Bonus fotovoltaico: cos’è e come richiederlo

Il bonus fotovoltaico incentiva l'installazione di batterie di accumulo per impianti fotovoltaici. Ecco come sarà possibile ottenerlo, e le date entro cui inviare la richiesta.

revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.
Bonus fotovoltaico imprese
  • Il bonus fotovoltaico permette di risparmiare sulla spesa per le batterie di accumulo installate presso impianti fotovoltaici.
  • Il bonus fotovoltaico può essere richiesto entro il 30 marzo 2023.
  • Per poter richiedere l’accesso al bonus fotovoltaico è necessario utilizzare il servizio online dell’Agenzia delle Entrate.

Sulla scia dei diversi bonus garantiti di fronte all’aumento del prezzo dell’energia elettrica, e sulla base delle linee guida PNRR sulla sostenibilità ambientale, arriva il bonus fotovoltaico.

Si tratta di un sostegno economico per cui lo stato ha messo in campo 3 milioni di euro per il 2022. Questo bonus verrà erogato come percentuale di sconto sulle spese per l’installazione di batterie di accumulo su un impianto per produrre energia rinnovabile, come il fotovoltaico.

Come vedremo tra poco, non è ancora stata decisa la percentuale specifica del sostegno, sulla base delle spese documentate, poiché l’Agenzia delle Entrate procederà a comunicare tale informazione in un momento successivo alla presentazione delle domande, sulla base dei fondi a disposizione. Vediamo chi può richiedere questo interessante bonus e come procedere all’invio della domanda.

Cos’è il bonus fotovoltaico

Il bonus fotovoltaico è stato introdotto dalla Legge di Bilancio 2022 e rientra tra quei sostegni garantiti dallo stato per la transizione ecologica, incentivata dagli obiettivi del PNRR. Il sostegno consiste anche in una valida soluzione contro il caro bollette che in questi mesi ha coinvolto gli italiani.

L’Agenzia delle Entrate ha recentemente comunicato quali sono le modalità per poter beneficiare di questo interessante bonus, tenendo in considerazione che la domanda può essere fatta con una richiesta dalle Persone Fisiche che decidono di migliorare le batterie di accumulo per l’impianto fotovoltaico per la produzione di energia.

In particolare, il bonus garantisce un credito di imposta sulla spesa effettuata, per installare sistemi di accumulo di energia collegati a impianti che funzionano con fonti rinnovabili, come appunto il fotovoltaico. Il credito verrà erogato come sconto sulla spesa sostenuta per l’installazione di queste soluzioni per l’accumulo e la conservazione dell’energia, in particolare sui costi sostenuti nell’anno 2022.

Questo sostegno va ad incentivare in particolare l’autoconsumo, ovvero l’installazione di batterie che consentono di immagazzinare una maggiore quantità di energia durante il giorno.

Batteria fotovoltaico

Come funziona il bonus fotovoltaico

Il bonus fotovoltaico è erogabile a quei soggetti che nel 2022 hanno installato un sistema di accumulo, o batteria, anche su un impianto fotovoltaico già presente. Quello che è certo è che il bonus interverrà come sconto sulla spesa sostenuta, che dovrà essere documentata dal beneficiario.

Tuttavia per il momento ancora non si conoscono le percentuali di riferimento di tale sostegno economico, che verranno comunicate dall’Agenzia delle Entrate solamente in un secondo momento, ovvero successivamente al 30 marzo 2023, alla chiusura delle domande di accesso. Questo bonus fotovoltaico è ancora in definizione, mentre sono presenti attualmente altri sostegni che le imprese possono richiedere.

L’entità del bonus fotovoltaico sarà quindi decisa solamente una volta raccolte tutte le richieste di accesso al bonus, tenendo presenti i fondi stanziati per la misura, di 3 milioni di euro per il 2022. Per poter accedere a questo sostegno sarà quindi indispensabile presentare una apposita richiesta, perché non si tratta di un bonus erogato in modo automatico.

