Home > News > DDL concorrenza 2015 in Parlamento

DDL concorrenza 2015 in Parlamento

typewriter-452189_1280

Il disegno di legge Guidi, anche noto come concorrenza, è pronto per seguire il suo iter parlamentare.
Il testo, consultabile online sul sito web del Governo, si compone di 33 articoli e mira a garantire tutela ai consumatori, promuovere lo sviluppo della concorrenza e rimuovere ostacoli inerenti all’apertura dei mercati.
Il capo I fa riferimento ad assicurazioni e fondi pensione: in particolare, l’utilizzo della scatola nera permetterà di ricevere sconti e di essere utilizzata come elemento probatorio per incidenti in strada.
Il capo II, in merito alle comunicazioni, si propone di eliminare vincoli per cambio di fornitori di servizi di telefonia, comunicazioni elettroniche e media audiovisivi.
Il capo III, il IV e il V rispettivamente, concernono circa servizi postali, energia e servizi bancari.
Il capo VI si riferisce ai servizi professionali: tante sono le novità in merito.
Vengono proposte norme per sviluppare la concorrenza in ambito forense e notarile.
Inoltre, una novità importante riguarda il passaggio di proprietà di immobili ad uso non abitativo: per quelli il cui valore catastale non sia superiore a 100.000 euro, e nel caso in cui gli atti abbiano ad oggetto la costituzione o la modificazione di diritti sui beni medesimi, l’autenticazione della sottoscrizione può essere effettuata dagli avvocati abilitati al patrocinio, aventi una polizza assicurativa non inferiore al valore indicato dal bene.
L’avvocato, avente in questo caso pari ruolo a quello detenuto dal notaio fino ad oggi, avrà l’obbligo di registrazione, trascrizione, iscrizione, voltura catastale e liquidazione delle imposte.
Attenzione va rivolta al bene in questione, in quanto esso deve essere non ad uso abitativo, quindi l’articolo si rivolge a uffici, box, stalle, etc.
Altre novità riguardano le norme che disciplinano le società a responsabilità limitata, le SRL.
Per esse, il testo che ne concerne la costituzione, oltre ad essere redatto per atto pubblico, potrà essere redatto per scrittura privata, in modo semplificato.
In quest’ultimo caso gli amministratori avranno il dovere di depositare l’iscrizione presso l’ufficio del registro delle imprese presente nella stessa circoscrizione della società, entro venti giorni, allegando i documenti che approvano la veridicità dell’atto sottoscritto dalle parti con firma digitale.
In ultimo, il capo VII, in materia di servizi sanitari, si propone di adottare misure che permettano concorrenza nella distribuzione farmaceutica.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Comments

comments

logo_1681f3ba624aa69494f83d45086b4904_2x

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.