Contributi INPS artigiani e commercianti 2024: come funzionano le aliquote e calcolo

Cambiano le aliquote e le soglie per i contributi INPS artigiani e commercianti 2024. Ecco quali sono e come procedere al versamento.

revisione a cura di Rosario EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.

Adv

contributi inps artigiani e commercianti
  • L’INPS ha comunicato nella circolare 33 del 7 febbraio 2024 la variazione delle aliquote e del calcolo dei contributi INPS per artigiani e commercianti.
  • Le variazioni coinvolgono tutti coloro che hanno una Partita Iva con la gestione INPS Artigiani e Commercianti.
  • Chi aderisce al regime forfettario e rientra nella cassa Artigiani e Commercianti INPS può chiedere la riduzione dei contributi entro il 28 febbraio 2024.

Per il 2024 cambiano alcune aliquote e il calcolo per il versamento dei contributi da parte di coloro che sono iscritti alla cassa per artigiani e commercianti INPS. Si tratta di tutti coloro che hanno aperto una Partita Iva in particolari settori e che devono provvedere a versare specifiche somme all’ente previdenziale annualmente.

Queste categorie di lavoratori autonomi versano ogni anno una quota fissa, calcolata su una specifica soglia di ricavo annuo, più una quota variabile, valutata in base ad alcuni parametri specifici, che vedremo tra poco.

Con la circolare 33 del 7 febbraio 20241, l’INPS ha aggiornato il calcolo e le aliquote da applicare per queste categorie di lavoratori, tenendo presente che esistono condizioni agevolate per coloro che hanno un’età inferiore a 21 anni.

Per i professionisti che vi aderiscono è importante anche verificare l’iscrizione all’associazione sindacale ed eventualmente revocarne l’adesione. Vediamo nell’articolo tutte le variazioni.

Contributi INPS artigiani e commercianti 2024: le modifiche

Ogni anno l’ente previdenziale aggiorna il calcolo e le aliquote per determinare quanti contributi dovranno essere versati da parte di chi ha una Partita Iva come artigiano o commerciante. Le variazioni sono determinate dagli ultimi dati ISTAT, che tengono presenti diversi fattori.

Dal primo gennaio le aliquote contributive sono aumentate dell’1,3%, e successivamente fino ad arrivare al 24%, pur rimanendo attive le agevolazioni al 50% per chi ha più di 65 anni di età.

La rivalutazione delle percentuali e del calcolo è determinata dai dati ISTAT, che tengono conto dell’andamento economico e dell’inflazione registrata negli ultimi anni. Viene modificata anche la soglia del reddito minimo per calcolare l’applicazione dei contributi, che passa a 18.415 euro.

Rimangono invariati i metodi per il versamento dei contributi, tramite modello F24, secondo specifiche scadenze trimestrali.

hype business

Contributi IVS artigiani e commercianti 2024, gli importi

Vediamo nel dettaglio come dovranno essere versati dal 2024 i contributi INPS da parte di autonomi artigiani e commercianti. Il reddito minimo su cui applicare i contributi viene calcolato secondo la soglia aggiornata di 18.415 euro, per il calcolo del versamento dei contributi IVS, invalidità, vecchiaia e superstiti. Le nuove aliquote 2024 sono quindi le seguenti.

Soggetti interessatiArtigianiCommercianti
Autonomi di età superiore a 21 anni24%24,48%
Autonomi di età inferiore a 21 anni23,70%24,18%

Di fatto quindi il versamento dei contributi minimi annuale è determinato dalle nuove aliquote, che comportano il versamento delle seguenti somme, per il minimale di reddito, che deve includere la totalità dei redditi di impresa.

Soggetti interessatiArtigianiCommercianti
Autonomi di età superiore a 21 anni4.427,04 euro4.515,43 euro
Autonomi di età inferiore a 21 anni4.371,80 euro4.460,19 euro

Fino alla soglia massima di 55.008,00 euro vengono applicate le aliquote previste. Oltre questo ricavo annuo invece, le aliquote vengono ulteriormente innalzate di un punto percentuale.

Contributi INPS 2024 e regime fiscale forfettario

Contributi fissi e variabili

Anche per artigiani e commercianti iscritti a questa gestione INPS, è possibile accedere al regime fiscale forfettario, con tassazione agevolata. La soglia è per quest’anno fissata a 85.000 euro e la scelta di aderire a tale regime fiscale agevolato è facoltativa.

