Home > Individuale > Dichiarazione redditi 2015: scadenze ditta individuale

Dichiarazione redditi 2015: scadenze ditta individuale

calendar-660670_1280

Come ogni anno inizia da maggio il periodo di fuoco per il fisco italiano, con una serie di scadenze che diventano, anche per gli addetti al settore, un vero e proprio rebus.

Ci soffermiamo in questa breve analisi sulle scadenze previste per una ditta individuale, ovvero una partita iva per singola persona fisica.

Andiamo ad analizzare le scadenze per la dichiarazione dei redditi 2015, riferita al periodo di imposta 2014.

Unico 2015: quando va presentato?

Iniziamo col ricordare che tutti i soggetti in possesso di partita iva devono per forza di cose compilare il modello “Unico“, così chiamato proprio perchè unisce diversi modelli per imposte differenti, come il modello IVA ed il modello IRAP. In realtà il nome è ormai una consuetudine, poichè il modello IRAP è un modello separato, ed il modello IVA può essere presentato in maniera autonoma a partire dal 1 febbraio.

Il modello Unico può essere presentato dal 2 maggio al 30 giugno in modalità cartacea, quindi presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate o con spedizione per via postale. Tale modalità di presentazione è ormai abbastanza obsoleta, e sono pochi i soggetti che operano in tale modo.

Solitamente sono professionisti del settore (dottori commercialisti, CAF, Patronati) che si occupano dell’invio del modello Unico attraverso il sistema denominato Entratel (per intermediari) o Fisconline (per privati).

E’ possibile presentare l’Unico telematicamente anche attraverso i sistemi Unico Web (se non si è assoggettati a Studi di settore o non si ha modello iva) o Uniconline.

La scadenza in tutti questi casi è il 30 settembre del 2015.

Dichiarazione dei redditi: quali scadenze per i pagamenti?

Abbiamo scritto finora delle scadenze relative all’invio della dichiarazione dei redditi. Ma quali sono le scadenze per i pagamenti?

Molti clienti trovano “strano” il fatto che la scadenza della dichiarazione dei redditi sia così posticipata nel tempo, soprattutto in relazione ai pagamenti delle imposte che avvengono con scadenze antecedenti.

Se la situazione sulla scadenza ed i sistemi per l’invio della dichiarazione risultano essere abbastanza confusi, ancora peggiore è la situazione relativa ai pagamenti per la dichiarazione stessa.

Ricordiamo che secondo la normativa italiana i pagamenti di imposte (e ci soffermiamo sulle imposte sui redditi delle persone fisiche, nello specifico), si suddividono in pagamento a saldo per l’anno precedente ed acconto per l’anno in corso.

Le scadenze naturali sono invece:

16 giugno;

16 luglio (con maggiorazione 0,40%);

Anche in questo caso si tratta di dati sempre provvisori, poichè come ogni anno le scadenze verranno presumibilmente stravolte a qualche settimana dall’inizio dei pagamenti, con differenziazioni varie per soggetti con studi di settore, minimi, e per le rateizzazioni.

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Comments

comments

logo_1681f3ba624aa69494f83d45086b4904_2x
You may also like
unico
Modello UNICO 2016: le novità
scadenze 30 settembre
Tasse e Imprese: le scadenze del 30 settembre
modello unico scadenza
Modello Unico: entro quando presentarlo?

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.