Bonus elettrodomestici green: tra le ipotesi, un sostegno di 200 euro

Presto potrebbe arrivare il nuovo bonus elettrodomestici green, con cui ottenere fino a 200 euro di sconto per comprare prodotti ad elevata efficienza energetica. Ecco le prime ipotesi sul suo funzionamento.

Adv

bonus elettrodomestici green
  • La commissione Attività produttive della Camera sta ipotizzando l’introduzione di un sostegno specifico per l’acquisto di elettrodomestici di ultima generazione a basso consumo.
  • Il bonus elettrodomestici green potrebbe garantire fino a 200 euro di sconto sull’acquisto di prodotti con alta efficienza energetica.
  • Il sostegno sarà calcolato sulla base della spesa effettuata e sarà maggiore per le famiglie con ISEE basso.

Presto potrebbe arrivare un nuovo sostegno per chi acquista elettrodomestici con alta efficienza energetica: si parla infatti di un bonus elettrodomestici green 2024 proposto dalla commissione Attività produttive della Camera, che andrebbe a coprire parte della spesa per l’acquisto di nuovi prodotti.

Il sostegno economico andrebbe soprattutto a vantaggio di chi ha un ISEE basso e potrebbe coprire fino al 30% del costo per l’acquisto. Secondo le prime indiscrezioni la misura sarebbe retroattiva, ovvero applicabile anche sulle spese sostenute l’anno scorso.

L’importo complessivo del bonus potrebbe arrivare a 200 euro massimi: anche se al momento è solamente una proposta, sono già delineati i requisiti per accedervi e il funzionamento del sostegno.

Cos’è il bonus elettrodomestici green

Per il momento il bonus elettrodomestici green non è ancora stato confermato definitivamente, tuttavia potrebbe introdurre un importante supporto economico a chi intende acquistare un elettrodomestico di ultima generazione, che consuma meno energia rispetto ai vecchi modelli.

L’obiettivo della misura è proprio quello di incentivare l’adozione di prodotti che sono più vantaggiosi dal punto di vista ambientale e potrebbe essere applicata non solo quest’anno, ma per l’intero periodo 2023-2025.

Il bonus coprirebbe il 30% della spesa sostenuta per l’acquisto dell’elettrodomestico, tuttavia gli importi potrebbero variare in base all’ISEE, per favorire le famiglie più svantaggiate economicamente, in base a questi parametri:

  • ISEE inferiore a 25.000 euro: bonus di 200 euro;
  • ISEE superiore a 25.000 euro: bonus da 100 euro.

Secondo le ipotesi l’iniziativa sarebbe sostenuta da fondi messi a disposizione dallo Stato, per la cifra complessiva di 400 milioni di euro per ogni anno, tuttavia questo ancora non è stato deciso in modo definitivo. Gli obiettivi della misura sono tre: da un lato sostenere il settore degli elettrodomestici e favorire il riciclo e dall’altro lato incentivare il risparmio energetico all’interno delle case.

emburse

Chi può accedere al bonus elettrodomestici green

Per accedere al bonus, sarà necessario acquistare elettrodomestici che hanno una grande efficienza energetica, ma non solo: bisognerà infatti anche riciclare i vecchi apparecchi. Si potranno quindi acquistare solamente elettrodomestici con le seguenti caratteristiche.

Tipo elettrodomesticoClasse energetica
Lavatrici e lavasciugaClasse A
LavastoviglieAlmeno Classe C
Frigoriferi e congelatoriAlmeno Classe D

I beneficiari dovranno fare attenzione ai prodotti che acquistano, accertandosi che siano efficienti e rientrino nei parametri per accedere al bonus. In contemporanea dovranno procedere al riciclo del vecchio prodotto, anche se per il momento non è ancora stata indicata una procedura specifica.

Ma quali sono i soggetti che potranno beneficiare del bonus? Si parla per il momento di clienti privati, ovvero persone fisiche, tuttavia si sta considerando l’idea di estendere questa possibilità anche a soggetti giuridici come le imprese, anche grazie alle spinte delle associazioni di categoria.

