Investimenti Sostenibili 4.0 per le imprese del sud: come funziona e come accedere

A partire dal 18 ottobre 2023 sarà possibile inviare la domanda per partecipare al bando per le agevolazioni di Investimenti Sostenibili 4.0 per le imprese del sud. Ecco tutte le informazioni sul bando.

di Ilenia Albanese

Revisione a cura di Giovanni EmmiDottore CommercialistaSu PartitaIva.it ci impegniamo al massimo per garantire informazioni accurate. Gli articoli vengono costantemente revisionati da professionisti del settore.

Adv

investimenti sostenibili 4.0 per le imprese del sud
  • A partire dal 18 ottobre 2023 si potranno inviare le domande per accedere ai contributi per progetti in innovazione e sostenibilità.
  • Novità sugli Investimenti Sostenibili 4.0 per le imprese del sud sono contenute nel decreto direttoriale 29 agosto 2023.
  • Il decreto direttoriale 29 agosto 2023 stabilisce i termini per la presentazione delle domande di ammissione alle agevolazioni previste dal decreto ministeriale 15 maggio 2023, “Investimenti Sostenibili 4.0 PN RIC 2021-2027”.

Novità in arrivo sugli Investimenti Sostenibili 4.0 per le imprese del sud. Infatti, il Ministero delle Imprese e del Made in Italy ha fatto sapere che con il decreto direttoriale del 29 agosto 2023 che sono stati stabiliti i termini e le modalità di presentazione delle domande.

L’agevolazione è riservata alle piccole e medie imprese del Mezzogiorno e conferma il precedente bando. L’obiettivo è quello di attuare gli obiettivi di sviluppo perseguiti nell’ambito del Programma Nazionale “Ricerca, Innovazione e Competitività per la transizione verde e digitale” FESR 2021-2027.

Il progetto, quindi, punta a favorire programmi di investimento sostenibili e digitali previsti dal piano Transizione 4.0 e nel rispetto degli obiettivi di sostenibilità definiti dall’Unione Europea. Ma vediamo quali sono le novità apportate dal decreto direttoriale e le modalità per fare domanda.

Investimenti Sostenibili 4.0 per le imprese del sud: cos’è

Investimenti Sostenibili 4.0 è una misura prevista per le imprese, piccole o medie, del Sud Italia, che intendono effettuare investimenti sul piano digitale e sostenibile.

Il bando è riservato alle PMI delle regioni di:

  • Basilicata;
  • Calabria;
  • Campania;
  • Molise;
  • Puglia;
  • Sicilia;
  • Sardegna.
mimit investimenti sostenibili 4.0 per le imprese del sud

L’incentivazione agli investimenti imprenditoriali innovativi e sostenibili con ricorso alle tecnologie digitali consiste in un finanziamento agevolato fino al 75% delle spese ammissibili.

Tale misura prevede la concessione e l’erogazione di agevolazioni sugli investimenti effettuati dalle aziende che rispettano i requisiti stabiliti dal bando.

I programmi di investimento proposti dalle piccole e medie imprese del Mezzogiorno devono essere conformi ai principi di tutela ambientale e ad elevato contenuto tecnologico, coerenti con il piano Transizione 4.0 e in linea con gli obiettivi di sostenibilità definiti dall’Unione Europea.

Il tutto sono stati stanziati 400 milioni di euro per finanziare il bando. In più, il 25% della dotazione finanziaria complessiva è destinata ai programmi proposti dalle micro e piccole imprese.

