Home > Individuale > Come aprire una escape room
live-escape-game-1155620_1280

Contesto

Le nuove tecnologie informatiche unite alla ricerca continua dell’uomo di nuove forme di divertimento stanno portando -in questi ultimi anni- alla diffusione in tutto il mondo di un simpatico gioco di gruppo chiamato “Escape Room“. Nato nel 2006 negli ambienti della Silicon Valley (San Francisco-USA) ad opera di alcuni creatori di software amanti dei gialli di Agatha Christie, il gioco si è poi diffuso in Oriente (Giappone) ed è -ora- sbarcato anche in Europa passando per la Spagna e diffondendosi con il passaparola su Facebook e Tripadvisor anche nelle principali città italiane.

In che cosa consistono le escape room

Sono un gioco di gruppo, una sorta di video gioco reale e interattivo: un gruppo di persone (minimo 2, max 10) viene chiuso in una stanza arredata ad hoc e deve riuscire ad uscire -entro 60 minuti dall’inizio- risolvendo una serie di enigmi e indovinelli sulla base di indizi presenti sul luogo. Ciò è possibile solo se i membri del gruppo collaborano tra di loro attivamente per raggiungere l’obiettivo finale. Per partecipare si paga un biglietto che va dai 14 ai 28 euro a persona a seconda della numerosità del gruppo, oppure un prezzo unico che va dalle 50 alle 60 euro.

Come si apre un’escape room a livello burocratico e chi può farlo

Le escape room nate a Milano sono state fondate -tutte- da universitari e neolaureati amanti del giallo e con la passione dei viaggi in Spagna da dove hanno copiato il format.
Ma di che tipo di attività si tratta? In Italia non lo si sa bene e non esiste -ancora- una regolamentazione ad hoc. Per questo motivo qualche Comune potrebbe avere difficoltà ad inquadrarla. Ma non preoccupatevi! È sicuramente un’attività commerciale soggetta ad IVA del 22%, quindi per aprire un’escape room bisogna avere obbligatoriamente una Partita Iva, iscriversi al Registro Imprese e contribuire alla gestione INPS IVS commercianti (da verificare ovviamente in base alla forma giuridica).
L’investimento iniziale può variare dai 15.000 ai 100.000 euro (valutazione ipotetica) a seconda delle scelte che vengono effettuate. Ovviamente è necessario avere a disposizione un locale di almeno 30-40 mq più uno spazio idoneo per la reception. Come? Lo prendo in affitto, lo acquisto o è di mia proprietà? Poi si deve arredare l’ambiente con tutto ciò che è necessario per farlo divenire una location di un film giallo (mobili, casseforti, lucchetti, catene, ecc.). Anche in questo caso è possibile il fai-da-te per risparmiare. E poi il personale. Di quante persone ho bisogno? Se lo spazio è diviso in più stanze, è necessario disporre almeno di un collaboratore a stanza.
Comunque, se non si è bravi con la burocrazia e si è poco abili con la gestione di attività commerciali, possiamo rivolgerci ad un franchising che svolge già questa attività (in Italia sono pochi ma già ci sono!) e seguire passo passo le loro istruzioni.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Comments

comments

logo_1681f3ba624aa69494f83d45086b4904_2x
You may also like
aprire partita iva nel 2018
Aprire partita iva nel 2018
regime forfettario 2017
Regime forfettario 2017: requisiti, esclusione, agevolazioni e semplificazioni
forfettario
Forfettario 2015: cosa cambia nel 2016?
partite iva soglia di povertà
CGIA di Mestre: il 25% delle partite Iva sotto la soglia di povertà