Home > Fisco > Gestione separata INPS: sarà abbassata nel 2016?

Gestione separata INPS: sarà abbassata nel 2016?

Gestione separata inps

Gestione separata INPS: sarà abbassata nel 2016?

Continuano le buone notizie per le partite IVA in vista della legge di stabilità. L’aliquota della gestione separata INPS sarà abbassata al 25%?

Ci avviciniamo al classico periodo in cui si comincia a parlare di legge di stabilità e i liberi professionisti, invece di tremare, una volta tanto sperano.

Dopo avervi parlato del possibile ritorno all’aliquota al 5% per il regime dei minimi, oggi scriviamo di un’altra buona notizia, anch’essa data da un esponente dell’esecutivo.

Vi abbiamo già parlato di Maurizio del Conte, giuslavorista della Bocconi e consulente di palazzo Chigi nell’articolo su regime dei minimi. Il consulente sembra prodigo di buone notizie.

Del Conte, intervenuto alla festa del Partito Democratico di Bologna, ha infatti affrontato un altro tema caro ai liberi professionisti: la gestione separata INPS.

La situazione attuale

La previdenza obbligatoria per le partite IVA rappresenta un vero e proprio salasso annuale. L’ultima legge di stabilità, corretta dal Milleproroghe, prevede la permanenza dell’aliquota al 27,72 percento per quest’anno (così come nel 2014 quindi), che salirà al 28,72 percento l’anno prossimo per portarsi al 29,72 percento nel 2017 fino a raggiungere quota 33,72 percento nel 2018.

Si tratta, come è facile immaginare, di una fonte di malcontento tra i titolari di partita IVA, perché il versamento della la gestione separata assorbe di una parte consistente dei loro introiti per un sistema di previdenza al quale non possono scegliere di sottrarsi.

Maurizio Del Conte: «aliquota al 25% nel 2016»

Ma le cose potrebbero cambiare.

Maurizio del Conte ha infatti affermato che il governo starebbe pensando di bloccare ancora per un altro anno l’aliquota al 27 percento, per poi addirittura abbassarla progressivamente al 25 percento nel 2016, rendendo la gestione separata per le partite IVA assimilabile a quella di artigiani e commercianti, attualmente al 24 percento.

Le reazioni, Acta: «l’intervento sia strutturale, non temporaneo»

Le reazioni delle associazioni di categoria, come è comprensibile, esprimono  un cauto ottimismo.

In attesa che alle parole seguano i fatti – da leggere in Gazzetta Ufficiale – Anna Soru di Acta, l’associazione dei Freelance, ha auspicato che l’intervento sulla gestione separata sia strutturale, non una pezza temporanea, rilanciando con la proposta del pagamento Irpef e dei contributi Inps in caso di malattia grave.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Comments

comments

logo_1681f3ba624aa69494f83d45086b4904_2x
You may also like
Card
Carta RDC: come funziona?
iva
IVA: come funziona e quali sono le aliquote
legge di stabilità 2018
Legge di stabilità 2018: le novità
aprire partita iva nel 2018
Aprire partita iva nel 2018

1 Response

  1. Pingback : Gestione Separata INPS: Da RPT tre proposte per migliorarla

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.