Home > Fisco > Regime Forfettario IVA: requisiti e soglie di ricavi

Regime Forfettario IVA: requisiti e soglie di ricavi

partite-iva

Regime Forfettario IVA: requisiti e soglie di ricavi

Domani vedrà la luce la Legge di Stabilità, e tra pochi giorni il nuovo regime forfettario IVA entrerà in vigore. Ecco chi può accedere al nuovo regime, chi ne è escluso e quali sono le soglie di ricavi.

A partire da ottobre, mese in cui si è cominciato a parlare della nuova legge di stabilità che con tutta probabilità vedrà la luce domani nella sua forma definitiva, abbiamo trattato a più riprese l’introduzione del nuovo regime forfettario IVA, aggiornandovi sulle novità man mano che trapelavano.

Ci sono ancora pochissimi giorni a disposizione per poter usufruire del vecchio regime dei minimi, che è stato prorogato all’inizio di quest’anno dal decreto milleproroghe. Il primo gennaio infatti questo regime andrà definitivamente in pensione, sostituito dal nuovo regime forfettario. 

Quest’ultimo, come abbiamo già segnalato più volte, prevede un’imposta sostitutiva pari al 15% del reddito. 

Tuttavia – anche di questo vi abbiamo già parlato – ci sarà la possibilità di usufruire di un regime erroneamente chiamato “per le startup”, con una aliquota ridotta al 5%. Per saperne di più vi rimandiamo all’articolo dedicato.

Chi può accedere al regime forfettario?

Tornando al regime forfettario, questo ovviamente pone delle barriere d’ingresso. A poter usufruire del nuovo regime forfettario IVA saranno coloro i quali, nell’anno precedente:

  • non hanno sostenuto spese per collaboratori e lavoratori subordinati superiori ai 5000 euro lordi;
  • non hanno sostenuto spese per beni strumentali alla chiusura dell’esercizio superiori a 20000 euro. Nel calcolo di questo limite, l’Agenzia delle Entrate specifica: «1) per i beni in locazione finanziaria rileva il costo sostenuto dal concedente; 2) per i beni in locazione, noleggio e comodato rileva il valore normale degli stessi; 3) i beni, detenuti in regime di impresa o arte e professione, utilizzati promiscuamente per l’esercizio dell’impresa, dell’arte o professione e per l’uso personale o familiare del contribuente, concorrono nella misura del 50%; 4) non rilevano i beni il cui costo unitario non è superiore a 516,46 euro; 5) non rilevano i beni immobili, comunque acquisiti, utilizzati per l’esercizio dell’impresa, dell’arte o della professione»
  • se si è svolta una attività di lavoro dipendente (o assimilato), il reddito dell’esercizio precedente non deve superare i 30000 euro.
  • non abbiano conseguito, nell’anno precedente, ricavi superiori ai limiti previsti. Questi limiti variano a seconda della categoria, ognuna delle quali indicata con un codice ATECO. 

Le soglie di ricavi ATECO.

Per comodità, vi riportiamo la tabella delle varie categorie e relativa soglia di ricavi, sotto la quale si può accedere al regime forfettario. Se si ottengono compensi o ricavi da diverse attività, bisogna fare riferimento alla categoria con il limite più alto.

ateco

 

Chi non può accedere al regime forfettario?

Per l’Agenzia delle Entrate, non possono accedere al regime forfettario:

  • le persone fisiche che già approfittano di altri regimi IVA agevolati o forfettari;
  • le persone non residenti nell’UE o in uno stato aderente all’Accordo sullo Spazio Economico Europeo che non assicuri un adeguato scambio delle informazioni;
  • che non producano all’interno dello Stato Italiano almeno il 75% del reddito complessivo;
  • i contribuenti la cui attività esclusiva o comunque prevalente consista nella cessione di fabbricati, terreni edificabili o mezzi di trasporto nuovi;
  • coloro i quali, accanto alla professione, partecipano contemporaneamente a società di persone o associazioni a esse assimilate (articolo 5 del Tuir), o a srl trasparenti.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Comments

comments

logo_1681f3ba624aa69494f83d45086b4904_2x
You may also like
Credito d'Imposta Ricerca e Sviluppo
Credito d’imposta Ricerca e sviluppo: cos’è e come usufruirne
inps
Ddl Stabilità 2016: riduzione della contribuzione IVS
jobs act lavoro autonomo
Ddl Stabilità 2016: Il regime al 5% per le nuove attività
partite-iva
Ddl Stabilità 2016: Il regime forfettario

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.