Home > Società > Startup innovativa > Cosa sono le PMI Innovative
Investment-Compact-1

Seconda parte dell’indagine sulle PMI innovative. In questo articolo cercheremo di capire quali sono i requisiti che bisogna rispettare per poter accedere alla sezione speciale del registro imprese.

investment compact

Qualche settimana fa abbiamo parlato dell’introduzione della categoria delle startup innovative e dei vantaggi che questa soluzione comporta a chiunque abbia una startup che rientri nelle specifiche indicate nella legge n. 221/2012.

Oggi parliamo di una legge più recente, la 33/2015, che converte il decreto legge denominato Investment Compact che regola, all’articolo 4, le cosiddette PMI innovative.

Queste sono le piccole e medie imprese che operano nel campo dell’innovazione tecnologica. Data di costituzione e settore di attività non costituiscono una discriminante, a differenza delle startup innovative.

Per rientrare in questo particolare regime ed usufruire delle agevolazioni, la PMI dovrà rispettare i seguenti requisiti obbligatori: 19% sull’IRPEF per le persone fisiche e il 20% sull’IRES per le persone giuridiche per gli anni che vanno dal 2013 al 2016. Le aliquote aumenteranno poi al 25% e al 27% rispettivamente se la società nella quale si è deciso di investire rientra nella categoria delle startup a vocazione sociale, nella quale rientrano le aziende operanti nei settori indicati all’articolo 2 comma 1 della legge 155/2006.

  • rientrare nei parametri previsti dalla Comunità Europea per le PMI, ovvero: meno di 250 dipendenti, un fatturato annuo non superiore a 50 milioni oppure di bilancio annuo non superiore a 43 milioni;
  • essere costituiti come società di capitali (Spa, Sapa, Srl, o Srl semplificata) o cooperativa;
  • avere la residenza in Italia o in un altro Stato membro dell’Unione Europea, purché con una sede produttiva o filiale nel nostro paese;
  • hanno sottoposto l’ultimo bilancio a revisione;
  • non hanno azioni quotate in mercati regolamentati;
  • non sono registrate come startup-innovative (delle quali abbiamo parlato qui).

Così come per le startup innovative, oltre ai requisiti obbligatori, ne esistono anche tre “facoltativi”, il che significa che la PMI che voglia registrarsi nello speciale registro delle PMI innovative deve adempiere anche ad almeno due dei tre seguenti requisiti:

  • una spesa in ricerca, sviluppo e innovazione in misura uguale o superiore al 3% del maggior importo tra costo e valore totale della produzione. Per spese di ricerca e sviluppo si intendono le spese di sperimentazione, prototipazione e sviluppo del business plan, le spese per i servizi di incubazione (solo negli incubatori certificati), i costi lordi per il personale e consulenti, le spese legali per la protezione della proprietà intellettuale.
  • impiegare a vario titolo (come dipendenti o collaboratori) almeno un quinto del personale che sia in possesso del titolo di dottorato di ricerca o che lo stia conseguendo, o personale in possesso di laurea e che abbia svolto da almeno 3 anni attività di ricerca certificata da istituti di ricerca pubblici o privati. In alternativa, la PMI deve impiegare persone in possesso di una laurea magistrale per almeno un terzo della forza lavoro.
  • sia titolare o depositaria o  licenziataria  di  almeno  una privativa industriale (un brevetto, un marchio, un diritto d’autore) relativa ad un prodotto o un progetto nel settore delle biotecnologie, o dei semiconduttori, di una nuova varietà vegetale o sia titolare del diritto d’autore sul codice di un programma o applicazione. Ovviamente, queste devono riguardare prodotti o progetti che siano assimilabili alle attività dell’impresa.

Per scoprire i vantaggi offerti da questa particolare soluzione, vi rimandiamo all’articolo dedicato.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Comments

comments

logo_1681f3ba624aa69494f83d45086b4904_2x
You may also like
University StartUp Competition 2017
Nuovi incentivi per le pmi dalla Camera di Commercio di Asti
Bando per PMI dalla Camera di Commercio di Lodi
Contributi alle imprese bresciane: ecco come richiederli

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.