Si trattava di lavori effettuati per l’eliminazione delle barriere architettoniche, ma anche per i seguenti immobili:

  • istituti per le case popolari (Iacp);
  • onlus;
  • per il terzo settore;
  • immobili colpiti da eventi sismici;
  • immobili colpiti dall’alluvione nelle marche.

Per tutti gli altri lavori, è rimasto solamente il credito di imposta erogato ogni anno per un certo periodo di tempo. Nel 2024 potrebbe essere messa in atto una nuova proroga per comunicare lo sconto in fattura e la cessione del credito per i lavori del 2023. Si ipotizza una scadenza portata avanti fino a marzo o aprile di quest’anno, per cui si attendono ancora le conferme definitive.

Questa soluzione potrebbe essere particolarmente vantaggiosa per le imprese, per trovare soggetti disposti ad acquisire i crediti a cui si ha diritto. Il Decreto Superbonus pone anche un limite alla cessione del credito e allo sconto in fattura nel caso in cui un edificio venga abbattuto e poi ricostruito.

soldo business

Decreto Superbonus e imprese

Per le imprese il Decreto Superbonus aveva già introdotto alcune novità nel 2023. Si è allargato lo scudo alla responsabilità in solido per chi decide di acquistare i crediti del superbonus, inclusi i cessionari che comprano i crediti da una banca.

Inoltre per le banche e le imprese che acquistano crediti si estende la fruizione degli stessi da 4 a 10 anni di tempo. La stessa misura viene applicata ai contribuenti che non hanno sufficiente capacità fiscale per assorbire il credito in minor tempo.

La questione aveva infatti scaturito diverse polemiche, perché i contribuenti con capacità fiscale inferiore rischiavano di perdere di fatto una grande parte dei crediti.

Norme sul bonus barriere architettoniche

Controlli superbonus

Insieme alle modifiche al Superbonus, arrivano anche alcune importanti regole sul bonus barriere architettoniche, a cui si può accedere per la rimozione di ostacoli e barriere alla mobilità. La detrazione Irpef in questo caso è del 75% sulle spese ammesse, tuttavia recentemente è stata ridotta la platea di beneficiari.

Il sostegno è infatti applicabile per i lavori strettamente connessi alla rimozione delle barriere, come quelli su scale, rampe, ascensori e similari. Non rientrano in questo sostegno invece gli interventi su infissi o altri servizi, ipotizzati invece in un primo momento.

nordvpn

Superbonus 2023: tutti i provvedimenti

Ricordiamo quali erano le regole per il superbonus applicate l’anno scorso. Alcuni emendamenti sul superbonus erano stati approvati già all’inizio del 2023. Uno dei principali provvedimenti coinvolgeva le villette, per cui è stata istituita una specifica proroga del superbonus.

La proroga tuttavia era possibile rispettando alcuni requisiti: con una scadenza posticipata al 30 settembre 2023 purché entro il 30 settembre 2022 fossero stati effettuati lavori sull’edificio almeno per il 30%. In questi termini era stato dato più tempo per concludere i lavori e sostenere la spesa tramite l’agevolazione.

Un’altra novità importante, introdotta proprio con il Decreto Superbonus, riguardava le comunicazioni all’Agenzia delle Entrate a proposito del bonus. Era stata data la possibilità di sanare situazioni di mancata comunicazione tramite lo strumento della “remissione in bonis”.

Questa possibilità è andata incontro a chi, per distrazione o dimenticanza, non ha comunicato correttamente le informazioni, relative al bonus, a Enea o all’Agenzia delle Entrate.

Per farlo era necessario provvedere al pagamento di una sanzione di 250 euro, entro il 30 novembre. Tale possibilità era garantita a chi non aveva terminato il contratto di cessione entro il 30 marzo 2023. Il versamento in caso di remissione in bonis andava effettuato generalmente tramite F24 Elide con appositi codici tributo.

Questo strumento viene utilizzato anche per altri tipi di mancanze, ad esempio per la cedolare secca negli affitti, oppure per il 5 per mille. Tuttavia non va confuso con il ravvedimento operoso, che invece si utilizza per rimediare ad errori nelle dichiarazioni fiscali o nel caso di omessi versamenti di alcune imposte, entro certi termini.

Quali sono i controlli sul superbonus

Intorno alla richiesta di accesso al superbonus spesso si teme l’arrivo di particolari controlli da parte del fisco. Tuttavia se la procedura e i documenti per la richiesta sono presentati nel modo corretto, non si incorre in sanzioni o blocchi del credito.

Ma in caso di accesso alla detrazione, come si applicano i controlli dell’Agenzia delle Entrate? Vediamo come funzionano nel dettaglio. Per prima cosa gli enti preposti eseguono verifiche di tipo formale sulle dichiarazioni dei redditi, a proposito delle detrazioni spettanti.

L’Agenzia può poi proseguire a controllare la correttezza e la sussistenza di tutti i documenti necessari per legge ad accedere al sostegno, secondo specifiche direttive.

Il fisco ha tempo per effettuare queste verifiche fino alla fine del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione dei redditi con la specifica detrazione per il bonus. Questo periodo diventa di 8 anni se il beneficiario ha chiesto la cessione del credito o lo sconto in fattura.

Visto di conformità e asseverazione sono i principali documenti per poter beneficiare del superbonus, tuttavia è necessario conservare tutta la documentazione, per ulteriori controlli, che riguarda:

  • fatture o ricevute che comprovano che il soggetto beneficiario abbia sostenuto le spese per la messa in opera dei lavori;
  • ricevuta del bonifico postale o bancario relativo al pagamento;
  • autorizzazione del proprietario effettivo se i lavori sono stati svolti da un altro soggetto che ha un diritto sull’immobile;
  • delibera dell’assemblea condominiale se i lavori sono stati svolti su parti comuni degli edifici;
  • asseverazione che è stata trasmessa all’ENEA, per miglioramento energetico o per interventi antisismici.

Avere tutta la documentazione, con delle copie disponibili anche successivamente alla presentazione della dichiarazione dei redditi, è consigliato per poter rispondere ad ulteriori controlli da parte del fisco.

Oltre all’Agenzia delle Entrate, anche l’ENEA può decidere di svolgere dei controlli mirati, sulle asseverazioni relative ai lavori. In questo caso l’ente può verificare che le opere siano conformi rispetto al progetto, che rispettino gli obiettivi per cui viene richiesto il bonus e che le spese siano congrue agli interventi.

Decreto Superbonus – Domande frequenti

Quali sono le ultime novità sul Superbonus 110%?

Con il Decreto Superbonus sono arrivate alcune proroghe all’accesso al sostegno per il 2023, mentre nel 2024 l’agevolazione scende al 70%. I dettagli, nell’articolo.

Cosa contiene il Decreto Superbonus?

Il Decreto Superbonus contiene diversi interventi che riguardano il superbonus: dal bonus specifico per le famiglie con ISEE inferiore a 15.000 euro alla nuova percentuale al 70%.

Quando scade il Superbonus 110%?

Il superbonus al 110% è terminato lo scorso anno, senza possibilità di proroghe per il 2024 con questa percentuale. Qui tutte le informazioni.

Autore
Giornalista pubblicista, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Torino, da sempre sono appassionata di scrittura. Dopo alcune esperienze all'estero, ho deciso di approfondire tematiche inerenti la fiscalità nazionale relativa alle persone fisiche ed alle Partite Iva. La curiosità mi ha portato a collaborare con agenzie web e testate e a conoscere realtà anche diversissime tra loro, lavorando come copywriter e editor freelancer.

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.