Curriculum vitae libero professionista: come crearlo, cosa inserire e struttura

Anche i liberi professionisti devono creare un curriculum vitae quando sono in cerca di clienti e collaborazioni: in questa guida spiegheremo come fare passo per passo.

di Francesca Di Feo

Adv

curriculum vitae da partita iva come crearlo
  • Il post-pandemia ha dato un forte impulso al lavoro freelance, spinto dall’adozione dello smart-working che ha incoraggiato molti a intraprendere una carriera indipendente.
  • In Italia, i lavoratori autonomi raggiungono i 4,3 milioni: in un ambiente così competitivo, è essenziale disporre di un curriculum vitae da partita IVA ben strutturato che differisce da quello tradizionale, per la necessità di personalizzazione e la presentazione unica delle competenze.
  • Per un freelance, il CV non è solo un elenco di esperienze, ma un biglietto da visita che deve catturare efficacemente l’attenzione del potenziale cliente fin dalla presentazione iniziale.

L’effetto del post-pandemia ha visto un sostanziale incremento dei professionisti freelance. Complice un picco nell’adozione dello smart-working per innumerevoli professioni durante i periodi della quarantena, in molti hanno optato per una carriera indipendente.

Secondo i dati pubblicati da Statista nel 2022, l’Italia si posiziona al primo posto nella classifica europea con un totale di 4,3 milioni di lavoratori autonomi. Ma neanche i freelance sono esenti dal dover creare un curriculum vitae, che se ben strutturato può fare la differenza quando si tratta di attrarre nuovi clienti o collaborazioni.

Diversamente da un CV tradizionale, che è spesso standardizzato per posizioni da dipendente, quello di un lavoratore autonomo dovrebbe essere personalizzato per riflettere l’unicità delle sue competenze e delle sue esperienze.

Il CV di un libero professionista funge da biglietto da visita, spesso arricchito da un tocco personale che aiuta a stabilire un primo contatto efficace. In questa approfondita guida, esploreremo come articolarne uno efficace.

Come creare un curriculum vitae per partita IVA: l’introduzione

Stiamo per addentrarci nelle varie sezioni che compongono quindi un curriculum vitae di un freelance o di un libero professionista. Ma prima, concentriamoci su un elemento che molti spesso trascurano: quelle tre righe introduttive che spiegano in breve chi sei e cosa puoi offrire.

Queste prime righe sono il biglietto da visita attraverso il quale comunicare rapidamente chi sei come professionista. È essenziale che, già da queste poche frasi, il lettore percepisca le tue specializzazioni e competenze distintive.

Una buona introduzione dovrebbe riflettere non solo la professione che svolgi come autonomo e le tue capacità tecniche, ma anche quelle trasversali che ti caratterizzano.

La capacità di organizzarsi è spesso altrettanto valutata quanto l’expertise specifico nel tuo campo; altrettanto la puntualità, che testimonia il tuo rispetto per i tempi altrui e per i deadline di progetto. Non meno importante è la tua abilità di collaborare con altri, elemento fondamentale in molti contesti lavorativi, anche per chi solitamente opera in maniera indipendente.

L’introduzione dovrebbe quindi dipingere un quadro chiaro del tuo profilo professionale, mostrando come la tua personalità e il tuo approccio al lavoro si traducano in un valore aggiunto per chi decide di affidarti un incarico o un progetto.

La foto per il CV

Ebbene sì, anche la foto che sceglieremo di inserire nel nostro CV ha un impatto sulla percezione complessiva del documento. Nella scelta della foto da inserire in un CV è quindi essenziale optare per un’immagine che trasmetta professionalità e affidabilità.

La foto dovrebbe essere recente, con uno sfondo neutro e un abbigliamento professionale. È importante che l’espressione sia amichevole ma seria, per trasmettere competenza e sicurezza.

Per i lavoratori autonomi, l’immagine personale può influenzare notevolmente la percezione del potenziale cliente o collaboratore. È consigliabile evitare selfie o foto troppo informali. Anche una buona illuminazione o nitidezza può fare la differenza.

Ricorda che l’attenzione a dettagli di questo tipo riflette anche il livello di professionalità e la cura che il freelancer è disposto a investire nel proprio lavoro.

Quali informazioni inserire in un CV per lavoratore autonomo

Ora che abbiamo visto le operazioni “preliminari” nella stesura di un curriculum vitae da partita IVA, partiamo con le basi: le informazioni personali e di contatto. Questa sezione del CV per un libero professionista è pressoché identica a quella di un CV per un candidato a una posizione di dipendente, ma con alcune piccole accortezze.

Naturalmente è in prima battuta importante includere le informazioni basilari che permettano a chi legge di identificare e contattare facilmente il candidato:

  • nome completo;
  • l’indirizzo di residenza;
  • un numero di telefono;
  • un indirizzo email professionale.

Per un freelance, è tuttavia sempre utile anche aggiungere un link al proprio sito professionale o portfolio online, se disponibile, per fornire un accesso immediato ai propri lavori o progetti precedenti. In alternativa, o in aggiunta, mai dimenticare di inserire anche il collegamento a un profilo LinkedIn, purché sia ben gestito e aggiornato.

