Naspi con partita iva: posso dichiarare reddito presunto zero?

Foto dell'autore

Giovanni Emmi

Dottore Commercialista

Buonasera, io ho partita iva dal 2019 ed un lavoro dipendente dal 2018. Il mio rapporto lavorativo è terminato a causa del mio datore di lavoro, che mi ha licenziato. Ho comunque un reddito autonomo maggiore di 4.800 euro. Se per far approvare la domanda di Naspi dichiaro reddito presunto pari a zero e poi richiedo l’anticipata, tecnicamente se poi a fine anno il reddito reale non è zero (e appunto sfora il limite dei 4.800€) non se ne dovrebbe poter tenere conto. Potrei quindi usufruirne per sviluppare l’attività? A quali sanzioni vado incontro eventualmente?

Buongiorno. Per accedere alla domanda di Naspi deve essere disoccupato. In questo caso, se mancano i requisiti non potrà accedere all’indennità. Il reddito presunto da dichiarare all’INPS si riferisce all’intero anno solare. Non avrà diritto alla NASPI se il reddito dell’anno solare sfora il limite.

Il fine ultimo della comunicazione del reddito presunto è quello di determinare l’importo della Naspi per i mesi successivi. Non è prevista una “sanzione” che non sia la riduzione, calcolata d’ufficio al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi.

Autore
Foto dell'autore

Giovanni Emmi

Dottore Commercialista

Commercialista dal 🧗🏾‍♀️secondo millennio, innovatore professionale nel terzo millennio🏃🏾‍♂️. Il futuro della professione del commercialista nel mio ultimo libro "dalla società alla rete tra professionisti".

1 commento su “Naspi con partita iva: posso dichiarare reddito presunto zero?”

  1. Buongiorno
    Se invece ,nel suddetto caso , il disoccupato in questione non avesse prodotto alcun reddito nell’ anno solare 2023 e avesse quindi dichiarato reddito presunto zero. Gli sarebbe stata accolta la naspi? Nel caso fosse così, se successivamente avesse chiesto erogazione in unica soluzione , gli fosse stata accolta e avesse fatturato dal periodo dell’ erogazione in unica soluzione importo superiore ai 4800€ il prossimo anno dopo dichiarazione dei redditi gli arriverà comunicazione di rimborso ?
    Grazie

    Rispondi

Lascia un commento

NOTA: la presente non rappresenta un'attività di consulenza ma semplicemente la risposta a un quesito posto sul sito partitaiva.it alla quale rispondiamo gratuitamente ai lettori, tramite il nostro coordinamento scientifico formato da un team di commercialisti e consulenti del lavoro.

Hai una domanda simile a questa?

Chiedi consulenza ai nostri esperti

Fai la domanda

Gratis

Ottieni la risposta

Via email

Approfondisci

Consulenza con esperti