Diventare agente immobiliare: formazione, requisiti, guadagno

Come diventare agente immobiliare nel 2022? Quanto guadagna un agente immobiliare alle prime armi? Ecco la guida dettagliata su come avviare una professione in questo ambito.

revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.
Agente immobiliare
  • L’agente immobiliare è una figura che per svolgere il proprio mestiere segue un corso di formazione con il superamento di un esame.
  • Chi supera l’esame otterrà il patentino da agente immobiliare, con il quale si può essere abilitati allo svolgimento della professione.
  • Si potrà scegliere se lavorare come dipendenti nell’agenzia immobiliare di qualcuno, oppure se aprire la partita IVA e lavorare in autonomia.

Il lavoro come agente immobiliare è piuttosto diffuso, e questa figura la si può trovare praticamente in tutte le città. Il suo ruolo è importantissimo nel processo di compravendita di un immobile, ma anche nell’ipotesi in cui un cliente desidera affittare una stanza o la propria abitazione per intero.

Si tratta infatti di un mediatore, che deve prima di tutto possedere ottime capacità dialettiche, considerato che dovrà gestire e rispondere alle necessità dei clienti in prima persona. 

Ma cosa bisogna fare per diventare agente immobiliare? Serve un titolo di studio? Nelle prossime righe potrai trovare tutte le informazioni più utili relative al settore del real estate in Italia, che ti permetteranno di scoprire come diventare agente immobiliare

Professione di agente immobiliare: come funziona

L’agente immobiliare è, come anticipato, un intermediario: il suo obiettivo è quello di vendere un immobile, oppure di affittarlo, facendo quindi sia gli interessi del venditore/affittuario, sia quelli dei clienti interessati a comprare oppure a prendere in affitto l’immobile. 

Un agente immobiliare riceverà una commissione sulla compravendita o l’affitto, chiamata provvigione. Si tratta di una cifra fissa o di una percentuale sulla somma finale dell’immobile venduto o del canone di locazione per l’immobile ceduto in affitto.

Tuttavia va ricordato che gli agenti immobiliari devono essere professionisti imparziali, perché devono garantire informazioni chiare e facili da comprendere: l’imparzialità è indispensabile, per creare una reputazione solida e guadagnare più possibilità nel settore. 

Lavoro agente immobiliare

Come diventare agente immobiliare

Il percorso per diventare agente immobiliare può prevedere strade diverse: la laurea non è obbligatoria, mentre lo è seguire un corso di formazione organizzato da un ente abilitato

Una volta superato tale corso, ci sarà un esame da sostenere presso la Camera di Commercio. L’agente immobiliare è infatti una persona con delle conoscenze specifiche sulle norme che regolano il settore immobiliare e la relativa tassazione. 

È una persona in grado di dare informazioni aggiornate anche sugli ultimi cambiamenti relativi alla normativa (si pensi, per esempio, ai bonus statali per l’acquisto della prima casa), scrivere un compromesso immobiliare o un contratto di locazione, valutare i rischi di un investimento immobiliare, chiarire ogni possibile dubbio. 

Requisiti per avviare la professione

I requisiti di un agente immobiliare sono di diverso tipo: da quelli personali e morali, fino a quelli tecnici. Si tratta di un mestiere per il quale si deve avere una propensione innata a trattare con gli altri, alla quale si devono aggiungere competenze specialistiche di settore. La normativa in vigore prevede che possano diventare agenti:

  • i cittadini italiani;
  • cittadini che abbiano la residenza nella Provincia della Camera di Commercio alla quale sono iscritti;
  • cittadini con un diploma di scuola media secondaria superiore. Il possesso di una laurea potrebbe essere considerato un requisito aggiuntivo, ma non è indispensabile. 

Si dovrà inoltre essere legalmente “impeccabili”, quindi non avere mai ricevuto condanne penali o sanzioni amministrative, né aver presentato una dichiarazione di fallimento. 

Requisiti tecnici di un agente

I requisiti tecnici per avviare una professione come agente immobiliare non si improvvisano e non si possono apprendere solo con l’esperienza, come poteva accadere 30 anni fa. Sarà infatti necessario frequentare un corso di formazione professionale

Tale corso termina con il superamento di un esame scritto e di uno orale presso la Camera di Commercio: in questo modo si potrà conseguire il patentino da agente immobiliare, fondamentale per poter esercitare la professione. Sarà obbligatorio anche:

  1. iscriversi al registro delle imprese oppure al repertorio delle notizie economiche e amministrative (REA);
  2. attivare un’assicurazione professionale per agenti immobiliari contro i rischi della professione. 

Alla conoscenza teorica, seguirà la pratica tramite il lavoro diretto in agenzia, con la quale sarà anche possibile specializzarsi in un segmento specifico di mercato, come per esempio la locazione commerciale, e imparare a interpretare l’andamento del mercato

Requisiti personali e morali di un agente

La formazione e la conoscenza delle norme da sole non bastano: un buon agente immobiliare è, infatti, anche una persona che possiede doti sociali non indifferenti, le stesse che si noteranno al primo colloquio di lavoro presso un’agenzia immobiliare. 

Dal punto di vista personale, l’agente immobiliare è una persona con una buona dialettica, capace di risolvere dubbi e problemi di diverso tipo, con semplicità e celerità, dotato anche di empatia e capacità di ascolto, utilissime per comprendere le esigenze di ogni cliente. È un individuo che ispira fin da subito fiducia e che, pertanto, riesce anche ad essere un ottimo venditore. 

L’agente immobiliare è una persona che possiede anche dei requisiti morali, in quanto:

  • non è mai stata sottoposta alla normativa antimafia;
  • non ha mai ricevuto sanzioni amministrative accessorie;
  • non è interdetto, inabilitato, fallito o condannato per reati che prevedono la reclusione non inferiore a 2 anni e fino a 5 anni. 

