Aprire un CAF: costi, requisiti e procedura

Solamente i soggetti in possesso di alcuni requisiti possono aprire un CAF, seguendo una precisa procedura. Leggi la guida alla procedura e ai costi per aprire un CAF.

di Ilenia Albanese

Revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.

Adv

Aprire un CAF
  • Per aprire un CAF (Centro di assistenza fiscale) bisogna appartenere ad una precisa categoria professionale e ottenere le necessarie autorizzazioni.
  • Il costo medio per aprire un CAF è di circa 40.000 euro, ma può essere anche superiore in base al locale scelto e al personale assunto.
  • Per aprire un CAF è necessario aprire la Partita Iva con il codice Ateco 69.20.14 – Attività svolta dai Centri di assistenza fiscale.

Per riuscire a gestire tutti gli aspetti fiscali e burocratici occorrerebbe sviluppare una professione apposita, oppure più semplicemente rivolgersi ad un CAF, Centro di Assistenza Fiscale. Poiché la burocrazia italiana è nota per la sua complessità, aprire un CAF può rappresentare un’ottima idea imprenditoriale.

Il CAF è un centro a cui datori di lavoro e lavoratori dipendenti si rivolgono per sbrigare pratiche burocratiche e fiscali, come la dichiarazione dei redditi o la compilazione del modello Isee, ma i CAF offrono anche molti altri servizi utili al cittadino che non riesce in autonomia a sbrigare pratiche delicate, che richiedono le dovute conoscenze.

Non tutti possono aprire un CAF, infatti sono richiesti particolari requisiti e ottenere le dovute autorizzazioni. Inoltre, è richiesta l’apertura della Partita Iva e l’ottenimento della qualifica di sostituto d’imposta. Vediamo, quindi, quali sono i requisiti previsti per poter aprire un CAF, i costi da sostenere e la procedura da seguire.

CAF: cos’è e a cosa serve

Come ogni attività commerciale, anche per l’apertura di un CAF è necessario effettuare un investimento iniziale, che in questo caso dipende principalmente dal locale scelto da destinare all’attività e al personale assunto.

I Centri di Assistenza Fiscale, o CAF, sono organizzazioni che si occupano di offrire assistenza fiscale a datori di lavoro e lavoratori.

Infatti, vi sono principalmente due tipologie di CAF:

  • CAF lavoratori dipendenti: offrono assistenza fiscale ai lavoratori dipendenti;
  • CAF datori di lavoro: uffici che si rivolgono ai datori di lavoro.

I principali servizi forniti dai CAF sono:

  • compilazione del modello 730, del modello RED;
  • compilazione del modello ISEE, del modello ISEU;
  • dichiarazione IMU;
  • visure catastali;
  • registrazione di contratti di affitto;
  • gestione delle successioni;
  • gestione delle volture;
  • stipula di contratti per lavoro domestico;
  • la trasmissione telematica dei modelli compilati o precompilati tramite il canale Entratel.

Ma vediamo ora come aprire un CAF e i requisiti necessari.

soldo business

Aprire un CAF: i requisiti

Per poter aprire un CAF, il soggetto deve appartenere a una delle seguenti categorie:

  • associazioni sindacali di categoria fra imprenditori istituite da almeno dieci anni, presenti nel Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro;
  • associazioni sindacali di categoria fra imprenditori, istituite da almeno dieci anni se ne è riconosciuta la rilevanza nazionale con riferimento al numero degli associati e all’esistenza di strutture organizzate in almeno 30 province;
  • organizzazioni aderenti alle associazioni di cui sopra, previa delega della propria associazione nazionale;
  • organizzazioni sindacali dei lavoratori dipendenti e pensionati con almeno 50.000 aderenti;
  • sostituti di imposta con almeno 50.000 dipendenti;
  • associazioni di lavoratori promotrici di istituti di patronato riconosciuti con almeno 50.000 aderenti.

I soggetti autorizzati ad aprire un CAF sono:

  • dottori commercialisti iscritti all’ODCEC;
  • esperti contabili iscritti all’ODCEC;
  • consulenti del lavoro;
  • studi associati con almeno un professionista di cui sopra;
  • società di servizi, sempre con almeno un professionista nella compagine societaria;
  • lavoratori dipendenti;
  • pensionati.

Ma ci sono requisiti indispensabili anche per gli operatori dipendenti del CAF. Infatti, per lavorare al CAF è importante essere competente in materia di imposte, di formazione del bilancio, di dichiarazione dei redditi e di tutto ciò che concerne contabilità e fisco.

Aprire un CAF requisiti

La procedura per aprire un CAF

La procedura per aprire un CAF è disciplinata dal capo V del Decreto n. 241 del 1997, poi sottoposto a modifica dal d.lgs. 490 del 1998.

Prima di tutto è indispensabile ottenere l’autorizzazione da parte dell’Agenzia delle Entrate, a meno che non si decida di associarsi ad un CAF già esistente e di sfruttare la licenza già ottenuta dal CAF a cui ci si affilia.