Come accedere al bonus fotovoltaico

Per poter accedere al sostegno, è necessario presentare la richiesta in un preciso periodo: l’arco temporale messo a disposizione va dal 1 marzo 2023 al 30 marzo 2023. I beneficiari dovranno presentare correttamente la domanda di accesso per poter ricevere uno sconto sulla spesa successivamente alla fine di marzo 2023.

Possono beneficiare del bonus le persone fisiche che presentano domanda di accesso corredata dalla documentazione volta a dimostrare la spesa sostenuta. Per presentare la richiesta di accesso è necessario utilizzare la piattaforma online dell’Agenzia delle Entrate.

Risulta possibile procedere in autonomia, oppure tramite un intermediario abilitato, per cui è consigliata l’assistenza di un commercialista professionista. La presa in carico della domanda verrà confermata entro 5 giorni dalla richiesta di accesso, e il credito erogato dal bonus potrà essere utilizzato in compensazione con le imposte risultanti dalla dichiarazione dei redditi dal 2022.


Bonus fotovoltaico imprese: quali sono attualmente?

Mentre si attende di conoscere le specifiche del bonus fotovoltaico che riguarda le batterie di accumulo, può essere utile conoscere quali sono i bonus per le imprese dedicati al fotovoltaico che attualmente si possono richiedere.

Attualmente è possibile presentare una richiesta per accedere al bando Parco Agrisolare, per l’installazione di pannelli fotovoltaici sui tetti di fabbricati agricoli. Secondo quanto riportato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, le domande di accesso possono essere presentate tramite specifico portale fino alle ore 12:00 del 27 ottobre 2022.

Per incentivare il fotovoltaico sono stati messi a disposizione 1,5 miliardi di euro, e attualmente si tratta di una delle principali iniziative in questo senso in linea con il PNRR. L’obiettivo di questa misura è quello di ridurre i consumi del settore agroalimentare, ed è utilizzabile anche da parte delle imprese agrituristiche.

Attualmente questi sono i principali incentivi messi a disposizione per le imprese nel fotovoltaico, tuttavia sono previsti per il 2023 incentivi ulteriori per le aziende italiane, sulla base di quelli rivolti ai privati.

Bonus fotovoltaico – Domande frequenti

Cos’è il bonus fotovoltaico?

Il bonus fotovoltaico consiste in un sostegno economico che va a scontare il costo dell’installazione di un sistema di accumulo, o batteria, su un impianto fotovoltaico.

Come funziona il bonus fotovoltaico?

Si tratta di un credito di imposta sulle spese per l’installazione di un sistema di accumulo per impianti fotovoltaici, la cui percentuale verrà comunicata dopo marzo 2023.

Come chiedere l’accesso al bonus fotovoltaico?

Per richiedere l’accesso al bonus fotovoltaico è necessario presentare una domanda online all’Agenzia delle Entrate dal 1 marzo 2023 al 31 marzo 2023. Ecco come fare nello specifico.

Fact-Checked
dottore commercialista giovanni emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 30 Novembre 2022
Dottore commercialista specializzato in organizzazione e gestione dello studio professionale, consulenza direzionale e digitalizzazione dei processi. Nonostante sia un pianificatore nato, ha delle intuizioni geniali.
Autore
Classe 1992, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Torino, da sempre sono appassionata di scrittura. Dopo alcune esperienze all'estero, ho deciso di approfondire tematiche inerenti la fiscalità nazionale relativa alle persone fisiche ed alle Partite Iva. La curiosità mi ha portato a collaborare con agenzie web e testate e a conoscere realtà anche diversissime tra loro, lavorando come copywriter e editor freelancer.

© Riproduzione riservata

1 commento su “Bonus fotovoltaico: cos’è e come richiederlo”

  1. Buongiorno, mi sembra questo bonus una presa in giro. Scusate se già presento una ristrutturazione a 50% e sono sicuro che in 10 anni avrò il mio 50%, non mi conviene tentare la riffa rinunciando a quello (perché nessuno dice che non è cumulabile) per magari portare a casa un 10% o forse meno. Facendo i calcoli scusate 3.000 di euro equivalgono grandi linee a 428.000 accumuli. Pensate che siano stati montati di meno?

    Rispondi

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.