In questi casi è quindi possibile applicare lo sconto del 35% sui contributi. Chi ha quindi già avuto accesso allo sconto, potrà beneficiarne anche successivamente, mentre per le nuove partite Iva è necessario presentare una apposita richiesta di accesso alla decontribuzione, tuttavia la scadenza era entro il 28 febbraio 2024.

edenred ticket restaurant

Come versare i contributi INPS per artigiani e commercianti

Per ciò che riguarda il versamento dei contributi INPS da parte di artigiani e commercianti, si procede sempre allo stesso modo, ovvero tramite modello F24, secondo le seguenti scadenze:

  • 16 maggio 2024;
  • 20 agosto 2024;
  • 18 novembre 2024;
  • 16 febbraio 2025.

I contributi devono essere versati entro le scadenze previste per il versamento delle tasse sui redditi delle persone fisiche, ad esempio sulla quota di reddito eccedente il minimale, come saldo dell’anno precedente, primo acconto e secondo acconto dell’anno in corso.

Adesione all’associazione sindacale e revoca

Artigiani e commercianti hanno la possibilità di iscriversi ad una associazione sindacale o di revocare questa scelta. La circolare n. 129 del 2021 INPS è intervenuta a chiarire alcuni aspetti sulla riscossione dei contributi associativi. Nello specifico, l’associazione sindacale acquisisce dall’iscritto una delega alla riscossione della quota associativa.

In questo caso le Parti riconoscono che il rapporto associativo intercorre esclusivamente tra l’associato e l’Associazione sindacale. Di conseguenza, ogni eventuale comunicazione dell’associato inerente a questo rapporto deve essere inoltrata all’Associazione stessa.

Nel caso in cui l’iscritto optasse per una revoca, la comunicazione all’Istituto può essere effettuata dall’associato, sia direttamente sia attraverso l’Associazione sindacale.

L’associato può quindi comunicare direttamente all’INPS la sua volontà di revocare la delega per la riscossione della quota associativa, indicando l’Associazione sindacale revocata e allegando copia di un documento di identità in corso di validità.

L’Istituto provvede all’elaborazione della richiesta e alla relativa comunicazione all’Associazione sindacale competente, tramite procedura informatica.

L’Associazione sindacale che acquisisce una revoca deve trasmettere in formato digitale, oltre alla delega, la revoca acquisita e deve conservare entrambi i documenti originali firmati, con una copia del documento d’identità.

La revoca della delega alla riscossione della quota associativa ha effetto a partire dalla prima tariffazione utile (ovvero l’esercizio annuale successivo) dalla data di definizione della richiesta da parte dell’Istituto.

Contributi INPS artigiani e commercianti 2024 – Domande frequenti

Quanto costano i contributi INPS artigiani e commercianti 2024?

Per chi ha più di 21 anni vengono impostate per il 2024 aliquote al 24% per gli artigiani e al 24,48% per i commercianti. Per chi ha meno di 21 anni ci sono percentuali agevolate, come indicato in questo articolo.

Quando si pagano i contributi INPS artigiani e commercianti 2024?

Si pagano in concomitanza con il versamento delle somme destinate alle imposte, e secondo i parametri già presenti, ovvero entro queste date.

Come accedere allo sconto dei contributi INPS artigiani e commercianti del 35%?

Per accedervi è necessario presentare una apposita domanda entro il 28 febbraio.

  1. Circolare n.33 del 7 febbraio 2024, INPS, inps.it ↩︎
Autore
Giornalista pubblicista, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Torino, da sempre sono appassionata di scrittura. Dopo alcune esperienze all'estero, ho deciso di approfondire tematiche inerenti la fiscalità nazionale relativa alle persone fisiche ed alle Partite Iva. La curiosità mi ha portato a collaborare con agenzie web e testate e a conoscere realtà anche diversissime tra loro, lavorando come copywriter e editor freelancer.
Fact-Checked
Avatar photo
Rosario Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 17 Febbraio 2023
Dottore commercialista specializzato in startup e pmi innovative, operazioni di equity crowdfunding, e-commerce, food and casual dining. Con uno sguardo sempre rivolto al futuro, trova sistemi innovativi nello sviluppo dell’attività professionale.

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.