Codice tributo 1501

  • Il codice tributo 1501 si riferisce al versamento del tributo “Locazione e affitto di beni immobili imposta di registro per annualità successive”.
  • Il contribuente versa il tributo con il Modello F24 Versamenti con elementi identificativi nella sezione “Erario ed Altro”.
  • In caso di pagamento in ritardo o omesso versamento, il contribuente può correggere la sua posizione fiscale con l’istituto del ravvedimento operoso.

I contratti di locazione comportano una serie di adempimenti come quelli relativi alla registrazione e quelli per le annualità successive. Tra gli adempimenti obbligatori c’è anche il pagamento dell’imposta di registro per le annualità successive alla prima, che si versa con il codice tributo 1501.

Il codice tributo 1501 si utilizza compilando il modello F24 “Versamenti con elementi identificativi“, o “Elide”, nella sezione Erario ed Altro.

In caso di mancato pagamento, il contribuente può versare quanto dovuto, la sanzione ridotta e gli interessi con il ravvedimento operoso, per correggere la posizione fiscale.

Ma vediamo nel dettaglio in che modo e quando si versa il contributo 1501, quali sono gli altri codici tributo relativi alla locazione e all’affitto di beni immobili e come funziona il ravvedimento operoso.

Codice tributo 1501: cos’è e a cosa fa riferimento

Ogni anno è necessario pagare l’imposta di registro sui contratti pluriennali di locazione, entro 30 giorni dallo scadere dell’annualità.

Per versare l’imposta si utilizza il modello F24 Elide inserendo il codice tributo 1501: “Imposta di registro per annualità successive”.

Secondo la normativa vigente, infatti, ogni contratto di locazione che ha per oggetto beni immobili deve essere registrato, indipendentemente dall’entità del canone stabilito tra locatore e conduttore.

La registrazione del contratto comporta il pagamento dell’imposta di registro, che svolge due funzioni:

  • rappresenta un’entrata fiscale;
  • remunera lo Stato per il servizio che offre al cittadino che conserva traccia degli atti registrati, conferendo una certezza giuridica.

Nella stipula del contratto di locazione pluriennale, l’imposta di registro può essere pagata in un’unica soluzione al momento della registrazione, oppure di anno in anno. Ed è in questo secondo caso che il contribuente deve provvedere spontaneamente al pagamento entro i trenta giorni successivi alla scadenza della precedente annualità.

nordvpn

Codice tributo 1501: compilazione modello F24

Il codice tributo 1501 deve essere versato con il modello F24 Elide, in modalità telematica per i titolari di Partita Iva.

Le modalità per versare i tributi con il modello F24 elide sono:

  • recandosi di persona alle Poste;
  • recandosi nelle banche convenzionate e abilitate alla pratica;
  • presentandosi agli sportelli degli agenti di riscossione;
  • usufruendo del servizio telematico disponibile per privati cittadini e per possessori di partita IVA.

Il modello F24 “Versamenti con elementi identificativi” deve essere compilato nella sezione Erario ed Altro nei seguenti campi:

  • codice ufficio: da non compilare;
  • codice atto: da non compilare;
  • tipo: indicare il tipo di identificativo Registro;
  • elementi identificativi: indicare il codice identificativo del contratto;
  • codice: 1501;
  • anno di riferimento: anno per cui si effettua il versamento;
  • importi a debito versati: indicare l’importo a debito;
  • saldo finale: indicare la somma di tutti gli importi a debito.

Modello F24 Elide

Il Modello F24 Elide è un documento utile per versare i tributi particolari che non si possono versare con il classico modello F24 ordinario.

Il nome di questo modello sta per “elementi identificativi” ed è un modello che i contribuenti utilizzano per provvedere al versamento dei tributi all’amministrazione fiscale. Non si utilizza per qualsiasi tributo, infatti non si utilizza per effettuare la compensazione tramite crediti.

Con il modello F24 Elide si possono versare diversi tributi, tra cui:

  • sanzioni e interessi relativi alla registrazione di contratti di affitto o locazione di abitazioni, l’imposta di registro, tributi speciali, compensi, imposta di bollo;
  • versamenti relativi a imposte ipotecarie, tributi catastali speciali con anche i relativi accessori, sanzioni amministrative e altri pagamenti verso uffici provinciali e del territorio relativi al rilascio di certificati e altra documentazione, come per esempio le riproduzioni cartografiche, ma anche per presentare a tali presidi atti catastali;
  • l’addizionale erariale alla tassa automobilistica;
  • le multe dell’AGCM;
  • l’Iva per l’immatricolazione delle vetture acquistate nel mercato UE;
  • tasse su marchi e diritti di brevetti.

