Riforma fiscale: ecco quali imposte indirette saranno semplificate

La recente approvazione della Legge delega in Camera segna un passo significativo nella riforma delle imposte indirette: ecco le nuove disposizioni e come influenzeranno il panorama fiscale italiano.

di Francesca Di Feo

Revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.

Adv

semplificazione imposte indirette
  • La Legge Delega ratificata alla Camera il 12 luglio introduce, tra le varie misure, significative semplificazioni relative alle imposte indirette, escludendo l’IVA.
  • La riforma fiscale prevede anche misure di autoliquidazione per le imposte di registro, sulle successioni e donazioni, dell’imposta di bollo, e una razionalizzazione generale delle tasse automobilistiche.
  • Queste riforme riducono la complessità burocratica, rendendo il sistema fiscale più accessibile e meno oneroso per i contribuenti.

Nel vasto panorama fiscale italiano, l’approvazione della Legge delega in Camera il 12 luglio comporta, tra le varie disposizioni, significative facilitazioni relative alle imposte indirette, escludendo l’IVA. Nel dettaglio l’articolo 10 pone l’accento sulla semplificazione, tentando di rendere il sistema più accessibile e meno oneroso per i cittadini.

Il nuovo impianto normativo risponde a una richiesta radicata e sentita da anni da parte dei contribuenti italiani: ridurre la complessità burocratica, andando a razionalizzare la disciplina dei singoli tributi, anche mediante l’accorpamento o la soppressione di alcune imposte. Ecco in dettaglio le principali novità.

Riforma fiscale e semplificazione dell’imposta di registro

L’imposta di registro, tradizionalmente considerata una delle più complesse, è stata al centro dell’attenzione del legislatore. La principale novità riguarda l’introduzione del sistema di autoliquidazione, eliminando così la necessità di passare attraverso gli Uffici finanziari, un cambio radicale rispetto al passato.

Si prevede anche di richiedere in anticipo il pagamento del tributo dalla parte soccombente in ambito di applicazione dell’imposta di registro sugli atti giudiziari, quando questa può essere facilmente identificata.

Questo nuovo approccio mira a ridurre tempi e costi per i contribuenti, offrendo maggiore trasparenza e chiarezza nella gestione di tale imposta. Il contribuente ha ora una maggiore autonomia, riducendo la dipendenza dagli organi istituzionali.

finom business

Riforma fiscale e imposta sulle successioni e donazioni

Anche in questo ambito, la riforma ha operato profonde modifiche, introducendo, come per l’imposta di registro, un sistema di autoliquidazione. Ciò significa che l’obbligo di pagamento dell’imposta sulle successioni e donazioni non dipenderà più da un intervento diretto degli Uffici finanziari.

È inoltre prevista l’applicazione di un’imposta sostitutiva. La semplificazione del prelievo fisso dovrebbe portare benefici sia per l’Amministrazione finanziaria sia per i contribuenti, dando a questi ultimi un unico punto di riferimento normativo.

Questo cambio riguarda in particolare le imposte legate ai trasferimenti immobiliari e alle relative procedure, come trascrizioni e volture catastali. L’obiettivo è di unire vari piccoli tributi in uno solo, semplificando i doveri dei contribuenti ed eliminando le piccole tasse poco significative per il bilancio statale.

Questo cambio di rotta non solo snellisce la burocrazia, ma semplifica anche il lavoro di chi eredita o riceve donazioni, offrendo un quadro normativo più chiaro e una maggiore certezza sulle procedure da seguire.

Semplificazione dell’imposta di bollo con la riforma fiscale

L’era digitale in cui viviamo ha influito anche sulla revisione dell’imposta di bollo. La riforma tiene conto dell’importanza crescente della dematerializzazione dei documenti, riducendo la necessità di applicazione dell’imposta su supporti fisici.

Anche qui, è stata proposta una imposta sostitutiva, che avrebbe l’effetto di semplificare ulteriormente le procedure, unificando diversi tributi in una singola soluzione.

Questo rappresenta un passo significativo verso la razionalizzazione del sistema, con evidenti benefici in termini di gestione e chiarezza per il contribuente.

hype business

Riforma fiscale e tasse automobilistiche

Le tasse automobilistiche, spesso oggetto di critiche e incomprensioni da parte dei cittadini, non sono state trascurate nella recente riforma.

L’obiettivo principale è stato quello di razionalizzare e semplificare la struttura esistente, valutando anche l’eventuale eliminazione di alcune addizionali per determinate categorie di veicoli.

In particolare, si è discusso dell’eliminazione dell’addizionale erariale per veicoli destinati al trasporto promiscuo di persone e cose con potenza superiore a 185 chilowatt.

Una mossa che, se attuata, potrebbe avere un impatto significativo sul settore, beneficiando sia i contribuenti sia l’industria automobilistica.

Riforma fiscale e imposte indirette – Domande frequenti

Cosa significa “autoliquidazione” nel contesto della nuova riforma fiscale?

L’autoliquidazione permette ai contribuenti di calcolare e versare autonomamente le imposte dovute, eliminando la necessità di passare attraverso gli Uffici finanziari.

Come verrà semplificata l’imposta di bollo?

La riforma tiene conto della crescente dematerializzazione dei documenti, riducendo la necessità di applicare l’imposta su supporti fisici e introducendo un’imposta sostitutiva.

Cosa cambia per le tasse automobilistiche nel 2023?

La riforma mira a razionalizzare e semplificare le tasse automobilistiche, considerando anche l’eliminazione di alcune addizionali per determinate categorie di veicoli.

Autore
Classe 1994, immediatamente dopo gli studi ho scelto di intraprendere una carriera nel Project Management in ambito di progetti Erasmus+ per EPS. Questo mi ha portato ad approfondire in particolare le tematiche inerenti alla fiscalità delle PMI, anche se la mia area di expertise risulta oggi molto più ampia in questo ambito. Oggi sono copywriter freelance appassionata di scrittura e di innovazione per le piccole e medie imprese.
Fact-Checked
Avatar di Giovanni Emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 4 Agosto 2023
Commercialista dal 🧗🏾‍♀️secondo millennio, innovatore professionale nel terzo millennio🏃🏾‍♂️. Il futuro della professione del commercialista nel mio ultimo libro "dalla società alla rete tra professionisti".

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di Partitaiva.it, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.