Per ottenere l’autorizzazione dell’Agenzia delle Entrate bisogna presentare la domanda in cui devono essere indicati:

  • codice fiscale e Partita Iva della società richiedente;
  • i dati dei membri del consiglio di amministrazione;
  • i dati e requisiti dei CAF;
  • le sedi ed eventuali uffici distaccati;
  • copia dell’atto costitutivo della società;
  • copia della polizza assicurativa stipulata per responsabilità civile;
  • relazione tecnica sul rispetto dei requisiti minimi sull’adeguatezza tecnica ed organizzativa del CAF.

La procedura da seguire, poi, prevede:

  • apertura della Partita IVA e scelta del regime fiscale, ottenendo la qualifica di sostituto d’imposta;
  • ottenimento dell’autorizzazione dall’Agenzia delle Entrate;
  • iscrizione all’Albo dei Centri di Assistenza Fiscale;
  • comunicazione di avvio attività al Comune almeno 30 giorni prima dell’apertura;
  • stipula delle assicurazioni contro la responsabilità civile;
  • apertura delle posizioni INPS e INAIL degli eventuali dipendenti;
  • messa a norma degli impianti, le postazioni di lavoro e l’intero ufficio.

È anche obbligatorio per il CAF costituirsi come società di capitali e designare uno o più responsabili dell’assistenza fiscale tra i soggetti iscritti nell’albo dei dottori commercialisti, o in quello dei ragionieri liberi professionisti.

Per aprire la Partita Iva si può effettuare la procedura telematica indicando anche il regime contabile a cui aderire, a scelta tra:

  • semplificato;
  • ordinario.

Altro elemento necessario per l’apertura della Partita Iva è il codice Ateco che, nel caso dei Centri di Assistenza Fiscale è il codice Ateco 69.20.14: “Attività svolta dai Centri di assistenza fiscale“.

soldo business

Quanto costa l’apertura di un CAF

Per aprire un Centro di Assistenza Fiscale è necessario effettuare un investimento iniziale. Questo in media è compreso tra i 40.000 euro e i 50.000 euro.

Il costo complessivo necessario per l’apertura del CAF dipende da diversi fattori, tra cui:

  • acquisto o affitto di un locale adatto allo svolgimento delle attività;
  • allestimento del locale con postazioni di lavoro a norma;
  • computer, stampanti, scanner;
  • licenze dei software;
  • utenze di luce, acqua e gas;
  • pubblicità;
  • spese per il personale.

Naturalmente, investire in uno studio professionale già avviato per aprire un nuovo ufficio CAF richiede un costo molto più contenuto. In caso di affiliazione, inoltre, i costi sono molto più contenuti.

Aprire un CAF procedura

Quanto guadagna un CAF

Il guadagno che genera un CAF dipende da molti fattori, primo tra tutti dai servizi offerti ai clienti. Bisogna, però, tener conto del fatto che pur offrendo numerosi servizi a pagamento, è responsabilità del CAF rispettare tutte le scadenze previste, che sono un punto chiave della burocrazia italiana.

I CAF possono guadagnare sia dai servizi a pagamento offerti loro clienti, che pagano per alcune prestazioni specifiche, e sia dallo Stato, che riconosce delle somme ai CAF per ogni singola pratica effettuata.

tot bonifici istantanei

Aprire un CAF in franchising

Anche nel settore fiscale e burocratico è possibile scegliere la strada dell’affiliazione, o franchising. Infatti, coloro i quali sono in possesso dei requisiti che abbiamo visto di sopra hanno la possibilità operare in questo settore all’interno di realtà già riconosciute dal Ministero delle Finanze attraverso l’affiliazione.

In questo caso non si tratta quindi del franchising tradizionale, poiché non vi sono fee d’ingresso da pagare o royalty. Tuttavia, si tratta di una tipologia di affiliazione che prevede importanti vantaggi e agevolazioni, molto simili ad un qualunque altro contratto di affiliazione commerciale.

I principali vantaggi sono;

  • concessione di software e gestionali;
  • database e programmi per la gestione dell’attività e per l’erogazione dei servizi;
  • convenzioni ed agevolazioni per la realizzazione della sede;
  • formazione del professionale gratuita o con riduzioni;
  • corsi di aggiornamento costanti;
  • assistenza e consulenza;
  • affiancamento costante  con linee dedicate da remoto;
  • supporto per le operazioni di marketing e promozione;
  • supporto per la selezione del personale e la formazione;
  • supporto per gli adempimenti burocratici;
  • sfruttamento delle licenze;
  • supporto nella gestione ordinaria e straordinaria dell’attività;
  • monitoraggio dell’andamento dell’attività;
  • riduzione dei costi di avvio e di gestione;
  • accesso al know-how e alle modalità gestionali e organizzative consolidate e collaudate.

L’investimento richiesto per aprire un CAF in affiliazione è minimo. Infatti, essendo un’attività di servizi e consulenza, che può essere svolta anche in uno spazio di piccole dimensioni o direttamente da remoto, il costo necessario ad aprire uno studio fiscale è molto basso. L’investimento minimo iniziale parte da appena 4.000 euro.

Aprire un CAF – Domande frequenti

Chi può aprire un CAF?

