Home > News > Crisi: in 7 anni raddoppiate le famiglie povere che rinunciano a cure

Crisi: in 7 anni raddoppiate le famiglie povere che rinunciano a cure

117080271

Sono preoccupanti gli ultimi dati relativi alla ricchezza delle famiglie italiane presentati da Confcommercio. Negli ultimi 7 anni, dal 2007 al 2014, le famiglie italiane sulla soglia della povertà sono quasi raddoppiate, +78,5%, da 823.000 a circa 1,5 milioni. Gli effetti della crisi sono ben visibili sui comportamenti e sui modelli di consumo degli italiani con una preoccupante riduzione delle cure mediche e un calo anche nei consumi alimentari.

Crisi: in 7 anni raddoppiate le famiglie povere che rinunciano a cure. I dati sono il risultato dell’indagine sulle famiglie indigenti del nostro paese condotta dall’Ufficio Studi della Confcommercio. Nel 2014 le famiglie in povertà assoluta hanno superato i 4 milioni, l’incremento in percentuale rispetto al 2007 è del 130%. Le famiglie povere sono quasi raddoppiate fino al 2014, con un cambio di tendenza all’inizio del 2015 e un conferma della ripresa nel 2016.

Lo studio della Confcommercio ha misurato il potere di acquisto delle famiglie, un potere che si è ridotto di circa il 10% negli ultimi 7 anni, in particolare emerge un dato ben preciso, ossia la tendenza delle famiglie a non contrarre della stessa entità del reddito il proprio tenore di vita, questo a scapito del risparmio. Per quanto riguarda le abitudini dei consumi, sempre relativamente al periodo dal 2007 al 2014, le famiglie hanno ridotto la spesa alimentare del 12%, ridotta del 25% la spesa per i beni durevoli, con picchi di un -40% per quanto riguarda gli acquisti dei mezzi di trasporto.

L’inversione di tendenza e un trend positivo nel 2015 rafforzano i segnali di ripresa.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Comments

comments

logo_1681f3ba624aa69494f83d45086b4904_2x

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.