Incentivi alle imprese e parità con i professionisti: le novità dal Ddl Incentivi

Un emendamento al Ddl Incentivi equipara i professionisti con le imprese. Ecco le novità più importanti che sono previste.

Adv

ddl incentivi professionisti
  • Un emendamento al Ddl incentivi equipara i professionisti alle imprese;
  • Fino ad oggi alcuni contributi erano previsti solo per le piccole e medie imprese;
  • L’intenzione dell’emendamento è quella di dare pieno sostegno alle professioni.

Imprese e professionisti avranno gli stessi diritti nell’accedere agli incentivi. È questa, in estrema sintesi, la direzione intrapresa dall’esecutivo a guida Giorgia Meloni, che ha deciso di riformare la materia. Gli incentivi alle imprese saranno sottoposti ad una radicale riforma attraverso un apposito Ddl

Un emendamento sostenuto dalla Lega e fortemente voluto da Massimo Bitonci, Sottosegretario alle Imprese ed al Made in Italy, ha proposto la piena equiparazione tra imprese e professionisti per l’accesso agli incentivi.

Tutti i soggetti economici, nel momento in cui presentano la richiesta per accedere ai vari incentivi fiscali, avranno sostanzialmente gli stessi diritti. A regolamentare gli accessi è il Codice degli Incentivi alle Imprese digitalizzato, in modo da garantire le varie procedure per ottenere i contributi da parte dei diretti interessati.

Imprese e professionisti: arriva la parità

In cosa consiste, in estrema sintesi, l’emendamento della Lega al Ddl Incentivi? Il documento prevede una piena parità di trattamento tra i professionisti e le imprese. La novità coinvolgerà non solo gli incentivi statali, ma anche quelli provenienti eventualmente dai privati.

Questa misura permetterà di dare un vero e proprio sostegno economico alle professioni, che fino a questo momento erano state escluse da molti contributi.

L’emendamento, tra l’altro, secondo Bitonci, permette di ribadire un principio di uguaglianza fondamentale. Attraverso la sua approvazione verrebbe sanata un grave e pesante situazione di diseguaglianza che vede i professionisti esclusi da molte misure di incentivazione.

edenred ticket restaurant

Cosa prevede il Ddl Incentivi

Attraverso un comunicato stampa datato 23 febbraio 2023, il Governo aveva annunciato l’approvazione di un disegno di legge di revisione degli incentivi destinati alle imprese. L’obiettivo principale di questo Ddl è quello di procedere con:

  • una vera e propria razionalizzazione degli incentivi;
  • una riduzione dei tempi e dei costi delle relative richieste.

I principi guida sui quali è stato improntato il decreto sono i seguenti:

  • programmare gli interventi di ogni amministrazione e, soprattutto, indicare la loro estensione temporale. In questo modo deve essere assicurato un sostegno continuativo e sufficientemente adeguato alle finalità che sono state stabilite;
  • misurare l’impatto economico oggetto degli stessi incentivi. Questa operazione si ottiene attraverso la valutazione in itinere ed ex post degli effetti che sono stati ottenuti;
  • deve essere rafforzata la coesione sociale, economica e territoriale che porti ad uno vero e proprio sviluppo economico equilibrato dell’Italia. Particolare riferimento dovrà essere effettuato alle politiche di incentivazione del sud del paese;
  • dovrà essere valorizzato il contributo delle donne nella crescita del paese.

Le novità per i professionisti

All’interno del più ampio progetto di riforma degli incentivi, è tornata di attualità una proposta di modifica, che potrebbe avere un forte impatto sui liberi professionisti.

L’emendamento della Lega, in estrema sintesi porta a sanare una pesante diseguaglianza nelle diverse forme di incentivazione. Ad esempio il credito d’imposta per la formazione 4.0, il bonus bollette, i vari contributi previsti per la digital transformation delle Pmi non sono accessibili ai liberi professionisti. Stesso discorso vale per i finanziamenti previsti dalla Legge Sabatini.

Elbano de Nuccio, presidente dei commercialisti, spiega che con l’approvazione di questo emendamento si arriverebbe, finalmente, alla piena parità di trattamento tra professionisti ed imprese, almeno nel momento in cui devono accedere agli incentivi.

Incentivi e professionisti – Domande frequenti

Perché è così importante, per i professionisti, questo emendamento?

Nel caso in cui passasse i liberi professionisti avrebbero la possibilità di accede a degli incentivi dai quali, fino ad oggi, erano esclusi.

Quando entreranno in vigore le novità previste dall’emendamento?

Essendo un emendamento, prima che le novità siano operative ci vorrà un po’ di tempo. Per il momento non è possibile anticipare quando sarà effettivamente operativo.

I professionisti avranno la possibilità di accedere a tutti gli incentivi?

Sì, almeno l’obiettivo è proprio questo.

Autore
Foto dell'autore

Pierpaolo Molinengo

Giornalista

Ho una laurea in materie letterarie. Ho iniziato ad occuparmi di Economia fin dal 2002, concentrandomi dapprima sul mercato immobiliare, sul fisco e i mutui, per poi allargare i miei interessi ai mercati emergenti ed ai rapporti Usa-Russia. Scrivo di attualità, tasse, diritto, economia e finanza.

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.