Doppio lavoro con partita IVA (artigiano e consulente): si può fare?

Foto dell'autore

Giovanni Emmi

Dottore Commercialista

Buongiorno, sono un autonomo con partita iva e lavoro come consulente informatico nel settore del gioco online. Nel mio comune di residenza (Trieste) hanno aperto la possibilità di condividere la licenza taxi. Vorrei sapere se è possibile fare entrambe i lavori e se si quali sarebbero gli obblighi fiscali. Grazie.

Buonasera, in linea di principio è possibile svolgere più attività con la stessa partita iva. Tuttavia il tassista è un artigiano e l’attività dovrebbe essere prevalente rispetto a quella di consulente informatico.

In questi casi sarebbe anche opportuno vedere cosa prevede il regolamento per le licenze taxi nel comune di Trieste in merito alla eventuale esclusività del rapporto che le imporrebbe di fare una scelta tra le due attività.

Si segnala anche l’obbligo di doppia contribuzione da consulente e da artigiano ai fini INPS.

NOTA: la presente non rappresenta un'attività di consulenza ma semplicemente la risposta a un quesito posto sul sito partitaiva.it alla quale rispondiamo gratuitamente ai lettori, tramite il nostro coordinamento scientifico formato da un team di commercialisti e consulenti del lavoro.

Hai una domanda simile a questa?

Chiedi consulenza ai nostri esperti

Fai la domanda

Gratis

Ottieni la risposta

Via email

Approfondisci

Consulenza con esperti

Autore
Foto dell'autore

Giovanni Emmi

Dottore Commercialista

Commercialista dal 🧗🏾‍♀️secondo millennio, innovatore professionale nel terzo millennio🏃🏾‍♂️. Il futuro della professione del commercialista nel mio ultimo libro "dalla società alla rete tra professionisti".

Lascia un commento