Investimenti Sostenibili 4.0: chi può fare domanda

Come abbiamo anticipato, l’agevolazione Investimenti Sostenibili 4.0 per le imprese del sud è destinato alle PMI del Mezzogiorno. Tuttavia, dette PMI devono:

  • essere regolarmente costituite, iscritte e risultare attive nel Registro delle imprese della Camera di Commercio;
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali;
  • non essere già in difficoltà al 31 dicembre 2019, ad eccezione delle deroghe previste per le microimprese e piccole imprese dalla disciplina in materia di aiuti di riferimento;
  • aver adottato il regime di contabilità ordinaria e disporre di almeno due bilanci approvati e depositati presso il Registro delle Imprese ovvero aver presentato, nel caso di imprese individuali e società di persone, almeno due dichiarazioni dei redditi;
  • essere in regola con le disposizioni vigenti in materia di normativa edilizia e urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente, ed essere in regola in relazione agli obblighi contributivi;
  • aver restituito somme dovute in caso di provvedimenti di revoca di agevolazioni concesse dal Ministero;
  • non aver effettuato, nei due anni precedenti la presentazione della domanda, una delocalizzazione verso l’unità produttiva oggetto dell’investimento;
  • non trovarsi in una delle situazioni di esclusione previste dall’art. 5, comma 2, del DM 15 maggio 2023.

Sono ammesse al bando le attività manifatturiere, fatta eccezione per le attività che sono connesse a specifici settori caratterizzati da limitazioni derivanti dalle disposizioni europee di riferimento.

Sono, inoltre, escluse le PMI che propongono programmi di investimento che arrecano un danno significativo agli obiettivi ambientali definiti a livello europeo, non garantendo il rispetto del principio “DNSH” (Do No Significant Harm).

Investimenti Sostenibili 4.0: i programmi di investimento

Il bando è molto chiaro su come devono essere i piani di investimento a cui sono riservate le agevolazioni. Questi, infatti, devono:

  • prevedere l’utilizzo delle tecnologie abilitanti previste dal piano Transizione 4.0. e l’ammontare delle spese deve risultare preponderante rispetto al totale dei costi ammissibili del programma;
  • essere diretti all’ampliamento della capacità alla diversificazione della produzione, in modo da ottenere prodotti mai fabbricati in precedenza, o al cambiamento fondamentale del processo di produzione di un’unità produttiva esistente, oppure ancora alla realizzazione di una nuova unità produttiva;
  • essere realizzati presso un’unità produttiva che si trova nei territori delle Regioni meno sviluppate del Mezzogiorno, ossia nelle regioni di Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna;
  • prevedere spese ammissibili non inferiori a euro 750.000,00, e non superiori a euro 5.000.000,00 e al 70% del fatturato dell’ultimo bilancio approvato e depositato, o, nel caso di imprese individuali e società di persone, dell’ultima dichiarazione dei redditi;
  • i lavori devono essere avviati dopo la presentazione della domanda;
  • prevedere un termine di ultimazione non oltre i diciotto mesi dalla data di adozione del provvedimento di concessione delle agevolazioni.
investimenti sostenibili 4.0 per le imprese del sud domanda

Tuttavia, sono anche previsti specifici criteri di valutazione per i programmi di investimento caratterizzati da un particolare contenuto di sostenibilità. A questi sono riservati, inoltre, punteggi aggiuntivi nell’ambito dell’attività di valutazione dell’istanza prevista per l’accesso alle agevolazioni.

Lo stesso vale anche per i progetti che contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici e per le PMI che hanno aderito ad un sistema di gestione ambientale o di efficienza energetica, o ancora alle imprese in possesso di una certificazione ambientale di prodotto.

Quali sono le spese ammissibili

Come abbiamo visto, il bando prevede un finanziamento agevolato fino al 75% delle spese ammissibili. Tali spese sono quelle spese considerate funzionali alla realizzazione dei programmi di investimento relative all’acquisto di nuove immobilizzazioni materiali e immateriali. Queste possono riguardare:

  • macchinari, impianti e attrezzature;
  • opere murarie, nei limiti del 40% del totale dei costi ammissibili;
  • programmi informatici e licenze correlati all’utilizzo dei beni materiali;
  • acquisizione di certificazioni ambientali.

Sono, inoltre, ammesse le seguenti spese:

  • per i servizi avanzati di consulenza specialistica relativi all’applicazione di una o più delle tecnologie abilitanti nei limiti del 5% dell’importo delle spese ammissibili;
  • per i servizi di consulenza diretti alla definizione della diagnosi energetica relativa all’unità produttiva oggetto misure di efficientamento energetico nei limiti del 3% dell’importo complessivo delle spese ammissibili.

