Guadagnare con Spotify nel 2024: come fare, strumenti e strategie

Quanto si può guadagnare con Spotify? Serve la Partita Iva? Scopriamo come utilizzare la piattaforma e come migliorare i guadagni.

Adv

guadagnare con spotify
  • Tra tutte le piattaforme di streaming musicale, Spotify è quella più conosciuta, oltre a essere quella dove gli utenti trascorrono più tempo, ascoltano più musica e riproducono un numero maggiore di brani.
  • Per guadagnare su Spotify non è obbligatorio aprire la Partita Iva, ma se l’artista ha intenzione di portare avanti anche attività di vendita di beni e servizi, è opportuno mettersi in regola.
  • I guadagni di Spotify non sono altissimi se non si è grandi celebrità, ma la piattaforma offre numerose modalità con cui è possibile monetizzare, oltre a registrazioni e pubblicazioni.

Se sei un artista emergente alla ricerca di una piattaforma dove pubblicare i tuoi brani, potresti essere interessato a scoprire quanto si può guadagnare con Spotify, la piattaforma di streaming musicale più conosciuta e utilizzata in Italia e nel mondo.

I servizi offerti da Spotify attirano milioni di utenti ogni mese e i guadagni, seppur non altissimi, variano in base al numero di riproduzioni dei brani (al pari di quanto avviene su Youtube con le visualizzazioni) e alle royalty ottenute. Ci sono dei trucchi e delle strategie che possono aiutare i piccoli artisti a guadagnare di più, in termini monetari e in visibilità.

Ecco una guida completa per scoprire come e quanto guadagnare con Spotify: andiamo a vedere quanti soldi si possono ottenere con le riproduzioni e come ottenere maggiore visibilità sulla piattaforma.

Cos’è e come funziona Spotify

Spotify è una piattaforma di streaming musicale, disponibile su qualsiasi dispositivo, che permette a tutti gli utenti di riprodurre singoli brani o intere playlist, podcast o stazioni radio di un singolo artista o di un gruppo di artisti.

In un panorama in cui lo streaming è ormai ovunque a pagamento (pensiamo per esempio ad Amazon Music), Spotify offre due tipologie di servizi:

  • gratuito con pubblicità e senza limiti di riproduzione;
  • abbonamento a pagamento senza pubblicità, con prova gratuita di 30 giorni.
guadagnare con spotify come fare

Se sei un giovane artista emergente e hai intenzione di iniziare a guadagnare con Spotify, puoi metterti in gioco sulla piattaforma e iniziare a pubblicare i tuoi brani: per farlo, però, dovrai attivare un profilo Spotify Artista, ovvero uno di quelli con la spunta blu.

In alternativa, è possibile guadagnare su Spotify avviando un podcast: in questo caso il servizio è gratuito e permette a tutti di costruire il proprio podcast personale. Ogni creator può decidere di creare un podcast gratuito oppure a pagamento, fissando in autonomia il prezzo per chi desidera ascoltare gli episodi.

nordvpn

Come guadagnare con Spotify: le royality

Per poter iniziare a caricare i tuoi brani su Spotify dovrai sottoscrivere un abbonamento con un provider di distribuzione digitale: sarà quest’ultimo a occuparsi della creazione del tuo account e a prendersi carico della distribuzione dei tuoi brani per farti migliorare in termini di visibilità e di guadagno.

Sempre tramite il provider che hai scelto potrai ottenere il tuo compenso: Spotify, infatti, paga le etichette e le case di distribuzione anziché direttamente gli artisti. I guadagni ottenuti con la piattaforma, quindi, ti verranno versati dalla casa di distribuzione.

La piattaforma di streaming musicale permette di guadagnare due tipi di royalty:

  • royalty di registrazione, i soldi guadagnati dall’artista titolare dei diritti delle registrazioni vengono pagati al concessore di licenza che ha distribuito la musica (solitamente la casa discografica);
  • royalty di pubblicazione, ovvero il denaro spettante ai proprietari o agli autori di un brano o una composizione. In questo caso il pagamento viene eseguito agli editori, alle società di gestione e alle agenzie.

In altre parole, ogni volta che un utente Spotify riproduce un brano, a prescindere dal fatto che sia Premium o meno, i titolari dei diritti ricevono le royalty corrispondenti.

Quanto si guadagna con Spotify Playlist

I guadagni di Spotify rientrano nella media delle altre piattaforme di streaming musicale: mentre i grandi artisti possono vivere solo con questa piattaforma, gli emergenti dovranno appoggiarsi a diverse piattaforme soprattutto all’inizio della loro carriera.

Quanto si guadagna con Spotify? La piattaforma offre agli artisti il 70% dei guadagni per ogni ascolto, che equivalgono a 0,07€ per ogni riproduzione.

