Agenzia per il lavoro: cos’è e come funziona il contratto di somministrazione

Le aziende si rivolgono all’agenzia per il lavoro per semplificare la ricerca del personale e mantenere una flessibilità contrattuale. Leggi come funziona e come ricorrere ad un’agenzia per il lavoro.

revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.

Adv

Agenzia per il lavoro cos'è
  • Le agenzie per il lavoro sono società che si occupano della ricerca di lavoratori per conto delle aziende.
  • Le tipologie di agenzie per il lavoro sono: generalista, specialista, di intermediazione, di ricerca e selezione del personale, di supporto alla ricollocazione professionale.
  • Le aziende si rivolgono alle agenzie del lavoro spiegando qual è il tipo di lavoratore di cui hanno bisogno, e l’agenzia si occupa della selezione del personale.

Per trovare lavoro le possibilità sono principalmente due: rivolgersi all’azienda che ricerca personale o inoltrare la candidatura ad un’agenzia per il lavoro. Quest’ultima, infatti, è una società che si occupa della ricerca e selezione del personale per conto delle aziende che richiedono questo servizio.

Le aziende che hanno bisogno di personale, quindi si rivolgono alle agenzie per il lavoro che si occupano sia della raccolta dei curricula e sia dei colloqui. Esistono più tipologie di agenzie per il lavoro, anche dette interinali, e ognuna di esse svolge una precisa attività.

Nella guida vedremo quali sono le tipologie di agenzie per il lavoro, quali servizi offrono e in che modo le aziende possono accedere a questi servizi per la ricerca del personale.

Cos’è un’agenzia per il lavoro

Le agenzie per il lavoro sono società che operano nel mercato del lavoro e che forniscono servizi sia per i lavoratori che per le aziende.

Si occupano della ricerca e selezione della manodopera attraverso la raccolta dei curricula e delle disponibilità dei candidati, da inoltrare alle aziende che richiedono il servizio.

Anche note come agenzie di somministrazione del lavoro, o agenzie interinali, queste società sono regolamentate dalla legge. Solamente le società che sono regolarmente autorizzate dall’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive possono svolgere l’attività di somministrazione del lavoro.

L’obiettivo di queste agenzie per il lavoro è quello di mediare tra domanda e offerta, tra candidati e aziende, in modo da individuare la giusta risorsa per il ruolo richiesto dall’azienda.

Questo tipo di agenzia è privata e deve essere iscritta all’albo informatico delle agenzie per il lavoro ed essere in possesso dell’autorizzazione per operare.

Vi sono, tuttavia, anche le agenzie pubbliche, note come Centri per l’Impiego, in passato chiamati Uffici di Collocamento. Si tratta di servizi offerti dalla provincia, a cui i candidati si rivolgono per trovare un’occupazione nella propria area di residenza.

agenzia per il lavoro come funziona
tot business

Tipologie di agenzie per il lavoro

Esistono più tipologie di agenzie per il lavoro, e sono:

  • agenzie di somministrazione di tipo generalista: svolgono attività di intermediazione, ricerca e selezione del personale e supporto alla ricollocazione professionale;
  • agenzie di somministrazione di tipo specialista: si occupano della somministrazione di lavoratori solamente a tempo indeterminato;
  • agenzie di intermediazione: svolgono attività di mediazione tra domanda e offerta di lavoro;
  • agenzie di ricerca e selezione del personale: svolgono un’attività di consulenza per la raccolta delle candidature per conto del committente per la ricerca di una specifica figura professionale;
  • agenzie di supporto alla ricollocazione professionale: svolgono attività finalizzata alla ricollocazione nel mercato del lavoro dei lavoratori che hanno perso l’impiego o che devono inserirsi in un dato settore lavorativo.

Quali servizi offre l’agenzia per il lavoro

Come abbiamo visto, le agenzie per il lavoro fungono da intermediari tra aziende e candidati. Il processo di intermediazione è articolato nei seguenti passaggi:

  1. l’azienda contatta l’agenzia per il lavoro per assegnare l’incarico di ricerca dei candidati per ricoprire una determinata posizione;
  2. l’agenzia per il lavoro effettua una ricerca dei potenziali candidati idonei attingendo al proprio database, oppure pubblicando annunci su siti dedicati;
  3. individuato un certo numero di potenziali candidati, l’agenzia li propone in forma anonima all’azienda, che effettua una prima selezione dei profili esaminati;
  4. l’agenzia ricontatta i candidati scelti dall’azienda per effettuare un colloquio preliminare. Se questo va a buon fine, i candidati accederanno allo step successivo di selezione incontrando i rappresentanti dell’azienda, effettuando uno o più colloqui;
  5. superati i colloqui, l’azienda sceglie qual è la risorsa più idonea per iniziare a lavorare, proponendo un contratto diretto o di somministrazione.

Come funziona il contratto di somministrazione

Il contratto di somministrazione è una tipologia di contratto lavorativo che prevede che i candidati lavorino all’interno dell’azienda, ma sulla base di un contratto stipulato con l’agenzia per il lavoro.

