Codice tributo 1552

  • Il codice tributo 1552 si riferisce al versamento dell’imposta di bollo sugli atti privati istituito dalla Risoluzione del 20/02/2020 n. 9 dell’Agenzia delle Entrate.
  • Per versare l’imposta si utilizza il modello F24 compilato nella sezione Erario.
  • L’Agenzia delle Entrate ha istituito anche altri codici tributo per effettuare il ravvedimento operoso e pagare le sanzioni ridotte e gli interessi in caso di irregolarità con il versamento.

Per registrare degli atti privati presso l’Agenzia delle Entrate è necessario pagare un’imposta di bollo. Per concludere la registrazione dell’atto, infatti, è necessario consegnare presso gli uffici la copia del modello F24 con cui è stata pagata l’imposta di registro liquidata dall’ufficio stesso, utilizzando il codice tributo 1552.

Questo pagamento si effettua con modello F24 compilandolo nella sezione Erario. Inoltre, nel caso in cui il contribuente abbia commesso un errore, è possibile correggere la propria posizione fiscale ricorrendo all’istituto del ravvedimento operoso. Tale istituto, previsto dalla legge, permette di pagare gli interessi e una sanzione in misura ridotta.

Codice tributo 1552: cos’è e a cosa si riferisce

Per la registrazione degli atti privati presso l’Agenzia delle Entrate è previsto il pagamento di alcune imposte. Stiamo parlando dell’imposta di registro e dell’imposta di bollo.

Secondo quanto stabilito dal comma 4 dal D.P.R. n. 642/1972, l’imposta di bollo si può versare in tre modalità:

  • in modo ordinario, con l’impiego dell’apposita carta filigranata e bollata;
  • in modo straordinario, mediante marche da bollo, visto per bollo o bollo a punzone;
  • in modo virtuale con pagamento dell’imposta all’ufficio del registro o ad altri uffici autorizzati senza materiale apposizione di bollo o di visto per bollo.

Tuttavia, a partire dal 2 marzo del 2020, sono state introdotte nuove modalità di versamento per gli atti privati. Infatti, oggi le imposte per i preliminari di compravendita e i contratti di comodato possono essere pagati tramite modello F24.

Specifichiamo che tale pagamento è previsto con il modello F24 ordinario e non del modello Elide (Elementi Identificativi) che invece viene utilizzato per le locazioni. Infatti, per questa tipologia di contratti di locazione o di affitto di beni immobili si utilizza il modello F24 Elide con i codici tributo da “1500” a “1506” che vedremo di seguito.

L’importo dell’imposta di registro di un contratto di comodato d’uso gratuito è di 200 euro. Inoltre, per la registrazione degli atti privati è previsto il pagamento dell’imposta di bollo di 16,00 euro ogni 4 facciate scritte o ogni 100 righe che vanno versate versate anche per le eventuali copie del contratto.

Per pagare correttamente le imposte dovute per la registrazione degli atti privati bisogna fare attenzione al corretto utilizzo dei codici tributo. Infatti, i codici da inserire nel modello F24 sono:

  • il codice tributo 1550 per pagare l’imposta di registro riferita all’anno di stipula del contratto: l’importo è pari a € 200;
  • il codice tributo 1552 per pagare l’imposta di bollo riferita all’anno di stipula del contratto: l’importo € 16,00 per ogni 4 facciate scritte e ogni 100 righe.
soldo business

Codice tributo 1552: compilazione modello F24

Per effettuare il pagamento dell’imposta di bollo con il codice tributo 1552 bisogna utilizzare il modello F24. I titolari di Partita Iva devono utilizzare il modello F24 in via telematica. I modi per disporre il pagamento sono i seguenti:

  • dall’Agenzia delle Entrate attraverso i servizi:
    • F24 web;
    • F24 online;
    • canali telematici Fisconline;
    • canali telematici Entratel;
  • con servizi di internet banking;
  • tramite intermediari finanziari abilitati.

Il modello deve essere compilato nella sezione Erario, in cui vanno inserite le seguenti informazioni:

  • codice tributo: indicare 1552;
  • rateazione/regione/prov/mese rif: da non compilare;
  • anno di riferimento: anno d’imposta di formazione dell’atto;
  • importi a debito versati: indicare l’importo a debito;
  • importi a credito compensati: da non compilare;
  • TOTALE A: la somma degli importi a debito indicati nella Sezione Erario;
  • TOTALE B: la somma degli importi a credito indicati nella Sezione Erario, da non compilare se non sono presenti importi a credito;
  • SALDO (A – B): indicare il saldo (TOTALE A – TOTALE B);
  • codice ufficio: da non compilare;
  • codice atto: da non compilare.

Mentre con il modello F23 era necessario indicare il codice ufficio, oggi con le nuove modalità di versamento delle imposte di registro il campo del “codice ufficio” non è più da compilare.

Modello F24

Atti privati: altri codici tributo

Per effettuare il versamento destinato alla registrazione degli atti privati, nel modello F24 possono essere riportati i seguenti codici tributo:

  • codice tributo 1550: “ATTI PRIVATI – Imposta di registro”;
  • codice tributo 1551: “ATTI PRIVATI – Sanzione pecuniaria imposta di registro – Ravvedimento”;
  • codice tributo 1552: “ATTI PRIVATI – Imposta di bollo”;
  • codice tributo 1553: “ATTI PRIVATI – Sanzione imposta di bollo – Ravvedimento”;
  • codice tributo 1554: “ATTI PRIVATI – Interessi”.
pleo business

Codice tributo 1552: ravvedimento operoso

In caso di omesso versamento dell’imposta di bollo dovuta, si applica una sanzione che va dal 100% al 500% dell’imposta dovuta.

Ma per correggere in autonomia l’errore, il soggetto può ricorrere all’istituto del ravvedimento operoso. Con questo è possibile pagare gli interessi e la sanzione in forma ridotta.

Il ravvedimento operoso di effettua sempre mediante modello F24 inserendo i seguenti codici tributo visti nell’elenco sopra.

Codice tributo 1552 – Domande frequenti

Quando usare il codice tributo 1552?

Il codice 1552 deve essere indicato nel modello F24 per effettuare i versamenti dell’imposta di bollo dovuta per la registrazione degli atti privati. Leggi la guida alla compilazione del modello F24.

A cosa si riferisce il codice tributo 1552?

L’imposta di bollo si applica alle fatture, sia cartacee che elettroniche, emesse senza addebito di IVA, note, conti e simili documenti. Il bollo si applica quando la fattura supera per un importo superiore a 77,47 euro.

A cosa si riferisce il codice tributo 1552?

Il codice tributo 1552 è denominato “ATTI PRIVATI – Imposta di bollo” e si riferisce al pagamento dell’imposta di bollo sugli atti privati da registrare presso l’Agenzia delle Entrate. Leggi come pagare l’imposta di bollo con il modello F24.

Fact-Checked
dottore commercialista giovanni emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 15 Gennaio 2023
Commercialista dal 🧗🏾‍♀️secondo millennio, innovatore professionale nel terzo millennio🏃🏾‍♂️. Il futuro della professione del commercialista nel mio ultimo libro "dalla società alla rete tra professionisti".

Lascia un commento

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.