Se questo passaggio venisse approvato, la platea di beneficiari potrebbe essere piuttosto vasta, includendo anche le aziende e soggetti diversi. Per ciò che riguarda il periodo di applicazione del bonus, si potrebbe partire già dal 2023, ovvero essere retroattivo, con applicazione fino al 2025. Infine, le famiglie potranno richiedere un solo bonus per ogni tipologia di elettrodomestico.

Come funzionerà il bonus elettrodomestici green

bonus elettrodomestici come funziona

Per il momento si fanno le prime ipotesi sul funzionamento dello sconto: il bonus fino a 200 euro potrà infatti essere percepito su richiesta della famiglia interessata, che dovrà presentare il proprio valore ISEE. Al momento non si conosce ancora la procedura per la domanda, ma si ipotizza l’istituzione di una piattaforma online apposita per procedere.

Non è ancora chiaro come verrà applicata la procedura per il riciclo del vecchio elettrodomestico, per cui si attende la conferma definitiva del sussidio. Va anche tenuto presente che questo nuovo bonus arriverà proprio mentre un altro aiuto economico simile, il bonus mobili ed elettrodomestici, sta per concludersi.

I due sostegni non vanno confusi: quest’ultimo è un contributo di tipo fiscale che permette di accedere ad un credito solamente di fronte ad una spesa sostenuta in caso di ristrutturazione di un immobile, acquistando mobilio o elettrodomestici nuovi.

Questo sgravio contributivo tuttavia scomparirà con molta probabilità a partire da gennaio 2025, per cui il nuovo bonus elettrodomestici green potrebbe essere un valido sostituto, che si potrà applicare ad una platea di beneficiari più vasta.

Per il momento, oltre a delineare nel dettaglio le linee guida per l’accesso al sostegno, si attende di conoscere tutte le decisioni in merito ai fondi che verranno dirottati a questo sostegno, se sarà approvato nel prossimo periodo.

revolut business

Bonus elettrodomestici green anche per partite Iva?

Al momento le ipotesi vedono l’arrivo del bonus elettrodomestici possibile anche per le partite Iva e le associazioni di categoria stanno chiedendo questa opzione. Per chi ha un’impresa infatti potrebbe rivelarsi molto utile poter risparmiare per l’acquisto di elettrodomestici da inserire all’interno dell’attività.

Per fare qualche esempio, nel settore della ristorazione questo sostegno potrebbe fare la differenza, perché da un lato andrebbe ad incentivare il ricambio di vecchi prodotti, dall’altro potrebbe favorire un risparmio non indifferente sulle bollette dell’energia.

Soprattutto negli ultimi anni infatti le spese per le utenze sono al centro dell’attenzione non solamente per le famiglie, ma anche per le aziende e le attività commerciali in generale. Per alcuni settori, come appunto quello della ristorazione, ma anche il turismo e per gli esercenti che conducono negozi di vario genere, il bonus potrebbe essere particolarmente vantaggioso.

Imprese e partite Iva in generale quindi potrebbero cambiare gli strumenti utilizzati all’interno delle proprie attività andando a risparmiare sia al momento dell’acquisto sia successivamente in termini di energia. Attualmente nn vi è ancora nulla di certo, ma se il sostegno verrà approvato anche per le attività autonome e le aziende, potrebbe interessare da vicino molte realtà nel paese.

Alcune associazioni, come Confesercenti e Aires, hanno richiesto di aggiungere tra i beneficiari della misura anche le partite Iva, intravedendo i vantaggi di questa scelta, chiedendo anche che il contributo possa nel tempo aumentare.

Autore
Foto dell'autore

Valeria Oggero

Giornalista

Giornalista pubblicista, laureata in Scienze della Comunicazione all'Università degli Studi di Torino, da sempre sono appassionata di scrittura. Dopo alcune esperienze all'estero, ho deciso di approfondire tematiche inerenti la fiscalità nazionale relativa alle persone fisiche ed alle Partite Iva. La curiosità mi ha portato a collaborare con agenzie web e testate e a conoscere realtà anche diversissime tra loro, lavorando come copywriter e editor freelancer.

Lascia un commento

Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Il meglio delle notizie di Partitaiva.it, per ricevere sempre le novità e i consigli su fisco, tasse, lavoro, economia, fintech e molto altro.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.