Il modello F24 Elide è diviso in diverse sezioni:

  • sezione Erario: per versamenti Iva, Irpef, Ires, ritenute e tasse erariali;
  • sezione Regioni: dedicata all’Irap e all’addizionale regionale all’Irpef;
  • sezione Imu e altri tributi locali: riservata alle imposte comunali.

Locazione e affitti beni immobili: altri codici tributo

Gli altri codici tributo legati alla locazione e affitti di beni immobili sono i seguenti:

  • codice tributo 1500: locazione e affitto di beni immobili – Imposta di Registro per prima registrazione;
  • codice tributo 1501: locazione e affitto di beni immobili – Imposta di Registro per annualità successive;
  • codice tributo 1502: locazione e affitto di beni immobili – Imposta di Registro per cessioni del contratto;
  • codice tributo 1503: locazione e affitto di beni immobili – Imposta di Registro per risoluzioni del contratto;
  • codice tributo 1504: locazione e affitto di beni immobili – Imposta di Registro per proroghe del contratto;
  • codice tributo 1505: locazione e affitto di beni immobili – Imposta di Bollo;
  • codice tributo 1506: locazione e affitto di beni immobili – Tributi speciali e compensi;
  • codice tributo 1507: locazione e affitto di beni immobili – Sanzioni da ravvedimento per tardiva prima registrazione;
  • codice tributo 1508: locazione e affitto di beni immobili – Interessi da ravvedimento per tardiva prima registrazione;
  • codice tributo 1509: locazione e affitto di beni immobili – Sanzioni da ravvedimento per tardivo versamento di annualità e adempimenti successivi;
  • codice tributo 1510: locazione e affitto di beni immobili – Interessi da ravvedimento per tardivo versamento di annualità e adempimenti successivi.
hype business

Codice tributo 1501: ravvedimento operoso

L’imposta di registrazione deve essere versata entro il trentesimo giorno dalla data di scadenza annuale. Secondo quanto stabilito dall’articolo 17, comma 1-bis del DPR n. 131/86, l’omesso versamento dell’imposta di registro dovuta sul rinnovo, sulla risoluzione del contratto di locazione, comporta una sanzione del 30% dell’imposta non versata.

Tuttavia, con l’istituto del ravvedimento operoso il contribuente può correggere la sua posizione fiscale, pagando gli interessi e una sanzione ridotta in caso di omesso pagamento.

La sanzione ammonta a:

  • 0,1% (1/5 di 1/10 del 15%, per ogni giorno), dal 1° al 14° giorno di ritardo;
  • 1,50% (1/10 del 15%) dal 15° al 30° giorno di ritardo;
  • 1,67% (1/9 del 15%) dal 31° al 90° giorno di ritardo;
  • 3,75% (1/8 del 30%) oltre il 90° giorno ed entro un anno di ritardo;
  • 4,29% ( 1/7 del 30%) se il ritardo supera un anno ma non i due anni di ritardo;
  • 5% (1/6) se il ritardo supera i 2 anni di ritardo.

Per effettuare il ravvedimento operoso e pagare l’imposta, la sanzione e gli interessi, il contribuente deve inserire nel modello F24 Elide i seguenti codici tributo:

  • codice tributo 1501: locazione e affitto di beni immobili – Imposta di Registro per annualità successive;
  • codice tributo 1506: locazione e affitto di beni immobili – Tributi speciali e compensi;
  • codice tributo 1507: locazione e affitto di beni immobili – Sanzioni da ravvedimento per tardiva prima registrazione.

Codice tributo 1501 – Domande frequenti

Quando si usa il codice 1501?

Il codice 1501 si utilizza per versare l’imposta di registro per annualità successive alla prima entro 30 giorni dallo scadere dell’annualità.

Come pagare codice tributo 1501?

Il versamento si effettua con il modello F24 Elide inserendo le informazioni richieste, tra cui l’importo, il codice identificativo del contratto, l’anno di riferimento, il tipo di contatto e il codice tributo 1501.

Come si ravvede il codice tributo 1501?