Questo tipo di contratto, infatti, coinvolge tre soggetti:

  • l’agenzia autorizzata (anche detta somministratore), iscritta in un apposito albo informatico, tenuto presso l’Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro (ANPAL);
  • il soggetto (anche detto utilizzatore), che si rivolge al somministratore per la ricerca personale;
  • uno o più lavoratori (anche detti somministrati o in somministrazione), con cui si stipula il contratto e che vengono assunti dal somministratore per lavorare presso l’utilizzatore.

Il contratto può essere a tempo indeterminato o a tempo determinato. Questi contratti, inoltre, stabiliscono le responsabilità dei soggetti, e una particolare ripartizione dei poteri e degli obblighi tra i soggetti coinvolti:

  • il potere organizzativo e direttivo nei confronti del lavoratore è esercitato dall’utilizzatore;
  • il potere disciplinare è esercitato dal somministratore;
  • gli obblighi informativi e l’addestramento del lavoratore, per quanto riguarda il tema di rischi per la sicurezza e la salute, sono esercitati dal somministratore;
  • la retribuzione viene versata direttamente dal somministratore e rimborsata dall’utilizzatore;
  • gli oneri contributivi, previdenziali, assicurativi e assistenziali sono a carico del somministratore;
  • l’azienda è obbligata a corrispondere al somministratore i trattamenti retributivi e a versare i relativi contributi previdenziali, fatta eccezione del diritto di rivalsa verso il somministratore;
  • la responsabilità per danni arrecati a terzi da parte dei lavoratori nello svolgimento della prestazione lavorativa è dell’utilizzatore.
agenzia per il lavoro e azienda
hype business

Agenzia per il lavoro e azienda

Le agenzie per il lavoro, per poter operare, devono instaurare un rapporto tra tre parti: l’agenzia per il lavoro, il lavoratore e la società utilizzatrice.

Il rapporto che si istaura tra il lavoratore interinale e l’agenzia per il lavoro è un ordinario rapporto di lavoro subordinato.

Per rivolgersi ad un’agenzia per il lavoro, l’azienda deve sottoscrivere un contratto di somministrazione. Questo è un tipo di contratto commerciale, in cui vengono stabiliti i termini, economici e normativi, che regolano le prestazioni del lavoratore svolte a favore dell’azienda.

L’azienda, quindi, paga l’agenzia per il lavoro per la ricerca del lavoro. Inoltre, tale contratto prevede l’invio di manodopera, e il pagamento da parte dell’azienda utilizzatrice del personale. Tale costo dei lavoratori interinali è stabilito nel contratto di somministrazione.

Lo stipendio del lavoratore, tuttavia, è pagato dall’agenzia per il lavoro, che rappresenta il vero datore di lavoro. In media, i corrispettivi delle agenzie per il lavoro vanno dall’8% al 10% del costo orario del lavoro.

Perché le aziende ricorrono all’agenzia per il lavoro

Lo svantaggio delle agenzie interinali per le aziende è principalmente quello di dover pagare il lavoratore una cifra maggiore, che comprende il costo per il servizio di somministrazione.

Tuttavia, le aziende ricorrono all’agenzia per il lavoro per diversi motivi. Il primo è quello di semplificare la ricerca del personale.

Secondariamente, il vantaggio offerto da questo tipo di collaborazione è una maggiore flessibilità contrattuale offerta dal contratto di somministrazione.

In più, le agenzie di somministrazione permettono alle aziende di esternalizzare il processo di reclutamento e offre una maggiore certezza dei costi da sostenere.

Agenzia per il lavoro – Domande frequenti

Cosa si intende per agenzia per il lavoro?

Le agenzie per il lavoro sono società che fungono da mediatrici tra le aziende e i candidati. Si occupano della ricerca e selezione del personale per conto dell’azienda utilizzatrice. Leggi quante tipologie di agenzie per il lavoro esistono.

Quanto costa un’agenzia per il lavoro?

In genere il range di costo dell’agenzia del lavoro va dall’8% e arriva fino al 18% del costo orario del lavoro. Ecco come funziona l’agenzia per il lavoro.

Perché conviene assumere tramite agenzia interinale?

Pur comportando un costo maggiore per le aziende, assumere personale tramite agenzia per il lavoro offre maggiore flessibilità, perché il vero datore di lavoro è la stessa agenzia e non l’azienda utilizzatrice.

Autore
Foto dell'autore

Ilenia Albanese

Esperta di finanza personale e lavoro digitale

Copywriter specializzata nel settore della finanza personale, con esperienza pluriennale nella creazione di contenuti per aiutare i consumatori e i risparmiatori a gestire le proprie finanze.
Fact-Checked
dottore commercialista giovanni emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 16 Aprile 2023
Commercialista dal 🧗🏾‍♀️secondo millennio, innovatore professionale nel terzo millennio🏃🏾‍♂️. Il futuro della professione del commercialista nel mio ultimo libro "dalla società alla rete tra professionisti".

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.