Modello AA9/7

Il modello AA9/7 viene utilizzato dai lavoratori autonomi e dalle ditte individuali per l’attribuzione della partita IVA.

Modello Fac-Simile in .pdf

modello aa9/7

Scarica il modello

Leggi il documento

Compila e firma

Modello AA9/7 Agenzia delle Entrate

Nel momento in cui si apre una nuova attività, è necessario inviare una segnalazione all’Agenzia delle Entrate entro 30 giorni di tempo dall’inizio della stessa o dalla costituzione della nuova società. 

Oltre all’attribuzione del numero di partita IVA e alla scelta del regime contabile, le imprese dovranno iscriversi al Registro delle Imprese e al Rea, Repertorio Economico Amministrativo, presso la Camera di Commercio. 

Il modello AA9/7 è quello utilizzato per l’attribuzione della partita IVA per le ditte individuali e i lavoratori autonomi: puoi scaricarlo gratuitamente in questa pagina per poi procedere con la sua presentazione online. 

Presentazione modello AA9/7

Il modello AA9/7 potrà essere presentato in modi differenti: il primo consiste nella presentazione fisica, ovvero recandosi presso un qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate (si potrà anche delegare un’altra persona). Si dovrà presentare una duplice copia. 

Sarà quindi assegnato un numero di partita IVA che resterà lo stesso fino alla cessazione della propria attività, anche nel caso in cui dovesse cambiare il proprio domicilio fiscale. 

Il modello potrà essere inviato tramite raccomandata presso un qualunque ufficio dell’Agenzia delle Entrate. In questa ipotesi basterà un solo modello, al quale si dovrà allegare una copia di un documento di identità in corso di validità. 

La terza alternativa è rappresentata dall’invio telematico del modello AA9/7, che potrà essere presentato dal contribuente oppure dagli intermediari abilitati. La prova della presentazione è rappresentata dalla comunicazione da parte dell’Agenzia delle Entrate, attestante l’avvenuta ricezione. 

Invio telematico modello AA9/7: come funziona

L’invio telematico del modello AA9/7 potrà avvenire grazie all’utilizzo di un prodotto che permetta di compilare le dichiarazioni in formato elettronico. I software messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate sono i seguenti:

  • ATTVAPF141, per inizio attività di imprese individuali e lavoratori autonomi);
  • ATTVAPNF131, per inizio attività di soggetti diversi dalle persone fisiche;
  • VARVAPF131, per variazione dei dati di imprese individuali e lavoratori autonomi;
  • VARVAPNF121, per variazione dei dati di soggetti diversi dalle persone fisiche;
  • CESVA140 in caso di cessazione attività.

Tali applicazioni si potranno scaricare dal sito dell’Agenzia delle Entrate, effettuando l’accesso tramite credenziali e accedendo alla sezione Software. 

La dichiarazione di variazione si presenta, entro 30 giorni di tempo, nel momento in cui cambia uno degli elementi che sono stati indicati nella dichiarazione di inizio attività. 

Scelta del regime contabile: quando si dichiara

Quando si richiede il numero di partita IVA tramite il modello AA9/7 non si dovrà al contempo indicare anche la scelta del regime contabile, che dovrà comunque essere comunicata nella prima dichiarazione IVA annuale. 

Nell’ipotesi in cui il contribuente fosse esonerato dalla presentazione della dichiarazione annuale IVA, allora dovrà comunicare la scelta o la revoca del regime contabile nel Modello Unico

In assenza della comunicazione del proprio regime fiscale, quest’ultimo resterà comunque valido, ma si potrebbe andare incontro a una sanzione di importo compreso tra 258 euro e 2.065 euro

Facsimile Modello AA9/7: download pdf

Scarica il modello facsimile del modello AA9/7 (gratuito).

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di PartitaIva, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.