In caso di omesso pagamento, codice tributo 1501 si ravvede con il modello F24 Elide aggiungendo la sanzione ridotta e gli interessi con i codici tributo 1506 e 1507. Leggi la guida per calcolare l’ammontare della sanzione.

Fact-Checked
dottore commercialista giovanni emmi
Giovanni Emmi
Dottore Commercialista
Revisione al 3 Dicembre 2022
Commercialista dal 🧗🏾‍♀️secondo millennio, innovatore professionale nel terzo millennio🏃🏾‍♂️. Il futuro della professione del commercialista nel mio ultimo libro "dalla società alla rete tra professionisti".

24 risposte a “Codice tributo 1501”

  1. Avatar Silvia Bosco
    Silvia Bosco

    Ma per il ravvedimento del codice 1501 non si devono usare, per sanzione e interessi, rispettivamente i codici tributo 1509 e 1510?
    Grazie per l’attenzione.

    1. Avatar Redazione Professionale
      Redazione Professionale

      Buonasera,
      confermiamo che si devono utilizzare i codici tributo 1509 e 1510.

      Grazie per averci scritto

      1. Avatar Teresa
        Teresa

        Come si calcola il ravvedimento operoso con codici 1509 e 1510?
        Io ad esempio devo pagare 144 euro
        Come faccio a calcolare la sanzione e gli interessi?

        1. Avatar Redazione Professionale
          Redazione Professionale

          Buongiorno,
          può utilizzare il software gratuito sul sito della agenzia delle entrate oppure, il nostro calcolatore nell’area dedicata del sito partitaiva.it, valido per altri codici tributo.

          Grazie per averci scritto

  2. Avatar Sandra
    Sandra

    Buongiorno, entro febbraio 2023 (contratto locazione immobile commerciale di 6 anni scadenza 31/01/2023 con tacito rinnovo) dovrò versare l’imposta di bollo per l’anno 2022, essendo però a scadenza il contratto dovrò anche pagare il rinnovo (codice tributo 1504 pari al 2% del canone annuo) oppure devo pagare solo il rinnovo?

    1. Avatar Redazione Professionale
      Redazione Professionale

      Buonasera,
      mi dispiace ma non riusciamo a comprendere la richiesta.

      Grazie per averci scritto

  3. Avatar Raffaele
    Raffaele

    Buongiorno, dovrei versare – tramite F24 – l’imposta di registro del 2% per prima registrazione di un contratto di locazione. Disponendo di un credito d’imposta IRPEF scaturente dalla mia dichiarazione dei redditi, posso utilizzare il predetto credito a compensazione dell’importo dovuto a titolo di registrazione della locazione?
    Attendo, grazie

    1. Avatar Redazione Professionale
      Redazione Professionale

      Buonasera,
      con il modello Elide non è possibile compensare i crediti tributari.
      Grazie per averci scritto

      1. Avatar Raffaele
        Raffaele

        Scusate..non parlo di utilizzare il modello “elide”, ma semplicemente di versare l’imposta di registro dovuta cod. 1500 a mezzo F24 ordinario, effettuando la compensazione con il credito IRPEF di cui dispongo a mezzo cod. 4001.
        Attendo risp. grazie

        1. Avatar Redazione Professionale
          Redazione Professionale

          Buongiorno,
          il codice tributo 1500 passa dal modello ELIDE, il modello F24 ELIDE non prevede la possibilità di fare compensazioni. Grazie per averci scritto.

  4. Avatar Raffaele
    Raffaele

    ah..ok..grazie

  5. Avatar Enrico
    Enrico

    Buongiorno, ho pagato erroneamente un F24 elide codice 1501 (per annualita successive) , ma il contratto è a scadenza ( verrà rinnovato altri sei anni) , e quindi avrei dovuto pagare un codice 1504.
    Come posso fare per sistemare l’errore di pagamento?
    Grazie

    1. Avatar Redazione Professionale
      Redazione Professionale

      Buongiorno,
      per rettificare i modelli F24 con codice tributo errato può provare dal servizio CIVIS della agenzia delle entrate, attivabile collegandosi a fisconline con SPID o rivolgendosi a un commercialista.

      Grazie per averci scritto

  6. Avatar stefano
    stefano

    Buonasera, come si calcolano gli interessi da pagare con codice 1510? Qual’è la percentuale da applicare?