Un altro elemento fondamentale da inserire nel CV per un freelance che lavora da remoto è la tipologia di patente posseduta. Una collaborazione autonoma potrebbe infatti richiedere frequenti spostamenti, ed essere in possesso di una patente di guida può essere un dettaglio rassicurante per i potenziali clienti.

CV libero professionista: le esperienze lavorative

cv libero professionista


Dopo aver revisionato con attenzione i dati essenziali inseriti nel proprio CV, sarà il momento di passare alle esperienze lavorative che provino le nostre competenze.

Per redigere efficacemente questa sezione è essenziale selezionare e presentare le esperienze più pertinenti rispetto alla posizione o al progetto per cui ci si sta candidando. Utilizzare un approccio mirato e non dispersivo di questo tipo non solo mostra una chiara direzione nella propria carriera, ma anche una capacità di adattamento e specializzazione che è particolarmente apprezzata in ambiti competitivi.

Inizia con l’esperienza più recente e procedi a ritroso nel tempo. Per ogni esperienza lavorativa, è fondamentale includere:

  • il titolo della posizione ricoperta;
  • il nome e la località dell’azienda o del committente;
  • le date di inizio e fine collaborazione.

Descrivi poi brevemente i ruoli e le responsabilità, concentrandoti su compiti specifici che dimostrano le tue competenze e il tuo contributo ai progetti in relazione alla candidatura che stai mandando.

È importante quantificare, ove possibile, i risultati ottenuti, ad esempio indicando il miglioramento di performance, l’aumento di efficienza o il raggiungimento di obiettivi quantitativi, come l’incremento delle vendite o la riduzione dei costi, dati concreti che dimostrino in modo tangibile il tuo impatto professionale.

E poi, un dettaglio: se c’è spazio, includi anche specifiche sulle competenze tecniche o specialistiche acquisite durante ogni incarico come autonomo e su come queste abilità siano state applicate per risolvere problemi o migliorare processi. Oltre a dimostrare le tue competenze, questo servirà a provare la tua attitudine alla formazione continua, molto apprezzata nel dinamico mercato del lavoro di oggi, in costante cambiamento.

Ricorda sempre: la qualità è più importante della qualità. Evita di elencare ogni singola esperienza lavorativa se non è strettamente rilevante per la posizione desiderata. Concentrati piuttosto su quelle che dimostrano abilità trasversali o specialistiche che possono attrarre il potenziale datore di lavoro o committente.

L’importanza delle referenze

Anche questo è un aspetto spesso trascurato da molti freelance, che però può davvero fare la differenza. Nel curriculum come lavoratore autonomo, inserisci una parte in cui ti mostri disponibile a fornire le tue referenze su richiesta, ovvero i contatti dei clienti con cui hai lavorato in precedenza.

Le referenze forniscono una testimonianza diretta dell’affidabilità e delle competenze del candidato, offrendo ai potenziali datori di lavoro una conferma esterna delle qualità e delle esperienze professionali dichiarate.

Avere referenze da ex datori di lavoro, clienti o colleghi che possono attestare l’impegno, l’etica lavorativa e le abilità specifiche, aumenta notevolmente la credibilità del candidato. Inoltre, le referenze possono fornire dettagli preziosi su come il candidato si integra in un team o gestisce il carico di lavoro, aspetti cruciali per molte posizioni.

CV lavoratore autonomo: la formazione

Passiamo alla sezione dove tutto ha inizio: la formazione. Quali studi hai intrapreso che ti hanno portato a diventare il professionista che sei oggi? In questa sezione, sarà fondamentale inserire tutte le informazioni rilevanti relative agli studi e ai corsi di formazione che possono rafforzare la candidatura.

Iniziamo con l’istruzione formale: è importante includere i dettagli di eventuali titoli universitari o post-universitari. Se non presenti, allora indicare il diploma di scuola superiore, solo se rilevante alla candidatura. Indica:

  • il nome dell’istituto;
  • la città;
  • gli anni di frequenza;
  • la qualifica conseguita.

Talvolta, può essere utile anche includere un’eventuale tesi di laurea o progetti di rilievo se strettamente pertinenti alla professione o all’area di competenza.

Oltre all’istruzione formale, i corsi di formazione continua rivestono un ruolo ancora più cruciale, specialmente in ambiti in cui le tecnologie e le metodologie si evolvono rapidamente: pensiamo, ad esempio, al marketing digitale, alla programmazione o al web design.

In questa sezione, dovresti quindi elencare i corsi specifici che hai frequentato e che aggiungono valore alla tua figura professionale. Questo potrebbe includere, ad esempio:

  • corsi di specializzazione online o in presenza;
  • workshop;
  • certificazioni professionali;
  • aggiornamenti tecnici.

Per ciascuno, è utile indicare:

  • l’ente o l’organizzazione che ha rilasciato la certificazione;
  • il periodo di svolgimento;
  • brevi dettagli su ciò che il corso ha coperto, focalizzandoti su aspetti che dimostrino la tua crescita professionale e la tua capacità di rimanere aggiornato nel tuo campo.

