Dipendenti pubblici: aggiornato il codice di comportamento per il digitale

Le nuove norme per i dipendenti pubblici promuovono un uso responsabile delle risorse digitali, proteggono la reputazione delle amministrazioni pubbliche e salvaguardano la privacy e la sicurezza delle informazioni.

di Francesca Di Feo

Adv

codice comportamento dipendenti pubblici
  • Il codice di comportamento dei dipendenti pubblici è stato aggiornato per regolare l’uso di email, social media e controlli per la sicurezza informatica.
  • Le nuove norme vietano l’uso dell’account personale per scopi istituzionali, limitano l’uso dei dispositivi informatici pubblici al luogo di lavoro e impongono restrizioni sull’uso dei social media.
  •  Sono previsti controlli per garantire la sicurezza informatica, nel rispetto della privacy dei dipendenti.

Con la revisione del Decreto 62/2013, il Consiglio dei Ministri, consapevole dell’importanza della sicurezza informatica e della tutela della reputazione degli enti pubblici, ha recentemente approvato una serie di modifiche significative al codice di comportamento dei dipendenti della Pubblica Amministrazione (PA).

Queste modifiche hanno lo scopo di rafforzare le regole esistenti e introdurre nuove disposizioni per adattarsi alla crescente importanza delle tecnologie digitali nella sfera lavorativa, e garantire la protezione delle informazioni sensibili e dei dati dell’amministrazione pubblica.

Nuovo codice di comportamento: l’uso delle email

Con l’arrivo della digitalizzazione di aziende e pubbliche amministrazioni, cambiano anche le regole da tenere sul posto di lavoro.

Uno dei punti chiave delle nuove norme riguarda l’utilizzo dell’account istituzionale di posta elettronica. Secondo le modifiche apportate al codice di comportamento, l’uso dell’account istituzionale sarà consentito esclusivamente per scopi lavorativi.

Ciò significa che sarà vietato utilizzare l’account email personale per comunicazioni extra-istituzionali. Questa disposizione mira a garantire la separazione tra la sfera personale e quella lavorativa, evitando potenziali rischi di sicurezza e mantenendo una tracciabilità delle comunicazioni ufficiali.

pleo business

Dipendenti pubblici, utilizzo dei dispositivi informatici

Un’altra importante modifica riguarda l’utilizzo dei dispositivi informatici dell’ente pubblico da parte dei dipendenti.

Secondo il nuovo codice di comportamento, i dipendenti potranno utilizzare tali dispositivi per gestire compiti personali, ma solo all’interno della sede lavorativa.

Questo significa che, ad esempio, sarà consentito utilizzare il computer dell’ufficio per questioni personali durante le pause o in momenti di inattività, ma non al di fuori dell’ambiente lavorativo.

Questa regola è stata introdotta per garantire un uso responsabile delle risorse informatiche pubbliche e per evitare possibili abusi.

Social media e dipendenti pubblici

Un altro aspetto significativo delle modifiche al codice riguarda l’utilizzo dei social media. Secondo le nuove norme, è vietato condividere contenuti che possano danneggiare l’amministrazione o divulgarne informazioni relative al lavoro.

Questa restrizione mira a proteggere la reputazione degli enti pubblici, evitando che i dipendenti diffondano informazioni sensibili o mettano in discussione l’autorità dell’amministrazione attraverso i social media.

È importante sottolineare che questa restrizione non intende limitare la libertà di espressione dei dipendenti, ma piuttosto garantire un uso responsabile dei social media nel contesto lavorativo.

Codice comportamento dipendenti pubblici
soldo business

Controlli per la sicurezza informatica delle PA

Le nuove modifiche al codice di comportamento prevedono anche un rafforzamento dei controlli per garantire la sicurezza informatica negli enti pubblici. Secondo le disposizioni, le amministrazioni pubbliche avranno il diritto di effettuare controlli volti a garantire la sicurezza e la protezione dei sistemi informatici, delle informazioni e dei dati.

Questi controlli potranno includere la verifica delle attività online dei dipendenti, l’ispezione dei dispositivi informatici e altre misure atte a prevenire potenziali minacce informatiche. È fondamentale sottolineare che tali controlli saranno eseguiti nel rispetto della privacy dei dipendenti e che l’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) stabilirà le modalità di esecuzione dei controlli, previa consultazione del Garante della Privacy.

Le modifiche apportate al codice di comportamento riguardo all’uso di email, social media e controlli per la sicurezza informatica rappresentano un importante passo avanti nella protezione delle risorse informatiche degli enti pubblici e nella salvaguardia della reputazione delle amministrazioni.

Queste nuove norme mirano a promuovere un uso responsabile delle risorse digitali da parte dei dipendenti, garantendo al contempo la privacy e la sicurezza delle informazioni e dei dati. È fondamentale che i dipendenti pubblici familiarizzino con queste nuove regole e le rispettino, per contribuire a un ambiente di lavoro sicuro e protetto dal punto di vista informatico.

Codice di comportamento dei dipendenti pubblici – Domande frequenti

Cosa prevede Codice comportamento dipendenti pubblici?

Il codice di comportamento dei dipendenti pubblici stabilisce le regole e i doveri minimi di diligenza, lealtà, imparzialità e buona condotta che i dipendenti pubblici sono tenuti ad osservare sia durante il servizio che al di fuori di esso.

Quali sono i doveri dei dipendenti pubblici?

I doveri dei dipendenti pubblici si possono suddividere in due categorie principali. La prima categoria riguarda i doveri di natura pubblicistica, che includono il dovere di fedeltà alla Repubblica, i principi di imparzialità e buon andamento, e il carattere democratico della Repubblica, che impone di favorire rapporti di fiducia tra l’amministrazione e i cittadini.

Quando è entrato in vigore il nuovo codice di comportamento dei dipendenti pubblici?

Il codice di comportamento dei dipendenti pubblici è stato aggiornato con la revisione del Decreto 62/2013 nel maggio 2023. Scopri qui tutti i dettagli.

Autore
Classe 1994, immediatamente dopo gli studi ho scelto di intraprendere una carriera nel Project Management in ambito di progetti Erasmus+ per EPS. Questo mi ha portato ad approfondire in particolare le tematiche inerenti alla fiscalità delle PMI, anche se la mia area di expertise risulta oggi molto più ampia in questo ambito. Oggi sono copywriter freelance appassionata di scrittura e di innovazione per le piccole e medie imprese.

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.