Per aprire un CAF bisogna appartenere ad una delle categorie stabilite dalla normativa. Leggi la guida per sapere quali sono i soggetti che possono aprire un CAF e la procedura da seguire.

Quanto costa aprire un CAF?

Per aprire un Centro di Assistenza Fiscale è necessario affrontare un costo iniziale di circa 40.000- 50.000 euro. Il costo è molto più basso in caso di affiliazioni.

È obbligatorio aprire la Partita Iva per aprire un CAF?

Si, uno dei passaggi obbligatori quando si apre un CAF è l’apertura della Partita Iva scegliendo il regime contabile da adottare e il codice Ateco: 69.20.14 – Attività svolta dai Centri di assistenza fiscale.

Autore
Foto dell'autore

Ilenia Albanese

Esperta di finanza personale e lavoro digitale

Copywriter specializzata nel settore della finanza personale, con esperienza pluriennale nella creazione di contenuti per aiutare i consumatori e i risparmiatori a gestire le proprie finanze.
Fact-Checked
Avatar di Giovanni Emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 2 Febbraio 2023
Commercialista dal 🧗🏾‍♀️secondo millennio, innovatore professionale nel terzo millennio🏃🏾‍♂️. Il futuro della professione del commercialista nel mio ultimo libro "dalla società alla rete tra professionisti".

16 commenti su “Aprire un CAF: costi, requisiti e procedura”

    • Buongiorno,
      dipende dalla sua situazione personale e professionale e dalle regole del CAF.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
  1. Ciao, sono una badante straniera, e come non ce un Patronato dove noi le badante non possiamo rivolgere per le situazioni di lavoro,finanziari e tante altre cose ! Vuorei sapere come possiamo avere il nostro Patronato, Caf,per tutta consulenza necessaria? Siamo una comunità straniera (Rumena) che ci vogliamo il nostru Patronato, Caf,CGIL,! A chi posiamo rivolgersi?Siamo nella Unione Europeo, e siamo 3 mila badanti in tutta la Sardenia! Vi ringrazio in nome di tutti i miei Cittadini Rumeni,lavoratori ! Cordiali saluti!

    Rispondi
    • Buongiorno,
      non conosciamo patronati per le badanti, sicuramente presso le principali organizzazioni sindacali confederali, ci sarà una sezione che si occupa di questa specifica categoria di lavoratori. Consigliamo di rivolgersi ad esempio alla CGIL, CISL o UIL per avere maggiori informazioni.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
  2. Quindi l’operatore CAF può essere solo un dipendente e non un lavoratore autonomo titolare di partita iva che offre la sua prestazione a vai CAF?

    Rispondi
    • Buonasera,
      l’operatore di CAF può essere dipendente della società che gestisce il CAF. Il CAF deve avere un responsabile tecnico per esercitare.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
  3. Salve, vorrei aprire un caf patronato ma non ho nessuna esperienza e non possiedo molto conoscenze, vorrei sapere quali qualifiche dovrei avere e quali autorizzazioni e da chi chiederle, e vorrei prendere un dipendente a lavorarci

    Rispondi
    • Buongiorno,
      in questi casi si consiglia una affiliazione a una rete di caf già esistenti, in caso contrario la procedura riteniamo sia molto dispendiosa e complessa.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
  4. Salve , per aprire un centro caf , va bene avere il solo corso di operatore caf e un pensionato anche di famiglia autorizzato ad aprilo? Grazie

    Rispondi
    • Buongiorno,
      esistono diverse soluzioni. Si può operare anche come centro raccolta. In questi casi dipende sempre dall’organizzazione alla quale si aderisce.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
    • Buongiorno,

      per le affiliazioni può contattare un caf e verificare quali sono i requisiti richiesti.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi
  5. Salve se apro una sede caf in affiliazione nel mio comune è necessario chiedere la scia al comune? e per quanto riguarda la partita iva ci si può iscrivere come libero professionista anche se non si è iscritti ad alcun albo?

    Rispondi
    • Buongiorno,
      non dovrebbe essere necessaria la SCIA (verificare con il Comune e con la società responsabile del CAF). La Partita iva per consulenza è attivabile, anche in caso di mancata iscrizione a un albo. Da verificare con attenzione e classificare le attività da svolgere. Di solito i CAF, nelle sedi periferiche, hanno dei dipendenti.
      Grazie per averci scritto

      Rispondi
  6. Salve, sono la titolare di una posta privata e vorrei aggiungere un sportello caf . Posso fare richiesta? Io già sono in possesso di licenza ministeriale computer , softwar collegati a rete internet, quindi partita IVA e tutto quello che concerne l’apertura di posta privata. Volevo sapere se posso aggiungere una sportello caf e quale è la procedura. Grazie

    Rispondi
    • Buongiorno,
      all’interno della posta privata (da verificare con le specifiche norme in tema di poste private) potrebbe essere istituito un punto raccolta. Per le modalità è necessario contattare un caf autorizzato per verificare come procedere con l’affiliazione e quali sono i requisiti.

      Grazie per averci scritto

      Rispondi

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di Partitaiva.it, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.