Come funzionano le agevolazioni di Investimenti Sostenibili 4.0

investimenti sostenibili 4.0 per le imprese del sud spese ammissibili

Le agevolazioni del bando sono concesse nella forma del contributo in conto impianti e del finanziamento agevolato. Andranno a coprire una percentuale nominale massima delle spese ammissibili pari al 75 per cento.

Inoltre, il bando stabilisce che:

  • per le imprese di micro e piccola dimensione, l’agevolazione è pari al 50% dell’ammontare complessivo delle spese ammissibili in forma di contributo in conto impianti, e per il 25% delle medesime spese in forma di finanziamento agevolato;
  • per le imprese di media dimensione, l’agevolazione è per il 40% dell’ammontare complessivo delle spese ammissibili in forma di contributo in conto impianti e per il 35% delle medesime spese in forma di finanziamento agevolato.

Come accedere all’incentivo

Per presentare la domanda, il decreto direttoriale del 29 agosto 2023 definisce le modalità e i termini di presentazione delle istanze.

Le fasi per la presentazione della domanda sono due:

  • compilazione della domanda, a partire dalle ore 10.00 del 20 settembre 2023;
  • invio della domanda di accesso alle agevolazioni, a partire dalle ore 10.00 del 18 ottobre 2023.

Di conseguenza, a partire dal 18 ottobre 2023 sarà possibile inviare la domanda, tramite il sito di Invitalia. Ogni impresa può presentare una sola domanda di agevolazione. Tuttavia, è consentito presentarne una nuova domanda in caso di rigetto dell’istanza in esito all’istruttoria.

Le domande di agevolazione pervenute sono ammesse alla fase istruttoria sono analizzate in ordine cronologico giornaliero di presentazione. Le domande presentate nello stesso giorno sono, quindi, considerate come inviate nello stesso momento, indipendentemente dall’ora e dal minuto di presentazione.

Nel caso in cui le risorse residue disponibili siano terminate e rendano impossibile accettare ulteriori domande presentate nello stesso giorno, le domande sono ammesse all’istruttoria in base alla posizione assunta nell’ambito di una specifica graduatoria.

La procedura informatica prevede l’identificazione e l’autenticazione dell’impresa attraverso SPID o Carta nazionale dei servizi, oppure con Carta di Identità Elettronica.

Possono presentare la domanda i rappresentanti legali dell’impresa, che deve coincidere con il nome iscritto nel certificato camerale. È, tuttavia, consentito conferire ad altri soggetti il potere di rappresentanza per la presentazione delle domande mediante delega.

Investimenti Sostenibili 4.0 – Domande frequenti

Come funzionano gli Investimenti Sostenibili 4.0 per le imprese del sud?

Gli Investimenti Sostenibili 4.0 per le imprese del sud sono riservati alle PMI del Mezzogiorno che effettuano un piano di investimenti che prevede l’utilizzo delle tecnologie abilitanti secondo il piano Transizione 4.0. Scopri qui di cosa si tratta.

Quando presentare la domanda per gli Investimenti Sostenibili 4.0?

I rappresentanti legali delle PMI del Mezzogiorno possono presentare domanda a partire dal 18 ottobre del 2023, dalle 10.00.

A chi sono rivolti gli Investimenti Sostenibili 4.0?

Le agevolazioni sugli Investimenti Sostenibili 4.0 sono riservate alle piccole e medie imprese con sede nelle regioni di Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna che rispettano i requisiti previsti dal bando.

Autore
Foto dell'autore

Ilenia Albanese

Esperta di finanza personale e lavoro digitale

Copywriter specializzata nel settore della finanza personale, con esperienza pluriennale nella creazione di contenuti per aiutare i consumatori e i risparmiatori a gestire le proprie finanze.
Fact-Checked
Avatar di Giovanni Emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 20 Maggio 2024
Commercialista dal 🧗🏾‍♀️secondo millennio, innovatore professionale nel terzo millennio🏃🏾‍♂️. Il futuro della professione del commercialista nel mio ultimo libro "dalla società alla rete tra professionisti".

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.