    1. Avatar Redazione Professionale
      Redazione Professionale

      Buonasera,
      gli interessi da pagare sono gli interessi legali. Per il calcolo degli interessi legali può utilizzare il tool sul nostro sito https://www.partitaiva.it/calcolo-interessi-legali/.

      Grazie per averci scritto

  7. Avatar Gerry
    Gerry

    Buonasera,
    Complimenti per l’articolo estremamente ben dettagliato. Ho pagato l’imposta di registro con un ritardo superiore ai 90 gg. ma entro l’anno. Il mio commercialista ha inserito il ravvedimento insieme al tributo dovuto tutto con codice 1501, quindi senza distinzione tra tributo e sanzione. Ma è corretto? In più volevo chiedere, oltre al 3,75% è previsto un’ulteriore sanzione? Perché comunque il totale (tributo+sanzione 3,75%) non mi quadra anche se di poco.
    Ringrazio e porgo cordiali saluti..

    1. Avatar Redazione Professionale
      Redazione Professionale

      Buongiorno,
      il codice tributo delle sanzioni è 1509 e degli interessi 1510, entro l’anno la sanzione è pari al 3,75%.

      Grazie per averci scritto

      1. Avatar Gerry
        Gerry

        Grazie per la risposta.
        Sull’f24 ho tutto l’importo in un’unica voce con codice tributo 1501, il commercialista mi ha detto che è inclusa la sanzione. Va bene uguale anche se è tutto in un’unica voce?

        1. Avatar Redazione Professionale
          Redazione Professionale

          Buongiorno,
          la risposta non cambia rispetto a quanto scritto, siamo certi che il suo commercialista ha la situazione sotto controllo.

          Grazie per averci scritto

  8. Avatar Geronimo
    Geronimo

    Buonasera,
    Complimenti per l’articolo.
    Dovrei pagare una sanzione per ritardato pagamento 1501. Ho notato che il mio commercialista ha inserito tale sanzione direttamente nel totale del tributo 1501, senza inserire altri codici. E corretto? Inoltre vorrei chiedere se oltre al 3,75% di sanzione per ritardo oltre 90 gg. e entro l’anno, è prevista qualche altra spesa, perché il totale non mi quadrerebbe anche se di poco.
    Grazie per la risposta.

  9. Avatar Gianpiero
    Gianpiero

    BUONGIORNO,
    devo pagare entro il 27/07 l’imposta di registro con un ritardo superiore ai 90 gg. ma entro l’anno. Si tratta di un rinnovo con codice 1504.
    Ho inserito la sanzione ravvedimento (codice 1509) operoso al 3,75%. La sanzione con ravvedimento operoso comprende anche gli interessi o vanno calcolati e aggiunti a parte?
    Nel caso come si possono calcolare per un ritardo di 8 mesi?
    Ringrazio e porgo cordiali saluti..

    1. Avatar Redazione Professionale
      Redazione Professionale

      Buonasera,
      gli interessi vanno indicati e calcolati a parte.
      Il tasso di interessi è pari a quello legale, il calcolo si effettua di conseguenza.

      Grazie per averci scritto

  10. Avatar Marco
    Marco

    Non mi è chiaro l’anno da inserire per il pagamento dell’imposta di registro annualità successive, se a settembre 2023 mi scade la prima annualità e devo pagare per l’anno da settembre 2023 a settembre 2024 dovrò inserire 2023 o 2024?

    1. Avatar Redazione Professionale
      Redazione Professionale

      Buonasera,
      dalle istruzioni
      Sezione erario ed altro
      Codice ufficio: non compilare
      Codice atto: non compilare
      Tipo: inserire la lettera “F” (registro)
      Elementi identificativi: inserire il codice identificativo del contratto composto da 17 caratteri e reperibile nella copia del modello di richiesta di registrazione del contratto restituito dall’ufficio o, per i contratti registrati per via telematica, nella ricevuta di registrazione. Il codice identificativo del contratto può anche essere recuperato con la funzione Ricerca codice identificativo del contratto
      Codice: inserire il codice tributo (vedi tabella dei codici tributo)
      Anno di riferimento: indicare (in formato AAAA) l’anno di scadenza dell’adempimento (annualità successiva, proroga, cessione o risoluzione)
      Importi a debito versati: gli importi da versare
      sembra debba inserire l’anno di scadenza dell’obbligo di versamento, quindi 2023.

      Grazie per averci scritto

Lascia un commento

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.