Contrariamente a quanto si potrebbe aver sentito dire, però, Spotify non paga le royalty agli artisti solo in base al numero di ascolti o riproduzioni del brano, in quanto il pagamento varia in funzione delle modalità di ascolto della musica e secondo gli accordi delle case discografiche.

Bisogna però specificare che i guadagni si calcolano sulla percentuale di ascolti che l’artista ottiene nella fetta complessiva del proprio Paese.

Guadagnare come etichetta discografica su Spotify

quanto guadagnare con spotify

Un metodo interessante per ottenere un miglior ranking e migliorare gli introiti è quello di guadagnare su Spotify pubblicando i brani come etichetta discografica.

L’ideale sarebbe affidarsi a degli aggregatori in grado di realizzare una sponsorizzazione più efficace per farti aumentare la visibilità, gli ascolti e quindi anche i guadagni.

revolut business

Come e quanto vengono pagati gli artisti: alcuni esempi

Il pagamento di Spotify viene erogato generalmente ogni mese ma non direttamente agli artisti: i soldi vengono dati alle etichette o case discografiche che si occuperanno in autonomia di versare agli artisti quanto dovuto.

Per fare alcuni esempi, riportiamo i guadagni Spotify di alcuni artisti italiani per avere un’idea di quanto si può ottenere dalla piattaforma (gli introiti vanno però svuotati di tasse, ritenute fiscali ed eventuali altre spese).

ArtistaTOT. ascoltatori mensiliTOTALE
Guè Pequeno2.500.000 ascoltatori5.000 euro al mese
Fabri Fibra500.000 ascoltatori3.000 euro al mese
Salmo500.0005.000 euro al mese
Sfera Ebbasta1.000.0008.000 euro al mese

Per guadagnare su Spotify serve la Partita Iva?

Non è sempre obbligatorio aprire la Partita Iva per guadagnare su Spotify, ma ci sono delle situazioni in cui occorre mettersi in regola per non incorrere in sanzioni. Facciamo alcuni esempi.

Un artista che si limita a percepire delle royalties senza svolgere altre attività correlate o continuative, non deve necessariamente aprire la partita Iva, ma deve dichiarare le royalty nella propria dichiarazione dei redditi nel quadro “redditi diversi”.

Questi redditi, inoltre, godono di una tassazione agevolata grazie a un abbattimento forfettario e una tassazione del 20% su un’imponibile ridotto del 75%.

Nel momento in cui l’artista inizia a svolgere attività di vendita di beni e servizi, oppure svolge l’attività in modo continuativo, diviene necessario aprire partita Iva.

soldo business

Strategie efficaci per guadagnare su Spotify nel 2024

Se hai intenzione di creare un account Artista e di iniziare a guadagnare con Spotify, potrebbero tornarti utili alcune strategie per implementare gli introiti e migliorare la visibilità delle tue playlist.

Come abbiamo visto, collaborare con distributori digitali per diffondere la tua musica su diverse piattaforme di streaming, è un metodo assolutamente efficace per migliorare la visibilità e crescere su Spotify. In questo modo, inoltre, riuscirai ad aumentare i tuoi followers e a promuovere la tua musica.

Per aumentare la tua base di fan puoi decidere di sponsorizzare la tua musica su altri canali social: per esempio Facebook o Instagram, in modo da attirare l’attenzione degli utenti che ti seguono su altri profili.

Infine, puoi pubblicare un maggior numero di contenuti sulla piattaforma per riuscire a ottenere maggiori guadagni da Spotify, senza però perdere qualità nelle pubblicazioni.

Guadagnare su Spotify – Domande frequenti

Come guadagnare soldi con Spotify?

Ci sono diversi modi per guadagnare su Spotify, le cui royalty si dividono in: royalty di registrazione e di pubblicazione. Altre fonti di guadagno con la piattaforma derivano da playlist, podcast, collaborazioni, ecc.

Quanto vieni pagato con Spotify?

Spotify offre agli artisti il 70% dei guadagni per ogni ascolto, che si traduce in 0,07€ per riproduzione. Per ritenere valida una riproduzione, però, il brano deve essere stato riprodotto per almeno 30 secondi.

Per guadagnare su Spotify serve la Partita Iva?

Se un soggetto pubblica la propria musica sulle piattaforme di streaming come Spotify, ma non esercita alcuna attività professionale, non è tenuto ad aprire Partita Iva; al contrario, nel momento in cui l’artista decide di vendere beni o servizi alla piattaforma o svolgere l’attività in modo continuativo, è necessario aprire la Partita Iva per essere in linea con le normative italiane.

Autore
Foto dell'autore

Laura Pellegrini

Giornalista e content editor

Dopo la Laurea in Comunicazione e Società, ho iniziato la carriera da freelance collaborando con diverse realtà editoriali. Ho scritto alcuni e-book sui bonus e ad oggi mi occupo della redazione di articoli di economia, risparmio e lavoro.

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.