Home > Individuale > SOLO: un POS virtuale senza costi di gestione

SOLO: un POS virtuale senza costi di gestione

Man Payment Online With Credit Card

Con l’obbligo per tutti gli esercenti di accettare pagamenti elettronici, anche giovani professionisti e startup hanno dovuto fare i conti con le difficoltà di dotarsi e gestire un POS. La startup italiana SOLO ha creato una sorta di dispositivo virtuale di pagamento elettronico senza costi fissi e che richiede semplicemente un computer connesso ad internet.

ITA_SOLO_lifestyle

Uno dei problemi più sentiti da imprenditori e professionisti si presenta, paradossalmente, al momento di raccogliere i frutti del proprio lavoro. Ovvero, al momento del pagamento.

Il 30 giugno 2014, è entrata in vigore la legge 221/2012 che prevede l’obbligo per tutte le attività che si occupano della vendita di prodotti e di prestazione di servizi di accettare pagamenti elettronici per cercare di ridurre l’uso del contante e combattere l’evasione fiscale. Questo ha di fatto obbligato molte piccole realtà, startup comprese,  a dotarsi di strumenti di pagamento elettronici come ad esempio il Point of Sale, meglio conosciuto come POS, con tutti i costi e i rallentamenti burocratici che l’ottenimento di questo dispositivo comporta.

Questi problemi aumentano esponenzialmente quando si è all’inizio della propria attività e si ha a che fare con clienti che possono pagare solo con carta di credito, vuoi perché è (dovrebbe) essere comodo per entrambi o perché vendiamo servizi o software tramite la nostra impresa digitale. In questo caso, la burocrazia, i costi di gestione derivanti dall’ottenimento di un POS e le commissioni da pagare al provider del servizio rendono l’operazione di passare all’incasso una vera e propria corsa ad ostacoli.

Per questo motivo è nato SOLO.

Creato da una startup italiana, SOLO è una sorta di POS virtuale che consente ad un commerciante o professionista dotato di una partita IVA italiana di accettare pagamenti via carta di credito semplicemente condividendo un link web sul modello solo.sh/username. Il tutto senza costi fissi, come hardware o software da acquistare. Si tratta infatti di un’applicazione scritta in HTML 5, per utilizzarla basta quindi avere un qualsiasi browser. Non ci sono nemmeno spese di gestione. L’unico costo sarà una commissione del 2,5% più 0,25€ su ogni transazione effettuata.

A crearla un team tutto italiano che ha vinto InnovAction Lab 2014, volando quindi al Google Campus di Tel Aviv. È composto da 5 sviluppatori e tre professionisti, Orlando TM Merone, Leonardo Grasso, Leonardo Di Donato, Antonino Visalli e Lorenzo Fontana, supportati dall’incubatore Digital Magics che è anche co-founder della startup.

Il progetto sta già andando fortissimo grazie alla sua scalabilità (come già detto funziona su qualsiasi browser) e promette di crescere ancora: si prevede infatti che il mercato dei POS virtuali varrà 45 miliardi nel 2016, e registrerà crescite superiori al 40% su base annua.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Comments

comments

logo_1681f3ba624aa69494f83d45086b4904_2x
You may also like
Pos professionisti
Pos: obbligatorio anche per i professionisti
start-up innovative
Nuovo contest per le startup italiane: al via Start&Pulse
startupwired
Digital Startup Contest, c’è tempo fino al 31 dicembre per candidarsi
startup innovativa quali vantaggi
Startup innovativa: i vantaggi per gli imprenditori e come costituirla online

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.