Home > News > Bando per il sostegno alle nuove imprese dalla Camera di Commercio di Rimini

Bando per il sostegno alle nuove imprese dalla Camera di Commercio di Rimini

image

La Camera di Comercio di Rimini ha stanziato un nuovo fondo, con 30 mila euro di dotazione iniziale, per la concessione di contributi per spese sostenute nella costituzione di micro, piccole e medie imprese, con particolare riferimento alle imprese del settore del terziario avanzato. Il bando prevede l’assegnazione di un contributo a fondo perduto a favore delle nuove imprese fino ad un massimo del 40% delle spese ammesse.

Beneficiari

Stando al regolamento del bando, possono presentare richiesta per ottenere il contributo previsto dal seguente bando le nuove imprese, in possesso dei seguenti requisiti:

  • sede legale e operativa nella provincia di Rimini,
  • iscritte al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio di Rimini a partire dal 1° dicembre 2015, attive;
  • in regola con il pagamento del diritto annuale dovuto alla Camera di Commercio di Rimini.

Spese ammissibili

Sono finanziabili – al netto di IVA, di altre imposte e di tasse – le seguenti spese sostenute nel periodo compreso tra il 1 dicembre 2015 e il 28 febbraio 2017:

  • parcelle notarili e costi relativi alla costituzione (escluse tasse e imposte);
  • acquisto di macchinari, attrezzature, arredi e attrezzature elettroniche per ufficio, ad uso esclusivo e funzionale all’attività espletata;
  • acquisto di software gestionale, professionale e altre applicazioni aziendali inerenti l’attività dell’impresa;
  • spese per la realizzazione del sito internet;
  • spese di consulenza inerenti alle procedure di deposito/registrazione del brevetto, costi di ricerche di anteriorità del brevetto;
  • spese promozionali: sono ammissibili i costi relativi ad acquisizione ed attuazione di campagne promozionali, stampa e realizzazione di marchi, logo, immagini coordinate, acquisto di pubblicità su internet.

Non sono invece ammesse:

  • spese non riconducibili all’elenco precedente;
  • spese per opere murarie e/o ristrutturazioni degli immobili, comprese opere in cartongesso;
  • spese per impianti;
  • spese per beni di rappresentanza suscettibili di uso promiscuo (anche personale), come ad esempio ciclomotori, telefoni cellulari, tablet …;
  • acquisto di mezzi di trasporto;
  • acquisto di beni di consumo, minuteria;
  • contratti di franchising;
  • spese relative ad abbonamenti, servizi di assistenza o simili, nonché aventi carattere di periodicità;
  • oneri di costituzione da versare ad enti pubblici;
  • le spese per le quali si sono ottenuti altri contributi pubblici;
  • spese relative all’acquisto di beni usati o acquistati in leasing.

Agevolazione prevista

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto per il 40% delle spese ammesse, entro il limite di 4.000 euro di contributo.

Maggiori informazioni

Per maggiori informazioni vi consigliamo di consultare il seguente sito di riferimento.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Comments

comments

logo_1681f3ba624aa69494f83d45086b4904_2x
You may also like
riciclaggio rifiuti
Imprese che riciclano rifiuti: nuovi contributi a fondo perduto
Contributi alle imprese bresciane: ecco come richiederli
camera-di-commercio-cosenza
Contributi per la nascita di nuove imprese dalla CCIAA Cosenza
soldi-stipendio-lavoro
Come calcolare lo stipendio netto dallo stipendio lordo

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.