Tali requisiti vengono verificati dalla Camera di Commercio al momento dell’iscrizione. 

Come diventare agente immobiliare

Esame per diventare agenti immobiliari 

Per ottenere il patentino da agente immobiliare, si dovrà superare un esame, formato da una parte scritta e da una orale. Allo scritto si dovranno studiare i seguenti argomenti:

  • le differenti tipologie di contratto di affitto e di compravendita immobiliare;
  • i diritti reali;
  • l’ipoteca;
  • le obbligazioni;
  • le tasse e le imposte, e i vari adempimenti fiscali;
  • il catasto e i registri immobiliari;
  • le concessioni edilizie;
  • le iscrizioni e le trascrizioni;
  • i mutui immobiliari, altre forme di finanziamento, comprese le agevolazioni statali;
  • la gestione condominiale.

All’esame orale si dovrà dimostrare di conoscere tali argomenti e si potrà discutere anche del mercato immobiliare, parlando di trend e andamento dei prezzi degli immobili, per esempio. Anche se una laurea non è obbligatoria per fare l’agente immobiliare, ci sono alcuni corsi che potrebbero tornare utili per svolgere questa professione. 

Patentino agente immobiliare: quanto costa

Frequentare il corso di formazione per diventare agente immobiliare prevede dei costi, variabili tra una Provincia e un’altra. Nelle città più grandi (Roma, Milano), i prezzi possono anche differire in base alle zone. 

L’esame per diventare agente immobiliare si dovrà fare nella propria Provincia di residenza (si potrà eventualmente cambiare residenza se si desidera ammortizzare i costi). In linea generale, si potrebbero spendere:

  • 500 euro (o meno) nei piccoli centri;
  • fino a 1.500 euro nelle grandi città, il cui il mercato è molto più prospero e sviluppato. 

Assicurazione

L’agente immobiliare è iscritto al Ruolo Mediatori della Camera di Commercio. La legge n. 57 del 2001 prevede la stipula obbligatoria di un’assicurazione di Responsabilità Civile Professionale

Tale assicurazione permette all’agente di essere tutelato nel caso di ogni possibile danno legato allo svolgimento della sua professione. Un esempio potrebbe essere la vendita, per errore, di un appartamento abusivo

Nell’ipotesi in cui un cliente dovesse denunciare un agente temendo di essere stato truffato, quest’ultimo sarà tutelato dalla polizza assicurativa, che coprirà le eventuali spese legali. In aggiunta, dal punto di vista legale il risarcimento dovrebbe essere richiesto al notaio, il quale ha il compito di verificare la regolarità degli immobili. 

La polizza assicurativa per agenti immobiliari copre le denunce relative ad atti autorizzati, ma non protegge da eventuali frodi e altri illeciti. 

Agenzia immobiliare

Agente immobiliare e partita IVA

L’agente immobiliare potrà scegliere di lavorare come dipendente presso un’agenzia immobiliare già avviata, oppure come libero professionista. In questo secondo caso, potrà anche decidere di aprire la propria agenzia

Oltre all’iscrizione alla Camera di Commercio, sarà necessario aprire la partita IVA: il codice dell’Attività di Mediazione immobiliare è 68.31.00. Un agente alle prime armi, potrà scegliere il regime forfettario, con imposta sostitutiva al 5% per i primi 5 anni, e fatturato che non dovrà superare i 65.000 euro all’anno. 


Quanto guadagna un agente immobiliare

Diventare agente immobiliare conviene? Si tratta di un mestiere con il quale si possono ottenere delle provvigioni anche molto alte, soprattutto con il trascorrere del tempo. 

In media nel 2022 lo stipendio è pari a 1.450 euro netti al mese (quindi 26.400 euro annui), cifra alla quale si dovranno aggiungere provvigioni dell’1-3% su ogni vendita. Un agente alle prime armi potrebbe guadagnare anche solo 780 euro al mese, mentre lo stipendio massimo potrebbe anche superare i 2.200 euro netti al mese per un agente più esperto. È bene inoltre ricordare che:

  • chi lavora come freelancer riceve solitamente provvigioni su tutti i contratti che riesce a chiudere;
  • chi lavora per un’agenzia immobiliare, invece, riceve un fisso mensile, al quale si aggiungono le provvigioni.

Diventare agente immobiliare – Domande frequenti

Quanto costa il corso per diventare agente immobiliare?

Il corso per diventare un agente immobiliare ha un costo variabile a seconda della città e della zona, che può essere compreso tra i 500 e i 1.500 euro. 

Quanto si guadagna a lavorare come agente immobiliare?

Il guadagno di un agente immobiliare in Italia si aggira in media intorno ai 1.450 euro netti al mese, tuttavia può variare sensibilmente in base al numero di contratti stipulati e in base alle provvigioni. 

Cosa devo studiare per fare l’agente immobiliare?

L’agente immobiliare è una persona con un diploma, tenuto a seguire un apposito corso e al superamento di un esame per poter ottenere il cosiddetto patentino. Non è necessario aver conseguito una laurea.

Fact-Checked
dottore commercialista giovanni emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 8 Dicembre 2022
Dottore commercialista specializzato in organizzazione e gestione dello studio professionale, consulenza direzionale e digitalizzazione dei processi. Nonostante sia un pianificatore nato, ha delle intuizioni geniali.
Autore
Foto dell'autore

Maria Saia

Esperta di finanza personale e lavoro digitale

Una laurea in Traduzione e un sogno nel cassetto: non vedere più le È con l'apostrofo al posto dell'accento online. La sua più grande passione - scrivere - è anche il suo lavoro: provate a cercarla su Google.

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.