Quali competenze inserire in un curriculum vitae da partita IVA

È un ambito spesso ignorato, ma in realtà fondamentale. Sapevi che molti HR, sommersi da centinaia e centinaia di CV, talvolta eseguono una semplice ricerca con parole chiave per verificare le competenze di un eventuale candidato? Quindi, dovremo dargli esattamente ciò che cercano.

Per creare una sezione competenze efficace in un curriculum vitae destinato a lavoratori autonomi o freelance, è essenziale quindi selezionare abilità strettamente pertinenti alle opportunità per cui si sta candidando.

Innanzitutto, è consigliabile concentrarsi su abilità tecniche e personali che riflettano le esigenze del ruolo. Ad esempio, un graphic designer freelance dovrebbe mettere in evidenza competenze nell’uso di software specifici come Adobe Photoshop o Illustrator, mentre un consulente di marketing potrebbe sottolineare la sua capacità di gestire campagne PPC o di sviluppare strategie di content marketing.

Inoltre, può essere molto utile, quando possibile, includere link a certificazioni ufficiali che attestino le competenze dichiarate.

Piattaforme come LinkedIn Learning offrono corsi che danno diritto a certificazioni riconosciute nel settore, le quali possono essere facilmente aggiunte al CV attraverso un link diretto. Allo stesso modo, qualora si possiedano certificati di conoscenza linguistica (come il TOEFL per l’inglese o il DELE per lo spagnolo), questi dovrebbero essere inclusi per confermare il livello di padronanza.

L’aggiunta di certificazioni verificabili aumenta la credibilità delle competenze elencate e offre ai potenziali datori di lavoro o clienti la possibilità di verificare direttamente le qualifiche attraverso fonti ufficiali.

CV per lavoratore autonomo: attenzione al layout

Abbiamo quindi affrontato le questioni di contenuto del tuo CV da freelance, ma sappiamo tutti che anche l’occhio vuole la sua parte. Se il lungo e classico curriculum europeo offre la possibilità nelle sue pagine di sciorinare ogni singola competenza ed esperienza professionale, per un freelance può essere noioso.

Partiamo da una semplice premessa: nel mondo del lavoro autonomo, il CV è letteralmente il tuo biglietto da visita. L’obiettivo è quindi catturare l’attenzione del potenziale cliente o collaboratore fin dal primo sguardo. I CV tradizionali, spesso monotoni e conformi a uno schema rigido, non sono più sufficienti per distinguersi in un mercato competitivo.

Un layout moderno e visivamente accattivante può fare la differenza. Piattaforme come Canva.com offrono la possibilità di esplorare centinaia di template gratuiti che si adattano a vari settori e stili personali, permettendoti di incorporare elementi grafici, colori vivaci e una strutturazione del contenuto che riflette la creatività e l’unicità del professionista.

Adottare un design dinamico non significa solo aggiungere colori e forme, ma organizzare le informazioni in modo che siano immediate e facili da leggere. I lavoratori autonomi devono mostrare chiaramente le proprie competenze, esperienze e successi in maniera che risalti subito agli occhi di chi legge.

Utilizzare un template da Canva o simili strumenti permette anche di mantenere il curriculum aggiornato con facilità, un aspetto fondamentale per chi si candida a progetti diversi e desidera aggiungere nuove esperienze o competenze acquisite in tempo reale.

Curriculum vitae libero professionista – Domande frequenti

Che tipo di curriculum preferiscono le aziende?

Le aziende preferiscono un curriculum chiaro, conciso e ben organizzato, che evidenzi competenze e esperienze rilevanti per il ruolo specifico. Evitare quindi di utilizzare il classico Europass se non chiesto esplicitamente e optare invece per un modello colorato, accattivante e diretto.

Cosa non deve mancare in un Curriculum Vitae?

Non devono mancare i dati personali, un riepilogo delle competenze, l’esperienza lavorativa, la formazione e, se rilevanti, certificazioni o competenze particolari.

Come scaricare CV Europass senza pagare?

Puoi scaricare il CV Europass gratuitamente dal sito ufficiale europass.cedefop.europa.eu, dove è possibile compilare e ottenere il CV in vari formati.

Qual è il modello di curriculum migliore per lavoratori autonomi?

Non esiste un “modello migliore” universale; la scelta dipende dalle esigenze specifiche del settore e della posizione. Tuttavia, è consigliabile evitare il classico Europass ed optare per un modello che valorizzi le competenze e l’esperienza in modo chiaro e professionale.

Autore
Classe 1994, immediatamente dopo gli studi ho scelto di intraprendere una carriera nel Project Management in ambito di progetti Erasmus+ per EPS. Questo mi ha portato ad approfondire in particolare le tematiche inerenti alla fiscalità delle PMI, anche se la mia area di expertise risulta oggi molto più ampia in questo ambito. Oggi sono copywriter freelance appassionata di scrittura e di innovazione per le piccole e medie imprese.

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.